Mandriva 2009 profuma di primavera

L'ormai tradizionale edizione primaverile della distro porta con sé tempi di avvio sensibilmente migliori e un supporto ancora più esteso ai netbook

Roma - La primavera è ormai al suo apice, e anche Mandriva 2009 ha messo nuovi germogli. L'appena sbocciata edizione Spring (nome in codice Pauillac) aggiorna come tradizione i pacchetti software e corregge tutti i bug venuti alla luce negli ultimi sette mesi, introducendo inoltre alcune nuove funzionalità.

Tra le migliorie più attese, soprattutto dagli utenti di laptop, c'è la significativa riduzione dei tempi di avvio del sistema operativo: secondo Mandriva, la propria distribuzione è ora in grado di fare il boot fino al 25 per cento più rapidamente rispetto alla precedente release.

La velocità di avvio sta diventando un punto di confronto sempre più importante tra le distribuzioni Linux, e il motivo è che un po' tutte puntano a ritagliarsi uno spazio nel vivace e fertile mercato dei netbook. Mandriva supporta nativamente i portatilini di Acer, Asus, Lenovo, MSI e Samung, nonché il Classmate PC di Intel.
È proprio pensando agli utenti di netbook che gli sviluppatori di Mandriva hanno deciso di integrare, a partire dalla scorsa versione, il desktop environment superleggero LXDE: quest'ultimo è ora l'interfaccia predefinita per i PC ultraportatili, mentre il più anziano e maturo Xfce 4.6 resta disponibile come opzione.

Tra gli altri componenti di Mandriva 2009 Spring vi sono KDE 4.2.2, GNOME 2.26, X.Org Server 1.6, Firefox 3.0.8, OpenOffice 3.0.1, VirtualBox 2.2, Wine 1.1.1.19 e il player multimediale Songbird. Al cuore di tutto c'è il kernel Linux 2.6.29.

Come tradizione, Mandriva Linux 2009 è disponibile in tre versioni: due gratuite, la Free e la One, e una a pagamento, la Powerpack. Quest'ultima è la più completa, e per 69 euro (59 euro la slim pack) offre anche un ampio corredo di driver, codec e applicazioni proprietari. La Free include esclusivamente software open source (ma i driver proprietari possono comunque essere scaricati dall'utente per mezzo del tool Codeina), la One infine è la versione Live, installabile su hard disk, contenente anche i driver closed source.

Maggiori dettagli sulle novità di Mandriva Linux 2009 si possono trovare nelle note di rilascio, mentre qui è disponibile un tour delle principali caratteristiche del sistema operativo. Le immagini ISO della distribuzione possono essere scaricate da qui in oltre 70 lingue.
100 Commenti alla Notizia Mandriva 2009 profuma di primavera
Ordina
  • Ultimamente su Punto Informatico si e' parlato di tutti i sistemi operativi del mondo: windows seven, vista, mac os, mandriva, ubuntu, netbsd, openbsd, freebsd, tutti tranne gNewSense.

    gNewSense e' una distribuzione di GNU/Linux completamente libera sponsorizzata da FSF e basata su Ubuntu (per ora):

    www.gnewsense.org

    Purtroppo le piu' famose distribuzioni includono software proprietario al loro interno:

    http://www.gnu.org/distros/common-distros.html

    gNewSense segue la politica di non includere niente di proprietario e di eliminarlo se per errore viene incluso e scoperto.

    Vi invito a provarla.

    Chi desidera maggiori informazioni puo' iscriversi alla mailing list di LibrePlanet Italia:

    http://libreplanet.org/index.php/LibrePlanetItalia

    --
    Graziano Sorbaioli ~ sorbaioli.org

    LibrePlanet Italia
    http://libreplanet.org/index.php/LibrePlanetItalia
    non+autenticato
  • I problemi di Linux sono diversi

