Un portatile che cade a pezzi?

Ne parla un lettore alle prese con un notebook che ha la singolare caratteristica di perdere pezzi ogni qualche mese. Una situazione paradossale

Roma - Gentilissima redazione di Punto informatico, seguo giornalmente il vostro quotidiano e mi rendo conto che molte volte, anche se ci orientiamo verso un prodotto che a pari prestazioni, paragonato con altri, costa qualcosa in più, non abbiamo comunque la certezza che sia migliore, nel senso che la qualità è la stessa di altri articoli in vendita a prezzo inferiore se non ancora peggio.

Vorrei porvi anch'io un quesito riguardo al mio portatile. Due anni fa acquistai un portatile Mitac, per la precisione un 6120N all accessoried (rete, modem, ecc?). Da subito ho avuto problemi con la porta USB (avevo collegato un mouse che non veniva rilevato), inviato in assistenza, dopo un mese, la risposta è stata che per loro non ci sono anomalie. Morale della favola: il mouse ottico USB l'ho accantonato in un angolo ed ho acquistato un normalissimo Mouse PS2.

Dopo un paio di mesi all'accensione dal pc veniva rilevato l'errore "keyboard not present" (o simile). Portato al negozio in cui lo acquistai, mi cambiarono la tastiera. Poco dopo ho dovuto sostituire anche l'HDD, con la conseguente perdita di dati. Questo però può capitare e certo sbagliare è di questo mondo. Però non è possibile che per un errore di progettazione ogni 5 o 6 mesi io debba spedire il portatile in assistenza dovendo sopportare le varie spese annesse e connesse.
Mi spiego meglio: il guscio del MITAC 6120N come quello del 6120 è stato progettato con un materiale che dopo 5 o 6 mesi di utilizzo comincia a creparsi tutto (si rompono gli angoli superiori; poi si formano delle crepe in basso dove il monitor si collega alla base del computer finché non si rompe del tutto). Finché la riparazione è in garanzia si spedisce in assistenza il portatile (infatti al sesto mese l'ho inviato) ed i tecnici sostituiscono il guscio (in un mese) senza spese aggiuntive.
Quando la garanzia (dopo il primo anno) termina, la riparazione può essere fatta solo ed esclusivamente rinviando il computer in assistenza. Il solo guscio superiore costa ad un negoziante 80 Euro circa. A questo bisogna aggiungere il guadagno che ci ricaricano (più IVA), le spese per il tecnici che comunque devono smontare e rimontare il guscio (più IVA) e le spese del corriere espresso andata e ritorno... Certo le spese di trasporto sono obbligatorie perchè loro non mandano i pezzi di ricambio a casa del cliente ma per la riparazione, anche se fuori garanzia, bisogna spedirgli tutto il portatile.

Vorrei precisare che il computer in oggetto viene utilizzato da me con molta cura vista la spesa a cui ho dovuto far fronte. E' posto su una scrivania come un PC normale, non viene trasportato in giro, (anche perché la batteria non ricarica). Abbasso solo il monitor e lo copro con un panno quando non lo utilizzo per far si che non si riempia di polvere.

Vorrei chiedere a Mitac se, rovinandosi il portatile per cause da me non derivanti, cioè il materiale è di una lega non particolarmente flessibile ma al contrario piuttosto rigida, sostituiscono il guscio con uno più resistente o comunque con uno che non si rompe con l'uso, e vista la natura del danno a spese loro.

Grazie.
Lettera firmata

Gentile lettore
abbiamo sottoposto a Mitac il singolare problema che hai segnalato e contiamo nei prossimi giorni di poter ospitare una risposta dell'azienda. A presto, la Redazione
TAG: hw
38 Commenti alla Notizia Un portatile che cade a pezzi?
Ordina
  • Se ne sono lette di tutti i colori, vorrei soffermarmi 5 minuti a riflettere con voi:

    MITAC è una marca che lavora molto in diversi campi. Non è famosissima perchè non produce per lo più componenti per se stessa ma bensi produce componenti che poi vanno a terzi, vengono marchiati (con il proprio nome) e rivenuti.
    Quindi non mi sembra proprio un marchio da terzo mondo.

