Il futuro del Web? Parlante

Nel prossimo futuro i siti Web potrebbero appoggiarsi a personaggi virtuali in grado di dialogare con i navigatori. Una tecnologia che forse rivoluzionerà l'interazione fra utenti e servizi on-line

San Francisco (USA) - Navigare sui siti Web? Perché non "dialogare" con essi? E ' quello che propone la giovane azienda NativeMinds che sta sviluppando degli assistenti virtuali per il Web.

Questa sorta di Web-robot, chiamati "vReps", appaiono all'utente come caratteri animati e sono in grado di dialogare utilizzando un linguaggio "naturale".

Secondo Walter Tackett, CEO di NativeMinds, i vReps rivoluzioneranno il modo di interagire con i servizi sul Web e consentiranno alle aziende di disporre di operatori virtuali rivolti al pubblico 24 ore al giorno. Questi robot avranno accesso a tutte le informazioni dell'azienda e saranno in grado di rispondere a quesiti specifici posti dagli utenti.
Per fare un esempio, per interagire con un portale dotato di un vRep non sarà più necessario cercare la voce "meteo", cliccare sulla propria regione ed infine sulla propria città, ma sarà sufficiente domandare "Che tempo fa oggi a Milano?" per ottenere, attraverso la voce sintetica del personaggio virtuale, alcune informazioni essenziali sull'argomento.

E ' facile immaginare come questo possa essere applicato ad ogni altro genere di informazione, dal supporto tecnico all'orario dei treni, dai comunicati stampa a cose più frivole come chat vocali e giochi on-line.
2 Commenti alla Notizia Il futuro del Web? Parlante
Ordina
  • e' dagli anni 70 (forse anche prima) che si pronostica entro pochi anni computer parlanti, in grado di comprendere il linguaggio naturale
    non+autenticato
  • Se sono come l'assistente di office, allora sono dei perfetti idioti: è praticamente impossibile formulare una domanda di senso compiuto ed ottenere una risposta adeguata (provare per credere); inoltre, se possono addirittura parlare, quanta banda a disposizione dell'utente sarà necessaria? Non causa un rallentamento di tutta la rete mettere un software in un sito web che interagisce con l'utente mandandogli dei file audio di grosse dimensioni(perchè in fin dei conti si tratta di questo)? Cioè, già oggi con una connessione a 56k per vedere una banalissima animazione di 5 secondi occorre una vita, se mi ci mettete anche "er finestra" (lo conoscete,noh?, è quello di radio deejay) che mi parla via web, faccio prima a leggere "Guerra e pace"
    Saluti a tutti
    PonZ
    non+autenticato