Il worm punisce le Poste Italiane

Clamorosa l'ammissione dell'ente postale secondo cui SQL Slammer Ŕ riuscito a portare al blocco di fatto dei 14mila sportelli sul territorio. La Polizia Postale: nei guai chi non ha seguito le nostre istruzioni rilasciate domenica

Roma - Ore di confusione alle Poste Italiane lunedý mattina, un periodo nel quale l'efficacia del worm SQL Slammer si Ŕ palesata sull'infrastruttura telematica dell'ente postale che ha ammesso di aver subito un attacco senza precedenti.

Secondo i responsabili delle Poste, il worm avrebbe portato ad un "blocco di fatto" dell'operativitÓ dei 14mila sportelli dell'ente sul territorio.

Ci˛ che stupisce, naturalmente, Ŕ il fatto che i server della rete postale colpiti dal worm abbiano potuto essere protetti contro l'azione rallentatrice e intasatrice di SQL Slammer soltanto ad uffici aperti. Il worm, infatti, Ŕ stato attivo in Italia fin da sabato pomeriggio e giÓ domenica mattina la Polizia Postale aveva diramato una nota in cui indicava tutte le procedure da seguire per aggiornare i server e impedire il propagarsi del worm. La patch necessaria era peraltro disponibile da mesi.
Una situazione, dunque, che sembra stridere con i contenuti di una nota diramata dalle Poste nella quale si afferma che l'azienda, non appena emerso il problema, ha immediatamente attivato tutte le misure necessarie per proteggere la propria infrastruttura. Stando alla nota, peraltro, non vi sarebbero stati problemi nÚ per i pagamenti di conti correnti nÚ delle pensioni.

Nel dettaglio pare che alle 11,30 di lunedý mattina ancora 5mila sportelli non erano ancora sotto "l'ombrello di protezione" della squadra di tecnici che ha lavorato per tutta la giornata cercando di riportare la normalitÓ nella rete telematica.

Della situazione alle Poste se n'Ŕ occupata anche la Polizia Postale. "Una vicenda - ha dichiarato Filippo Ninni, dirigente della Polpost milanese - che abbiamo seguito da vicino e che ha creato problemi non solo agli utenti ma anche ad alcuni dipendenti, rimasti senza stipendio, visto che lunedý era il 27".

Le ultime sul worm, comunque, che a quanto pare ha colpito anche alcuni server Microsoft, sono relative alla caccia all'untore: la polizia della Corea del Sud, uno dei paesi pi¨ colpiti da SQL Slammer, sembra convinta che gli autori del worm potrebbero essere cinesi di Hong Kong. Sulla cosa stanno investigando naturalmente le polizie specializzate di mezzo mondo.
TAG: sicurezza
185 Commenti alla Notizia Il worm punisce le Poste Italiane
Ordina
  • Ho letto quest'oggi il Resto del Carlino, quotidiano tipico della mia zona, l'emila, in cui si citava per l'appunto il danno fatto alle posto da quest'ultimo virus e nell'articolo
    gli venive attribuito il molto più simpatico nome

    SQ Hell

    A bocca apertaD
    non+autenticato
  • > gli venive attribuito il molto più simpatico
    > nome
    >
    > SQ Hell

    Annoiato Yawn!

    Almeno prenditi 2 minuti per leggerti il thread
    A bocca aperta

    Quasi tute le testate ed i telegiornali gli hanno
    dato quel nome
    non+autenticato
  • Della serie: facciamo disinformazione.

    Ma chi e' che si inventa delle simili ciafanate, nei media cosidetti "tradizionali"? Poi si lamentano se sono in crisi perche' non vendono giornali: per forza! Sparano 'sti sfondoni!Sorride)))))))

    Per me e' da "Virgolette".


