Alfonso Maruccia

NASA aggiorna Hubble

Una delle ultime missioni dello Shuttle si prepara a rimettere in forma il telescopio spaziale che ha aperto una nuova era di esplorazione e ricerca scientifica. Mentre l'amministrazione statunitense analizza i piani NASA per il futuro

Roma - L'agenzia spaziale statunitense è in una fase di transizione, vecchie tecnologie vanno in pensione e nuove soluzioni si preparano (letteralmente) a spiccare il volo per disvelare i misteri di un cosmo costantemente ignoto, per lo meno in alcune delle sue componenti fondamentali. Ma prima del pensionamento i programmi storici di NASA avranno il tempo di ricoprirsi ancora di gloria, a cominciare dal sicuramente fortunato telescopio spaziale Hubble che verrà "aggiornato" e riparato nel corso della prossima missione dello Shuttle.

Lanciato in orbita nel 1990, uno dei Grandi Osservatori del programma spaziale statunitense non ha mai avuto in realtà una vita facile, dovendo attendere per ben tre anni in orbita prima di cominciare a funzionare a causa di un difetto nella sua lente ottica. Ma da allora in poi il flusso di dati e immagini che ha catturato e spedito sulla Terra ha dato forma e sostanza all'astrofisica ma anche all'osservazione stupita dell'universo da parte dell'uomo della strada.

Innumerevoli sono stati i contributi di Hubble alla ricerca e alla rinnovata passione generale per l'esplorazione spaziale, tra cui val la pena citare l'individuazione di buchi neri super-massivi al centro delle galassie, le forme meravigliose e sconcertanti delle supernove (stelle esplose in una nuvola di gas che si estende per svariati anni luce), la scoperta della prima molecola organica nell'atmosfera di un pianeta in orbita intorno a una stella diversa dal Sole, la relativamente comune presenza di sistemi solari in formazione nella Via Lattea, la luce emessa dalle proto-galassie quando l'universo era aveva un'età di meno di un miliardo di anni.
Con la sua capacità di osservare gli oggetti cosmici con una definizione 10 volte superiore a quella dei più potenti telescopi terrestri, quella vera e propria macchina del tempo che è Hubble ha permesso di stimare con una certa precisione l'età del cosmo, ora fissata in 13,7 miliardi di anni, e di confermare il fatto che esso si espande con una velocità in continua accelerazione. Secondo la teoria più accreditata tale accelerazione sarebbe la conseguenza della misteriosa forza nota come energia oscura, ignota negli elementi costituenti ma data come occupante i tre quarti dell'intero universo come contro-bilanciamento della spinta implosiva della forza di gravità. Sempre che, ben inteso, in realtà l'universo non si fondi su principi fisici non-newtoniani come una crescente fetta di ricercatori sostiene.

Questo è altri interrogativi sono stati a ogni modo sollevati proprio grazie alle meraviglie tecnologiche di Hubble, a cui la missione della prossima settimana aggiungerà nuovi sofisticati strumenti capaci di renderlo ancora più potente ed estenderne l'attività sino al 2014. Hubble riceverà un pezzo di tecnologia derivato direttamente dal suo successore, il James Webb Space Telescope, a cui se la missione andrà bene si affiancherà continuando a scattare istantanee mozzafiato di quasar, nane brune, nebulose e pulsar (il JWST usa telecamere a infrarossi mentre Hubble può operare nello spettro della luce visibile).

Pensionati Hubble e Shuttle, a ogni modo, la NASA proseguirà l'esplorazione dello spazio con il suo progetto Constellation, che prevede una sorta di ritorno al passato con l'adozione della capsula "riciclabile" Orion, simile a quella delle missioni Apollo, sparata in orbita sul razzo-vettore di nuova concezione Ares. I piani parlano dell'introduzione del nuovo mezzo di trasporto entro il 2014/2015, e giusto per essere sicuri che i cervelloni del JPL non facciano danni o, più semplicemente, non seguano una strada sbagliata nel rinnovare il programma spaziale la Casa Bianca ha avviato una revisione delle attività dell'agenzia da presentare direttamente al presidente Obama. Dopotutto si parla di un possibile incremento di 2 miliardi di dollari sui 18,69 miliardi scarsi già previsti per il budget 2009-2010, se va bene ci scappa anche un nuovo set di ceramiche per le poco ospitali e scomode toilet spaziali.

Alfonso Maruccia
47 Commenti alla Notizia NASA aggiorna Hubble
Ordina
  • Leggo nell'articolo:

    Secondo la teoria più accreditata tale accelerazione sarebbe la conseguenza della misteriosa forza nota come energia oscura, ignota negli elementi costituenti ma data come occupante i tre quarti dell'intero universo come contro-bilanciamento della spinta implosiva della forza di gravità.

