Carte di credito, sicurezza bucata

Entrare nei sistemi transattivi delle società che gestiscono le carte faceva parte delle attività di un network criminale neutralizzato dalla Polizia. Arrestate 15 persone, sequestrati 36 esercizi commerciali

Roma - Nuovi brividi per i titolari delle carte di credito. Una organizzazione criminale individuata e sgominata dalla Polizia, infatti, sarebbe riuscita ad entrare nei sistemi più riservati di società che gestiscono le carte, da lì prelevare numeri e codici segreti per poi clonare carte con cui effettuare ingenti acquisti.

L'operazione "POS" della Polizia ha portato all'arresto di 15 persone e al sequestro di 36 esercizi commerciali complici dei "pirati delle carte". 39 in tutto sono le persone sottoposte a misure cautelari. Tra gli esercizi sono elencati distributori di benzina, ristoranti, negozi di abbigliamento e di telefonia, mobilifici e altro ancora. Tutti sfruttavano sistemi di clonazione basati sulle macchinette "POS" dei punti-vendita, utilizzati per la riscossione degli importi dalle carte dei clienti.

Stando alle fonti, i titolari degli esercizi e gli arrestati avevano costituito un'attività criminale alla quale si attribuiscono reati che vanno dall'intercettazione illegale delle comunicazioni effettuate via computer per la trasmissione dei dati delle carte sino all'accesso abusivo di sistemi informatici "protetti" e alla detenzione di password e codici di accesso.
In tutto pare che le carte clonate fossero 300 mentre 4mila erano le password e i codici d'accesso ottenuti illegalmente. Il tutto per un volume d'affari che ha superato il milione di euro.

Stando alle ricostruzioni, le carte venivano clonate e affidate a membri dell'organizzazione che le hanno utilizzate per effettuare gli acquisti in molte parti d'Italia.

La Polizia ha sottolineato che, al momento, le indagini sono ancora in corso e perquisizioni sono state effettuate anche presso i centri dati delle banche che gestiscono le carte di credito.

Una buona notizia è stata comunque diffusa alle agenzie dal procuratore capo di Vibo Valentia, Alfredo Laudonio, secondo cui "nessuno ha perso una lira perché dagli estratti conto si sono accorti di quello che sta accadendo".
TAG: cybercops
11 Commenti alla Notizia Carte di credito, sicurezza bucata
Ordina
  • Mi occupo quotidianamente di verifiche acquisti Internet mediante carte di credito, vi do alcune informazioni che anche la maggioranza delle associazioni stranamente non conosce o evita di dare.

    Quando si acquista IN UN NEGOIZIO, SUPERMERCATO o in un RISTORANTE (non on line) allo stesso rimane una ricevuta contenente tutti i dati, numero di carta, data di scadenza firma dell' utente etc., chiunque ha accesso a quei dati potrà usarli per acquistare via internet (dato che la titolarità non è verificabile on line).
    Per tutelarvi 1) non perdete mai di vista la carta 2) al momento della firma, cancellate dalla ricevuta almeno 4 cifre della carta (al negoziante non servono). Qualche negozio più evoluto ha già un software che cancella parte di numeri dalla ricevuta ma sono ancora pochi.
    State all'erta, non abbiate paura solo di Internet, le "clonazioni " avvengono spessissimo "dal vivo"!

