Giovanni Arata

Akamai: la banda è sempre più larga

Guidano i paesi asiatici, in particolare la Corea del Sud. In Europa la palma va alla Svezia. L'Italia arranca nelle posizioni di coda

Roma - La velocità media delle connessioni a banda larga continua a crescere in modo sostenuto in tutto il mondo. Merito del più ampio impiego di fibra ottica, DSL ad alta velocità nonché della nuova tecnologia DOCSIS 3.0. È quanto emerge dall'ultimo report Akamai sullo Stato di Internet, relativo al quarto trimestre 2008.

Akamai, il più grande network di content delivery del mondo, redige trimestralmente il report a partire dai dati di traffico dei suoi stessi clienti. Quella che ne scaturisce è una fotografia accurata (ancorché parziale) rispetto ai diversi aspetti che presiedono al funzionamento della rete.

Secondo il rapporto, la velocità media delle linee a banda larga si attesta nel mondo a 1,5 Mbps. Ma dietro tale dato aggregato si nascondono marcati scostamenti tra singole realtà territoriali. Nelle classifiche nazionali in materia, a farla da padrone è la Corea del Sud: il paese asiatico si piazza primo per velocità di connessione media - con linee che sfrecciano a 15Mbps- e secondo (dietro la Tunisia) quanto ad incidenza percentuale di utenze ad alta velocità, con il 94 per cento dei subrscriber che viaggiano al di sopra dei 2Mbps. Non se la cavano male neppure il Giappone (7 Mbps di velocità media, 90 per cento di connessioni "iperveloci") e Hong Kong (6,8 Mbps e 88 per cento di banda larga).
Non mancano altri spunti di interesse. Uno riguarda la crescita complessiva della rete Internet, che continua inarrestabile: gli IP unici registrati da Akamai alla fine del 2008 sono oltre 400 milioni, con una crescita del 6 per cento rispetto al terzo trimestre e del 28 per cento rispetto all'anno precedente.

Un altro dato concerne invece l'incidenza delle linee iperveloci rispetto alla popolazione complessiva del paese. In questa classifica, guidata ancora una volta dalla Corea del Sud (0,21 le connessioni high speed per abitante), fanno buona mostra di sé anche i paesi (nord)europei, con Svezia, Paesi Bassi e Danimarca rispettivamente al secondo, al quinto ed al sesto posto del ranking. Come a dire che a Stoccolma quasi un abitante su cinque può godere di connessioni internet ad altissima velocità.

E l'Italia? Per quanto riguarda il nostro paese, il rapporto racconta di una velocità media pari a 2,9 Mbps, con un'incidenza delle connessioni iperveloci pari al 5,9 per cento del totale. In Europa, di conseguenza, il Belpaese si classifica sedicesimo (su 19) in termini di velocità, e diciottesimo (su 19) per quanto concerne l'incidenza delle utenze high speed.

L'allargamento della base di connessioni broadband viene visto dagli addetti ai lavori come una precondizione decisiva per la crescita futura Internet, anche in ragione della crescente richiesta di banda associata ai servizi video e multimediali. Così, mentre si susseguono gli allarmi sulla tenuta della rete, le principali autorità pubbliche mondiali promuovono ambiziosi programmi di finanziamento per il broadband.

Accade negli Stati Uniti, dove il piano di rilancio economico voluto dall'amministrazione Obama prevede diversi miliardi di dollari per il miglioramento delle reti a banda larga, ma anche nell'Unione Europea e nell'onnipresente Corea del Sud parrebbe che le istituzioni non stiano a guardare.

Giovanni Arata
17 Commenti alla Notizia Akamai: la banda è sempre più larga
Ordina
  • Buon giorno nel Prompt dei comandi digitando stat 10 mi sono trovato in coda le scritte Akamai. Cosa significa?
    Un Caloroso Saluto.
    Grazie
    non+autenticato
  • LA COREA SONO 3 GATTI,CAZZAROLA RISPETTO A NOI....E POI NOI COME GIA' DETTO,CE' IL GROSSO PROBLEMA DEGLI INVESTIMENTI....I SERVER TELECOM PER LE ALTE VELOCITA',SONO LE STESSE DEI SERVER VECCHI,SI SONO VECCHI,DEI SERVER BASSA VELOCITA'(FONTE SICURA,SONO ADDETTO AI LAVORI,FIDATEVI)....CIOE' SIGNIFICA CHE TUTTI HANNO I STESSI SERVER,E SI INTOPPA TUTTO....POI DIPENDE DALLA DISTANZA CHE UNO HA DALLE "CENTRALI O CABINE"....CMQ DIFFICILMENTE LE COSE CAMBIERANNO...CON LA TELECOZZ,HANNO IL DOMINIO....E POI GUARDATE PER BUONE VELOCITA',BISOGNA AVERE OTTIMI MODEM,ED OTTIMI PC....RECENTI.....NO TIPO PENTIUM3-4 QUELLI RALLENTANO TUTTO.....CHE LA ROMANIA,SIA SOPRA DI NOI...CI CREDO POCO...BISOGNA VEDERE A QUANTI GATTI DA LE LINEE....BUONE...E QUANTI,NON HANNO MANCO IL TELEFONO DI CASA,QUELLA E' LA VERITA'...FACILE FARE STATISTICHE SU POCHI ABITANTI!!! EDDDDDDDDDDDDDDDDAIIIIIIIIIIIIII !!!
    non+autenticato
  • Non ho capito come possa essere che in corea le linee superveloci sopra i 2MBit sono il 94% e in italia solo il 6% ed avere la media 2,9 Mbit?
    Che c'è qualcuno che ha linee a terabit e noi no lo sappiamo?
    non+autenticato
  • ....dalle mie parti siamo 50 mila anime e aggancio la portante telecom a 17 megabit,che se non fosse per quella cacca di tv di alice che se ne succhia 4 anche quando è spenta andrei anche + veloce.
    L'Italia è messa male sia xchè geograficamente è tutta un sali scendi ed anche perchè già non si investiva molto,ora con la scusa della crisi economica è pure peggio.
    non+autenticato
  • Anche il Giappone geograficamente è tutta un sali scendi (ma allora in pianura tutti vanno veloci), resta sul discorso investimenti.
    non+autenticato
  • Io sto in pianura a un tiro di schioppo da Bologna, nonostante ciò telecom mi fornisce la strabiliante banda media di 20 Kb/s.
    non+autenticato
  • il problema è telecom e le sue infrastrutture che sono "sul filo del monopolio" per essere buoni, chi ha le infrastrutture fa il prezzo che vuole e usa le tecnologie che preferisce.
    non+autenticato
  • Sbaglierò ma non mi pare che Olanda, Svezia e Giappone siano dei tavolieri senza intoppi.

