Mod chip e schede R4 affondano in tribunale

Il Tribunale di Milano ha confermato l'illegalità di quei dispositivi, inclusi mod-chip e schede come la R4, che consentono di far girare giochi non originali sulle console

Roma - "Game copier ultimo atto". Così titola una nota diffusa ieri da Nintendo Italia in cui si comunica che il Tribunale di Milano avrebbe confermato anche in appello l'illegalità di quei dispositivi, come mod chip e game copier, che permettono di far girare giochi piratati sulle console della casa giapponese.

Secondo Nintendo, a creare questo "importante precedente giudiziario" è una sentenza emessa dalla Sezione Proprietà Industriale e Intellettuale del Tribunale Civile di Milano, sentenza che "ordina alla società PCBox Srl di Firenze di cessare immediatamente la distribuzione dei dispositivi illegali per console Nintendo Wii e Nintendo DS, come l'R4 Revolution (o similari) per Nintendo DS".

La mamma di Mario ha spiegato che lo scorso gennaio il tribunale lombardo aveva già proibito a PCBox la distribuzione di tali dispositivi, ma quest'ultima era ricorsa in appello. Ora la corte avrebbe confermato la sentenza in via definitiva.
Da notare che il tribunale non ha proibito soltanto la vendita dei mod chip, che in passato erano già stati più volte protagonisti di cause legali e che la Cassazione aveva già giudicato fuori legge, ma anche tutta quella miriade di cartridge, come la già citata R4, che permettono di copiare i giochi scaricati da Internet su una memory card (tipicamente microSD) e avviarli dal Nintendo DS attraverso un'apposita interfaccia grafica. Tali schede consentono anche di lanciare i cosiddetti programmi homebrew, sviluppati a scopo amatoriale e privi della firma digitale di Nintendo, e di riprodurre file multimediali.

In primo grado la difesa di PCBox aveva tentato di evidenziare proprio tali caratteristiche, sostenendo che mod chip e game copier hanno principalmente lo scopo di far girare applicazioni e giochi "fatti in casa" e di estendere - in modo a loro dire legittimo - le funzionalità della console. Secondo quanto riportato da Nintendo, però, il tribunale avrebbe definito tali motivazioni "irrilevanti", accogliendo la tesi che "questi dispositivi non sono utilizzati per espandere le funzionalità della console, ma nascono con il preciso obiettivo di consentire l'utilizzo di copie illegali".

"Siamo ovviamente soddisfatti di questa sentenza, che colpisce dispositivi che non soltanto sono illegali ma incoraggiano la pirateria e la contraffazione, causando danni evidenti a tutto il settore videoludico", ha dichiarato Andrea Persegati, direttore generale di Nintendo Italia.

Va ricordato che lo scorso gennaio PCBox inviò una lettera a Punto Informatico in cui affermava di aver presentato un esposto all'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato e alla Commissione Europea (DG Competition) "al fine di far verificare dagli organi antitrust se sia legittimo l'impiego di asserite misure tecnologiche di protezione per tutelare non già il sacrosanto diritto degli autori e degli sviluppatori di software, bensì rendite di mercato derivanti dalla posizione dominante di alcuni operatori economici, tra i quali coloro il cui obiettivo pratico parrebbe essere, piuttosto, quello di impedire la circolazione dei cosiddetti homebrew e, più in generale, degli applicativi - a scopo ludico o meno che siano - "non licenziati" dai produttori di consolle".

PI non è per ora riuscito a mettersi in contatto con PCBox: auspichiamo di poter pubblicare a breve anche il punto di vista della società fiorentina.

Nintendo ha sempre adottato una linea molto dura contro chi vende e distribuisce modifiche per le proprie console, e proprio lo scorso mese ha annunciato una nuova offensiva contro questi soggetti.
317 Commenti alla Notizia Mod chip e schede R4 affondano in tribunale
Ordina
  • http://psp-news.dcemu.co.uk/the-state-of-the-homeb...

    First off though lets remind all that Homebrew is not the same as warez.

    Magari serve a qualcuno per farsi un idea di come mai potrebbe essere giusto vietare i modchip ma non cartucce come R4.
    -ToM-
    4532
  • - Scritto da: -ToM-
    > http://psp-news.dcemu.co.uk/the-state-of-the-homeb
    >
    > First off though lets remind all that Homebrew
    > is not the same as
    > warez.

    >
    > Magari serve a qualcuno per farsi un idea di come
    > mai potrebbe essere giusto vietare i modchip ma
    > non cartucce come
    > R4.

