Luca Annunziata

Plutone Ŕ un pianeta? Troviamone altri

Lo stato dell'Illinois legifera in materia di classificazione siderale. Alla NASA, invece, guardano ben al di lÓ dei confini del Sistema Solare. Ci sono gatte pi¨ importanti da pelare, anche con lo Shuttle

Roma - Il Congresso dell'Illinois, stato USA che ha dato i natali allo scopritore del nono planetoide pianeta del Sistema Solare, l'astronomo Clyde Tombaugh (scoperta avvenuta nel 1930), ha sancito che la decisione con cui nel 2006 la International Astronomical Union (IAU) aveva declassato Plutone dallo status di pianeta vero e proprio a semplice comprimario dell'affollato panorama dell'assetto planetario locale, sia stata quanto meno affrettata. Pertanto l'Illinois ripristina la qualifica di pianeta per Plutone, e - visto che poi un giorno di celebrazioni non si nega a nessuno - il 13 marzo diventerà, d'ora in avanti, il giorno di commemorazione della scoperta di Plutone.

Perché il 13 marzo? Plutone venne scoperto a febbraio, Tombaugh è nato a gennaio e morto ancora in febbraio: il 13 marzo è in effetti la data in cui l'annuncio della scoperta venne divulgato. Sta di fatto che al Congresso dello stato della regione dei grandi laghi la questione sta molto a cuore. Tanto da mettere nero su bianco che "Plutone è stato ingiustamente degradato a pianeta nano in una votazione a cui ha preso parte solo il 4 per cento degli oltre 10mila scienziati che fanno parte della International Astronomical Union": ci sarebbero molte voci lì fuori che dissentono su questa nuova classificazione. In ogni caso, "il 96 per cento dell'Assemblea Generale dello Stato dell'Illinois" ha ora "ristabilito lo status di pianeta completo".

Evidentemente agli esimi rappresentanti del popolo dell'Illinois, che pur siedono sulle loro poltrone grazie a meccanismi simili, devono essere sfuggiti i principi di rappresentanza relativa in seno a istituzioni e associazioni quando parlano di 4 per cento contrapposto al 96 per cento. Ma soprattutto, devono essere a loro sfuggiti i principi scientifici per i quali la riclassificazione di Plutone si è resa necessaria: ci sono altri oggetti del Sistema Solare più grandi del nono pianeta che non sono classificati come tali, l'orbita di Plutone è ancora ingombra di "resti" che la sola forza di gravità del piccolo corpo celeste non è stata in grado di spazzare via (cosa che invece hanno fatto tutti gli altri otto). La lista è lunga, ma evidentemente le scelte fatte in seno al Congresso si basano su altre priorità.
Nella delibera si legge infatti che "il dottor Tombaugh è fino ad oggi l'unico nativo dell'Illinois e l'unico Statunitense ad aver mai scoperto un pianeta": questioni di orgoglio nazionale, dunque. Chissà cosa penseranno al riguardo, invece, tutti quegli scienziati con passaporto a stelle e strisce che hanno già nel loro curriculum la scoperta di un pianeta o di un planetoide dentro e fuori il Sistema Solare. Il loro numero, tra l'altro, è destinato ad aumentare ora che in orbita sta assestandosi anche Kepler: il nuovo telescopio spaziale della NASA che avrà il compito di setacciare una zona specifica del cielo alla ricerca di altri pianeti nati attorno a stelle simili al nostro Sole.
24 Commenti alla Notizia Plutone Ŕ un pianeta? Troviamone altri
Ordina
  • Si va bene, sarei d'accordo con la riclassificazione a pianeta di Plutone, ma perchè occorre un giorno per festeggiarlo? E perchè il 13 marzo? Io sono dei Pesci e non ce lo voglio questo pianeta nel mio segno, perchè notoriamente porta sfiga.
    non+autenticato
  • Plutone e' piu' piccolo della nostra Luna e ha un satellite di poco piu' piccolo di lui, tanto che il detto satellite non orbita propriamente attorno al "pianeta" che viene spostato dal suo asse in continuazione attratto del suo stesso satellite.

