Corso di e-marketing/ Pagine web, domini e utenti

Questa settimana proseguiamo il discorso sui siti Web ed i trucchi per migliorarne aspetto, funzionalità e navigabilità. Vediamo poi la questione dei domini e la fidelizzazione degli utenti

La leggerezza e la compatibilità delle pagine Web create non sono le uniche soluzioni che devono essere seguite per aumentare i propri visitatori. Una pagina veloce da scaricare, compatibile con la maggior parte delle macchine connesse alla Rete, ma che mostri i contenuti in maniera completamente scorretta, non può intendersi un buon esempio da seguire. Esistono quindi altri accorgimenti che possono contribuire al successo di un sito Internet.

<1> Capita a molti Web masters, soprattutto ai meno esperti, di dimenticare di assegnare un titolo ai documenti creati. Questa semplice operazione non va assolutamente tralasciata. Quando non si specifica il titolo il risultato è quello di vedere nella barra superiore del browser l'indirizzo intero del documento che stiamo visionando:


E' buona abitudine quindi quella di inserire sempre, all'interno dei marcatori <HEAD></HEAD>, il titolo della pagina (<TITLE>In questa pagina si parla di...</TITLE>). All'interno di tali tags è bene inserire un titolo appropriato, che contenga in breve le tematiche trattate nella pagina. Questo, oltre ad avere il vantaggio di semplificare la vita ai navigatori e migliorare l'estetica stessa del sito, migliora l'indicizzazione nei motori di ricerca..

<2> Nei siti che trattano informazione o che comunque diano ampio spazio al testo da leggere, è importante far sì che il visitatore non si affatichi nella lettura delle pagine, perché altrimenti rischieremmo di perdere molti utenti. Sconsigliamo quindi l'utilizzo di colori forti e soprattutto contrasti troppo aggressivi. Un bianco o grigio di sfondo con un testo nero, a dimensione 3 (SIZE=3) ed un Font semplice (Arial, Times New Roman, Tahoma, Verdana e simili) possono veramente aiutare il visitatore. Anche i links e gli effetti Css che possono essere applicati, devono essere inseriti con cautela. E' bene definire quindi il colore dei links attivi e visitati, armonizzandoli con il resto della pagina (per esempio: <BODY BGCOLOR=WHITE LINK=RED, ALINK=BLUE, VLINK=800000>).

<3> A proposito di links, quando si tratta di un argomento che è già presente nel proprio sito, è utile inserire un richiamo alla pagina in questione in modo da invogliare il visitatore a spostarsi anche su altre pagine. Per i collegamenti a siti Internet esterni, utilizza l'attributo TARGET=_BLANK al tag <A> così da aprire il Web site in una nuova finestra, senza però dover chiudere il tuo.

<4> Un doveroso approfondimento merita il discorso relativo alle pubblicità a pagamento. Siano esse quelle paganti tramite il cosiddetto click-throught, che quelle inserite mediante accordi di cross-promotion o vendita vera e propria di spazi pubblicitari. Il suggerimento è quello di non abbondare nell'inserimento di pubblicità nel proprio sito Web, pena il rischio di far scadere la professionalità del servizio che si offre. Mai quindi pubblicare due o più banners 468x60 pixel uno immediatamente sotto l'altro, ma sempre ben distaccati, uno in cima, e l'altro in fondo. Stesso discorso per i bottoni ed i bannerini. Se si dovesse gestire un sito di successo e gli spazi disponibili sono ben venduti, sarebbe poi il caso di non inserire troppi bottoni (120x60 o 88x31px), ma massimo 4 o 5, uno ben distaccato dall'altro in modo da aumentare la visibilità di ognuno.

<5> Se la pagina che stai creando è molto lunga, la si divida in più parti; si otterà così più di un profitto: accelerare il download del documento stesso e aumentare il numero di impressions.

<6> Un discorso a parte merita la Home page. Essa non deve assolutamente risultare troppo lunga, né soffrire per un esubero di informazioni. Principalmente per non renderla troppo pesante, e soprattutto, per non disorientare il navigatore che magari approda solo per la prima volta nel proprio sito. Si inserisca dunque un numero equilibrato di informazioni, così il visitatore avrà subito un'idea di cosa parla il sito e se interessato, saprà dove andare.

<7> Una prova interessante per testare l'efficacia e la semplicità proprio sito Web è quella di farlo vedere da utenti poco esperti e con macchine aventi configurazioni differenti. In questo modo si avrà il polso della situazioni sulla navigabilità dei propri documenti e si avrà un riscontro immediato da parte degli utenti scelti per il test.

