Alfonso Maruccia

Wikia Search, è stato bello finché è durato

Sarebbe dovuta diventare l'alternativa open source a Google. Finisce miseramente in soffitta senza aver raggiunto i livelli di popolarità sperati. Magari se ne riparlerà in futuro, quando la crisi sarà un ricordo

Roma - Wikia Search è morta, ne annuncia il triste trapasso Jimmy "Jimbo" Wales che avverte: con la ricerca online non ho ancora detto l'ultima parola. Per ora, a ogni modo, il servizio che ambiva a trasformarsi nella Wikipedia della search conclude la sua corsa, i fondi dirottati verso più remunerativi e popolari progetti covati sotto l'ombrello for-profit di Wikia.com.

È un periodo di transizioni e ristrutturazioni, servizi meritori ma con uno share (più o meno) strapazzato dalla concorrenza mordono la polvere uno dopo l'altro e il Deathwatch dell'Archiveteam lavora a pieno ritmo per tenere il passo con tutto questo cadere di server e appliance dalle nuvole di una Internet in continua trasformazione.

L'engine Wikia Search è arrivato online l'anno scorso, dopo una preparazione e un periodo di beta durati due anni. Wales, founder di Wikipedia e della suddetta Wikia.com, aveva fortemente voluto ed enfatizzato il servizio rimarcandone le differenze sostanziali con progetti chiusi quali l'onnipresente Google. Tutto era open source e a disposizione della community, dai risultati delle ricerche agli algoritmi di indicizzazione e parsing delle richieste da parte dell'utenza.
Ma la community, dice ora Jimbo, non ha mai raggiunto il punto critico per poter considerare Wikia Search come un asset fondamentale per Wikia, men che meno per il futuro della ricerca on-ine e meno ancora per una eventuale concorrenza all'intoccabile gigante di Google Search.

Wikia Search non stava andando da nessuna parte, dice Wales con rammarico sul suo blog personale, mentre l'insieme di "wiki" tematiche ospitate sui server di Wikia.com sono, secondo Nielsen, la quinta community più in espansione degli ultimi 24 mesi dietro Twitter, Zimbo, Facebook e Multiply.

"Personalmente credo nella opportunità per il movimento del free software di entrare seriamente nel mercato della ricerca" dice Wales, ma il tentativo di Wikia Search non è stato all'altezza delle aspettative ragion per cui si chiude. "In una situazione economica differente - continua Wales - continueremmo a finanziare Wikia Search indefinitamente. È qualcosa che mi sta profondamente a cuore. Tornerò ancora e ancora nel corso della mia carriera sulla ricerca, sia come investitore, contributore, donatore o cheerleader".

I soldi sin qui dedicati a Wikia Search verranno ora dirottati sulle wiki che più hanno visto crescere la base di utenza e l'interesse in questi mesi, inclusi servizi come Wikianswers, Wikia Gaming e Wikia Entertainment. La debacle di Wikia Search serve infine da memento su quanto sia difficile realizzare un servizio di ricerca online alternativo allo strapotere di Mountain View (con Microsoft, Yahoo! e Ask.com a seguire da molto lontano): in molti ci provano, nessuno ci è ancora riuscito.

Alfonso Maruccia
16 Commenti alla Notizia Wikia Search, è stato bello finché è durato
Ordina