Alfonso Maruccia

TomTom si arrende a Microsoft

L'azienda europea cede le armi alla statunitense: niente tribunale e niente risarcimento per le tecnologie olandesi finite nei prodotti di BigM. E adesso cosa succederà a chi usa il file system FAT nei propri dispositivi?

Roma - Doveva essere uno scontro tra titani, si è risolta nella classica tempesta in un bicchier d'acqua: le accuse reciproche di infrazioni di brevetto scambiate tra Microsoft e TomTom non hanno più ragion d'essere, visto che le due società si sono accordate fuori dalle aule giudiziarie per risolvere la questione senza eccessivi spargimenti di sangue o parcelle di avvocati.

In realtà, più che di mutuo accordo la conclusione della vicenda ha il sapore di una resa incondizionata da parte di TomTom, perché non solo quest'ultima ha lasciato cadere le sue pretese nei confronti di Microsoft, accusata di sfruttamento indebito di quattro brevetti per i software e i dispositivi di navigazione di proprietà della società olandese, ma ha sostanzialmente confermato quanto Redmond sosteneva sull'abuso delle proprietà intellettuali inerenti la logica interna del file system usato sui navigatori della concorrente.

L'accordo extra-giudiziario prevede infatti che TomTom pagherà per lo sfruttamento (sin qui) abusivo dei brevetti suddetti, impegnandosi a rimuoverne due inerenti il file system FAT32 implementato nel kernel Linux del software dei navigatori entro i prossimi due anni. Nel corso di questo arco temporale Microsoft si è impegnata a non rivalersi in tribunale nei confronti dei clienti TomTom che utilizzino i prodotti incriminati.
Gli altri tre brevetti rivendicati da Redmond sono salvi, posto che essi vengano implementati seguendo correttamente i dettami della licenza open GPLv2. Microsoft, dal canto suo, non ha praticamente subito nessun contraccolpo dall'accordo, potendo continuare a utilizzare quanto contestato da TomTom senza dover versare un singolo centesimo a quest'ultima.

In seguito alla conclusione della vicenda, Peter Spours, direttore della divisione IP strategy and transactions di TomTom, ha ribadito l'impegno della sua società con la community dell'open source come dimostrato dalla volontà di seguire quanto previsto dalla GPLv2 in rispetto all'accordo preso con Microsoft. Quest'ultima si dice "soddisfatta" della decisione di TomTom di risolvere la faccenda fuori dai tribunali e ribadisce che l'azienda europea non è la prima ad aver pagato per l'autorizzazione a sfruttare i brevetti sullo storico file system "universale", sia nel caso di prodotti open source che di quelli basati su codice proprietario.

A rimanere irrisolta è l'eterna questione sulle reali intenzioni di Microsoft nei confronti del mondo open e del sistema operativo del pinguino: la minaccia da "fine di mondo" dei 200 e passa brevetti violati da Linux&compagnia pesa ancora come un punto interrogativo inevaso rispetto al destino del pinguino.

Alfonso Maruccia
169 Commenti alla Notizia TomTom si arrende a Microsoft
Ordina
  • si fa pagare per i suoi brevetti e poi quando fa comodo sfrutta tutto quello che può dall'altra parte. Si certo, può farlo perchè opensource, comunque è un comportamento ipocrita e opportunista.
    non+autenticato
  • Quei cialtroni di M$ ancora non sono riusciti ad implementare i link simbolici stile UNIX, per cui il rilascio di WinFileSystem è stato ulteriormente rimandato; mi domando, però, se a M$ chiederanno di pagare qualche brevetto quando WinFS sarà rilasciato!

    Vedremo SCO dichiarare guerra pure ai loro amici di M$?

    E, infine, con quale coraggio M$ chiede soldi a chi usa un filesystem-ciofeca come FAT32?
    non+autenticato
  • Semplice col coraggio di chi ne possiede i diritti... non ti sembra?!
    Potrà anche non essere bello, il migliore o quello che vuoi, ma è loro e se lo vuoi usare devi pagare i diritti...
    non+autenticato
  • Ahahahaah i symlink.

    E come pensi di spiegare come funziona un symlink a gente che quando apre explorer e vede le cartelle Programmi, WinXXXX, Document & Settings gli prendono le palpitazioni? (90% degli utenti Winzozz)
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonymous
    > Ahahahaah i symlink.

    > E come pensi di spiegare come funziona un symlink
    > a gente che quando apre explorer e vede le
    > cartelle Programmi, WinXXXX, Document & Settings
    > gli prendono le palpitazioni? (90% degli utenti
    > Winzozz)

    Infatti windows server non lo usa nessuno...
    krane
    22544
  • così niente aggiornamenti allegri, e chiuderanno i battenti.
  • - Scritto da: lellykelly
    > così niente aggiornamenti allegri, e chiuderanno
    > i
    > battenti.