    La differenza è che *loro* hanno infrastrutture ed investono per migliorare la rete.
    Noi viaggiamo con doppini piazzati non so nemmeno quanti decenni fa. E senza alcuna intenzione di investire.
  • i soldi del canone sono serviti a?
  • - Scritto da: lellykelly
    > i soldi del canone sono serviti a?

    Ad arricchire i dirigenti Telecom e tutti quei pezzi grossi che in sottofondo sono ammanicati con Telecozz.
    Chissà se le Autority hanno letto o leggeranno quest'articolo, certo è che fino a quando la rete sarà in mano al monopolista noi pagheremo e loro godranno.
    Come mai testa d'asfalto, tra le tante sue mega idee non ha pensato alla divisione e ristrutturazione della rete italiana?
    È meglio fare i ponti e l'alta velocità, rende di più!
  • - Scritto da: cirifischio
    > - Scritto da: lellykelly
    > > i soldi del canone sono serviti a?
    >
    > Ad arricchire i dirigenti Telecom e tutti quei
    > pezzi grossi che in sottofondo sono ammanicati
    > con
    > Telecozz.
    > Chissà se le Autority hanno letto o leggeranno
    > quest'articolo, certo è che fino a quando la rete
    > sarà in mano al monopolista noi pagheremo e loro
    > godranno.
    > Come mai testa d'asfalto, tra le tante sue mega
    > idee non ha pensato alla divisione e
    > ristrutturazione della rete
    > italiana?
    > È meglio fare i ponti e l'alta velocità, rende di
    > più!

    Certo anzi ne basta uno solo di ponte!!!!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Beppe

    > Certo anzi ne basta uno solo di ponte!!!!


    per ora solo quello che ha in bocca!
  • - Scritto da: Kindero

    > L'Italia è messa male sia xchè geograficamente è
    > tutta un sali scendi ed anche perchè già non si
    > investiva molto,ora con la scusa della crisi
    > economica è pure
    > peggio.

    non si investe nella cablazione perchè è molto più redditizio far acquistare la "chiavetta" agli italiani.
    Con la chiavetta l'azienda telefonica non ha spese di sorta per il cablaggio e il cliente paga molto molto di più nonostante, in certe zone "la chiavetta" non serva proprio a nulla!

    L'Italia non è messa male geograficamente, è messa male a livello politico e manageriale.
    Alla Telecom gli forniamo il balzello (= leggi canone), solo Telecom ha questa tangente autorizzata dallo Stato, le altre compagnie telefoniche sono esenti (=leggi disparità di trattamento). E cosa si è ottenuto pagando la tangente alla telecom? Nuove infrastutture? Miglioramento del servizio? No, non si è ottenuto nulla. La telecom vende i propri servizi e ultimo meglio alle altre aziende "in competizione" ma che alla fine sono delle succursali di telecom stessa.


    Riguardo la crisi: negli Stati Uniti è notizia di oggi che Obama ha stanziato miliardi di dollari per il potenziamento delle infrastutture, da PI:"Accade negli Stati Uniti, dove il piano di rilancio economico voluto dall'amministrazione Obama prevede diversi miliardi di dollari per il miglioramento delle reti a banda larga" http://tinyurl.com/czflgc Qui da noi per rilanciare l'economia offrono la social card (= esiste solo sulla carta, nessuno ce l'ha!) oppure il treno veloce torino-bologna, che, se è come il torino-novara è una bidonata colossale. io sono di torino e il torino-milano doveva essere terminato nel 2006 per ora arriva solo fino a novara. L'ho preso una volta sola, durante il viaggio, subito dopo la partenza, una voce all'altoparlante annunciava che per disguidi tecnici avremmo percorso, (senti questa) "La Tratta Storica", che tradotto vuol dire: paghi il biglietto il doppio e arrivi in estremo ritardo.
    Non riesco a spiegarmi come facciamo ad essere tra i paesi più ricchi del mondo....
    Secondo me ci stanno prendendo in giro.
  • Insistendo ancora due o tre anni riusciremo a essere 19°!!