    Vero anche che la fuori gironzola massi e roccie ben piu' grandi di plutone ma che cmq non vengono definiti pianeti.
    non+autenticato
  • > Plutone e' piu' piccolo della nostra Luna e ha un
    > satellite di poco piu' piccolo di lui, tanto che
    > il detto satellite non orbita propriamente
    > attorno al "pianeta" che viene spostato dal suo
    > asse in continuazione attratto del suo stesso
    > satellite.

    Se e` per quello, tutti i sistemi pianeta-satellite hanno un centro di rotazione comune che non coincide col centro del corpo maggiore. Insomma, anche la Terra viene spostata un po' dalla stazione spaziale internazionale. Nel caso di Plutone-Caronte la particolarita` a cui ti riferisci e` che il baricentro e` fisicamente fuori da Plutone, ma non e` neanche quello un modo conveniente di declassarlo dallo status di pianeta, se no, per converso, tutti i corpi che non hanno satelliti e che orbitano attorno al Sole, piccoli asteroidi inclusi, sarebbero pianeti.

    > Vero anche che la fuori gironzola massi e roccie
    > ben piu' grandi di plutone ma che cmq non vengono
    > definiti
    > pianeti.

    Ma no, tutti quelli "ben piu` grandi" sono considerati pianeti; il problema si e` posto quando nella fascia di Kuiper sono stati scoperti oggetti paragonabili a Plutone o leggermente piu` grandi, percorrenti orbite non molto diverse, per eccentricita` e inclinazione sull'eclittica, da quella di Plutone stesso. Essendoci insomma un bel po' di oggetti simili per massa e per caratteristiche dell'orbita, e dato che probabilmente molti di piu` ne saranno scoperti nel prossimo futuro, a Plutone non e` rimasto molto per distinguersi significativamente, se non la data della scoperta e il fatto che tradizionalmente fosse considerato un pianeta.

    Credo che in fondo agli astronomi non importi molto come lo si classifichi, comunque. Al massimo vorrebbero evitare di affollare l'elenco dei pianeti del sistema solare con un gran numero di oggetti, per il resto l'interesse per Plutone non cala ne` aumenta.
  • Come da oggetto.
    non+autenticato
  • Se ho bene inteso e' solo per l'Illinois che Plutone e' tornato ad essere un pianeta, vero?

    Per tutti gli altri vale la catalogazione dello IAU.

    Ho capito bene?
  • - Scritto da: panda rossa
    > Se ho bene inteso e' solo per l'Illinois che
    > Plutone e' tornato ad essere un pianeta,
    > vero?
    >
    > Per tutti gli altri vale la catalogazione dello
    > IAU.
    >
    > Ho capito bene?

    Sì. Adesso aspettiamo la delibera dello IAU che declassa lo stato dell'Illinois a "stato nano" ... Sorride
  • ... pretende che nelle scuole pubbliche l'insegnamento della Bibbia (Genesi) abbia lo stesso status scientifico dell'Evoluzionismo Darwiniano?
    Bah!
    non+autenticato
  • - Scritto da: attonito
    > ... pretende che nelle scuole pubbliche
    > l'insegnamento della Bibbia (Genesi) abbia lo
    > stesso status scientifico dell'Evoluzionismo
    > Darwiniano?
    > Bah!


    Hai detto tutto!!
    non+autenticato
  • - Scritto da: attonito
    > ... pretende che nelle scuole pubbliche
    > l'insegnamento della Bibbia (Genesi) abbia lo
    > stesso status scientifico dell'Evoluzionismo
    > Darwiniano?
    > Bah!

    Probabilmente da un punto di vista scientifco laico non è corretto pretendere l'insegnamento della Genesi, ma è altrettanto sbagliato spacciare per scienza l'evoluzionismo che rimane una semplice teoria, peraltro in contrasto con i principi della termodinamica.