    Sisisssi aspetta e spera....
    Non è che gli "aggiornamenti" li devi fare per forza sul filesistem "pippo" o "pluto" e non è che questo influisca granché sul successo... o ti sei già scordato il "clamoroso successo" di zune?
    Bastasse il fat a vincere... forse i fattori di successo non sono proprio quelli che pensi tu!

    Poveri pretoriani se c'è una cosa che non hanno è la memoria... deve essere per quello che M$ li abitua da piccoli al "bloatware" dove la memoria è sempre scarsa (e quella che c'è è sprecata)...
    non+autenticato
  • un fs che win beve senza casini e che un babbeo riesce a sfruttare?
  • - Scritto da: lellykelly
    > un fs che win beve senza casini e che un babbeo
    > riesce a
    > sfruttare?

    Esattamente quale sarebbe il problema? Anche se c'è un filesystem diverso ciò non implica che tu non possa usarlo.

    Al posto di scrivere direttamente sulla memory card passerai obbligatoriamente per il SO del Tom Tom.. come carichi i tuoi file sulla periferica caricherai anche le mappe "allegre" ci sarà solo un po' più di lavoro per chi scrive il firmware del Tom Tom...

    E nel caso la Tom Tom usi questo per controllare le mappe "allegre" sono sicuro che migliaia di sedicenni scriveranno fior fiore di programmi in grado di scrivere sul filesystem scelto da TomTom per sostituire FAT... allora si che forse cominceremo a toglierci dalle palle il FAT... ma forse con quest'ultima frase sono troppo ottimista.
    non+autenticato
  • anche a me il fat non mi sta simpatico, ma è talmente diffuso che ti formattano pure i dischi da 500gb o ti danno le tacconate di mediacroste in fat.
    una alternativa diffondibile in tempo zero?
    diffondibile implica che windows la legga di suo senza problemi, perchè è windows il più diffuso e bisogna fare una cosa commercialmente valida.

    IMHO
  • - Scritto da: lellykelly
    > così niente aggiornamenti allegri, e chiuderanno
    > i
    > battenti.

    Avere delle certezze non è sempre così lodevole...
    Come dicevo anche a "ullala", esistono gli ambienti di sviluppo multipiattaforma.
    Trovo "sacrosanto" il diritto di avere un software installabile su windows, come su mac, come su linux. E' che le ditte più grosse vanno ancora avanti con slogan vecchi (servono i programmatori C++, Delphi, VB...) quando al giorno d'oggi con python, java o anche certi pacchetti C++ (come widestudio) permettono una compatibilità con molte piattaforme sia desktop che server.
    non+autenticato
  • e fin qua ok, ma se queste interfacce che comunicano direttamente con l'apparecchio impedissero l'utilizzo di mappe non comprate? quanti meno apparecchi venduti ci sarebbero?
    quando uno va a prendere un navigatore e sa che alcuni modelli non permettono l'uso di file scaricati allegramente, cosa sarà propenso ad acquistare?
  • E poi chi se lo compra il tomtom? 4 gatti?
    non+autenticato
  • ... facendo il TomTom Home in java!
    Questo permetterebbe di formattare in JFS (o anche EXT2 e qualche API magari open) e permettere a tutte le piattaforme (e con un dispendio minore di risorse) di funzionare correttamente. Del resto, esiste già il TomTom in versione java.
    non+autenticato
  • - Scritto da: iark
    > ... facendo il TomTom Home in java!
    > Questo permetterebbe di formattare in JFS (o
    > anche EXT2 e qualche API magari open) e
    > permettere a tutte le piattaforme (e con un
    > dispendio minore di risorse) di funzionare
    > correttamente. Del resto, esiste già il TomTom in
    > versione
    > java.

    Il che dimostra che non hai capito un tubo!
    Non è che a essere oggetto del brevetto sia la tecnologia che lo usa (java o qualunque altra cosa) l'oggetto del brevetto è i FAT come FS... EXT2 o JFS o SquashFS... o altro non sono un problema (sono tutti utilizzabili senza problemi e con o senza java) il FAT è stato utilizzato da TOM TOM non perché ci fossero problemi a usare qualunque altra cosa ma per usare (aka favorire) chi aveva un FS Winzozz compatibile o delle SD già formattate (dal produttore) in quel modo...

    Il che è la vera ironia di tutta la vicenda... ha favorito la compatibilità con gli utonti winzozz e M$ ti chiede pure dei soldi!