    - Scritto da: Anonimo
    > > gli venive attribuito il molto più
    > simpatico
    > > nome
    > >
    > > SQ Hell
    >
    > Annoiato Yawn!
    >
    > Almeno prenditi 2 minuti per leggerti il
    > thread
    > A bocca aperta
    >
    > Quasi tute le testate ed i telegiornali gli
    > hanno
    > dato quel nome
    non+autenticato
  • 1) Posso capire la pigrizia,
    2) posso comprendere la mancanza di prevenzione a causa di mancanza di fondi,
    3) sforzandomi all'eccesso posso comprendere il dolce far nulla quando non si sa nulla e nulla e' successo.
    Mi vergogno di essere cittadino di un paese i cui servizi pubblici (leggi PT), a fatti avvenuti, a bollettino diramato dalla Polizia Postale, non abbia fatto nulla attendendo di essere colpito...
    In definitiva non meritiamo di essere chiamati Italiani bensi' Itagliani si addice maggiormente...
    Ed allora tutti assieme: ITAGLIANI VERGOGNA!!!
    non+autenticato
  • non è giusto.
    le poste italiane hanno evidentemente dei dirigenti che sono dei burosauri incompetenti: ben gli sta quello che è successo.

    Ma è solo un loro problema e di quelli come loro che pensano basti avere un tizio seduto sulla poltrona del responsabile sicurezza per far funzionare le cose.

    Non è detto che sia lo stesso per tutti gli italiani, anzi.
    non+autenticato
  • macchina win 98 aggiornata&patchata
    nelle proprietà internet "contenuti" blocco completamente alla macchina la facoltà di navigare
    la faccio collegare ad internet (non in locale, a internet)
    la prima volta che ho installato o aggiornato "exploder" mi si collega all'indirizzo
    http://runonce.msn.com/it/runonce.asp
    ma anche se provo a collegarmi a www.microsoft.com ottengo accesso alle pagine di quel server (ripeto, non sto navigando in locale, anche se avessi a mia insaputa un mirror del sito nel kernel di windows non si spiegherebbe perchè se stacco il modem la navigazione si blocca, no?)
    ok, inquietante: perchè uno strumento che dice di fare una cosa non la fa? perchè non posso visitare bsd.org? freshmeat? google? kernel.org? e invece posso visitare microsoft.com? (per gli utonti, non sono pagine fuori linea, salvate in locale, so dove vanno a finire... e tra l'altro ho avuto la sfortuna di provarlo proprio su una macchina vergina appena installata e patchata dopo una bella formattazione da dos!)

    però la seconda parte del discorso, almeno con un proxy semiserio con dominio non l'ho vista succedere, se l'utente non ha diritti di accesso ad internet il proxy non lo lascia chiamare e mi trovo davanti ad una richiesta di autenticazione anche davanti ai due casi presentati.

    cmq la gravità del fatto segnalato resta, almeno per l'utente singolo che non passa attraverso un dominio... sono curioso di provarlo su un sistema meno obsoleto, tipo 2k o xp.
    se qualcuno ha proato in questo senso mi stimolerebbe saperlo!
    Grassie e non scannatevi (le mosche dal loro punto di vista hanno ragione, ma non mi farei invitare a cena da una mosca!)
    non+autenticato
  • Ok e' stato un atto di vandalismo...
    Ma in un giorno le cose si sono risolte, perche' tutte queste polemiche?

    Qualcuno ha voluto rompere? Ok si riaggiusta e si riparte!!

    Responsabilita' di chi? Sul software MS si trova la dicitura che si acquista il prodotto lo utilizza a proprio rischio e se la cosa non piace allora puo' fare a meno di comprarlo.
    non+autenticato
  • Ma...
    vabbè, lasciamo stare, mi appari un po' distratto...

    Ogni sistema informativo ha una o più persone addetti alla sicurezza dello stesso. Non posso credere che le Poste Italiane non abbiano tali risorse. E se le hanno, queste hanno sbagliato avendo a disposizione una patch da domenica e non avendola applicata per tempo. Ecco di chi sono le responsabilità.

