Luca Annunziata

Windows 7, Microsoft Ŕ al lavoro

Si fa un gran parlare dei vari gusti in cui sarÓ venduto il prossimo OS di Redmond. Le novitÓ sul piano tecnologico raccontate a Punto Informatico da Microsoft Italia, in attesa della Release Candidate a maggio

Roma - L'impressione generale che si ha, cercando di farsi un'idea di come sarà Windows 7, è che ormai Microsoft abbia definitivamente abbandonato l'idea di una singola versione del suo OS e che sempre di più la crescita tecnologica del prodotto le abbia "imposto" un ecosistema complesso. Nelle stesse ore in cui da un sito all'altro rimbalzava la questione della Starter Edition, la versione di Seven che andrà con tutta probabilità sui netbook, Punto Informatico parlava con Davide Salmistraro - vale a dire chi si occupa della vita Windows nelle aziende per Microsoft Italia - delle novità tecniche destinate al mercato enterprise.

Inevitabile, la prima domanda è sui tempi di uscita di Seven: l'altra notizia che ha fatto il giro del mondo è la disponibilità della Release Candidate (ultimo passo prima dell'uscita della versione finale) ad una ristretta cerchia di partner di BigM. Notizia non confermata né smentita da Salmistraro, che tuttavia si mostra possibilista: ottemperato all'obbligo di ripetere la formula dei tre anni dopo il rilascio di Vista, spiega a Punto Informatico che in effetti i tempi di sviluppo di W7 sono stati accorciati rispetto alla versione precedente (che tra beta e RC ha avuto circa sei versioni preliminari).

"I tempi di rilascio della beta e dei passi necessari al rilascio li abbiamo accorciati molto rispetto a quanto facevamo prima, non solo con Vista ma anche con XP - racconta - Abbiamo preferito fare la maggior parte dello sviluppo internamente, con poche aziende e clienti selezionati a farci da partner: il risultato è stato una beta molto stabile, efficace ed usabile, in qualche modo diversa da una beta normale. Da noi già circa il 60 per cento delle postazioni usa Windows 7, e ci pare un ottimo risultato: vuol dire che la beta è stabile e affidabile, e ci auguriamo che con la Release Candidate vada ancora meglio".
Salmistraro non si sbilancia, anche se ammette che la data circolata del 5 maggio potrebbe anche essere grossomodo credibile: considerato che, per sua stessa ammissione, ci sarà soltanto una RC prima del rilascio finale (a meno di gravi problemi) significherebbe che all'uscita di Seven mancano settimane e non mesi. "La speranza - puntualizza - è che sia un vero anticipo: i feedback che abbiamo ricevuto sono molto positivi, la RC sarà un passo importante. Se tutto dovesse andare bene si potrebbero accorciare i tempi di rilascio, ma è meglio procedere con cautela. Il balletto di esce, non esce fatto con Vista non va ripetuto, ha lasciato scontenti prima di tutto noi".

Tirare in ballo Vista, in effetti, può complicare il quadro: sui netbook, ancora loro ma sono il fenomeno del momento, spopola ancora XP (anche, almeno per il momento, a discapito di Linux) e questo crea non pochi problemi alle casse di Microsoft (e già si ventilano altri licenziamenti dopo la comunicazione dei risultati trimestrali). Per questo ora BigM pensa alla Starter Edition da infilare sui mini-notebook, una versione dalle capacità ridotte ma espandibile dietro pagamento di un upgrade. Parlare di cifre è fuori discussione, tutto - ci confermano - è ancora avvolto nel mistero. Ma Salmistraro può confermare due cose: il livello di performance di Windows 7 "è notevole", i test di Microsoft a suo dire indicano che i tempi di boot e resume sono decisamente superiori a Vista, e gli stessi test sono stati eseguiti anche su macchine con processori Atom e 1GB di RAM con buoni risultati.