    Per inciso neanche i modchip vanno vietati, soprattutto se oltre a far girare le copie (che di per sé possono anche essere legali se sono homebrew o backup di originali regolarmente posseduti) fanno girare i giochi originali d'importazione.
  • - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
    > Per inciso neanche i modchip vanno vietati,
    > soprattutto se oltre a far girare le copie (che
    > di per sé possono anche essere legali se sono
    > homebrew o backup di originali regolarmente
    > posseduti) fanno girare i giochi originali
    > d'importazione.

    sono d'accordo ma sulla palesità dell'infrazione di tali accorgimenti, il modchip non ha speranzeSorride
    Forse è l'impressione di uno che ha vissuto troppo da vicino la faccenda CHIP PSX/PS2Occhiolino
    -ToM-
    4532
  • - Scritto da: -ToM-
    > - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
    > > Per inciso neanche i modchip vanno vietati,
    > > soprattutto se oltre a far girare le copie (che
    > > di per sé possono anche essere legali se sono
    > > homebrew o backup di originali regolarmente
    > > posseduti) fanno girare i giochi originali
    > > d'importazione.
    >
    > sono d'accordo ma sulla palesità dell'infrazione
    > di tali accorgimenti, il modchip non ha speranze
    >Sorride
    > Forse è l'impressione di uno che ha vissuto
    > troppo da vicino la faccenda CHIP PSX/PS2
    >Occhiolino

    Più che altro mi lascia perplesso il fatto che hardstore, il negozio di Oscar Dalvit, dopo essersi trasferito a San Marino per poter continuare a vendere i modchip per Playstation senza problemi nonostante la prima sentenza contraria, subito dopo la sentenza di ieri ha tolto di mezzo tutte le schede R4 e similari. Che gli frega delle sentenze italiane? Non sta a San Marino? A meno che San Marino non sia diventata una colonia italiana...
  • - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
    > Più che altro mi lascia perplesso il fatto che
    > hardstore, il negozio di Oscar Dalvit, dopo
    > essersi trasferito a San Marino per poter
    > continuare a vendere i modchip per Playstation
    > senza problemi nonostante la prima sentenza
    > contraria, subito dopo la sentenza di ieri ha
    > tolto di mezzo tutte le schede R4 e similari. Che
    > gli frega delle sentenze italiane? Non sta a San
    > Marino? A meno che San Marino non sia diventata
    > una colonia italiana...

    allora lo Zoo di 105 non ha fallito!
    ero rimasto che volevano invadere e colonizzare San Marino.
    :)
    -ToM-
    4532
  • Mi sembra di rivedere la vecchia questione che qualche anno addietro ha portato all'introduzione di una tassa sui supporti vergini, perchè secondo l'accusa delle major servivano esclusivamente alla copia e conservazione di prodotti illegali
    Ma vi rendete conto. Io posso usare i supporti anche solo per immagazzinare le foto del "cesso di casa mia" ma siccome il supporto permette di archiviare sia musica che film allora dobbiamo pagare il dazio alle major che"poverine" perdono soldi. ma andate a ca**re.
  • - Scritto da: DAvideiona
    > Mi sembra di rivedere la vecchia questione che
    > qualche anno addietro ha portato all'introduzione
    > di una tassa sui supporti vergini, perchè secondo
    > l'accusa delle major servivano esclusivamente
    > alla copia e conservazione di prodotti
    > illegali
    > Ma vi rendete conto. Io posso usare i supporti
    > anche solo per immagazzinare le foto del "cesso
    > di casa mia" ma siccome il supporto permette di
    > archiviare sia musica che film allora dobbiamo
    > pagare il dazio alle major che"poverine" perdono
    > soldi. ma andate a
    > ca**re.

    Da quel momento tutti dobbiamo sentirci autorizzati a masterizzare esclusivamente materiale coperto da copyright: che le major campino coi soldi della tassa sui supporti: sono soldi che loro RUBANO a chi quei supporti non li usa per metterci il loro materiale.
  • sai che in questi termini non ci avevo mai pensato (anche perchè supporti ne ho sempre acquistati pochi)?
    Per quanto sappia benissimo che la pensiamo diversamente, mi sa che ti devo quotare Sorride
  • - Scritto da: pentolino
    > sai che in questi termini non ci avevo mai
    > pensato (anche perchè supporti ne ho sempre
    > acquistati
    > pochi)?
    > Per quanto sappia benissimo che la pensiamo
    > diversamente, mi sa che ti devo quotare
    > Sorride

    è una gabella che dura da decenni.
    -ToM-
    4532
  • lo so, semplicemente non ' avevo mai vista come Luco, ovvero che sia un dovere morale mettere materiale coperto da copyright sui CD/DVD coperti da "equo" compenso... a me sembra equo quello che dice Luco. Sorride
  • - Scritto da: pentolino
    > lo so, semplicemente non ' avevo mai vista come
    > Luco, ovvero che sia un dovere morale mettere
    > materiale coperto da copyright sui CD/DVD coperti
    > da "equo" compenso... a me sembra equo quello che
    > dice Luco.
    > Sorride
    Certo, equo e illegale.
    ruppolo
    33147
  • molte cose che oggi fai senza problemi un tempo erano illegali; certi sono anche finiti al rogo in passato.
  • - Scritto da: ruppolo