    Per quanto riguarda il prezzo dei portatili, bhè non è che siano proprio in massimo del risparmio; Basta considerare che prima di tutto vende dei Notebook base, quindi senza CPU,HDD,RAM. Per fare un esempio il base 8575A senza i componenti sopracitati costa sui 1250?. Non poco, visto che andando a comprare i pezzi mancanti si arriva ad una spesa che sicuramente supera il prezzo di un Compaq o similari.

    Cosa ancor più importante è che se compro un qualsiasi bene la casa produttrice, prima di metterlo in commercio, deve effettuare un test qualità. In questo caso, visto quanto scritto dal nostro sfortunato amico, credo proprio che il test sia stato fatto giusto per dire, in quanto un guscio con quelle caratterstiche il test qualità difficilmente lo avrebbe superato.

    Ho lavorato per un lungo periodo in un centro di riparazione pc; vi posso dire che i MITAC sono dei buoni portatili paragonabili tranquillamente ai Compaq, Acer o Asus.

    Di fatto i MITAC sono gli unici che non hanno mai sofferto di problemi al display o alla MainBorad (per quel che ho visto), le parti più costose da sostituire quando scade la garanzia. La maggior parte dei problemi sono sulla scocca superiore o sulla USB; a differenza dei sopracitati che presentano problemi ben più gravi quando si guastano.

    Meditate gente...
    non+autenticato
  • Ciao, ho letto le tue considerazioni con molto interesse e per questo volevo chiederti un consiglio, se possibile.
    Il mio pc portatile (è un Nevada) ha circa 5 anni durante i quali ha lavorato davvero molto. Stamattina, aprendolo per l'ennesima volta, mi sono accorto di una crepa formatasi alla base del monitor, proprio dove fà leva in fase di apertura....Ho subito pensato che fosse arrivato il suo momento, ma un mio amico mi ha fatto presente che esistono dei "collanti" per le scocche dei pc portatili abbastanza efficaci.......
    Potresti darmi una delucidazione in merito per favore?
    Grazie!
    (mar75@tele2.it     ,è il mio nuovo indirizzo)
    non+autenticato
  • Che ci siano pezzi con difetti di fabbrica non lo metto in dubbio....
    sennò, che gli fate a questi poveri portatili?
    io ne ho avuti 4 e non ho avuto mai problemi con nessuno di questi.
    Sono oggetti molto delicati lo sapevate?
    Secondo me invece disparare critiche a destra e a manca si dovrebbe fare un po' più di attenzione.

    non+autenticato
  • Lavoro da ormai 5 anni nel settore della vendita di hardware, e la mia piccola esperienza me la sono fatta, esperienza della quale vorrei rendervi partecipi, senza avere la presunzione di voler sapere tutto io e solo io.

    -- PUNTO 1 --
    Per quanto riguarda le marche dei notebook, più o meno conosciute, e bene sapere che non esiste una marca che produce e assembla tutto in proprio, anzi, nella maggior parte dei casi l'elettronica interna dei prodotti è la stessa, e a cambiare è la disposizione delle unità (cd,dvd,cdrw,hd,floppy...) e il design della scocca. Quindi molte volte un pc della marca y, e un pc della marca x sono prodotti e assemblati della stessa fabbrica.

    -- PUNTO 2 --
    Nel valutare l'affidabilità di un prodotto bisogna distinguere tra parti meccaniche e parti elettroniche. Le prime per loro natura sono soggette a maggiore usura, ed è quindi ovvio che nella casistica ci siano rotture di scocche in corrispondenza delle cerniere per aprire e chidere il monitor. Così come è normale che in un pc (fisso o portatile) a rompersi prima siano HD, CDrom, Floppy, Dvd, masterizzatori, e in casi più rari processori, schede madri, schede video. Parlo sempre di uso "normale" di pc!!!

