Alessandro Del Rosso

Cisco si getta anima e corpo sui server

Un colosso apparentemente immune alla crisi decide di allargare il suo bacino di affari. E si pone come obiettivo la riunificazione in un solo prodotto di tutto quello che si può in un data center

Roma - Grazie alla solidità del proprio core business, che finora le ha permesso di attraversare l'attuale crisi economica senza grossi scossoni, Cisco è una delle poche aziende della Silicon Valley a lanciare una strategia tutta tesa all'attacco. Con la piattaforma Unified Computing System (UCS), annunciata nei giorni scorsi, il colosso americano del networking ha introdotto una nuova serie di prodotti con i quali intende aggredire un mercato per lei nuovo come quello dei server aziendali.

Indirizzata ai data center, UCS comprende dispositivi hardware, applicazioni e tecnologie software con cui Cisco vuole unificare alcune tra le principali risorse IT aziendali, quali computing, networking, storage e virtualizzazione. L'obiettivo è quello di offrire alle medie e grandi aziende una soluzione all-in-one capace di "ridurre drasticamente" - come afferma Cisco - il numero di dispositivi che richiedono manutenzione, gestione, raffreddamento ed energia elettrica.

UCS fornisce anche strumenti capaci di semplificare la gestione e il movimento delle macchine virtuali tra i vari server fisici: uno dei componenti più importanti è rappresentato dalla tecnologia VN-Link, che consente agli amministratori di configurare e gestire le connessioni di rete indipendentemente dal fatto che il server sia fisico o virtuale.
Cisco afferma che la sua piattaforma consente di realizzare "la virtualizzazione trasparente", dove le macchine virtuali possono essere spostate da un server all'altro senza la necessità di riconfigurare alcunché, e dove sistemi fisici e virtuali possono essere gestiti da una singola console insieme a storage, rete ecc.

"Collegare un server in rete e scoprire che... non succede nulla", ha spiegato Cisco. "UCS sta cercando di cambiare questa situazione con l'auto rilevamento dei device, la rimozione di inutili switching e sistemi di gestione, e un'architettura realmente unificata".

Il cuore di UCS è rappresentato dai blade server UCS-B-Series, prima noti con il nome in codice Project California, basati sui nuovi processori Xeon Nehalem di Intel e su una architettura "scalabile e modulare" che secondo Cisco "permette di gestire fino a 320 server fisici e centinaia di macchine virtuali come un singolo sistema".

Pescando dal suo grande know how nel settore delle appliance di rete, Cisco ha progettato tali server in modo simile ad una appliance: altamente integrati, e capaci di fornire computing, storage e networking in un singolo rack, gli UCS-B promettono di consumare meno spazio ed energia rispetto ad un blade server tradizionale e di ridurre la complessità e i costi legati alla gestione dei sistemi.

Più nel dettaglio, i server di Cisco forniscono connettività di rete 10 Gigabit Ethernet con funzionalità di switching; protocolli di rete Fibre Channel, Fibre Channel over Ethernet e iSCSI per l'accesso a SAN e NAS; software di virtualizzazione; e UCS Manager, un'applicazione che consente di amministrare in modo centralizzato ogni aspetto del sistema via GUI, linea di comando o API.


Cisco sa bene che quello enterprise è un settore dove si riesce a sopravvivere solo intrecciando solidi rapporti di collaborazione e interoperabilità con gli altri fornitori di tecnologia. Per UCS la società californiana ha stretto partnership con aziende come Microsoft, Red Hat, Accenture, Oracle, NetApp, VMware e EMC. Come riportato da Betanews, Accenture collaborerà con Cisco su quattro aree: le applicazioni enterprise, ed in particolare ERP e SAP; il consolidamento dei data center; l'elaborazione avanzata con uso intensivo della memoria; e il cloud computing.