    > Certo, equo e illegale.

    cè anche da dire che "legale" e "giusto" non vanno di pari passo perchè tu ostenti la tua intolleranza alla pirateria e ne deduciamo tutti che compri solo roba originale, però le varie gabelle contro pirateria le paghi e come.
    -ToM-
    4532
  • - Scritto da: -ToM-
    > - Scritto da: ruppolo
    >
    > > Certo, equo e illegale.
    >
    > cè anche da dire che "legale" e "giusto" non
    > vanno di pari passo perchè tu ostenti la tua
    > intolleranza alla pirateria e ne deduciamo tutti
    > che compri solo roba originale, però le varie
    > gabelle contro pirateria le paghi e
    > come.

    Certo che le pago, anche per questo sono intollerante coi pirati: danneggiano pure me!
    ruppolo
    33147
  • - Scritto da: ruppolo
    > - Scritto da: pentolino
    > > lo so, semplicemente non ' avevo mai vista come
    > > Luco, ovvero che sia un dovere morale mettere
    > > materiale coperto da copyright sui CD/DVD
    > coperti
    > > da "equo" compenso... a me sembra equo quello
    > che
    > > dice Luco.
    > > Sorride
    > Certo, equo e illegale.

    Equo e illegale è il furto da parte delle major di chi compra supporti vuoti e ci mette (secondo le leggi delle major) materiale proprio.
    Perché le major devono guadagnare con l'equo compenso soldi unicamente (visto che non puoi mica usare quei supporti per metterci materiale delle major) su materiale di cui non hanno i diritti?

    NON RUBERESTE MAI UN'AUTO...
    NON RUBERESTE MAI UNA BORSA...
    NON RUBERESTE MAI UN TELEVISORE...
    NON RUBERESTE MAI UN CELLULARE...
    NON RUBERESTE MAI UNA DISTRO LINUX O IL VIDEO DELLA COMUNIONE DEL FIGLIO DI UN ALTRO...

    PRENDERVI I SOLDI DEGLI UTENTI CON L'EQUO COMPENSO SENZA PERMETTERE LORO DI COPIARE LE PROPRIE OPERE E' COME RUBARE

    RUBARE
    E' CONTRARIO
    ALLA LEGGE


    PRENDERE SOLDI ALTRUI IN CAMBIO DI NULLA E' UN REATO (si chiama furto o truffa, a seconda dei casi)

    La pirateria è l'unico modo per dare ai soldi che ci rubate un senso.

    NOI NON RUBIAMO.
    NOI NON TRUFFIAMO.
    VOI INVECE SI'.



    AVVISO: il testo qui sopra l'ho scritto io e lo rilascio freeware. Potete farci quello che vi pare, perché a differenza delle major IO NON SONO UN LADRO e quello che creo lo condivido con tutti per permetterne la massima circolazione. Anzi se qualcuno ne facesse un video da mettere nei DVD masterizzati ne sarei ben contento.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 16 maggio 2009 07.33
    -----------------------------------------------------------
  • Ma se fino a ieri la legge italiana tutelavo lo sblocco dei dispositivi anti copia come fa un giudice da solo a dire il contrario?

    E tutti quei negozi che li vendono allora cose devono fare ?
    Seppellire? Denunciare il fornitore? Scappare in svizzera?

    Nn diciamo cazzate la legge italiana permette e tutela il diritto a fare copie di backup di qualunkue cosa un privato si in possesso (libri cd film chiavi).

    Se io ho un gioco e ne faccio una copia (in caso l'originale si danneggi) e sblocco la consolle in modo che legga la copia nn infrango nessuna legge se dimostro di possedere anche l'originale.


    QUESTA STORIA E MOLTO MOLTO MOLTO POCO CHIARA.


    I produttori di consolle hanno diritto di tutelarsi come vogliono la legge glielo consente così come consente a me di sbloccorla dopo l'acquisto. Semmai perdi la garanzia. Ma nn compi un reato !!
    non+autenticato
  • Io sono perfettamente d'accordo sul fatto che se compro la console ci faccio quello che voglio: la tiro contro un muro, la modifico per farla diventare un citofono, o ci faccio girare i giochi Homebrew.

    Quello che non tollero è che la gente ci faccia girare i giochi pirata e pretenda pure di aver ragione.

    La pirateria è un reato. Se i giochi costano troppo la maggior parte della gente non li comprerà e le ditte produttrici falliranno e/o abbasseranno i prezzi.

    Non conosco nei dettagli questa R4, ma sono certo che volendo il produttore avrebbe potuto fare "ogni ragionevole sforzo" per impedirne l'uso con i giochi pirata. Eventualmente avendo anche l'appoggio della Nintendo e comunque trovando un sistema per bloccarne l'avvio. Non mi pare proprio un gran problema.

