Alfonso Maruccia

Svezia, minacciare paga

Gli store digitali riferiscono di risultati invidiabili dopo il passaggio della discussa legge anti-P2P. Ma i dati potrebbero non essere indicativi. Mentre gli studios provano a corteggiare i potenziali pirati invece di portarli in tribunale

Roma - Serve, non serve, e soprattutto a chi serve? A due settimane dall'introduzione della direttiva IPRED in Svezia si continua a discutere sulle conseguenze effettive della nuova legislazione, sul calo del traffico di rete registrato nel paese e su quanto il nuovo regime legale possa giovare alla crescita del mercato di musica legale in formato digitale.

InProdicon, content provider che in Svezia che gestisce la metà dei contenuti scaricati online su PC e dispositivi mobile, sostiene che IPRED serve a far crescere il mercato digitale, e conforta tale tesi comunicando una crescita degli acquisti dal primo aprile in poi misurabile nel 100 per cento in più.

Grazie a IPRED insomma, e al fatto che ora l'industria del copyright non ha più bisogno di passare per i tribunali per andare alla caccia di condivisori, in Svezia ci sarebbe stato un vero e proprio boom di vendite. "Non so se la cosa sia da ascrivere soltanto a IPRED" - osserva il managing director di InProdicon Klas Brńnnstr÷m - ma si tratta sicuramente di un segno di cambiamento evidente".
Quello che però InProdicon non rivela, come sottolinea ZeroPaid, sono le reali cifre di cui si sta parlando: quel 100% di incremento non tiene in conto il numero di brani effettivi venduti, se si tratti di 100, 1.000 o 10.000 non è dato al momento saperlo. Un fatto che potrebbe anche portare a un corposo ridimensionamento il significato pratico dell'incremento.

Il business di InProdicon sta poi crescendo indipendente da IPRED, e Brńnnstr÷m parla di un aumento del volume di affari del 20-30% su base annua rispetto al 2008. Nella tuttora irrisoria equazione IPRED = boom di vendite va poi considerata anche la variabile della riduzione di traffico registrata dal primo di aprile in poi, un fatto che, per quanto inconfutabile, contribuisce a complicare ulteriormente la valutazione del "successo" della musica digitale in vendita sullo store svedese.

Qualche che sia la verità, il business può dimostrarsi anche benevolo nei confronti dei pirati potenziali, regalando biglietti omaggio a chi ha espresso disappunto per la mancata disponibilità, sul network BitTorrent, di una versione rippata del film Adventureland di Miramax. ╚ quanto successo a un'utente di Twitter che, dopo essersi lamentata del mancato rip, ha prima ricevuto l'invito a "non farlo", a non piratare il film e ad andare a vederlo al cinema, e poi si è vista recapitare un biglietto omaggio dallo studio sempre via Twitter.

Nel caso sopraelencato stupisce, oltre alla insolita benevolenza di chi spesso e volentieri descrive la pirateria come una delle sette piaghe d'Egitto, la particolare attenzione degli studios verso gli umori della rete per i film in uscita o distribuiti da poco, un'attenzione che non risparmia certo i network di file sharing ma coinvolge anche i social network, i servizi di micro-blogging e tutti i più recenti canali di comunicazione a mezzo web.

Alfonso Maruccia
28 Commenti alla Notizia Svezia, minacciare paga
Ordina
  • i pirati erano banditi assetati di rapina e assassini senza scupoli, un po come molti produttori ed autori, se per assassinio si intende assassinare la cultura da DECENNI.

    chiamere le cose col proprio nome e' imortante, sarebbe bene che PI cominciasse a chiamare le cose col loro nome:
    condivisione di musica e video tra amici.
    non+autenticato
  • o tra sconosciuti, il che non cambia la natura del fatto (assolutamente innocente, per me)
    non+autenticato
  • - Scritto da: 01234
    > o tra sconosciuti, il che non cambia la natura
    > del fatto (assolutamente innocente, per
    > me)


    Ma innocente o meno, di certo non sta alle major controllare cosa viene distribuito sul p2p, non devono poter controlare il traffico di nessuno, non possono pretendere niente dai provider, sono delle società non degli enti di polizia internettiana, possono solo fare pressione sui governi perchè si adeguino con delle leggi antipirateria o che nel caso esistano, richiere l'applicazione a tali leggi.