Con Microsoft, invece, il gigante dei router ha firmato un accordo che le consentirà di confezionare e rivendere Windows Server 2003, Windows Server 2008 con Hyper-V e SQL Server 2008, fornendo anche servizi di supporto. Sempre secondo Betanews, le due società starebbero anche lavorando per integrare MS System Center nella soluzione di Cisco.

Partner chiavi di Cisco per le soluzioni di storage sono EMC e NetApp. La prima ha già annunciato una soluzione per Exchange basata su UCS, la seconda ha collaborato con Cisco all'integrazione di UCS con la propria architettura di storage unificata, capace di supportare tutte le principali interfacce di rete, di fornire un sistema di gestione basato su policy e di virtualizzare ogni aspetto dell'archiviazione dati.

Le tecnologie di virtualizzazione supportate da UCS saranno dunque almeno due: Hyper-V di Microsoft e ESX Server di VMware. Ma le partnership con Red Hat e Novell suggeriscono che Cisco potrebbe abbracciare gli hypervisor integrati da queste ultime nelle rispettive piattaforme Linux.

La mossa di Cisco appare un attacco frontale a leader storici del mercato server come HP, IBM e Dell, ma Michelle Bailey, analista di mercato presso IDC, afferma che per il momento Cisco sembra puntare ad un target di nicchia, composto in larga parte da aziende di dimensioni molto grandi disposte ad investire in reti Ethernet a 10 Gigabit e nel consolidamento dei propri data center. Lo stesso CEO di Cisco, John Chambers, ha sottolineato che nutre ben poco interesse verso il mercato dei server mainstream: il suo obiettivo è piuttosto quello di estendere il proprio ecosistema di servizi e tecnologie enterprise, puntellando la sua preesistente piattaforma di networking e comunicazione.

Chambers sostiene inoltre che UCS rappresenti la più importante mossa commerciale di Cisco da quando l'azienda, nel lontano 1993, ha affiancato il business degli switch a quello dei router.

La commercializzazione delle prime soluzioni UCS è prevista per maggio.

Alessandro Del Rosso
24 Commenti alla Notizia Cisco si getta anima e corpo sui server
Ordina
  • Ho visto che anche Sun ha a listino server dedicati
    alla virtualizzazione: qualcuno ne fa uso?
    non+autenticato
  • - Scritto da: xxxxxxxxxx
    > Ho visto che anche Sun ha a listino server
    > dedicati
    > alla virtualizzazione: qualcuno ne fa uso?

    Tutto il mondo fa uso di Sun da secoli, IBM ed HP cercano di tenere il passo.

    Cisco li sta facendo impaurire tuttiOcchiolino Ovviamente questo catenaccio di Cisco funzionerá come si deve fra 24 mesi.
    non+autenticato
  • - Scritto da: xxxxxxxxxx
    > Ho visto che anche Sun ha a listino server
    > dedicati

    Forse il confronto fra listini non servirà più http://online.wsj.com/article/SB123735970806267921...
    Teo_
    2663
  • Ecco, questo e' un'altro notizione di quelli col botto!

    Anche se mi sarei aspettato di piu' una fusione Sun/Oracle..
  • Azzo. Se va in porto diventa una mega azienda. Chi li ferma più?
    non+autenticato
  • - Scritto da: lufo88
    > Azzo. Se va in porto diventa una mega azienda.
    > Chi li ferma
    > più?

    Medioman!
    non+autenticato
  • quanto mi piacerebbe averne uno tra le mani..ma costeranno sicuramente un'occhio..anzi, due + naso + orecchie..
    non+autenticato
  • - Scritto da: pippuz
    > quanto mi piacerebbe averne uno tra le mani..ma
    > costeranno sicuramente un'occhio..anzi, due +
    > naso +
    > orecchie..

    Ma per favore.

    Non ho mai capito da dove venga tutto 'sto apprezzamento per cisco, vista la qualita' (haha) di IOS.

    Spero vivamente che 'sta robba nuova(?) l'abbiano fatta studiare da qualcuno che ne capisce.