    Invece i furboni hanno fatto un accessorio che FAVORISCE la pirateria, per FARCI I SOLDI, e usano la scusa dell'homebrew. Questa secondo me è anche un'offesa alla comunità homebrew.

    Ora compritemi di flames, fate quello che volete, ma se uno viola le regole (e non parlo di leggi, ma proprio di regole) e vuole pure aver ragione... mi pare quello che passa con il rosso alle 3 di notte e poi si lamenta della multa.
    frk
    344
  • Peccato che in Nintendo hanno anche abusato della presenza delle "schedine magiche".
    Secondo voi non si sono mai chiesti perché vendevano migliaia di consolle e così pochi giochi ? Tenendo conto del fatto che non è la Nintendo a produrli tutti, quelli che realmente hanno subito un danno sono solo gli sviluppatori di alcuni giochi e non i produttori della consolle.
    La Nintendo ha guadagnato moltissimo grazie proprio a questo "ignobile" stratagemma.
    non+autenticato
  • - Scritto da: DiEsse
    > Peccato che in Nintendo hanno anche abusato della
    > presenza delle "schedine magiche".
    >
    > Secondo voi non si sono mai chiesti perché
    > vendevano migliaia di consolle e così pochi
    > giochi ? Tenendo conto del fatto che non è la
    > Nintendo a produrli tutti, quelli che realmente
    > hanno subito un danno sono solo gli sviluppatori
    > di alcuni giochi e non i produttori della
    > consolle.
    > La Nintendo ha guadagnato moltissimo grazie
    > proprio a questo "ignobile"
    > stratagemma.

    Esattamente quello che fece la Sony con la PS1, peraltro inferiore tecnicamente sia rispetto al Saturn che al N64, e con molte schifezze.
    Wii e DS sono la Playstation degli ultimi anni. Tanta roba inutile e pochi veri capolavori, tantissima pirateria sicuramente anche pilotata (checchè ne dica Nintendo) e tantissimi pezzi hardware venduti.
  • - Scritto da: frk
    > La pirateria è un reato. Se i giochi costano
    > troppo la maggior parte della gente non li
    > comprerà e le ditte produttrici falliranno e/o
    > abbasseranno i prezzi.

    Che abbassino i prezzi non mi sembra affatto un male, i soldi non li prendiamo sugli alberi...
    Detto questo visto che i prezzi sono alti, cosa cambierebbe come introiti economici per la casa produttrice, tra un cliente che *NON* si compra l'originale e un cliente che si scarica la copia pirata?

    > Non conosco nei dettagli questa R4, ma sono certo
    > che volendo il produttore avrebbe potuto fare
    > "ogni ragionevole sforzo" per impedirne l'uso con
    > i giochi pirata.

    Perché doveva? A parte che le tue sono belle parole ma nella pratica non è sempre facile discernere una rom piratata da un homebrew, a meno di non avere un database con tutti i nomi e i crc delle rom commerciali (cosa peraltro facilmente fregabile basta modificare un byte vuoto e cambi tutto).
    Gli sforzi in R&D costano tempo e denaro.
    E non è che la R4 agisca in regime di monopolio, ci sono decine di card diverse. Se la R4 avesse perso tempo e denaro in questo senso non l'avrebbe comprata nessuno. Ha venduto un sacco perché costava meno delle altre e per questo motivo ha avuto più successo di quello che in fondo si meritava. Sì, perché c'era di meglio, a prezzi più alti, ma di qualità migliore. A cominciare dalla costruzione della R4 che è proprio al risparmio, fino ad arrivare al mancato supporto delle SDHC fino a tempi anche recenti.

    > Eventualmente avendo anche
    > l'appoggio della Nintendo

    Che non avrebbe avuto mai come non l'hanno avuto quelli che costruiscono joypad e memory card compatibili, o freeloader, o quant'altro non ufficiale.

    > e comunque trovando un
    > sistema per bloccarne l'avvio. Non mi pare
    > proprio un gran problema.

    Questo perché non conosci come funzionano

    > Invece i furboni hanno fatto un accessorio che
    > FAVORISCE la pirateria, per FARCI I SOLDI, e
    > usano la scusa dell'homebrew. Questa secondo me è
    > anche un'offesa alla comunità homebrew.

    Annoiato
    Ripeto, non conosci niente.

    > Ora compritemi di flames, fate quello che volete,
    > ma se uno viola le regole (e non parlo di leggi,
    > ma proprio di regole) e vuole pure aver
    > ragione... mi pare quello che passa con il rosso
    > alle 3 di notte e poi si lamenta della
    > multa.