    Eccoli qui ben riassunti da un noto linaro
    http://pollycoke.net/2009/05/06/ecco-perche-linux-.../
    non+autenticato
  • Come Marzullo, ti fai le domande e ti dai le risposte!
    non+autenticato
  • Forse è ancora immaturo per i desktop, ma conta che i supercalcolatori la maggior parte delle volte utilizzano il kernel linux modificato, quasi tutti i server web utilizzano distribuzioni linux, principalmente red hat e debian, non esiste sistema operatvo più comodo per la programmazione e mille altre cose... certo le persone che lo utilizzano per il video editing e per giocare non si trovano bene...
    non+autenticato
  • P.S. Per l'editing audio se mi parli di audacity, ok, fa schifo, ma dai un'occhiata a lmms... l'alternativa open ai software professionali di registrazione e editing audio...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Giacomo
    > P.S. Per l'editing audio se mi parli di audacity,
    > ok, fa schifo, ma dai un'occhiata a lmms...
    > l'alternativa open ai software professionali di
    > registrazione e editing
    > audio...

    audacity per l'editing audio va benissimo, come rezound; se tu intendi la composizione musicale allora è un altro discorso; lmms, ardour, muse, qtractor, ecc ecc sono tutti buoni prodotti, differenti, per usi differenti.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Giacomo
    > P.S. Per l'editing audio se mi parli di audacity,
    > ok, fa schifo, ma dai un'occhiata a lmms...
    > l'alternativa open ai software professionali di
    > registrazione e editing audio...

    si, anche ardour è molto bello ma, un professionista, se ha bisogno di un supporto, ottiene la stessa qualità rispetto ad aziende come Steinberg?
    -ToM-
    4532
  • > Forse è ancora immaturo per i desktop, ma conta
    > che i supercalcolatori la maggior parte delle
    > volte utilizzano il kernel linux modificato,
    > quasi tutti i server web utilizzano distribuzioni
    > linux, principalmente red hat e debian, non
    > esiste sistema operatvo più comodo per la
    > programmazione e mille altre cose... certo le
    > persone che lo utilizzano per il video editing e
    > per giocare non si trovano bene...
    Direi che il tuo commento è completamente OT rispetto ai contenuti del video in cui si dice esplicitamente che si fa riferimento solo a desktop.
  • - Scritto da: Giacomo
    > programmazione e mille altre cose... certo le
    > persone che lo utilizzano per il video editing e
    > per giocare non si trovano bene...

    Ci sono distro che cercano l'amicizia con l'utente da anni.
    Diciamo pure che è linux a non trovarsi bene con i giochi e con il video editing, ma anche con l'audio editing, il cad, il DTP ecc...
    Dovrebbero iniziare a pensare al piano B, wine.
    -ToM-
    4532
  • > I problemi di Linux sono diversi
    > Eccoli qui ben riassunti da un noto linaro
    > http://pollycoke.net/2009/05/06/ecco-perche-linux-
    Ho visto quasi tutto il video (trequarti d'ora in inglese: si fa un po' fatica) e letto tutto l'odp.
    Le tesi sembrano in gran parte condivisibili, con alcuni "se" e "ma":
    - non si accenna al discorso DE: francamente preferirei che le distro mainstream si concentrassero di più su un unico DE (sia GNOME, KDE o qualunque altro); un modo come un altro per concentrare le energie.
    - sui sistemi di editing audio sono in totale disaccordo: quelli che ci sono mi sembrano davvero ottimi
    - sui gestori dei pacchetti non mi sembra poi così importante

    Quello su cui sono stra d'accordo sono i punti relativi ai server audio (serve veramente tutta questa varietà?) e sul discorso retribuzione (in particolare quando dice che gli sviluppatori vanno pagati 75mila $ l'annoOcchiolino ).
    Nel complesso un ottimo intervento, didatticamente interessante: ultimamente lo stesso blog di pollycoke ha dato notizie di diversi merge di progetti opensource; speriamo che il trend sia quello.
  • - Scritto da: advange
    > > I problemi di Linux sono diversi
    > > Eccoli qui ben riassunti da un noto linaro
    > >
    > http://pollycoke.net/2009/05/06/ecco-perche-linux-
    > Ho visto quasi tutto il video (trequarti d'ora in
    > inglese: si fa un po' fatica) e letto tutto
    > l'odp.