    AAAAAAAAAAAAAAARGGGGGGGGG!!!!!!!! Che cantonata!!!!

    L'universo si sta espandendo solo ed esclusivamente per la spinta data dal Big Bang! Il problema della materia e energia oscura è tutta un'altra cosa!

    Come è stata ipotizzata la materia oscura? Gli astrofisici hanno pensato: possiamo stimare la massa di una galassia contando le stelle che contiene e stimando la massa delle stelle; ma possiamo anche farlo misurando la velocità di rotazione della galassia stessa, e dalla velocità derivare la massa. Il problema è che le due misurazioni portano a risultati completamente diversi! Misurando la velocità sembra che la massa di una galassia sia enormemente più grande della massa "visibile", cioè quella delle stelle. Così nasce il nome di materia "oscura", perchè sembra che ci sia ma non sia visibile.

    Questa materia oscura, se presente, aumenterebbe di molto la massa dell'universo (di circa 3 volte quella stimata). Ciò vorrebbe dire che la forza di gravità, che si oppone a quella di espansione del Big Bang, sarebbe molto più forte di quanto stimato e potrebbe causare, in tempi astronomici, un Big Crunch, ovvero il collasso dell'universo su se stesso a causa della forza di gravità.
    Insomma, la materia oscura (se esiste) fa tutto l'opposto di accelerare l'espansione dell'universo!!


    Riguardo questo altro pezzo:
    Sempre che, ben inteso, in realtà l'universo non si fondi su principi fisici non-newtoniani come una crescente fetta di ricercatori sostiene.

    Alcuni scienziati sostengono che per spiegare l'apparente velocità di rotazione "sbagliata" delle galassie, non serve inventare la materia oscura, ma semplicemente potrebbe essere che la fisica Newtoniana che conosciamo noi e che regola molti fenomeni sulla Terra e nel sistema solare, sia in realtà un'approssimazione. Magari in condizioni di micro-gravità e distanze "siderali", la fisica di Newton non va più bene a spiegare la rotazione delle galassie. La legge di gravitazione sarebbe l'approssimazione di una legge più "generale" che non conosciamo ancora, per cui non c'è nessuna materia oscura.

    Chi ha ragione? Chi vivrà, vedrà!Sorride


    Insomma, la materia oscura (ed energia ad essa collegata), non ha proprio niente a che vedere con l'accelerazione dell'universo, se non che forse, l'ostacola!!!!!

    Comunque, bell'articolo!

    Ciao!
  • Si parlava di energia oscura, non di materia oscura, saputello....
    non+autenticato
  • Sarò saputello, ma almeno so di cosa parlo, evidentemente tu no.

    L'energia oscura e la materia oscura sono legate a doppio filo. E' come dire massa e forza gravitazionale. Come puoi leggere su wikipedia: "The exact nature of this dark energy is a matter of speculation. It is known to be very homogeneous, not very dense and is not known to interact through any of the fundamental forces other than gravity."

    Resta comunque l'errore di concetto nell'articolo, dove viene scritto che l'energia oscura si oppone all'energia di gravità e causa l'espansione dell'universo!

    La MATERIA oscura renderebbe le attuali stime della massa dell'universo di molto sottodimensionate, aumentando di molto l'effetto della forza di gravità.

    L'ENERGIA oscura ha una natura repulsiva e opera a livello atomico. Sempre da wikipedia: "Under this scenario, dark energy would ultimately tear apart all gravitationally bound structures, including galaxies and solar systems, and eventually overcome the electrical and nuclear forces to tear apart atoms themselves, ending the universe in a "Big Rip". On the other hand, dark energy might dissipate with time, or even become attractive. Such uncertainties leave open the possibility that gravity might yet rule the day and lead to a universe that contracts in on itself in a "Big Crunch".

    Nell'articolo si sostiene che l'energia oscura causa l'espansione dell'universo, cosa attribuibile solo alla forza causata dal big bang.