    Qui alle 3 di notte i semafori sono spenti (o meglio hanno tutti il giallo lampeggiante), tranne che negli incroci realmente pericolosi dove funzionano normalmente. Sarebbe grave tenere normale un semaforo di quelli tenuti gialli. E sarebbe ancora più grave fare la multa a chi lo passa. Un po' come un cartello di massimo 5 (sì CINQUE) km/h improvviso su un tratto di circa un km di grande strada a 3 corsie per senso di marcia. E purtroppo non sto scherzando, chi ha messo quel cartello è un imbecille. Tant'è che adesso dopo anni di proteste si sono decisi a toglierlo (ma spesso avevo visto che c'era soltanto il palo, evidentemente qualcuno più esasperato di me s'era stufato prima di aspettare e l'aveva tolto lui. Adesso forse i vigili o chi per loro ne hanno capito l'inutilità e hanno tolto proprio il palo direttamente...).
  • guarda se vai a leggere qualcuno dei miei post in questo forum ti renderai conto di come io sono contro la pirateria, in particolare contro quella del software, settore nel quale lavoro.
    A parte quello che ti ha scritto Luco (e che quindi sarebbe molto difficile per i produttori dell' R4 fermare l' uso pitaresco del dispositivo), se ci rifletti un secondo capisci perchè la Nintendo ostacolerebbe anche una cartuccia che si limiti a fare girare gli homebrew. Perchè? Lo ho scritto qui:
    http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2567344&m=256...

    Se non hai voglia di leggere quelle poche righe: riassumoin breve; il tempo che passi sull' homebrew è tempo che non dedichi ai giochi nintendo e dunque anche l' homebrew nuoce direttamente alle casse di Nintendo (ne è la prova la lotta serrata che sta facendo all' homebrew sul wii...).

    Insomma pirateria o no, questa sentenza che blocca la R4 è profondamente sbagliata secondo me ed è indicativo del fatto che le nostre libertà valgono molto meno del profitto della multinazionale di turno (qui gli esempi si sprecherebbero...)
  • un vero peccato che la nintendo si lamenti ora wii e nintendo ds hanno raggiunto top delle vendite...lo sanno tutti che la console piu pirabile vende di piu' chiedere a sony per conferme...
    non+autenticato
  • Che delusione da parte dei giudici! O non conoscono il tema o si sono fatti davvero imbambolare dai piagnistei stile RIAA e compari.

    Perche' la Nintendo non ha messo a disposizione un chip, anche una black-box, che potrebbe implementare un, inevitabilmente, inefficace controllo sui dischi?

    Ad esempio, avrebbe potuto "taggare" internamente i giochi (in qualche modo) e la black-box avrebbe dovuto solo riconoscere questo tag. Ovviamente si buca (come qualsiasi protezione), ma richiede lavoro.

    Se non ci ha pensato (ne' l'ha proposto) vuol dire che non voleva proprio l'homebrew sulla sua console. Il perche' ve lo dico io: avrebbero avuto concorrenza VERA. Parliamoci chiaro, e' dall'80 (quando ci furono le "strette" proprietarie su qualsiasi software) che i videogiochi sono sempre le stesse cose, e' cambiato leggermente il gameplay ma non il succo perche' sono tutti terrorizzati a battere campi nuovi (es invece di fare il mafioso nel videogioco, si potrebbe fare l'antimafioso, ma non c'e' il successo assicurato dalla "violenza").

    Le sw house hanno saputo solo puntare sulla quantita': piu' funzioni, piu' complessita', piu' grafica, ormai ci si e' ridotti a cartoline animate. Nessuno ha puntato sulle idee, sulla cultura, i viedogiochi potrebbero essere una vera e propria arte, ma sono soffocati dalla miopia delle aziende (che "giustamente" vogliono solo fare profitti, non cultura, perche' questo e' il modello economico usato).

    Per questo il mercato dei videogiochi su PC e' in crisi da tempo: poche idee, modelli di business antiquati e requisiti hardware pesanti, quindi i giochi non si vendono bene perche' o non si comprano, o si piratano oppure il pubblico ripiega sull'abandonware (i giochi stravecchi non piu' prodotti ne' supportati) o sull'open source/freeware/casual games ecc.

    I lorsignori lo sanno, percio' sono scappati tutti sulle console, dove il produttore impone requisiti anche hardware sui giochi (es tempo di caricamento max = 20 sec). La' sono i signori onnipotenti, tutto passa per le loro mani e spazio per gli sviluppatori indipendenti non ce n'e'.

    Il tentativo dell'azienda di Firenze era di portare un po' di mentalita' "da pc" su una console (sua antitesi per definizione), e si sono ovviamente incazzati alla Nintendo. Certo, il problema dei giochi copiati e' vero, ma neanche la Nintendo ha messo a disposizioni tecniche per identificarli univocamente, e se sollecitati non avrebbero risposto o avrebbero fatto i bulli, quindi cosa si aspettano?

    Peccato che i lorsignori si difendono sempre con la solita filastrocca sulla pirateria, che serve solo a nascondere il loro principale fallimento: l'incapacita' di adattarsi ai bisogni degli utenti cambiando modello di business.