"Si vede poca differenza tra 1 e 2GB di RAM, e questa cosa ci rende contenti - racconta - perché significa che sarà possibile allargare l'installazione di Seven anche su un parco macchine di non ultimissima generazione: è una buona notizia per le aziende, secondo noi è una novità che aspettavano e che le farà felici". E poi, in ogni caso, Salmistraro snocciola una serie di altre novità che a suo giudizio dovrebbero soddisfare i palati degli IT manager e convincerli della bontà di Seven per la loro azienda: "UAC, tanto bistrattato in Vista, con Windows 7 è stata rivisto al meglio e questo ci ha dato molte soddisfazioni: il numero di prompt richiesti è il 29 per cento in meno, e si può anche personalizzare il livello di protezione".
295 Commenti alla Notizia Windows 7, Microsoft Ŕ al lavoro
Ordina
  • Come da oggetto.

    Se Microsoft pensa che questo comportamento sia cosa normale sbaglia.

    Chi li ha seguiti e ha avuto fiducia con Windows Vista ora è penalizzato.

    Chi compera pc adesso, prende pc con Vista, deve essere penalizzato ???

    Ma la vergogna sanno dove sta di casa ?
    non+autenticato
  • La vergogna e' un sentimento umano. Le multinazionali non sono esseri umani, ergo, non provano vergogna.

    Occhiolino

    Orfheo.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 02 maggio 2009 18.10
    -----------------------------------------------------------
  • ma perchè chi compra il pc con vista da giugno in poi , ha l'upgrade a windows 7 gratis , e gli altri no?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Feliciaus
    > Ecco ho capito, scusa ma ho perso tempo a parlare
    > con un
    > demente......
    >
    > L'informatica non ammette ignoranza....tu
    > preferisci cliccare sulle icone.....io uso i
    > comandi di find....sono costretto ad usare
    > Microsoft.....
    >
    > Ma che frasi sono?
    >
    > L'informatica non ammette ignoranza, ma per te i
    > computer devono usarli solo quelli che di lavoro
    > fanno l'informatico?

    Quelli che di lavoro non fanno l'informatico non dovrebbero pretendere di amministrare il loro sistema.
    Lo usano e stop.
    Tu apri abitualmente il cofano della tua auto e ti metti a smanacciare, o ti limiti a usare volante, cambio e pedali?

    > ( a parte che sarei curioso
    > di sapere qual'è il tuo lavoro e che programmi
    > sviluppi)

    Programmatore. Attualmente consulente presso un grosso istituto, con l'incarico di sviluppare, e amministrare applicazioni di telefonia che si interfacciano con la rete aziendale. Vuoi anche il curriculum vitae? Non ci sta nei 6000 caratteri dei messaggi di P.I.

    > Tu preferisci cliccare sulle icone: Certo e
    > preferisco usare il telecomando per accendere la
    > tv e non alzarmi a premere i bottini per cambiare
    > canale.

    Qualcuno te li avra' impostati i canali sui pulsanti del telecomando, no?
    Oppure provi a cercare di sintonizzarli da solo, per poi chiamare l'amico quando hai incasinato tutto e non vedi piu' canale 5 sul tasto 5?

    > Sei costretto ad usare microsoft? Perchè lavori
    > con uno dietro che ti punta la pistola e se ti
    > vede con linux ti
    > spara?

    Tu una struttura informatica aziendale non l'hai mai immaginata, vero? Ti fermi al tuo monitor e quello e' l'ombelico del mondo.
    Qui abbiamo windows, e abbiamo unix e si usa l'uno e l'altro.
    L'ulcera viene solo con uno dei due.

    > Usi il find? Guarda anche io ora per fare la
    > ricerca ho scritto da riga di comando find
    > lavor*.doc c:\documents \a\i fighissimoooooooooo,
    > ora si che sono un
    > informatico.

    devi mettere tra virgolette "C:\documents and settings" altrimenti non te la trova la directory.
    E quel \a\i che roba e'?

    E comunque il find del dos non serve a trovare i files con un certo nome ma i files che contengono una certa parola.

    Lascia perdere.
  • > Tu una struttura informatica aziendale non l'hai
    > mai immaginata, vero? Ti fermi al tuo monitor e
    > quello e' l'ombelico del
    > mondo.
    > Qui abbiamo windows, e abbiamo unix e si usa
    > l'uno e
    > l'altro.
    > L'ulcera viene solo con uno dei due.

    Unix immagino. Bisogna piangere in greco per riuscire a far andare una banale stampante o scheda wireless, figuriamoci una rete telefonica aziendale.

    > Lascia perdere.