    -- PUNTO 3 --
    Per quanto riguarda la garanzia che offrono le varie case, questa è svolta da aziende terze che con quelle case hanno un semplice e puro rapporto di lavoro. Quindi non devono diventare gli unici colpevoli di ritardi o malfunzionamenti. Se il marchio non gli autorizza ad effettuare la riparazione che colpa ne hanno loro, o se il pezzo è irreperibile o non ricevono l'adeguata assistenza dal marchio cosa dovrebbero fare?
    In ogni caso le garanzie sono sempre un problema, per qualsiasi marca, e nell'acquisto di un prodotto bisognerebbe tenere conto di dove si trova il centro assistenza più vicino, di quanti anni di garanzia ci sono, e se è possibile estenderla, se sono comprese le spese di spedizione.

    -- PUNTO 4 --
    Un consiglio: quando valutare l'acquisto di un pc (fisso o portatile) non basatevi sull'estetica e, in modo particolare per i fissi, sulla marca. Certo l'estetica ha la sua importanza ma.....
    Informatevi su quali componenti sono presenti, se con il prodotto vi danno manuali e cd di ogni singolo componente, quanto dura la garanzie e chi la fa e con quali modalità, tempistiche e costi. Se il prodotto è già predisposto per accogliere componenti già in vendita e di prossima uscita (mi capita spesso di ricevere clienti che hanno appena acquistato in qualche centro un pc fisso, e chiedono di installare una scheda video più potente, risultato sulla mainboard manca lo slot agp!!).
    Inoltre non acquistate mai l'ultimo modello! Il prezzo non ne vale mai le prestazioni reali! E in più non ha ancora subito il test della grande massa come per un prodotto di qualche mese e per il quale potete raccogliere informazioni da altri acquirenti.
    Non basate i vostri acquisti su quello che dicono le riviste, ricordate che vivono grazie alla pubblicità, e non parleranno mai male di un loro potenziale o meno inserzionista.
    Non fidatevi dei consigli dei negozianti che vendono prodotti che hanno a magazzino, quei prodotti li devono vendere, e per tanto non ne potranno mai parlare male.
    Ci sono dei negozi che hanno magazzini ridicoli, e che devono ordinare ogni cosa gli chiediate. A fronte di uno svantaggio di dover attendere per avere il prodotto avete la certezza che il commerciante non vi sta rifilando un fondo. In più se è quello stesso commerciante ad offrirvi l'assistenza e la garanzia (anche per alcuni componenti dei notebook può essere così) fidatevi dei suoi consigli, perchè l'ultima cosa che vorrebbe e vedervi ritornare con un problema, con conseguente perdita di tempo e denaro. Quindi sarà lui il primo ad offrirvi un prodotto che per sua esperienza reputa affidabile.
    Ultima cosa: ultimamente molte persone acquistano notebook per utilizzarli unicamente come pc domestici. E' verissimo che si risparmia spazio e lo si può spostare (in casa) con facilità. Ma se non avete problemi di spazio compratevi un fisso, magari con un LCD, sono più economici (anche se lo stanno diventando sempre meno), danno più possibilità di upgrade, cambio pezzi, e qualsiasi tecnico ci può mettere le mani per ripararlo, riducendo così i costi del fuori garanzia, e i tempi di intervento.

    Ho finito. Spero di aver aiutato qualcuno e che quanto scritto risulti compreso.

    Carlo.
    non+autenticato
  • perchè non fare un forum di "consigli e Sconsigli x gli acquisti??" suddiviso x HW, SW, servizi, ecc...

    ... o rischiate qualche denuncia Occhiolino hehehe

    scherzi a parte, è ovvio che si rischia che ci siano solo lamentele ( un albero che cade fa + rumore di 1000 che crescono...) oppure false segnalazioni ( tipo: io importatore della marca xyz la pubblicizzo con commenti fantastici... )

    boh, fate voi...
    non+autenticato
  • Ho lo stesso problema pensate che ho incolpato un amico pensando avesse riposto con malacura il portatile in borsa.
    Io ho gli angoli superiori rotti e le crepe alla base del monitor propio come descritto, e l'ho gia fatto ripare ben DUE volte, pazzesco.
    L'assistenza é a Torino e io sono di Milano.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 11 discussioni)