Giorgio Pontico

Giappone, esoscheletri per tutti

Honda presenta due modelli cugini del suo Asimo, mentre Cyberdyne svela il suo sostegno integrale. Due progetti con un solo obiettivo: rendere la robotica un valido supporto per la deambulazione

Roma - Il Giappone si conferma all'avanguardia della ricerca robotica e guarda con interesse al mercato statunitense. Honda ha infatti in programma di presentare a Detroit due nuovi prototipi il prossimo 20 Aprile, durante il prossimo SAE 2009.

Denominati rispettivamente Stride Management Assist e Bodyweight Support Assist questi congegni sono progettati per supplire ad alcune carenze fisiche: in particolare il primo modello dovrebbe facilitare, a detta di Honda, la capacità deambulatoria di persone i cui arti inferiori non siano pienamente funzionali. Non è la panacea tecnologica - viene specificato - per menomazioni permanenti: l'utente deve essere in grado di camminare anche senza l'ausilio del robot.

Honda si è avvalsa di una tecnologia sviluppata nel corso del progetto di Asimo, il robot umanoide. Una CPU gestisce i dati provenienti da appositi sensori posti all'altezza dell'anca, consentendo ai due motori posti sui fianchi di accompagnare il movimento articolatorio in tempo reale. Indossando questo apparecchio del peso di quasi tre chili sono garantite almeno 2 ore di camminata light, grazie alla batteria al litio incorporata.
Leggermente diverso l'obiettivo del Bodyweight Support Assist, che pur condividendo le caratteristiche del fratello ne offre qualcuna in più. Si tratta di un meccanismo più complesso che si estende lungo le gambe fino ad arrivare ai piedi. Dotato di sedile si indossa come un paio di scarpe ed è ideale - riferiscono da Saitama - per alleviare il carico di fatica nei lavori pesanti: assorbe infatti buona parte del peso che grava sui muscoli delle gambe e sulle relative articolazioni.

Sono 130 i brevetti raccolti in queste due apparecchiature con i quali il colosso giapponese vuole innanzi tutto aiutare anziani e disabili a camminare. Il costo di questi concentrati di tecnologia e amore verso il prossimo rimane avvolto nel mistero, così come la data del lancio sul mercato. Mercato che si presenterebbe assai vasto sia in Giappone che negli Stati Uniti, dove è previsto un raddoppiamento della popolazione over-65 entro il 2030.

Proprio la consapevolezza di essere un paese vecchio dal punto di vista demografico ha spinto il governo nipponico ad intraprendere un percorso di snellimento del corpo legislativo per favorire l'avvento nei negozi dei robot assistenti.

Una prospettiva che fa gola non solo a Honda: infatti Cyberdyne nel 2008 ha lanciato Hal (Hybrid Assistive Limb), che si sta imponendo come potenziale concorrente del progetto della mamma di Asimo. In questo caso, tuttavia, il costo del prodotto finito pare potrebbe aggirarsi attorno ai 4mila dollari (all'incirca 3mila euro).

Tra gli aspetti positivi del progetto del professor Sankai spiccano la struttura dell'esoscheletro, che copre braccia e gambe, ed il netto rifiuto che il suo inventore ha opposto alle avance di chi voleva tradurlo in un mezzo militare.

Non è ancora chiaro come e quando sarà possibile acquistare robot del genere e Honda in particolare non ha fornito alcuna indicazione in merito: "Si tratta di periferiche sperimentali che sono ancora in fase di ricerca". Il dirigente Ken Yasuhara conferma che questo è solo l'inizio, ma non nasconde che in uno stabilimento industriale giapponese siano in corso dei test di prova delle future catene di montaggio dei robot assistenti.

Giorgio Pontico
29 Commenti alla Notizia Giappone, esoscheletri per tutti
Ordina
  • vorrei gentilmente avere maggiori informazioni in merito, sopratutto dove recarmi per avere una dimostrazione sulla mia persona; sono fortemente interessata, perfavore aiutatemi,inviandomi al piu' presto risposte.

    email:   daniela.moro.lhx3@alice.it
    non+autenticato
  • Sembra quasi lo scenario di un film,solo tempi ed attori diversi,forse tra 50 anni si avrà il primo uomo bionico?E chissà quanto peso potrà sopportare o sollevare un arto simil?micro batterie ad energia atomica? Tutto è possibile resta solo aspettare e veder gli sviluppi.Gli interrogativi sono tanti e le risposte sicuramente in un futuro non troppo lontano da noi Occhiolinoe pur sempre un inizio
    Ciao
  • Chi non ha o ha avuto una persona invalida in casa credo faccia fatica a comprendere quanto un esoscheletro come quelli che stanno sviluppando possa contribuire al miglioramento della qualita' della vita.