    Se non sai di cosa si parla, per favore non intervenire. Se sai di cosa si parla, dai una risposta nel merito della questione, non "Si parlava di energia oscura, non di materia oscura, saputello....". Si parlava di energia oscura, appunto, ed è proprio per questo che l'articolo è sbagliato in quell'affermazione.
  • ancora coi missilozzi di Von Braun, ma li spendessero quattro soldi per produrre dei veicoli spaziali degni di tale nome.
    altro che 2010 l'anno del contatto, 2010 l'anno dei catorci.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Porfirio Piritoo
    > ancora coi missilozzi di Von Braun, ma li
    > spendessero quattro soldi per produrre dei
    > veicoli spaziali degni di tale
    > nome.
    > altro che 2010 l'anno del contatto, 2010 l'anno
    > dei
    > catorci.

    esatto...
    proprio Von Braun aveva programmato di sviluppare i suoi modelli ed entro gli anni ottanta arrivare su Marte... ma poi basta propulsione chimica!

    invece:
    il Constellation non è un granchè e sopratutto non ha nessuna prospettiva di sviluppo...

    (iperbole!) tanto valeva fare una superfionda
  • Proprio perchè c'è troppa gente che crede che queste siano "fesserie" non si destinano abbastanza fondi per la ricerca pura tra cui l'aerospaziale. Risultato? "Superfionda".
    Già lo Space Shuttle (progetto degli anni '70) non prevedeva in origine il decollo tradizionale con i "razzi alla Von Braun" ma al solito....pochi soldi....poco sviluppo. Ne hanno pagato le coseguenze i 14 Astronauti deceduti nei due incidenti avvenuti negli anni. Incidenti causati sempre dal sistema di lancio intrinsecamente rischioso. E la NASA ha le mani legate, se da una parte hanno pochi fondi dall'altra hanno una stazione spaziale internazionale che non può essere abbandonata a se stessa e necessita di continui viaggi.
    non+autenticato
  • senti "veccio"! (nessuna confidenza solo un modo per esprimere la mia perplessità!)
    Malgrado il nome che ti sei dato non mi sembra che la tua perspicacia sia adeguata al mitico Seldon....

    forse non sono stato chiaro..., o forse avevi voglia di predertela con qualcuno, comunque la mia quota itendeva proprio questo:
    la NASA ha subito sistematici e continui tagli del budget...
    ai tempi di Von Braun pianificavano già missioni su Marte che realisticamente sarebbero state possibili entro la prima metà degli anni ottanta. Con la medesima tecnologia, i razzi chimici...

    adesso quella tecnologia è superata e chiaramente pericolosa... ma visto che i mezzi sono stati quelli che conosciamo non possiamo pretendere di meglio!

    peace
  • allora visto che sparate a zero su tutto, siate voi i primi a proporre un vettore sicuro per uscire dall'atmosfera.

    E' vero che alla NASA hanno fatto diversi errori, tanti equipaggi hanno perso la vita, persino durante i test a terra.
    Ora però lo space shuttle appare talmente fragile in fase di rientro che hanno deciso di tornare alle sonde che rientrano senza planare, più piccole, più leggere, più robuste.
    In definitiva, più sicure. Il loro maggior limite consiste nella traiettoria di rientro che deve essere impostata con notevole precisione per evitare che la sonda "rimbalzi" nello spazio.
    Lo shuttle serviva proprio ad adottare una traiettoria di rientro in planata e non in picchiata. Oggi, questo limite è superato perché grazie ai computer, si possono attivare i propulsori con estrema precisione per cui meglio avere una sonda che ha uno scudo termico bello robusto invece che il sottile strato di mattonelle dello Space Shuttle
    non+autenticato
  • io mi occupo di informatica mica di ingegneria aerospaziale...
    mi intristisco del fatto che, nonostante le numerose possibilità, le grandi potenze hanno preferito investire diversamente i loro capitali.

    quando però il solito benpensante mi esce con discorsi tipo: la ricerca di base sono soldi buttati nel cesso!

    Mi infastidisco!
    Certi ragionamenti sono prova di scarsa cultura e raziocinio oltre che di una cecità figlia del senso comune!

    senza per questo condannare qualcuno o allo stesso modo chiedere venia!

    addio!
  • > Ora però lo space shuttle appare talmente fragile
    > in fase di rientro che hanno deciso di tornare
    > alle sonde che rientrano senza planare, più
    > piccole, più leggere, più
    > robuse.


    La capsula di rientro del Constellation è molto più grande delle Genesis e delle Apollo!!!!

    Non è piccolo... è stupido, l' unico che abbiamo ok, ma questo non toglie che dopo 50 anni sarebbe stato bello vedere una cosa più evoluta... brillante!

    nessuno pretende la curvatura i wormhole o i balzi nell' iperspazio, non subito almeno!
  • - Scritto da: zaadum

    > Non è piccolo... è stupido, l' unico che abbiamo
    > ok, ma questo non toglie che dopo 50 anni sarebbe
    > stato bello vedere una cosa più evoluta...
    > brillante!
    >
    > nessuno pretende la curvatura i wormhole o i
    > balzi nell' iperspazio, non subito
    > almeno!
    Capisco la voglia di vedere nuovi sistemi, e nemmeno a me piace veder riproposta gran parte della logica di funzionamento dell'accoppiata Saturn V + Apollo.