    Te lo stavo per consigliare. Non riesci a convincere nessuno. Windows avrà tutti i difetti di questo mondo, ma almeno FUNZIONA.
    non+autenticato
  • Trolletto Troll, fatti un nick è inutile copiare il mio.
  • > Windows avrà tutti i difetti
    > di questo mondo, ma almeno
    > FUNZIONA.

    Primo premio per la cazzata dell'anno
    non+autenticato
  • - Scritto da: gnulinux86
    >
    > Te lo stavo per consigliare. Non riesci a
    > convincere nessuno. Windows avrà tutti i difetti
    > di questo mondo, ma almeno
    > FUNZIONA.

    Provalo per 15 giorni: ritroverai la tua naturale regolarita'!
  • Cito dall'articolo:
    "Le applicazioni scritte per XP, nel 2001, sono evidentemente applicazioni vecchie, scritte con tecnologie superate e che conservano vulnerabilità peculiari"

    ed ancora:

    "ci sono imprese che utilizzano software vecchi di oltre 15 anni, e se non succede qualcosa di tragico quella roba non viene messa in discussione fino a che non smette di funzionare"

    Riflettendo su affermazioni del genere, e sul tono del discorso, mi viene da pensare che non dovrebbe essere un problema il POTER utilizzare del software scritto per XP (o 2000 o 98) su una piattaforma piu' nuova quanto semmai il DOVER utilizzare altri programmi.
    Possiamo discutere sul fatto che il software vecchio debba essere aggiornato, ma non sul buttare a mare un investimento fatto da un'azienda magari solo pochi anni prima. Con i cicli di sviluppo del software secondo quanto traspare dall'articolo, dovrei rifare tutto il software ogni 2/3 anni o ogni nuova release di SO. Questo e' evidentemente impossibile, sia per questioni di costi, sia per semplice impossibilita' di dover fare formazione a tutte le persone che usano i programmi.
    Se W7 mi fara' girare programmi acquistati (e pagati fior di Euro) senza problemi, allora si potra' anche pensare a metterlo sui pc nuovi. Per ora si continua con il downgrade ad XP che nell'80% dei casi e' la scelta migliore.

    Ps. forse Microsoft farebbe bene ad includere il diritto di downgrade anche ai sistemi Home o a permettere di virtualizzare versioni precedenti per farci girare programmi """"obsoleti"""".
    non+autenticato
  • dall'articolo:
    "Dipende anche da noi, noi italiani difficilmente decidiamo di investire in tecnologia: ma questo comporta - conclude - che altre nazioni europee, e penso alla Germania, alla Francia e al Regno Unito, ci abbiano superato di almeno un paio d'anni in fatto di modernità"

    Manca la parola "luce" dopo "anni"
    -ToM-
    4532
  • Quoto..... Rotola dal ridere
  • - Scritto da: -ToM-
    > dall'articolo:
    > "Dipende anche da noi, noi italiani
    > difficilmente decidiamo di investire in
    > tecnologia: ma questo comporta - conclude - che
    > altre nazioni europee, e penso alla Germania,
    > alla Francia e al Regno Unito, ci abbiano
    > superato di almeno un paio d'anni in fatto di
    > modernità"

    >
    > Manca la parola "luce" dopo "anni"
    Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    non+autenticato
  • - Scritto da: -ToM-
    > dall'articolo:
    > "Dipende anche da noi, noi italiani
    > difficilmente decidiamo di investire in
    > tecnologia: ma questo comporta - conclude - che
    > altre nazioni europee, e penso alla Germania,
    > alla Francia e al Regno Unito, ci abbiano
    > superato di almeno un paio d'anni in fatto di
    > modernità"

    >
    > Manca la parola "luce" dopo "anni"


    un anno luce è una unità di misura della distanza non del tempo...

    ad ogni modo la battuta è carina Ficoso e per una volta sono d'accordo con te.

