Alfonso Maruccia

I nanocavi energizzanti alimentano tutto

La nanotecnologia prova a sfruttare il movimento del corpo, il vento o persino lo scorrere del sangue nei tessuti umani per generare elettricità. Obiettivo: ricaricare l'iPod di domani anche sul campo di battaglia

Roma - Il professor Zhong Lin Wang torna a parlare dei suoi nanocavi all'ossido di zinco, presentandone una versione aggiornata e prevedendo possibilità di impiego da autentica fantascienza. La tecnologia, svelata già nel 2006 e andata via via raffinandosi nel corso di questi anni, consiste in filamenti piezoelettrici di dimensioni nanoscopiche, capaci di generare energia elettrica quando sottoposti a stress meccanici.

E per "stress meccanici" il professor Wang e colleghi intendono quel genere di stress che è capace di impattare su nanocavi dalle dimensioni migliaia di volte inferiori al diametro di un capello umano, vale a dire praticamente tutto dal flusso sanguigno nei tessuti umani al movimento del corpo, dal battito del cuore a una leggera folata di vento e così via.

"Messo in termini diretti, questa tecnologia può essere usata per generare energia in qualsiasi circostanza": così Wang presenta la sua ricerca in un meeting tenuto presso la American Chemical Society. Finanziato (tra gli altri) dal DARPA e dal Dipartimento per l'Energia, lo studio sui nanocavi piezoelettrici "avrà un impatto notevole sulle tecnologie della difesa, il monitoraggio ambientale, le scienze biomediche e persino l'elettronica personale" continua il professor Wang.
I nanocavi possono essere innestati su superfici metalliche, sulla ceramica, sui polimeri e i vestiti, ed essendoci di mezzo il DARPA i ricercatori mettono tra i primi campi di applicazione quello militare, con la possibilità di caricare i dispositivi elettronici in uso alle truppe mentre queste sono operative sul campo di battaglia.

E se la prospettiva di farsi installare biosensori sotto la pelle (ovviamente dotati dei nanocavi di cui sopra) o ricaricare l'iPod semplicemente camminando stuzzicherà più di qualcuno, l'applicazione pratica della tecnologia a prodotti commerciali si farà attendere un periodo di tempo non meglio specificato.

Alfonso Maruccia
17 Commenti alla Notizia I nanocavi energizzanti alimentano tutto
Ordina
  • "si farà attendere un periodo di tempo non meglio specificato."
    Ovvio. Maruccia, ecche', pubblichiamo articoli con date certe? MAI!
    Devo dire che, alla fine, il tuo stile da Novella 3000 comincia a piacermi: cialtronesco, una simpatica canaglia a cui si potrebbe anche offrire una birra. Ti leggo sempre qunado voglio svagarmi un po'.
    (ma cassa lo stess il post, eh?)
    non+autenticato
  • A parte che io personalmente non ho alcun potere di "censura" sulle discussioni alle news, sono contento che il mio stile "cialtronesco" ti piaccia.

    La prossima volta, per farti svagare ancor di più, le "date certe" me le inventerò di sana pianta anche quando non le so, così, per tuo puro ed esclusivo diletto Con la lingua fuori

    P.S.Avessi avuto i succitati poteri di "censura" (tipo come sul mio blog), nel caso non lo avrei fatto comunque: mi è stato detto di molto peggio, e il tuo commento mi pare alquanto innocuo rispetto agli standard a cui sono abituato Con la lingua fuori
  • - Scritto da: Alfonso Maruccia
    > A parte che io personalmente non ho alcun potere
    > di "censura" sulle discussioni alle news, sono
    > contento che il mio stile "cialtronesco" ti
    > piaccia.

    ohibo', e allora chi brasa a manetta?

    > La prossima volta, per farti svagare ancor di
    > più, le "date certe" me le inventerò di sana
    > pianta anche quando non le so, così, per tuo puro
    > ed esclusivo diletto Con la lingua fuori

    SERIAMENTE: io aprezzerei, magari qualche articolo MENO frequente, ma con dei dati certi. Mi dispiace vedere articoli tecnofuffa che lasciano il tempo che trovano. Sono dei riempitivi di pagine, buoni come Novella 3000 e non per il Corriere della Sera, per intenderci.
    Se invece si vuole mantenere lo "stile" Voyager (la mitica trasmissione RAI che immancabilmente mischia templari, area 51, le piramidi, gli ufo, etc etc) solo per fare spettacolo, ah, va bene: capisco la necessita' di fare volume per soddisfare chi compra spazi pubblicitari, ma un minimo di deontologia professionale e di rispetto per il lettore, CREDO IO, sarebbe da mantenere.

    > P.S.Avessi avuto i succitati poteri di "censura"
    > (tipo come sul mio blog), nel caso non lo avrei
    > fatto comunque: mi è stato detto di molto peggio,
    > e il tuo commento mi pare alquanto innocuo
    > rispetto agli standard a cui sono abituato
    > Con la lingua fuori
    forse perche' la credibilita' dei testi e' in calo da molti mesi e tendente asintoticamente a zero?
    Ti prego, TI PREGO, fai un cappero di articolo dicendo: "IERI e' stato presentato il prodotto X, bla bla bla" e non il solito "forse, dicono, non si sa, in un non meglio specificato giorno del medio futuro, ricercatori del MIT assicurano che verra' posto in commercio...."

    Sarebbe un shok bello e buono per me e, credo, per molti altri.
    Che sia la volta buona che mi richiedo su PI.