    Obiettivamente dobbiamo ammettere che entrare in orbita alta, potendo poi proseguire per la Luna o Marte, richiede di soddisfare alcuni vincoli imposti dalla gravità e dall'aerodiamica (per il decollo e il rientro in atmosfera, ovvio).

    Lo Space Shuttle non era economicamente sostenibile: un sistema troppo complesso, con troppi punti critici e una manutenzione onerosissima, aggravata dalle precauzioni introdotte post-incidenti e dall'invecchiare delle strutture e dei sistemi.
    Considerazioni estetiche a parte, uno dei concetti chiave è il costo per portare in orbita una data massa, l'altro è il rischio calcolato di incidente grave / fatale per il carico, soprattutto quando composto da vite umane, per missione / ora di volo.

    Non sono competente abbastanza per essere esaustivo, ma se ci pensate sono i criteri base per chi organizza un viaggio (quanto mi costa? quanto è pericoloso?).
    Ad oggi le alternative private (quale l'ottimo lavoro del team di Scaled Composites per Virgin Galactic) hanno "spinta" per operare al massimo in traiettoria parabolica, senza stabilizzarsi in orbita.

    Quindi, che alternative abbiamo in termini di efficacia spinta/peso? Qualcuno ha provato a leggere quanto consuma di carburante un razzo a carburante liquido o solido, per spinta prodotta? La "rivoluzione degli stadi multipli", da dove nacque?
    Turboreattori e statoreattori degli aerei da record sono interessanti in atmosfera, ma poi?

    Rimane la forma a cono tronco, invece della navetta più o meno a corpo portante, ma alla fine dovremo rassegnarci. Se qui tra noi si nasconde uno che sa realizzare una idea migliore, smetta subito di leggere e si dia da fare! Gli/le farò una statua con le mie mani! Giuro!Sorride
    non+autenticato
  • perdonate il ritardo...
    mi sembra che alternative praticabili ce ne sono da un pezzo.
    "ascensore planetario", lanci balistici ad opera di scivoli magnetici ecc.

    la cosa particolarmente triste è che la tecnologia del razzo a combustibile chimico continua ad essere la norma per motivi lobbistici... o meglio, monopolistici.

    chi costruisce i vettori per la NASA?
    ...
    ...
    Locked Martin(.....) devo continuare o riuscite a vederne il significato.

    è lo stesso principio economico che si è applicato alla propulsione stradale, per i motivi(o) che tutti sappiamo le auto si muovono grazie a motori a combustione interna, quindi lo sviluppo è sempre stato rivolto al petrolio e ai sui derivati...
    credete forse che in cento anni e più di "automobilismo" il motore a combustione interna sia l' unica soluzione?
  • Anzichè trollare e contro-trollare, qualcuno ha davvero letto l'articolo e le meraviglie scientifiche che svela? Esiste una "misteriosa forza" (sarà Lo Sforzo?), che si chiama però "ENERGIA oscura" ma effettivamente è MATERIA oscura.
    Trasmutazioni alchemiche, apparizioni, sparizioni, parole scritte a caso...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Galileo Galilei
    > Anzichè trollare e contro-trollare, qualcuno ha
    > davvero letto l'articolo e le meraviglie
    > scientifiche che svela? Esiste una "misteriosa
    > forza" (sarà Lo Sforzo?), che si chiama però
    > "ENERGIA oscura" ma effettivamente è MATERIA
    > oscura.
    > Trasmutazioni alchemiche, apparizioni,
    > sparizioni, parole scritte a
    > caso...

    Voi non lo sapete ma mio cugggino mi ha detto che in realta' l'universo sta accelerando la sua espansione perche' risucchiato dal mega-aspirapolvere galattico di "Lord Casco"Sorride

    CHe lo "Sforzo" sia con voi!!!
  • basta leggere un po' le ricerche di steven hawking per capire che effettivamente c'è qualcosa.
    non+autenticato
  • - Scritto da: gohan
    > basta leggere un po' le ricerche di steven
    > hawking per capire che effettivamente c'è
    > qualcosa.