    Quanto alla gravità o meno, beh... un sistema importante come quello delle P.I. paralizzato per una giornata non mi sembra una passeggiata di salute, comunque.. vedi tu.
    non+autenticato
  • Ancora stamattina gli sportelli delle poste della mia città (Canelli AT) erano out. Vedi un po' tu se non e' una cosa grave.
    non+autenticato
  • Passi chiamare il virus SQL ieri sera.
    Passi richiamare il virus SQL stamattina.
    Ma cribbio, che a ora di pranzo, il TG1 faccia vedere con tanto di grafico le modalità di diffusione del virus "SQHELL" mi sembra davvero vergognoso!!

    Ma dove le prendono le notizie? Esiste qualcuno che viene pagato per le sue competenze tecniche oppure e sufficiente sapere che esiste internèt (giacchè spesso la chiamano così...)??

    Mah.. lo so, in questo periodo ne succedono di più gravi, però, nel suo piccolo, questa incompetenza ad alto livello, così sguaiata e ripetuta, mi sembra una cosa sottolineare...
    non+autenticato
  • > Ma dove le prendono le notizie? Esiste
    > qualcuno che viene pagato per le sue
    > competenze tecniche oppure e sufficiente
    > sapere che esiste internèt (giacchè spesso
    > la chiamano così...)??

    Gia'.....

    > Mah.. lo so, in questo periodo ne succedono
    > di più gravi, però, nel suo piccolo, questa
    > incompetenza ad alto livello, così sguaiata
    > e ripetuta, mi sembra una cosa
    > sottolineare...

    Secondo me invece e' piuttosto grave, chissa'
    quante boiate spacciano in altri settori dei
    quali magari mi interesso poco (storia politica
    ad esempio).

    Il problema e' che i media sono in mano a loro,
    sara' ben difficile evidenziare il problema.
    non+autenticato
  • ..stavo pensando di scrivere a Striscia la Notizia.. per la serie "strafalcioni"..

    > Secondo me invece e' piuttosto grave, chissa'
    > quante boiate spacciano in altri settori dei
    > quali magari mi interesso poco (storia
    > politica
    > ad esempio).
    >
    > Il problema e' che i media sono in mano a
    > loro,
    > sara' ben difficile evidenziare il problema.
    non+autenticato
  • > ..stavo pensando di scrivere a Striscia la
    > Notizia.. per la serie "strafalcioni"..

    STAFFFEEEEELLLLIIIIIIIIIIIIII
    non+autenticato
  • Già fatto, ma non sarò certo l'unico, ne sono sicuro.
  • Il problema è lo svilimento della professione di giornalista.
    Nel settore "tecnologico" lo si nota di più, ma ora come ora la maggior parte dei giornalisti in Italia si distinguono per l'enorme grado di approssimazione tecnica, per la forma mentis sclerotizzata che porta a trattare tutte le notizie secondo clichè e luoghi comuni bisunti, rinunciando attivamente anche a quel poco di spirito critico che le linee editoriali ancora tollerano... e per la traballante padronanza della lingua che porta non tanto a errori ortografici o di consecutio temporum (che se vogliamo dovrebbero essere imputati ai correttori), quando all'avventurarsi in costruzioni sintattiche che fanno a pugni con l'italiano. Non parliamo poi della cultura generale o della conoscenza delle lingue straniere...
    Ci sono ovviamente un sacco di eccezioni, anche perchè il giornalismo nella sua più alta accezione è una professione civilmente molto importante, portata avanti da molti bravissimi professionisti, spesso freelance o appartenenti a testate poco diffuse...

    Cmq, io ho frequentato il primo anno di Scienze della Comunicazione, 3 o 4 anni fa, e me ne sono andato inorridito.
    Se penso alla trivialità di quel corso di studi, e alla superficialità della maggior parte degli studenti che lo frequenta... non credo che nel campo dell'editoria, del giornalismo e della comunicazione in genere vedremo grandi innalzamenti degli standard nei prossimi anni...
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | Successiva
(pagina 1/5 - 23 discussioni)