    Secondo me va messo tra le "lesson learned" !
    non+autenticato
  • - Scritto da: ullala
    > Il che dimostra che non hai capito un tubo!
    > Non è che a essere oggetto del brevetto sia la
    > tecnologia che lo usa (java o qualunque altra
    > cosa) l'oggetto del brevetto è i FAT come FS...
    > EXT2 o JFS o SquashFS... o altro non sono un
    > problema (sono tutti utilizzabili senza problemi
    > e con o senza java) il FAT è stato utilizzato da
    > TOM TOM non perché ci fossero problemi a usare
    > qualunque altra cosa ma per usare (aka favorire)
    > chi aveva un FS Winzozz compatibile o delle SD
    > già formattate (dal produttore) in quel
    > modo...

    E oggi ci sono tutte le condizioni per passare a java (tra parentesi io uso python, ma non mi aspetto niente al riguardo).
    A differenza dei "vecchi tempi" (TomTom non è un prodotto nuovo) java era troppo pesante per i computer desktop e c'era troppo disordine tra le versioni (1.4.2, 1.5.0 ecc...).

    Con i computer d'oggi e con una soluzione java, sarebbe giusto se TomTom valutasse questo passo. Non solo perchè avrebbe meno spese di adesso (deve mantenere due versioni, una per windows e una per mac) ma per dare una risposta "chiara" a un vero e proprio abuso subito.

    IMHO
    non+autenticato
  • - Scritto da: iark
    > - Scritto da: ullala
    > > Il che dimostra che non hai capito un tubo!
    > > Non è che a essere oggetto del brevetto sia la
    > > tecnologia che lo usa (java o qualunque altra
    > > cosa) l'oggetto del brevetto è i FAT come FS...
    > > EXT2 o JFS o SquashFS... o altro non sono un
    > > problema (sono tutti utilizzabili senza problemi
    > > e con o senza java) il FAT è stato utilizzato da
    > > TOM TOM non perché ci fossero problemi a usare
    > > qualunque altra cosa ma per usare (aka favorire)
    > > chi aveva un FS Winzozz compatibile o delle SD
    > > già formattate (dal produttore) in quel
    > > modo...
    >
    > E oggi ci sono tutte le condizioni per passare a
    > java (tra parentesi io uso python, ma non mi
    > aspetto niente al
    > riguardo).
    > A differenza dei "vecchi tempi" (TomTom non è un
    > prodotto nuovo) java era troppo pesante per i
    > computer desktop e c'era troppo disordine tra le
    > versioni (1.4.2, 1.5.0
    > ecc...).
    >
    > Con i computer d'oggi e con una soluzione java,
    > sarebbe giusto se TomTom valutasse questo passo.
    > Non solo perchè avrebbe meno spese di adesso
    > (deve mantenere due versioni, una per windows e
    > una per mac) ma per dare una risposta "chiara" a
    > un vero e proprio abuso
    > subito.
    >
    > IMHO

    Ma allora continui a non capire! la risposta chiara non dipende da java o altro...
    Basta non usare FAT il chè è ugualmente facile con o senza java con o senza python non è una questione di linguaggi applicativi!
    Di fatto hanno già deciso di non usare ulteriormente (leggi l'articolo) il FAT il che significa ne più ne meno che hanno a disposizione una vasta scelta di FS A PRESCINDERE dal linguaggio applicativo di sviluppo! non in funzione del linguaggio! il FS escludendo il FAT non sarà (banalmente) compatibile con Win a meno che non venga prodotto un "driver" che consenta agli utenti "win" il tipo di FS che TOM TOM deciderà di usare le applicazioni e il livello "applicativo" con tutto ciò non ha niente da spartire!
    non+autenticato
  • - Scritto da: ullala
    > Ma allora continui a non capire! la risposta
    > chiara non dipende da java o
    > altro...

    Aspetta che ti posto l'oggetto che ho scritto:

    > Re: Se fossi TomTom mi vendicherei
    non+autenticato
  • Si peccato che Java fa pietà...
  • Allora questa notizia... ??

    http://www.webnews.it/news/leggi/5608/microsoft-pe.../

    E' vero che TomTom è su scala internazionale, ma se è vero che Microsoft ha già perso una causa...

    Inoltre avevo letto in un altro sito che Microsoft deteneva anche i diritti sulle memorie flash, è vero?? Non ho mai trovati altri riscontri a proposito...
    non+autenticato
  • sulle memorie flash è sicuramente una bufala....figurati se intel, wd, ocz e compagni non gli spezzano le gambe

    riguardo fat è vero che in Germania ha perso in brevetto, ma si sa conta quello che si dice negli USA
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | Successiva
(pagina 1/5 - 22 discussioni)