PalmOS e PocketPC sfidati da Linux

Grazie ad un progetto di riferimento basato sulla piattaforma embedded sviluppata insieme a MontaVista, IBM conta di spingere l'adozione di Linux sul mercato dei PDA, sia nella fascia consumer che in quella aziendale

Armonk (USA) - Grazie alla nuova piattaforma embedded sviluppata insieme a MontaVista, IBM ha pianificato il rilascio di un progetto di riferimento che possa servire da base per la costruzione, da parte di terzi, di PDA basati sul suo processore PowerPC 405LP e l'ambiente Linux di MontaVista.

L'obiettivo delle due partner è quello di incoraggiare lo sviluppo da parte dei produttori di computer hand-held di PDA basati su Linux che possano concorrere, sia in termini di prestazioni che di funzionalità, con quelli basati sulle due piattaforme attualmente più gettonate: Palm OS e Pocket PC.

Il progetto di riferimento, che Big Blue conta di consegnare ai propri partner durante il mese di marzo, include l'hardware e il software necessario per produrre PDA adatti ad ogni fascia di prezzo. IBM sostiene che uno dei vantaggi dato dalla propria piattaforma è proprio quella di avere termini di licenza molto flessibili: ne consegue che i produttori potranno adottare configurazioni hardware anche molto differenti fra loro e non saranno obbligati ad applicare un particolare logo sui propri dispositivi.
IBM sostiene che il suo progetto di riferimento faciliterà notevolmente la progettazione di nuovi PDA da parte dei produttori, inclusi quelli più piccoli, e consentirà a Linux di guadagnare nuovi spazi su uno dei mercati più promettenti dei prossimi anni.

Recentemente Big Blue si è alleata con Sharp per collaborare allo sviluppo di una nuova versione di Zaurus, il noto palmare basato su Linux, dedicato al mercato enterprise. Fino ad oggi, però, Zaurus ha avuto poca presa sul mercato consumer e non è riuscito a divenire un vero terzo incomodo nella sfida fra Palm OS e Pocket PC.

Come spiegato pochi giorni fa, alla base della piattaforma embedded di Big Blue e MontaVista c'è una tecnologia, chiamata Dynamic Power Management (DPM), che promette di ridurre sensibilmente i consumi dei PDA.
4 Commenti alla Notizia PalmOS e PocketPC sfidati da Linux
Ordina
  • Avete trascurato una cosa fondamentale:
    tale palmare ha a bordo un " TCPA security chip", ovvero
    una implementazione di quei meccanismi di DRM che sono
    alla base del Palladium di Microsoft.

    http://www.trustedcomputing.org/

    Tutto ciò è abbastanza inquietante ed era la cosa cui
    bisognava dare più risalto nell'articolo.

    Peccato.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Avete trascurato una cosa fondamentale:
    > tale palmare ha a bordo un " TCPA security
    > chip", ovvero
    > una implementazione di quei meccanismi di
    > DRM che sono
    > alla base del Palladium di Microsoft.
    >
    > http://www.trustedcomputing.org/
    >
    > Tutto ciò è abbastanza inquietante ed era la
    > cosa cui
    > bisognava dare più risalto nell'articolo.
    >
    > Peccato.

    Intendi dire che un pc con linux sarà "palladiumato"?

    :)
    spino
    1093
  • Oh, bé, ma questa non è più una novita: tutti i chip, i dispositivi e i software di prossima uscita per il mercato mobile supporteranno il TCPA. Rassegnati Occhiolino

    - Scritto da: Anonimo
    > Avete trascurato una cosa fondamentale:
    > tale palmare ha a bordo un " TCPA security
    > chip", ovvero
    > una implementazione di quei meccanismi di
    > DRM che sono
    > alla base del Palladium di Microsoft.
    >
    > http://www.trustedcomputing.org/
    >
    > Tutto ciò è abbastanza inquietante ed era la
    > cosa cui
    > bisognava dare più risalto nell'articolo.
    >
    > Peccato.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Oh, bé, ma questa non è più una novita:
    > tutti i chip, i dispositivi e i software di
    > prossima uscita per il mercato mobile
    > supporteranno il TCPA. Rassegnati Occhiolino
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Avete trascurato una cosa fondamentale:
    > > tale palmare ha a bordo un " TCPA security
    > > chip", ovvero
    > > una implementazione di quei meccanismi di
    > > DRM che sono
    > > alla base del Palladium di Microsoft.
    > >
    > > http://www.trustedcomputing.org/
    > >
    > > Tutto ciò è abbastanza inquietante ed era
    > la
    > > cosa cui
    > > bisognava dare più risalto nell'articolo.
    > >
    > > Peccato.

    Tspa != palladium ... questo dovrebbe essere chiaro a tutti ormai.......
    non+autenticato