    Fossi stato io il giudice, probabilmente avrei agito cosi': avrei imposto una sanzione monetaria all'azienda di Firenze, ma avrei imposto anche alla Nintendo di produrre e definire un modo per riconoscere i suoi giochi e non avrei mai rimosso dal mercato il dispositivo dell'azienda di Firenze (che e' un'ottima idea).

    Spero che i giudici abbiano agito cosi' in base alla loro ignoranza del tema, e non guardando ai fatturati delle parti in causa e che non si siano fatti impressionare dall'alto trono di avorio su cui sono arrocate Nintendo, EA & company, troppo alto per poter studiare bene il mercato (o ricordarsi i cosa insegnano nei PRIMI corsi di economia dell'universita')
    non+autenticato
  • Ti faccio una domanda...perchè Sony con PS1 ha avuto un enorme successo protratto con la PS2?
    Come mai PS3 non sta ancora avendo questo boom come PS1 e PS2?

    Una domanda mi son sempre posto!

    Come nasce la "modifica" su PS2 dato che ci sono quasi 30 collegamenti da fare per lo più su un processore coperto da diritti d'autore con minimo 200 PIN?(non mi ricordo il numero preciso) Possibile che sony non c'entri niente?

    Per come la vedo io i chip fanno comodo alle aziende che devono lanciare un prodotto per agevolare la sua diffusione, altrimenti vorrei vedere chi andrebbe a comprare la WII con Mario dove sinceramente ha scocciato! Per non parlare della grafica poi! L'Amiga 500 se ricordate bene faceva meglio!
    Sono 20 anni che Nintendo porta avanti questa bandiera, possibile che una azienda così non abbia inventiva? Possibile che una azienda si appoggi su questo personaggio da quasi 20 anni?
    Bè sinceramente pagare una tecnologia di 20anni fa 200€ mi sembra esagerato, perchè alla fine tolto l'IR alla WII cosa vi rimane!...Scusate! Mario! Quasi quasi me ne dimenticavo!
  • - Scritto da: mamomorris
    > Come mai PS3 non sta ancora avendo questo boom
    > come PS1 e PS2?

    Chiediti piuttosto perché tutti i paladini dell'antipirateria dicono che se non ci fosse la pirateria i prezzi degli originali sarebbero più bassi, quando è chiaro che non è così e lo dimostrano i prezzi dei giochi PS3 (console NON piratata) non sono affatto più bassi delle controparti per 360 (console piratata) e Wii (console MOLTO piratata)
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 07 marzo 2009 14.08
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da: mamomorris
    > Ti faccio una domanda...perchè Sony con PS1 ha
    > avuto un enorme successo protratto con la
    > PS2?
    > Come mai PS3 non sta ancora avendo questo boom
    > come PS1 e
    > PS2?
    >
    > Una domanda mi son sempre posto!

    perchè costa una sassata, i giochi sono praticamente gli stessi di xbox che costa la metà ed in più sulla PS3 scattano, su xbox no.Occhiolino

    > Come nasce la "modifica" su PS2 dato che ci sono
    > quasi 30 collegamenti da fare per lo più su un
    > processore coperto da diritti d'autore con minimo
    > 200 PIN?(non mi ricordo il numero preciso)
    > Possibile che sony non c'entri
    > niente?

    credo sia una eprom, sostituisci il chip con una eprom modificata e come per magia legge tutto

    > Per come la vedo io i chip fanno comodo alle
    > aziende che devono lanciare un prodotto per
    > agevolare la sua diffusione, altrimenti vorrei
    > vedere chi andrebbe a comprare la WII con Mario
    > dove sinceramente ha scocciato! Per non parlare
    > della grafica poi! L'Amiga 500 se ricordate bene
    > faceva meglio!
    > Sono 20 anni che Nintendo porta avanti questa
    > bandiera, possibile che una azienda così non
    > abbia inventiva? Possibile che una azienda si
    > appoggi su questo personaggio da quasi 20
    > anni?
    > Bè sinceramente pagare una tecnologia di 20anni
    > fa 200€ mi sembra esagerato, perchè alla fine
    > tolto l'IR alla WII cosa vi rimane!...Scusate!
    > Mario! Quasi quasi me ne dimenticavo!

    beh Mario è Mario (il 64 no, fa schifo) e la tecnolgia di wii è fantastica, a prescindere dal fatto che è un gamecubeSorride
    -ToM-
    4532
  • Salve
    Allora tu se in autostrada, vedi un pazzo che cammina contromano, il mattino seguente CHIUDI l'autostrada?

    Io non tollero questi giustizialismi.
    Le cartucce come la R4, sono una manna per chi vuole fare un backup della cartuccia o chi vuole sviluppare qualcosa sulla consone senza comprare gli SDK che costerebbero svariate migliaia di euro.
    Io ho l'NDS e un infitità di giochi originali.
    Allora se avessi la cartuccia R4, sarei controlegge?
    Ma per favore...sono altri i delinquenti.
    Io so che nella mia Videoteca di DVD, ho comprato un film che all'inizio mi devo sorbire lo Spot contro la pirateria, rovinando L'INTERO FILM.