    Nel mio caso, mio padre (che ora non c'e' piu'), dopo due ictus era ridotto sulla sedia a rotelle, incapace di muoversi in maniera indipendente, seppur ancora in possesso delle sue facolta' mentali: un esoscheletro che l'avesse aiutato a camminare e ad avere una vita "normale" sarebbe stato una cosa fantastica.
  • >
    > Nel mio caso, mio padre (che ora non c'e' piu'),
    > dopo due ictus era ridotto sulla sedia a rotelle,
    > incapace di muoversi in maniera indipendente,
    > seppur ancora in possesso delle sue facolta'
    > mentali: un esoscheletro che l'avesse aiutato a
    > camminare e ad avere una vita "normale" sarebbe
    > stato una cosa
    > fantastica.

    Oltre a una vita normale, considera i fatti:

    - quando si di peso agli altri non è bello e penso che per tuo padre non sia piacevole.

    - se cammini, tutto il discorso circolazione cambia.

    - vuoi mettere la differenza

    purtroppo in Italia quasta mentalià non esiste ( e non è colpa dei politici )
  • E' la prima cosa che ho pensato anch'io.
    Certo siamo ancora agli albori, e la tecnologia è ancora costosa, ma sarebbe bello se un giorno queste tecnologie potrebbero essere d'aiuto per persone invalide.
    Penso a mio padre (malato di SLA) che grazie a tecnologie simili potrebbe quantomeno aumentare un po la sua "autonomia" nel deambulare.

    - Scritto da: The Punisher
    > Chi non ha o ha avuto una persona invalida in
    > casa credo faccia fatica a comprendere quanto un
    > esoscheletro come quelli che stanno sviluppando
    > possa contribuire al miglioramento della qualita'
    > della
    > vita.
    >
    > Nel mio caso, mio padre (che ora non c'e' piu'),
    > dopo due ictus era ridotto sulla sedia a rotelle,
    > incapace di muoversi in maniera indipendente,
    > seppur ancora in possesso delle sue facolta'
    > mentali: un esoscheletro che l'avesse aiutato a
    > camminare e ad avere una vita "normale" sarebbe
    > stato una cosa
    > fantastica.
    non+autenticato
  • (potessero, scusate l'errore)
    - Scritto da: anonimo
    > E' la prima cosa che ho pensato anch'io.
    > Certo siamo ancora agli albori, e la tecnologia è
    > ancora costosa, ma sarebbe bello se un giorno
    > queste tecnologie potrebbero essere d'aiuto per
    > persone
    > invalide.
    > Penso a mio padre (malato di SLA) che grazie a
    > tecnologie simili potrebbe quantomeno aumentare
    > un po la sua "autonomia" nel
    > deambulare.
    >
    > - Scritto da: The Punisher
    > > Chi non ha o ha avuto una persona invalida in
    > > casa credo faccia fatica a comprendere quanto un
    > > esoscheletro come quelli che stanno sviluppando
    > > possa contribuire al miglioramento della
    > qualita'
    > > della
    > > vita.
    > >
    > > Nel mio caso, mio padre (che ora non c'e' piu'),
    > > dopo due ictus era ridotto sulla sedia a
    > rotelle,
    > > incapace di muoversi in maniera indipendente,
    > > seppur ancora in possesso delle sue facolta'
    > > mentali: un esoscheletro che l'avesse aiutato a
    > > camminare e ad avere una vita "normale" sarebbe
    > > stato una cosa
    > > fantastica.
    non+autenticato
  • cyberdyne?
    Ma è una copertura, cambia una "E", la cyberdyne è quella di TERMINATOR, la fine è vicinaaaa!!
    non+autenticato
  • A parte che ormai tutto assomiglia a quanto narrato in Terminator, dalle famose società che si chiamano nello stesso modo, ai droni robotizzati usati dall'esercito, a conficker che dovrà essere debellato collegando il nuovo sistema della Difesa degli Stati Uniti, che verrà a sua volta infettato e si autonominerà Skynet
    Wolf01
    3342
  • Si, ma a usare gli stessi nomi lo faranno apposta? E ormai citano tutti, mi sembra strano ste aziende non si siano ancora beccate una denuncia!
    non+autenticato
  • - Scritto da: magilla
    > Si, ma a usare gli stessi nomi lo faranno apposta?!