    Se non ci ribelliamo a questi con ogni modo possibile, un giorno ci troveremo un microchip nell'orecchio collegato alla nostra banca, che addebiterà ogni canzone ascoltata, anche se la canticchia male da un nostro collega dirimpettaio!!!
    non+autenticato
  • non era questo il punto (che semmai è a VALLE di quello di cui si parlava)

    ciò detto, come non quotarti!

    tra l'altro mi spiegassero un po' la cosa i difensori dello status quo: le intercettazioni sempre più difficili per i magistrati per reati veri, e per i privati sempre più facili per lo scambio di file tra persone???
    BAH
    non+autenticato
  • Bello invocare la legge e farsene beffe per il proprio interesse...

    Se volete dei contenuti GRATIS. FATEVELI E CONDIVIDETELI, e nessuno vi romperà' le scatole.

    Se vuoi invece regalare agli amici roba che NON HAI COMPRATO e che con la cultura ha poco a che fare (La roba scaricata in P2P e' per la maggior parte robaccia commerciale) allora SEI UN PIRATA, e basta...

    Due pesi e due misure non funziona.
    non+autenticato
  • oooohhh a volte ritornano A bocca aperta

    - Scritto da: Roberto Valiani
    > Bello invocare la legge e farsene beffe per il
    > proprio interesse...

    questo non devi dirlo a me: è il governo che ha un atteggiamento scandaloso sulle intercettazioni (che rende difficili perché ha la coscienza, e non solo, sporchissima) e fa un'eccezione per l'attività meno grave, sospinta dalla lobby delle major

    io semmai faccio l'esatto contrario: me ne faccio beffe, ma la invoco per il mio "interesse" (metto le virgole perché non guadagno proprio alcunché)

    capito tutto come al solito eh? Occhiolino

    >
    >
    > Se volete dei contenuti GRATIS. FATEVELI E
    > CONDIVIDETELI, e nessuno vi romperà' le
    > scatole.

    e ci mancherebbe


    >
    > Se vuoi invece regalare agli amici roba che NON
    > HAI COMPRATO

    questa non l'ho capita: se regalo qcs a qcn devo averla comperata? Newbie, inesperto


    e che con la cultura ha poco a che
    > fare (La roba scaricata in P2P e' per la maggior
    > parte robaccia commerciale)

    TUTTO è cultura, dài...sul "commerciale" hai perfettamente ragione, ma il punto è un altro: qua si parla di voglia di stare al passo con gli avvenimenti del mondo dello spettacolo, senza magari avere i soldi che servono - che sono tanti, perché cd e dvd costano scandalosamente troppo.
    La voglia c'è sia per passare il tempo, tra un lavoro alienante e l'altro, sia per avere qcs in comune con "gli altri"...
    ma vabbeh, che te lo dico a fa'...

    allora SEI UN PIRATA,
    > e
    > basta...

    sì, con la spada sbeccata e la benda sull'occhio A bocca aperta

    >
    > Due pesi e due misure non funziona.

    a parte che come il governo in carica ci mostra ("lodo" alfano, p.es.), funziona eccome, ahinoi, non so davvero di che parli. Anzi io dicevo, COSI' COME si vietano le intercettazioni ai magistrati, TANTO PIU' le si dovrebbe vietare a privati (per una cosa che tra l'altro è illegale, ma non sentita tale communi sensu). Insomma unfirmità di giudizio. Sarebbero 2 pesi etc se si facesse diversamente.

    Niente, capito sega....ma non c'è più ottuso di chi non vuole capire (in malafede)...

    ps: su ogni supporto e lettore paghiamo una tassa per l'eventuale copia...non ricordarlo mai tu, eh? Occhiolino
    non+autenticato
  • - Scritto da: Roberto Valiani
    > Bello invocare la legge e farsene beffe per il
    > proprio interesse...

    > Se volete dei contenuti GRATIS. FATEVELI E
    > CONDIVIDETELI, e nessuno vi romperà' le
    > scatole.

    Sbagliato, io le mie opere non posso ne' suonarle in giro, ne' per radio, ne' farle sentire in luoghi pubblici senza pagare la SIAE.

    > Se vuoi invece regalare agli amici roba che NON
    > HAI COMPRATO e che con la cultura ha poco a che
    > fare (La roba scaricata in P2P e' per la maggior
    > parte robaccia commerciale) allora SEI UN PIRATA,
    > e basta...

    Ho pagato la tassa sui supporti, quindi ne ho il diritto oppure mi deve essere rimborsata.

    > Due pesi e due misure non funziona.