    Mi dispiace ma non sono d'accordo con la sentenza.
  • Premetto che non mi sto esprimento a favore o contro l'azione di Nintendo e la decisione del giudice: non è rilevante ai fini di questo post.

    È l'ennesima forzatura per mantenere un modello di business che ormai non sta più in piedi.
    L'approccio è lo stesso di quello delle case discografiche e cinematografiche.

    Tutti continuano a voler vendere al prezzo di 20 anni fa una cosa che oggi costa infinitamente meno, e visto che ne producono di più ne vogliono anche vendere di più.
    E tutti continuano a presumere che il portafogli dei clienti siano costantemente pieni.

    È normale che dopo un certo periodo di tempo di 'full immersion' il gioco non abbia più segreti e possa venire a noia.
    Ora, se ogni paio di mesi si dovesse comperare un gioco nuovo, ci troveremmo con 50 Euro * 6 volte all'anno = 300 Euro / anno solo di videogame.

    E poi ci sono i dischi: per uno o due brani belli ci si trova a pagare 20 Euro per un qualcosa che si ascolta un po' di volte all'inizio, ma il cui destino è quello di finire in uno scaffale, per essere forse qualche rara volta all'anno.
    Quanti CD si riescono a sentire in un giorno? Ipotizziamo due.
    Ed ecco il conto: 52 settimane * 2 CD * 20 Euro = 2.080 Euro / anno.

    E poi i DVD: quante volte è possibile arrivare a vedere un film, per quanto bello? Due o tre volte? E poi via! dentro lo scaffale, per quella volta, forse tra un anno, in cui si avrà di nuovo voglia di vederlo.
    Costo: anche soltanto 10 Euro.
    Ipotizzando 2 film alla settimana, parliamo di 52 settimane * 2 film * 10 Euro = 1.040 Euro / anno.

    Ed ora proviamo a fare un totale: soltanto per videogame, CD e DVD i produttori si illudono che l'acquirente medio sia disposto a spendere circa 3.400 Euro / anno.

    Pensate ad una famiglia con un paio di figli (e non voglio contare i genitori): stiamo parlando di un'ipotesi di 4 stipendi all'anno solo per l'intrattenimento.
    Difficile da conciliare con il bilancio di fine mese.

    Forse è il momento che chi vuole vendere riveda le proprie politiche commerciali, e le alternative sono, credo, soltanto due:
    1) si vende tutto quello che si vuole, ma per farlo si abbassano i prezzi;
    2) si punta alla qualità: si produce poco, ma buono, e si tengono i prezzi alti.

    Ah, già, la Qualità ... questa sconosciuta; la qualità al giorno d'oggi si misura in Gigabyte.
    Voglio il suono migliore? Voglio l'alta definizione? Mi occorrono supporti più grandi (ed anche hardware adeguato).
    E quindi basta tenere un prezzo al dettaglio che sia competitivo con il costo di scaricamento, del supporto, del tempo di masterizzazione, e di stampa dell'etichetta e dell'eventuale libretto allegato.

    Mi accontento di una qualità scadente per il lettore MP3? il singolo brano lo pago pochi centesimi.

    Fine, e grazie per la pazienza a chi è arrivato a leggere fin qui!
  • quello che mi fa più inc****re è che chi se lo prende in quel posto è regolarmente l' utente che paga, perchè in genere ha sempre qualche problema di compatibilità in più di chi la roba la prende dai "canali alternativi".
    Qualcuno ricorda il famoso rootkit sony o il mitico trojan che colpiva una certa versione di safedisc? O devo parlare di mio fratello che si compra i CD poi in macchina non vanno e si deve fare le copie per farli funzionare?
  • - Scritto da: andy61
    > Tutti continuano a voler vendere al prezzo di 20
    > anni fa una cosa che oggi costa infinitamente
    > meno, e visto che ne producono di più ne vogliono
    > anche vendere di
    > più.
    Falso. Il prezzo di tutte le cose scende progressivamente man mano che passa il tempo.

    > Ora, se ogni paio di mesi si dovesse comperare un
    > gioco nuovo, ci troveremmo con 50 Euro * 6 volte
    > all'anno = 300 Euro / anno solo di
    > videogame.
    È sufficiente che quel gioco "nuovo" sia nuovo per chi lo compra e non per chi lo vende. In altre parole basta comprare, ogni 2 mesi, un gioco che esiste nel mercato da un tempo sufficiente per essere stato abbassato di prezzo. Già dopo 6 mesi lo si trova a metà o un terzo del prezzo.