<8> In ultima analisi, mai dimenticare la regola dei tre clicks, nata molti anni fa ma tutt'ora sacra per un Web master. Una qualsiasi informazione non deve essere distante più di tre clicks dalla Home page. Per fare questo, è possibile utilizzare dei menù dinamici, come quelli che si trovano nella sezione Dhtml di Risorse.net.
3 Commenti alla Notizia Corso di e-marketing/ Pagine web, domini e utenti
Ordina
  • >La leggerezza e la compatibilità delle pagine >Web create non sono le uniche soluzioni che >devono essere seguite per aumentare i propri >visitatori

    Secondo me bastano
    1- contenuti originali
    2- conoscenze tecniche minime, qualche amico che gestice la directory giusta.
    3- non stare sulle palle alla mafia dei vari directory del web o ti listano in un posto dove non passa mai nessuno, e per non fari insospettire ti listano in un'altro posto dove non passa nessuno.

    Io isegnerei anche techine di e-mafia a sto punto.

    ciao. e aguri
    non+autenticato

  • ma che vor dì???
    - Scritto da: il mio sito non lo segnalo ma lo inseriscono cmq
    > >La leggerezza e la compatibilità delle
    > pagine >Web create non sono le uniche
    > soluzioni che >devono essere seguite per
    > aumentare i propri >visitatori
    >
    > Secondo me bastano
    > 1- contenuti originali
    > 2- conoscenze tecniche minime, qualche amico
    > che gestice la directory giusta.
    > 3- non stare sulle palle alla mafia dei vari
    > directory del web o ti listano in un posto
    > dove non passa mai nessuno, e per non fari
    > insospettire ti listano in un'altro posto
    > dove non passa nessuno.
    >
    > Io isegnerei anche techine di e-mafia a sto
    > punto.
    >
    > ciao. e aguri
    non+autenticato
  • - Scritto da: il mio sito non lo segnalo ma lo inseriscono cmq

    Davvero, mi sembra che l'intervento sia stato dettato da qualche amara delusione...
    Tralasciando la forma un tantino sgangherata, la sostanza resta però che il lettore, forse per fretta, non ha inteso il messaggio del lungo articolo, denso di consigli volti appunto a scongiurare fallimenti e delusioni.
    Vediamo, con calma, di capire:
    1- contenuti originali: bhé, con parecchi milioni di pages presenti nel web, scovare un contenuto originale diventa ogni giorno più difficile; è stato detto quasi tutto ed il contrario di tutto, ed è stato presentato in quasi tutti i modi possibili... Così, bisogna giocare su quei quasi la carta di dire qualcosa un po' nuovo, in un modo un po' diverso da chi ci ha preceduto. Non è molto facile, ormai: forse sta diventando di nuovo profiquo mettere su un buon dito, comprensibile e ricco di interattività.
    2- la directory giusta: qui, veramente, mi pare che il nostro amico sia incorso in un grosso equivoco. Le directory non sono delle vetrine, sono soltanto delle suddivisioni logiche, utili per mantenere dei contenuti in un ordine immediatamente riconoscibile, tanto più necessarie quando questi contenuti sono virtuali: perchè un contenuto virtuale, tutto sommato, è più direttamente raggiungibile di un contenuto materiale, che richiede un approccio molto più complesso di un semplice clik. Naturalmente, se si tratta di ospitare una singola page personale, la scelta della sua giusta locazione può in parte influire sulla sua visibilità. Ma quel che conta ancora davvero è il passaparola, che porta molti visitatori ad una page interessante: una page provocatoria o divertente ha proprio questo effetto, come una page costantemente aggiornata.
    3- la e-mafia... quella è una faccenda troppo seria per trattarla in un discorso che vuole essere solo tecnico. NON esiste una "tecnica e-mafia" valida in ogni tempo ed in ogni circostanza, e credo che l'estensore lo sappia, se chiede che gli si insegni come fronteggiarla.

    Ma il fatto è che la mafia non c'entra: per ottenere visibilità, occorre innanzi tutto che la vista sia gradita in qualche modo, affascinante per bellezza, equilibrio, fruibilità, contenuti, e tante altre cose nelle quali la tecnica entra ben poco.
    La tecnica si impara, il talento no; ed un sito di ottima fattura, ma con contenuti scadenti, piatti, e sempre uguali, un sito "istantanea", può catturare l'attenzione solo per il tempo necessario a vederlo una sola volta, per poi non tornarci più.

    Quindi, ragazzo, cresci, e datti da fare: la forza ce l'hai, piega la tua mente ad inventare qualcosa di meglio di quanto hanno fatto gli altri prima di te, ed avrai tutte le soddisfazioni che saprai meritarti.


    non+autenticato