    Che vogliaSorride

    > Le tesi sembrano in gran parte condivisibili, con
    > alcuni "se" e
    > "ma":
    > - non si accenna al discorso DE: francamente
    > preferirei che le distro mainstream si
    > concentrassero di più su un unico DE (sia GNOME,
    > KDE o qualunque altro); un modo come un altro per
    > concentrare le
    > energie.

    concordo, in più oramai sono cadute le motivazioni per cui è stato sviluppato Gnome in contrapposizione a KDE. Il sogno sarebbe l'unificazione delle GTK e delle QT e dei due DE, magari con la libera scelta dell'utente su quale "look and feel" preferisca.

    > - sui gestori dei pacchetti non mi sembra poi
    > così
    > importante

    E invece qui mi pare importante, in quanto è una delle cose che più spiazzano il neofita. Di sistemi unificati di pacchettizzazione ce n'è più di uno, tutti con i loro pro e contro, ma il problema è mettere d'accordo mille testeSorride

    > Quello su cui sono stra d'accordo sono i punti
    > relativi ai server audio (serve veramente tutta

    Verissimo, perchè disperdere le forze così?

    > questa varietà?) e sul discorso retribuzione (in
    > particolare quando dice che gli sviluppatori
    > vanno pagati 75mila $ l'annoOcchiolino
    > ).

    Eh?

    > Nel complesso un ottimo intervento,
    > didatticamente interessante: ultimamente lo
    > stesso blog di pollycoke ha dato notizie di
    > diversi merge di progetti opensource; speriamo
    > che il trend sia
    > quello.

    Speriamo, così tanti troll antilinari avranno meno argomentiOcchiolino
    Funz
    12988
  • io amo slackware, a dir la verità sono un integralista slackwariano.
    Ma non uso slackware, ne ABUSO.
    non+autenticato
  • - Scritto da: uuhhaa
    > io amo slackware, a dir la verità sono un
    > integralista
    > slackwariano.
    > Ma non uso slackware, ne ABUSO.
    io cominciai dalla slackware 3.2 (se ricordo bene la versione, parliamo della metà degli anni 90)
    però ad oggi preferisco usare Zenwalk, di chiara derivazione slackwariana.
    LROBY
    lroby
    5311
  • cosi si deve fare!!!!
  • Beh, io ero partito 8 anni fa con la vecchia Mandrake, poi ho scoperto Slackware e ho capito che quella era la mia distribuzione.

    Il tempo poi mi ha dato ragione visto che non ho mai avuto i problemi di cui continuano a parlare gli utenti Mandriva, Ubuntu & C.; del resto, quale altra distribuzione può vantare tre pazzoidi come Patrick J. Volkerding, Peter Punk e Alien Bob?
    non+autenticato
  • - Scritto da: uuhhaa
    > io amo slackware, a dir la verità sono un
    > integralista
    > slackwariano.
    > Ma non uso slackware, ne ABUSO.

    Al momento direi slax, comunque mi incuriosice la slack, non è che hai voglia di dirmi qualche motivo di tale affezionamento.
  • Leggete qui
    http://www.mandrakeitalia.org/modules/news/article...

    Guardate a quanto arriva la frustrazione degli utenti Mandriva, l'invidia verso Ubuntu è incredibile, riporto il commento di un utente esperto del loro forum di che si firma NUCCO

    << E poi considerate anche la Ubuntu 9.0.4, e si diciamolo forte, con questa release ha fatto un grosso buco nell'acqua, e' veramente la peggiore degli ultimi tempi:
    Solo il fatto che sia uscita con il vecchio kernel 2.6.28, senza un EXT4 efficiente, con le vecchie Alsa 1.0.18, sembra all'altezza (o meglio bassezza della Mdv 2009.0) ma tanto altro che non sto qui a dilungarmi... >>

    Io capisco che sul forum Mandriva si debba parlare bene delle propria distro, ma sparare a zero sulle altre non fa bene al mondo Linux, non si migliora con l'invidia.