    > E poi ci sono i dischi: per uno o due brani belli
    > ci si trova a pagare 20 Euro per un qualcosa che
    > si ascolta un po' di volte all'inizio, ma il cui
    > destino è quello di finire in uno scaffale, per
    > essere forse qualche rara volta
    > all'anno.
    Sai bene che da 6 anni a questa parte è possibile acquistare i 2 brani belli spendendo 2 euro.

    > Quanti CD si riescono a sentire in un giorno?
    > Ipotizziamo
    > due.
    > Ed ecco il conto: 52 settimane * 2 CD * 20 Euro =
    > 2.080 Euro /
    > anno.
    Che invece diventano 208 euro, una cifra ragionevole.

    > E poi i DVD: quante volte è possibile arrivare a
    > vedere un film, per quanto bello? Due o tre
    > volte? E poi via! dentro lo scaffale, per quella
    > volta, forse tra un anno, in cui si avrà di nuovo
    > voglia di
    > vederlo.
    > Costo: anche soltanto 10 Euro.
    > Ipotizzando 2 film alla settimana, parliamo di 52
    > settimane * 2 film * 10 Euro = 1.040 Euro /
    > anno.

    Per questo esistono i noleggi e i cinema. La maggior parte dei film, infatti, li guardiamo una sola volta.

    > Ed ora proviamo a fare un totale: soltanto per
    > videogame, CD e DVD i produttori si illudono che
    > l'acquirente medio sia disposto a spendere circa
    > 3.400 Euro /
    > anno.
    Un abbonamento Sky, l'acquisto dei singoli brani a 1 euro l'uno e l'acquisto di giochi ponderato permettono di spendere una frazione della cifra da te paventata.

    > Pensate ad una famiglia con un paio di figli (e
    > non voglio contare i genitori): stiamo parlando
    > di un'ipotesi di 4 stipendi all'anno solo per
    > l'intrattenimento.

    Che si possono ridurre a 1 stipendio all'anno senza farsi mancare nulla.
    Esempio: Sky con pacchetto cinema 510 euro, musica 107 euro per 2 brani a settimana, giochi 180 euro per 1 gioco ogni 2 mesi. Totale circa 800 euro. Come vedi puoi prendere anche di più restando entro 1 stipendio all'anno, come anche destinare una quota, ad esempio 200-300 euro all'anno, per il rinnovo dei player e console ludiche e/o accessori.
    Senza contare che i giochi/player/console vecchi si possono rivendere ricavandoci comunque qualcosina.

    > Mi accontento di una qualità scadente per il
    > lettore MP3? il singolo brano lo pago pochi
    > centesimi.
    La qualità di un brano AAC è buona. Ora poi che viene venduto a 256Kbit, è più che ottima.

    > Fine, e grazie per la pazienza a chi è arrivato a
    > leggere fin
    > qui!
    Non ce di che Sorride
    ruppolo
    33147
  • infatti, credo che i calcoli che hai fatto siano troppo "gonfiati". Devi dire che ogni tnto qualche persona pò anche rinunciare ad intrattenersi, per magari comprare qualche altra cosa che non sia video/audio/gioco.
  • rispondo anche a battagliacom.

    il mio obiettivo non era di fare un calcolo esatto di quanto si spende, ma di quanto vorrebbero farci spendere i produttori.

    dato il target che è evidentemente assurdo, come avete evidenziato anche voi, restano 'scappatoie' legali, come neleggio, compravendita dell'usato, etc., e quelle illegali.

    Nel mezzo ci si mettono quelle ibride, e cioè quelle del mercato clandestino, per cui uno può trovarsi a comperare un finto originale.

    Resta il fatto che l'obiettivo dei produttori resta irrealistico, così come le prospezioni di guadagni miliardari perduti che non avrebbero mai l'occasione di realizzare.
  • - Scritto da: andy61
    > rispondo anche a battagliacom.
    >
    > il mio obiettivo non era di fare un calcolo
    > esatto di quanto si spende, ma di quanto
    > vorrebbero farci spendere i
    > produttori.

    Si ma questo che ci frega?
    Loro vorrebbero, ma IO decido.

    Ad esempio ho appena disdetto SKY Cinema e ridotto l'abbonamento SKY al minimo possibile. Con i soldi risparmiati, 26 euro, andiamo in 2 al cinema 3 volte al mese (la tessera prepagata consente di spendere 4,50 euro per persona per film).

    Quanto alla console, usiamo il nostro iPhone per giocare (ne abbiamo 2). ll costo del telefono lo stiamo recuperando sul costo dei giochi, il cui prezzo medio si aggira sui 2 euro e mezzo. (anche la funzione iPod ci ha permesso di recuperare i soldi in tal senso, nonché la funzione navigatore, visto che mi hanno rubato il tomtom da poco).

    Insomma sta a noi districarci tra le innumerevoli possibilità (questo è il prezzo da pagare quando si hanno molte possibilità: l'onere della scelta).
    ruppolo
    33147
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | Successiva
(pagina 1/4 - 20 discussioni)