    Poi, ognuno e' libero di fare qeul che gli pare: per mio conto, ho gia' bloccato tutte le pubblicita' che compaiono su PI.
    non+autenticato
  • il commento di attonito mi sembra fuori luogo.

    l'obiettivo di un sito di questo tipo è di pescare news interessanti dal mondo, news già esistenti che girano in internet, nel più breve tempo possibile, e proporle al pubblico italiano.

    una news di questo tipo ci può stare, rientra nello stile di altri siti tipo engadget.com ai quali PI sicuramente si ispira

    saluti
    non+autenticato
  • > una news di questo tipo ci può stare, rientra
    > nello stile di altri siti tipo engadget.com ai
    > quali PI sicuramente si ispira.
    Una si, sempre, no.
    non+autenticato
  • quoto. E adblock plus fa il suo porco lavoro contro gli sponsorA bocca aperta
    non+autenticato
  • Non accettare quello che "potrebbe essere possibile" è una mentalità anti-cientifica.
    Ma talvolta come in questo caso non si è disposti a credere neanche quando vi sono basi scientifiche di laboratorio.
    Vi ricordo che i grandi scinziati sono spesso anche esoteristi, come lo è stato Leonardo Da Vinci ed Einstein.
    Domanda: "come mai costoro che credevano in "corbellerie" era anche scienziati"?
    Forse perchè quelle "corbellerie" non lo erano poi così tanto...corbellerie, ma bensì "tracce" di conoscenze molto più ampie di quelle che si è normalmente disposti a credere.
  • - Scritto da: ninjaverde
    > Non accettare quello che "potrebbe essere
    > possibile" è una mentalità
    > anti-cientifica.

    Non so disquisiva sull'affidabilita' delle IPOTESI degli scienziati, si disquisiva sulla FUMOSITA' degli articoli. Chiara la differenza?
    non+autenticato
  • Non voglio difendere PI che spesso e' genrico e impreciso su dati scientifici, ma se facessi una seria ricerca su questo tema, ti renderesti conto da solo che non e' possibile fornire della date certe sulla realizzazione di un prototipo scalabile ed industrializzabile. Siamo ad una fase iniziale di un campo di ricerca molto promettente.

    Poi leggiti i post dell'autore della ricerca http://www.gatech.edu/newsroom/release.html?id=227... . Egli stesso non dichiara date su eventuali applicazioni finite.
    non+autenticato
  • Credo che il tuo tono, caro attonito, i vocaboli e le parole che usi, siano talmente assurdi e fuori luogo che gli argomenti che porti diventano infine assolutamente irrilevanti.
    Se un argomento non ti interessa passa ad altro. Se un sito non ti interessa non frequentarlo, chi ti obbliga?

    Sai che ti dico? Che hai tutta l'aria di un povero provocatore livido d'invidia. Povero te.
    non+autenticato
  • Vogliamo smetterla di ficcare la parola iPod ovunque? Se vogliamo riferirci ai media player portatili chiamiamoli in altra maniera, oppure scriviamo ipod in minuscolo e magari tra virgolette se vogliamo indicare la categoria di prodotti anche se tirato per i capelli. Chiamare le cose col loro nome non è sbagliato, lo è volendo chiamarli a forza con un marchio commerciale per di più scritto con maiuscole e minuscole, si chiama pubblicità e accà nisciuno è fesso. Scrivere Walkman con la maiuscola è diverso dallo scrivere walkman, così come iPod è diverso da ipod. Come pure nell'articolo di un altra persona che parla di una console portatile simile alla PS2, a tutti i costi ci ha infilato più d'una volta iPhone e Apple che non ci azzeccano NULLA con una console portatile, per di più open. Mah!
    non+autenticato
  • L'iPhone c'entra eccome con le console portatili: Carmack ha appena fatto il porting di Wolfenstein 3D!
    non+autenticato
  • -.-' wow proprio un motore grafico stirato e innovativo, eh?
  • Stavo per scrivere lo stesso post. EBBASTA CON STI COSI!!

    MA LA APPLE VI PAGA PE FARE QUESTE PUBBLICITA'??? POSSIBILE CHE DOBBIATE INFILARLO OVUNQUE???


    NON VI RENDERE CONTO DI COME LA COSA POSSA RISULTARE UN TANTINELLO...SGRADEVOLE???

    ecchec***o!!!
    non+autenticato
  • Cioè... tutta sta ricerca e applicazione per..
    ricaricare un aggeggino da ficcare nelle orecchie tramite cuffiette e camminare come zombie?... (senza offesa per chi lo usa eh..)
    Ah certo adesso sì che si va verso la soluzione dei problemi ambientali...
    ufo1
    183
  • Si vedi che hai la fortuna di non dover viaggiare spesso in treno, oppure la pazienza di un santo per non annoiarti senza il conforto di un po' di musica! Usato in modo intelligente (e al volume giusto), un lettore mp3 è un oggetto tremendamente comodo.

    Detto questo, l'articolo si riferiva all'ipod *a titolo di esempio*. È ovvio che le applicazioni possibili di questa tecnologie sono infinite; la prima che mi viene in mente, suggerita dal riferimento al sangue nell'articolo, è un pacemaker che non abbia bisogno di cambio di batterie (o che abbia due sistemi di alimentazione contemporaneamente). Pensa a un mondo in cui piccoli oggetti elettronici che consumano poco (orologi, termometri, sensori...) si alimentano "da sè" grazie agli spostamenti d'aria. Francamente mi sembra una invenzione davvero degna di nota (se manterrà le promesse, naturalmente). Il tuo commento, invece, mi sembra decisamente poco lungimirante...
    non+autenticato
  • Basta leggere il kicker dell'articolo Perplesso