    Comprendo l'invidia verso Ubuntu, che ha un grande forum che funziona con tanti utenti sempre online, una distro che con meno della metà degli anni di Mandriva ha più utilizzatori di Mandriva stessa.
    Ma il successo di una distro è un bene per tutto il mondo Linux, se una distro linux si diffonde sempre di più come sta facendo Ubuntu, aumenta l'interesse dei produttori hardware e software per Linux.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Mandrax

    > Ma il successo di una distro è un bene per tutto
    > il mondo Linux, se una distro linux si diffonde
    > sempre di più come sta facendo Ubuntu, aumenta
    > l'interesse dei produttori hardware e software
    > per
    > Linux.

    Dici?
    In tanti anni la penetrazione nei desktop è rimasta a una percentuale risibile e il mondo linux non ha fatto altro che frantumarsi in una miriade di distribuzioni.
    non+autenticato
  • > Dici?
    > In tanti anni la penetrazione nei desktop è
    > rimasta a una percentuale risibile e il mondo
    > linux non ha fatto altro che frantumarsi in una
    > miriade di distribuzioni.
    Dici? Non mi sembra sai. Secondo net application in due anni la quota è più che raddoppiata (da 0,42 a 1,02): sempre poco, d'accordo, ma il trend mi sembra ottimo.
    Sul frantumarsi, non saprei dirti, non mi sembra che ci sia stata un'impennata di distro, fatto salvo forse il fenomeno di distro per netbook.
  • Linux su desktop, ha più o meno 5 anni.

    La diffusione di Linux la frenano gli stessi utenti linux, che fanno discorsi da bimbiminchia tipo: la mia distro è meglio della tua.
  • - Scritto da: gnulinux86
    > Linux su desktop, ha più o meno 5 anni.
    >
    > La diffusione di Linux la frenano gli stessi
    > utenti linux, che fanno discorsi da bimbiminchia
    > tipo: la mia distro è meglio della
    > tua.
    quoto al 100%, le distro war sono all'ordine del giorno per alcuni coglioncelli.
  • - Scritto da: vistabuntu.wordpress.com

    > quoto al 100%, le distro war sono all'ordine del
    > giorno per alcuni
    > coglioncelli.

    Quoto, sopratutto quando e' chiaro a tutti che Gentoo e' l'UNICA E VERA DISTRIBUZIONE LINUX E TUTTE LE ALTRE DEVONO MORIREEEEHHH !!!!1UNO
    11237
  • - Scritto da: Giambo
    > Quoto, sopratutto quando e' chiaro a tutti che
    > Gentoo e' l'UNICA E VERA DISTRIBUZIONE LINUX E
    > TUTTE LE ALTRE DEVONO MORIREEEEHHH
    > !!!!1UNO
    LOL
    LROBY
    lroby
    5311
  • - Scritto da: Giambo
    >
    > Quoto, sopratutto quando e' chiaro a tutti che
    > Gentoo e' l'UNICA E VERA DISTRIBUZIONE LINUX E
    > TUTTE LE ALTRE DEVONO MORIREEEEHHH
    > !!!!1UNO

    È VERO!!!! LOL
    Non pensavo l'avrei mai detto ma quoto Gnulinux, vistabuntu e Giambo AssiemeDeluso
  • invece io credo che sia utile. Io mi sono trovato malissimo con una distro (Ub9.04) e sto cercandone un'altra che supporti meglio il mio HW. Non vuole dire che una sia meglio dell'altra ma sicuramente sapere che Mandriva è una buona distro mi aiuta a provarla prima di decidere di ritornare a Windows (7 ovviamente, Vista è stato il maggior booster di Linux degli ultimi anniOcchiolino.
    non+autenticato
  • Dire è meglio questo di quest altro senza provare non mi sembra una cosa giusta.

    Prima bisogna provare e poi giudicare.
  • - Scritto da: Nome e cognome
    > Dici?
    > In tanti anni la penetrazione nei desktop è
    > rimasta a una percentuale risibile e il mondo
    > linux non ha fatto altro che frantumarsi in una
    > miriade di
    > distribuzioni.

    Il bello di Linux è la scelta. Lo ha detto anche lo stesso Linus Torvalds. Avere tante distro ti permette di trovare quella che più si avvicinaq ai tuoi bisogni
    non+autenticato
  • anche qua sei... ciao
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 11 discussioni)