    La saga di T è iniziata un bel po' addietro, come si suol dire: "Uno spiccato senso dell'umorismo manageriale"A bocca aperta
    non+autenticato
  • Genio! Andrà esattamente così!! LOL


    - Scritto da: Wolf01
    > A parte che ormai tutto assomiglia a quanto
    > narrato in Terminator, dalle famose società che
    > si chiamano nello stesso modo, ai droni
    > robotizzati usati dall'esercito, a conficker che
    > dovrà essere debellato collegando il nuovo
    > sistema della Difesa degli Stati Uniti, che verrà
    > a sua volta infettato e si autonominerà
    > Skynet
    non+autenticato
  • no no, non è mia intenzione spaventarti ma l'articolista ha sbagliato

    è proprio Cyberdyne http://www.cyberdyne.jp/english/
    non+autenticato
  • Mio Dio...
    Allertate le autorità! Connor, dove seiiiiiiiiiiiii!!!
    non+autenticato
  • l'hanno già ucciso, proprio per evitare che si crei un fronte di resistenzaA bocca aperta
    non+autenticato
  • ma che oconno...
    ce gia TERMINENZIO !!
    non+autenticato
  • Ma quel che è peggio è che il terminator venuto dal futuro si è già fatto eleggere in California!!!
    G%2cG
    339
  • compri un robot
    lo programmi
    lo mandi al al lavoro
    e tu puoi chiudere le porte e le finestre di casa tua e rilassarti esimendoti dalla lotta dal rumore e dal correre quotidiano non per dormire meglio o essere piu riposato ma per cercare qualcosa di nuovo
    lui produce tu pensi
    non+autenticato
  • Preferirei un esoscheletro m odello Guges... (chi conosce i manga di shirow, capirà)
    non+autenticato
  • Non vedo l'ora: Clicca per vedere le dimensioni originaliSorpresa
    Wolf01
    3342
  • - Scritto da: Wolf01
    > Non vedo l'ora:

    Di essere inseguito da una regina aliena inca**ata?A bocca aperta

    > [img]http://www-personal.umich.edu/~ferrisdp/NSF/E
    non+autenticato
  • - Scritto da: atamata
    > compri un robot
    > lo programmi
    > lo mandi al al lavoro
    > e tu puoi chiudere le porte e le finestre di casa
    > tua e rilassarti esimendoti dalla lotta dal
    > rumore e dal correre quotidiano non per dormire
    > meglio o essere piu riposato ma per cercare
    > qualcosa di nuovo lui produce tu pensi

    Poi il tuo datore di lavoro pensa: "questo qui consuma 2Euro di corrente al giorno mentre quell'altro fannullome me ne costa 2000 al mese per starsene a casa a riposarsi e pensare! Ok, lettera di licenziamento all'umano, e ordine di acquisto per un robot".
    E cosi' avrai un sacco di tempo NON PAGATO per stare a casa a riposare, pensare e morire di fame.

    Il tuo ragionamento sarebbe giusto se fosse applicato in scala industriale, robot che lavorano e umani che si divertono, ma questo richiede un completo ripensamento dell'attuale struttura sociale.

    PS: Guarda meno "io, Robot" che per il momento e' solo fantascienza.
    non+autenticato
  • Infatti... guarda meno "Io, robot" e leggilo di più.
    non+autenticato
  • - Scritto da: attonito
    > - Scritto da: atamata

    > PS: Guarda meno "io, Robot" che per il momento e'
    > solo fantascienza.

    Guarda di piu' Star Trek, e' fantascienza che descrive un pianeta terra in cui il sintetizzatore ha reso inutile il denaro.
    krane
    22544
  • Così come il masterizzatore ha reso inutile andare a comprarsi i cd Anonimo
    Wolf01
    3342
  • > Poi il tuo datore di lavoro pensa: "questo qui
    > consuma 2Euro di corrente al giorno mentre
    > quell'altro fannullome me ne costa 2000 al mese
    > per starsene a casa a riposarsi e pensare! Ok,
    > lettera di licenziamento all'umano, e ordine di
    > acquisto per un robot".

    se dovessi passare nelle fabbriche c'è il rischio che scopri che questo è già realtà.
    Vero non in tutti i casi, ma si comincia.

    Il magazino completamente automatizzato esiste da qualche anno.

    I robot che fanno il lavoro di varie persone invece pure.

    I CN sono li per fare questo passo.

    > E cosi' avrai un sacco di tempo NON PAGATO per
    > stare a casa a riposare, pensare e morire di
    > fame.

    Una volta c'era quello che accendeva i lampioni, oggi no, il lavoro si evolve.

    E un progresso normale.

    >
    > Il tuo ragionamento sarebbe giusto se fosse
    > applicato in scala industriale, robot che
    > lavorano e umani che si divertono, ma questo
    > richiede un completo ripensamento dell'attuale
    > struttura
    > sociale.
    >
    > PS: Guarda meno "io, Robot" che per il momento e'
    > solo
    > fantascienza.
  • io preferirei un automail alla FMA xD