    Appunto.
    krane
    22528
  • - Scritto da: rudy
    > i pirati erano banditi assetati di rapina e
    > assassini senza scupoli, un po come molti
    > produttori ed autori, se per assassinio si
    > intende assassinare la cultura da DECENNI.

    Ma non solo, sono stati in grado di creare delle vere e proprie micro societa' dall'ammirevole organizzate, assolutamente lontane dagli standard sociali che conosciamo, a chi e' interessato consiglio :

    http://www.libreriauniversitaria.it/utopie-pirata-...

    http://www.ibs.it/code/9788888865324/bey-hakim/zon...

    > chiamere le cose col proprio nome e' imortante,
    > sarebbe bene che PI cominciasse a chiamare le
    > cose col loro nome:
    > condivisione di musica e video tra amici.
    krane
    22528
  • ci sono decine di file hosting dove si trovano mp3 e video e altre cose

    anche se cala il p2p non significa che la pirateria sia in calo

    senza contare il p2p umano esempio io acquisto un cd e poi lo rippo per 10 20 30 persone

    adesso che molti store vendono senza DRM è ancora più facile
    non+autenticato
  • "il p2p umano" è fichissimo A bocca aperta

    e penso che tornerà ad essere praticato

    e tié! (non a te, ovvio, a "loro")
    non+autenticato
  • - Scritto da: 01234
    > "il p2p umano" è fichissimo A bocca aperta
    >
    > e penso che tornerà ad essere praticato
    >
    > e tié! (non a te, ovvio, a "loro")

    in realtà non è mai morto, specialmente tra quelli che non dispongono della banda larga o non sono pratici di pc /di torrent o emule

    in pratica per ogni utente di emule/ utorrent ci sono almeno 10 parenti/amici che ottengono il medesimo file per via umana

    anche chi acquistava le traccie musicali sui vari store poi le passava ad amici e parenti facendo delle copie del cd masterizzato

    una volta si duplicavano le musicassette e le videocassette oggi si rippano/duplicano cd e i dvd noleggiati

    il p2p via internet è solo un po' più comodo e rapido ma anche bloccandolo/limitandolo non si fermerà la condivisione
    non+autenticato
  • Sono pienamente in linea con quanto detto sopra.Ci sono persone che noleggiano i DVD e poi li rippano con programmi tipo anydvd e altri,che fra l'altro sono sempre aggiornati. Come si dice,la violenza non si combatte con la violenza.La pirateria non si combatte con certe leggi,ma si cerca di arginare i danni con metodi diversi.Il proibizionismo è da mo che ha fallito.
    non+autenticato
  • Ho riletto l'articolo un paio di volte ma non sono riuscito a trovare neache una stronzata/FUD/Generatore_di_flame.
    Un articolo serio? Speriamo sia l'inizio di una lunga serie.
    non+autenticato
  • - Scritto da: attonito
    > Ho riletto l'articolo un paio di volte ma non
    > sono riuscito a trovare neache una
    > stronzata/FUD/Generatore_di_flame.

    mica ci devono essere per forza

    facciamo i pedanti:
    in base a cosa si deduce che il traffico p2p e' diminuito ? Perche' cio' e' anche vero se io uso sistemi di tunnel criptato : vpn in primis.

    In base a cosa si deduce che il mercato ne ha giovato ? Siamo al 15 di aprile.. la legge e' entrata manco 15 giorni fa qualsiasi flessione (sia in su che in giu') e' spiegabilissima in mille modi diversi.

    direi che e' ancora presto per dire qualsiasi cosa.

    modifica: http://stats.autonomica.se/mrtg/sums/All.html
    e' il grafico dal quale si osserva il traffico in rete diminuito .
    di cui tutti parlano.
    prima di tutto e' traffico totale (non solo peer to peer) poi e' interessante notare come la diminuzione segua piu' o meno l'andamento degli anni precedenti (guardare il grafico sui due anni).
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 15 aprile 2009 09.52
    -----------------------------------------------------------
    samu
    506
  • guarda che l'ultimo grafico non e' dell'anno precedente ma e' uguale al primo ma parte da un anno prima, per questo la seconda metà e' identica ma schiacciata, comunque si vede che il traffico e' tornato ai livelli di giugno 2008.
    non+autenticato
  • - Scritto da: boh
    > guarda che l'ultimo grafico non e' dell'anno
    > precedente ma e' uguale al primo ma parte da un
    > anno prima, per questo la seconda metà e'
    > identica ma schiacciata, comunque si vede che il
    > traffico e' tornato ai livelli di giugno
    > 2008.
    stiam parlando della stessa cosa ?