    Fan LinuxFan Apple
  • - Scritto da: FinalCut
    > - Scritto da: -ToM-
    > > dall'articolo:
    > > "Dipende anche da noi, noi italiani
    > > difficilmente decidiamo di investire in
    > > tecnologia: ma questo comporta - conclude - che
    > > altre nazioni europee, e penso alla Germania,
    > > alla Francia e al Regno Unito, ci abbiano
    > > superato di almeno un paio d'anni in fatto di
    > > modernità"

    > >
    > > Manca la parola "luce" dopo "anni"
    >
    >
    > un anno luce è una unità di misura della distanza
    > non del
    > tempo...
    >
    > ad ogni modo la battuta è carina Ficoso e per una
    > volta sono d'accordo con
    > te.
    >
    > Fan LinuxFan Apple
    il precisino scassacaxxo ci doveva stare su una evidente battuta.
  • - Scritto da: vistabuntu.wordpress.com
    > il precisino scassacaxxo ci doveva stare su una
    > evidente battuta.

    mi da più fastidio il fatto che quando vuole portare documentazione a sostegno della sua tesi, il 90% di quello che incolla sono blog e documentazioni del 2003 ed il restante 10% panzane lette su applicando.
    Ha ragione solo quando si lancia per primo come un forsennato a postare i dati fiscali di Apple come se ci guadagnasse qualcosa.
    E quando glissa, non ha prezzo.
    -ToM-
    4532
  • - Scritto da: -ToM-
    > mi da più fastidio il fatto che quando vuole
    > portare documentazione a sostegno della sua tesi,
    > il 90% di quello che incolla sono blog e
    > documentazioni del 2003 ed il restante 10%
    > panzane lette su
    > applicando.
    > Ha ragione solo quando si lancia per primo come
    > un forsennato a postare i dati fiscali di Apple
    > come se ci guadagnasse
    > qualcosa.
    > E quando glissa, non ha prezzo.

    Che miserabile che sei.

    Hai voluto mettere la riposta di FinaCut nel tuo triste conteggio di "persone che hai fatto ridere", e poi lo vai a criticare alle spalle.

    SPUT!
  • - Scritto da: alexjenn
    > Che miserabile che sei.
    >
    > Hai voluto mettere la riposta di FinaCut nel tuo
    > triste conteggio di "persone che hai fatto
    > ridere", e poi lo vai a criticare alle
    > spalle.
    >
    > SPUT!

    è uno scambio di opinioni a cui lui può rispondere... le cose da miserabili sono quando te, bibop e finalcut iniziae interi thread dopo i miei reply dove vi date manforte a screditarmi perchè presi uno per uno da soli non ce la fate.
    Senza argomentazioni si campa poco, qui è tutto "finto" ma nel mondo reale chissà quante figurette fai con le tue sparate.

    Edit: miserabile è anche chi offende i parenti, perchè e sempre bene ricordare come concludi i tuoi reply.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 24 aprile 2009 15.32
    -----------------------------------------------------------
    -ToM-
    4532
  • - Scritto da: -ToM-
    > - Scritto da: alexjenn
    > > Che miserabile che sei.
    > >
    > > Hai voluto mettere la riposta di FinaCut nel tuo
    > > triste conteggio di "persone che hai fatto
    > > ridere", e poi lo vai a criticare alle
    > > spalle.
    > >
    > > SPUT!
    >
    > è uno scambio di opinioni a cui lui può
    > rispondere... le cose da miserabili sono quando
    > te, bibop e finalcut iniziae interi thread dopo i
    > miei reply dove vi date manforte a screditarmi
    > perchè presi uno per uno da soli non ce la
    > fate.

    E chi vuole farcela?

    Mai sentito "le donne sanno una più del diavolo?

    > Senza argomentazioni si campa poco, qui è tutto
    > "finto" ma nel mondo reale chissà quante
    > figurette fai con le tue
    > sparate.
    >
    > Edit: miserabile è anche chi offende i parenti,
    > perchè e sempre bene ricordare come concludi i
    > tuoi
    > reply.

    Povero cicci.

    Mi piace che tu abbia scritto "miserabile è anche... allora ti ci riconosci alla perfezioneA bocca aperta
  • - Scritto da: -ToM-
    > http://www.guerra-edizioni.com/books/index.cfm?nod

    Non mi sembra che la lettura di questo libro ti sia servita granché, altrimenti non scriveresti in questo forum, ti pare?

    Quindi smettila di fare il professorino dei miei cogl*oni e continua il tuo lavoro "da professionista che ha tempo da perdere qui su PI".
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | Successiva
(pagina 1/5 - 23 discussioni)