    Ultima nota: i pagamenti non vostri possono essere disconosciuti! nessuno può farvi pagare quello che non avete acquistato.
    non+autenticato
  • E' inutile sindacare su questo caso, i truffatori hanno usato il metodo piu' vecchio del modo per bucare il sistema, il Cavallo di Troia, alias la Talpa.
    Ieri sera la RAI (o il TG5, non ricordo) aveva specificato che tra i membri della banda c'era un tecnico sitemista del CED di una BANCA (di cui non cito il nome, ma era visibilissimo anche in TV) !!!
    Ed e' l'ennesima conferma, sono decenni che si ribadisce che i danni maggiori vengono dall'interno dei sistemi informatici...
    Chi controlla i controllori ??
    Bah!
    E giusto per rimanere in tema di esercizi commerciali fraudolenti, come la mettiamo con i benzinai con le pompe STRANAMENTE starate e SEMPRE a loro favore?
    Altro che niutecnologi, se la Finanza o Striscia non vanno a controllare con il mitico Bidoncino di riferimento, nessuno si accorge di niente e loro ti fatturano piu' carburate di quello che ti danno...
    Saluti!
    non+autenticato
  • > E' inutile sindacare su questo caso, i
    > truffatori hanno usato il metodo piu'
    > vecchio del modo per bucare il sistema, il
    > Cavallo di Troia, alias la Talpa.

    appunto
    a me sembra tutto terrorismo inutile
    la carta e' piu' sicura del contante
    ma milioni di volte
    paghi solo il dovuto
    non possono "sbagliare" con il resto
    non ti possono rifilare soldi falsi
    se la perdi o te la rubano la blocchi e tutti gli acquisti fatti con
    quella carta vengono invalidati
    puoi facilmente dimostrare se un acquisto e' stato fatto da te o no.. vi sfido a farlo con i contanti...
    certo, sei tracciabile... qualcuno potra' sempre aspere dove fai acquisti
    non+autenticato
  • Come si pretende che la gente si lasci andare tranquilla negli aquisti on-line quando è evidente che non ci sono le basi....

    L'argomento sicurezza va affrontato in primo piano, anche prima di quello della funzionalità

    Il "nuovo mercato" andrà veramente solo quando ci saranno le basi solide per poterlo implementare....
    non+autenticato
  • E certo che nessuno ha perso una lira, visto che gira tutto in euro!!! Sorride
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > E certo che nessuno ha perso una lira, visto
    > che gira tutto in euro!!! Sorride

    in questi casi pagano i servizi interbancari.. non i clienti
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > in questi casi pagano i servizi
    > interbancari.. non i clienti

    Certo solo che se non te ne accorgi perché quel mese hai fatto molti acquisti o perché ti fidi delle banche come fanno in molti la prendi nel c*l*.
  • io solitamnete conservo gli scontrini o se acquisto in internet mi stampo la conferma e quando mi arriva l'estratto conto carta si...faccio tutti i dovuti controlli.


    approposito sto mese non è ancora arrivato...me sto a preoccupa!
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > io solitamnete conservo gli scontrini o se
    > acquisto in internet mi stampo la conferma e
    > quando mi arriva l'estratto conto carta
    > si...faccio tutti i dovuti controlli.
    >
    >
    > approposito sto mese non è ancora
    > arrivato...me sto a preoccupa!

    dal sito cartasi puoi farti mandare un email giornaliera con tutti i movimenti piu' recenti...
    e' talmente comodo e funziona anche da storico
    io, per esempio, ho sostituito una carta e senza email non sarei potuto risalire facilmente a movimenti fatti con la vecchia carta...
    mi e' bastato fare una ricerca nella inbox..
    non+autenticato
  • > > in questi casi pagano i servizi
    > > interbancari.. non i clienti
    >
    > Certo solo che se non te ne accorgi perché
    > quel mese hai fatto molti acquisti o perché
    > ti fidi delle banche come fanno in molti la
    > prendi nel c*l*.

    se non te ne accorgi sei un tonno
    anche perche' tu puoi provare di NON aver fatto l'acquisto.
    Nel caso di acquisti "con strisciata", c'e' lo scontrino che NON riporta la tua firma...
    nel caso di acquisti on-line basta controllare il luogo in cui e' stata spedita la merce o semplicemente l'ip da cui viene fatto l'acquisto.
    I servizi interbancari sono assicurati proprio per questo.
    Non si tratta di fidarsi o meno della banca.
    La banca vede un movimento sulla carta e ti addebita la somma... non sta a sindacare cosa hai comprato...
    Anche perche' non e' proprio nel suo diritto farlo.

    ciao
    non+autenticato