    My 2 cents
    non+autenticato
  • L'evoluzione è realtà, è come avviene l'evoluzione che è "teoria"...
    non+autenticato
  • > spacciare per scienza l'evoluzionismo che rimane
    > una semplice teoria, peraltro in contrasto con i
    > principi della termodinamica.

    dove lo vedi il contrasto con i
    principi della termodinamica?
    non+autenticato
  • L'evoluzionismo e' nato come teoria ma ormai da decenni e' stato confermato da vari riscontri scientifici.

    La genetica ha contribuito notevolmente a confermare la teoria dell'evoluzionismo e farla diventare una vera e propria legge.

    Anche a me sfugge il legame con la termodinamica...

    Saluti
    non+autenticato
  • Secondo il secondo principio della termodinamica ogni sistema chiuso si evolve naturalmente verso il disordine (l'entropia può solo aumentare), così si presume che l'evoluzione - un processo che porta verso una maggiore complessità biologica - contraddica appunto questo benedetto principio della termodinamica.

    Tuttavia il principio stesso vale per un sistema CHIUSO. L'aumento dell'entropia va calcolato su un sistema ampio quanto l'universo, e niente impedisce che localmente e temporaneamente, un sistema possa diventare più complesso. (Altrimenti, a causa del secondo principio della termodinamica, sarebbe anche impossibile rassettare la cucina...)
    non+autenticato
  • - Scritto da: H D
    > Secondo il secondo principio della termodinamica
    > ogni sistema chiuso si evolve naturalmente verso
    > il disordine (l'entropia può solo aumentare),
    no, sbagliato, in un sistema isolato a seguito di una trasformazione interna l'entropia finale è maggiore o uguale a quella precedente, può restare dunque costante.

    > così si presume che l'evoluzione - un processo
    > che porta verso una maggiore complessità
    > biologica - contraddica appunto questo benedetto
    > principio della termodinamica.
    L'entropia si misura come il volume dello spazio delle fasi (semplificando q e v). un calcolo biologico è straordinariamente complesso e non farei questa affermazione con tanta leggerezza.
    comunque complessità ed entropia sono due cose diverse.
    >
    > Tuttavia il principio stesso vale per un sistema
    > CHIUSO. L'aumento dell'entropia va calcolato su
    > un sistema ampio quanto l'universo, e niente
    > impedisce che localmente e temporaneamente, un
    > sistema possa diventare più complesso.

    questo è vero (ma più entropico e non più complesso)
  • >Probabilmente da un punto di vista scientifco laico non è >corretto pretendere l'insegnamento della Genesi, ma è >altrettanto sbagliato spacciare per scienza l'evoluzionismo >che rimane una semplice teoria, peraltro in contrasto con i >principi della termodinamica.

    Punto 1)
    Tutte le scienze dure che non siano la matematica hanno delle teorie che durano finche' non vengono smantellate dalla teoria seguente. Non e' la nostra conoscenza che qualifica o meno una scienza ma l'adeguarsi delle teorie alla realta' misurata. Dire che l'evoluzionismo e' una semplice teoria e pertanto non e' scienza e' semplicemente errato. (se si desiderano certezze, in quanto contrapposte alle teoria allora bisognerebbe dedicarsi alla matematica oppure alla teologia. Nel suo caso credo che la teologia sarebbe la scelta migliore nonche' unica).

    Punto 2)
    Uno dei principi della scienza consiste nel fatto che chi dichiara un'asserzione deve anche portare contestualmente la prova della stessa. Sono curioso di sapere il motivo per il quale la teoria dell'evoluzione sarebbe in contrasto con i principi della termodinamica.
    non+autenticato
  • > peraltro in contrasto con i
    > principi della
    > termodinamica.

    Eh??

    > My 2 cents

    Meno male che erano solo 2 cents, figuriamoci un euro intero...
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)