    CYA
    non+autenticato
  • ..Allora dagli tu qualche consiglio utile per migliorare la piattaforma, visto che affermi che sono ignoranti in quel campo...

    Cisco è SEMPRE stata sinonimo di qualità ad altissimi livelli, peccato però per i suoi prezzi stratosferici che a volte sono veramente fuori norma.

    Un elogio anche alla loro strategia di marketing, sono i migliori al mondoSorride))

    cià
    non+autenticato
  • C'è poco da fare: Cisco "regge" il mondo.
    Avete idea di quanti router dimenticati ed impolverati continuino a funzionare in migliaia di sgabuzzini sparsi per il mondo, senza manutenzione e senza controllo?
    Certo, la politica di rilascio delle versioni di IOS è semplicemente ridicola; i prezzi di certe cose, invece, più che ridere, fanno piangere!
    non+autenticato
  • - Scritto da: z f k
    > Non ho mai capito da dove venga tutto 'sto
    > apprezzamento per cisco, vista la qualita' (haha)
    > di
    > IOS.

    Non ho capitio perché la gente ignorante come te parla, questo tuo post ridicolo avrá attraversato almeno 8 Cisco con IOS prima di arrivare ad insozzare PI.
    non+autenticato
  • Sono di parte, lo ammetto, comunque vorrei motivassi la tua affermazione altrimenti sei solo un trolletto da 4 soldi.
    non+autenticato
  • mi accodo: ovvio che non siano perfetti, ma cisco e un po' dopo 3com sono leader non per rendita di posizione tipo MS, ma perché la qualità è obbiettivamente più alta
    Quanto ai prezzi quindi, sono alti, ma non disonesti.
    non+autenticato
  • - Scritto da: 01234
    > mi accodo: ovvio che non siano perfetti, ma cisco

    Cisco é il top, non si puó cercare la perfezione se non c´é un prodotto migliore a cui paragonarlo.

    Solo Juniper puó tenere il passo e, guardacaso, é nata da ex dipendenti Cisco.

    > e un po' dopo 3com

    La 3com fa scatolotti RIDICOLI.

    L´HP cerca di mantenere qualche costola che funzioni dopo l´abbandono da parte di Cisco.

    > Quanto ai prezzi quindi, sono alti, ma non
    > disonesti.

    I prezzi sono ovviamente assurdi, ma il payback é di pochi mesi, poi c´é tutto il guadagno mostruoso NETTO che gli ISP hanno.
    non+autenticato
  • Lavoro nello stabilimento + schifoso del mondo, in quanto ad inquinamento dell'aria.
    Credetemi il + schifoso.
    Con la rete abbiamo avuto problemi dovuti a un sistema operativo famosissimo ma non con i router cisco.
    E dentro ci finisce di tutto.
    Parlo di svariate migliaia di macchine in rete.
    non+autenticato
  • mi pare che stai dicendo le stesse cose che dico io Sorride

    sul "ridicoli" di 3com, mah...non sarei così categorico...ma ognuno ovviamente ha le proprie idee e eventualmente le proprie esperienze...

    così come sull'assurdità dei prezzi, che peraltro neghi dicendo che appunto il payback è breve...

    ah che bella la grinta della Cioventù...A bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: 01234
    > mi pare che stai dicendo le stesse cose che dico
    > io Sorride
    >
    >
    > sul "ridicoli" di 3com, mah...non sarei così
    > categorico...ma ognuno ovviamente ha le proprie
    > idee e eventualmente le proprie
    > esperienze...

    Non tutti possono essere CCIE, qualcuno si peróOcchiolino

    > così come sull'assurdità dei prezzi, che peraltro
    > neghi dicendo che appunto il payback è
    > breve...
    >
    > ah che bella la grinta della Cioventù...A bocca aperta

    Che tristezza che mi fai, ho capito che PI é patria di ignoranza ma se incroci qualcuno che fa questo di mestiere abbassa la testa.
    non+autenticato