    http://stats.autonomica.se/mrtg/sums/All.html

    l'ultimo grafico ha la dicitura " 'Two year' graph (1 Day Average) "
    mentre il primo e' il daily e il penultimo e' quello annuale.

    piu' che notare il calo ad aprile sarebbe interessante capire del perche' dell'aumento da Agosto 2008 a marzo 2009.
    samu
    506
  • esatto cominciamo a non votare Berlusconi, Fini, Franceschini, Casini, Bertinotti e tutti quelli lì alle prossime elezioni e forse avremo uno Stato più equo, una politica più seria e una rete finalmente libera di crescere e di portare i suoi benefici al mondo intero
    non+autenticato
  • - Scritto da: pabloski
    > esatto cominciamo a non votare Berlusconi, Fini,
    > Franceschini, Casini, Bertinotti e tutti quelli
    > lì alle prossime elezioni e forse avremo uno
    > Stato più equo, una politica più seria e una rete
    > finalmente libera di crescere e di portare i suoi
    > benefici al mondo intero

    Perche ? Qualcuno li ha votati ?!?!
    Anonimo
    krane
    22528
  • a quanto pare sì Triste

    peccato che quando viene fatta la domanda la mano non l'alzino mai...
    non+autenticato
  • - Scritto da: krane
    > Perche ? Qualcuno li ha votati ?!?!
    > Anonimo

    hanno votato anche gli altri ma tanti voti sono andati magicamente perdutiOcchiolino
    -ToM-
    4532
  • ma è un blog?A bocca aperta
    non+autenticato
  • La Pirateria nasce come reazione ai prezzi eccessivi di Cd musicali e DVD. Resta comunque una pratica illegale. Se l'esperimento svedese avrà successo, probabilmente verrà esportato in tutta Europa. Per dare un colpo definitivo alla pirateria è comunque necessario che i prezzi dei brani musicali vengano ridotti (10 cents mi pare un prezzo equo).
    Spero che di ciò si rendano conto le case discografiche.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Jack Sparrow
    > La Pirateria nasce come reazione ai prezzi
    > eccessivi di Cd musicali e DVD. Resta comunque
    > una pratica illegale. Se l'esperimento svedese
    > avrà successo, probabilmente verrà esportato in
    > tutta Europa. Per dare un colpo definitivo alla
    > pirateria è comunque necessario che i prezzi dei
    > brani musicali vengano ridotti (10 cents mi pare
    > un prezzo equo).
    >
    > Spero che di ciò si rendano conto le case
    > discografiche.

    Io non credo proprio. La pirateria P2P, termine assurdamente improprio per descrivere lo scambio gratuito di contenuti multimediali ad uso privato senza scopo di lucro e senza sottrazione di bene materiale, non moriraà mai, meppure in presenza di offerta "legale" gratuita", perchè costituisce l'emblema di una libertà di accesso e sopratutto di scelta personale su catalogo mondiale... e scusate se è poco...
    non+autenticato
  • giusto, però obbiettivamente cd e dvd a 5 e 10, online 2 e 5, brano singolo mai più di 20c sicuramente sarebbero allettanti....
    non+autenticato
  • - Scritto da: Jack Sparrow
    > La Pirateria nasce come reazione ai prezzi
    > eccessivi di Cd musicali e DVD. Resta comunque
    > una pratica illegale. Se l'esperimento svedese
    > avrà successo, probabilmente verrà esportato in
    > tutta Europa. Per dare un colpo definitivo alla
    > pirateria è comunque necessario che i prezzi dei
    > brani musicali vengano ridotti (10 cents mi pare
    > un prezzo equo).
    >
    > Spero che di ciò si rendano conto le case
    > discografiche.

    Esportato in tutta europa ma a che condizioni?
    Qui (stoccolma) la gente scarica di brutto, stesso atteggiamento dei P2Pomani Italiani ma a differenza dell'Italia, la roba orginale viene venduta lo stesso ed i prezzi dei CD partono da 12/13 euro.
    In tanti altri posti scriteriati e disorganizzati le major fanno molta più pressione ed il cd lo paghi 20 euro anche senza P2P e anche se paghi da N anni le gabbelle siae sui supporti vergini.
    -ToM-
    4532
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)