Download/ Ma quale Dvd? Viva il VideoCD!

Basta un Cd da mezzo euro ed un masterizzatore comune per stipare più di un'ora di video, immagini e menu. Chi può darti di più? - Prima Parte

Roma - Il VideoCd è un formato standard sviluppato da Philips con scarso successo una decina di anni fa ed oggi soppiantato completamente dal Dvd per la visualizzazione di video su dischetti. Ma allora perché parlarne, e perché i più diffusi programmi di masterizzazione di Cd "domestici" (EasyCd, Nero, WinOnCd etc) consentono di creare Cd in questo formato? Forse perchè il VideoCd, di qualità audio e video superiore al Vhs (ma inferiore al SVhs, all'Hi8 e ovviamente al Dvd) ha il pregio di poter essere visto su qualsiasi Pc anche non recentissimo, e su qualsiasi lettore Dvd casalingo capace di leggere i Cd registrabili.. che possono essere registrati con minima spesa e attrezzatura.

Se il PC è dotato di lettore DVD si può leggere comodamente il VideoCd con lo stesso software che legge i Dvd (PowerDvd ad esempio) oltre che con il MediaPlayer di sistema.
I VideoCd sono anche "multipiattaforma" nel senso che anche un utente Apple può leggere, o creare, cd video leggibili e scambiabili con altri utenti di altri sistemi e viceversa, senza perdersi nel dedalo dei formati QuickTime, Avi, Divx...

Il visualizzatore QuickTime su MacOs visualizza i filmati presenti sul VideoCd, ed esistono comunque programmini freeware e shareware per visualizzare i dorati dischetti video economici.

VideoCd e non Dvd, dunque, anche perchè per creare un VideoCd è sufficiente un masterizzatore qualsiasi ed il programma di masterizzazione che solitamente viene fornito con l'hardware. Il supporto vergine costa solo poche manciate di eurocent e se il filmato di partenza non è di alta qualità (ad esempio una vecchia videoregistrazione) il formato VideoCd è sufficiente per conservarlo e renderlo accessibile anche con nuovi dispositivi (lettori Dvd e Pc).

Con una scheda di acquisizione da qualche decina d'euro, infatti, è possibile con poco impegno riversare vecchie videocassette preservandole dal tempo e mantenendone vivi i colori ed i suoni. Oppure è possibile creare dei VideoCd con raccolte di video ed immagini trovate in rete, e persino di filmati Flash per allietare amici e parenti.
Il VideoCD può anche contenere un "menu" di scelta, per accedere velocemente ad un particolare filmato contenuto nella raccolta.

Il VCD è uno standard, il che significa che per crearne uno bisogna rispettare delle specifiche per il formato del video (MPEG 352 pixel per 288, 25 fotogrammi al secondo) e per l'audio (16 bit, 44100Hz). Esistono numerosi programmini che consentono di convertire video, immagini e animazioni in video "formato Vcd" pronti per essere masterizzati, o che consentono di manipolare i video MPEG. Eccone alcuni.