    Guarda che nessuno contesta il fatto che l'universo sia in una fase di espansione accelerata. E' solo puntualizzare che FORZA ed ENERGIA non sono sinonimi... almeno in fisica.
  • Grazie per aver capito il senso della mia risposta e per le ulteriori precisazioni, che meritavano sicuramente di far parte dell'articolo, piuttosto che di commenti degli utenti.
    Ma questo è un po' lo spirito "wiki", no?Occhiolino
    P.s. Don't feed the trollsTrollTroll occhiolinoTroll chiacchierone
    Speriamo che facciano la fine dei dinosauri, perchè i commenti (come in molti altri forum) diventano spesso un inutile contributo all'entropia del WWW
    non+autenticato
  • invece ci sono anche quelli che CONTESTANO che l'espansione stia accelerando! Certo, sono considerati poveri pazzi, ma se si trovasse un ignoto fenomeno, diverso dall'effetto Doppler, che causa lo spostamento verso il rosso delle frequenze elettromagnetiche, non ci sarebbe più bisogno di questa misteriosa energia oscura. Sarebbe un modello di universo più semplice.
    Mi riferisco in particolare ad alcune foto quantomeno "statisticamente improbabili" che vengono proposte dal signor Halton Arp http://www.haltonarp.com/
    non+autenticato
  • In cosmologia si parla comunemente sia di materia oscura sia di energia oscura.

    Per fare il difficile vorrei puntualizzare che la materia oscura può essere barionica o non barionica. Il primo tipo di materia oscura (barionica) è composto da particelle note (ovverosia dai comuni elettroni + protoni + neutroni + altre particelle ma comunque tutte previste e studiate nel modello standard delle particelle elementari) che per via delle loro condizioni fisiche (costituiscono ad esempio pianeti, o nebulose molto fredde o nane brune disperse per la galassia) non sono al momento rilevabili. Di questa forma di materia oscura si ritiene ce ne sia relativamente poca in giro.

    Il secondo tipo di materia oscuro è composto da non si sa cosa, si sa (si ipotizza) che non interagisce (se non molto debolmente o gravitazionalmente) né con sé stessa né con il resto della materia dell'universo. Tuttavia la materia oscura non barionica è una delle risposte che la ricerca ha dato ad alcune anomalie dei dati osservativi, come il fatto che le stelle nelle regioni esterne delle galassie a spirale sembrano ruotare disobbedendo alle leggi di keplero, che la massa che piega la luce attorno agli ammassi di galassie risulta essere (molto: 90%) più grande di quella che riusciamo a misurare basandoci sul gas che emette radiazione e tanti altri dati...

    Infine l'energia oscura è ancora più misteriosa per via della sua struttura: normalmente in relatività generale avere energia corrisponde ad avere un effetto gravitazionale attrattivo. Questa si comporta al contrario. Ma è necessaria (e ne è necessaria così tanta: 75%) per spiegare come mai il nostro universo è in espansione accelerata. Questo risulta da diverse osservazioni che sfruttano la proprietà di diverse sorgenti -- tipicamente le supernovae Ia -- di emettere sempre la stessa quantità di luce; sapendo quanta luce viene emessa, come la luminosità diminuisce con la distanza, e quanta se ne riceve, si può stimare la distanza di un oggetto. Questa misura di distanza unita a una misura della "velocità" di allontanamento dell'oggetto (che si deduce dallo spostamento verso il rosso delle frequenze elettromagnetiche della luce emessa dallo stesso) permette di ottenere come risultato che l'universo è in espansione accelerata.

    Ergo: attenzione a non fare confusione.
    non+autenticato
  • ottima spiegazione.
    Solo un aggiornamento: sul sito della NASA www.hubblesite.org c'è un articolo i cui autori suppongono che ci sia molta più (il doppio) materia oscura barionica di quanto si ipotizzasse fino a ieri.
    L'articolo si intitola "Hubble Provides New Evidence for Dark Matter Around Small Galaxies"

    Se non altro, una buona notizia: un pezzettino più grande di quanto pensassimo è fatto delle stesse cose di cui è composto tutto ciò che ci è familiare
    non+autenticato
  • Giusto per chiarire: esiste sia l' ENERGIA OSCURA, sia la MATERIA OSCURA, e sono due cose ben distinte.
    L'energia oscura (che fa il ~70% del contenuto dell'universo) agisce come una *forza* che fa accellerare l'espansione dell'universo.
    La materia oscura (~27% del contenuto dell'universo) invece agisce in modo contrario, ovvero rallenta l'espansione dell'universo.
    Quindi l'articolo mi sembra piu' che corretto.
    non+autenticato
  • L'energia oscura è materia? in realtà non lo sappiamo, anzi gli astronomi la chiamano ENERGIA per via dell'effetto gravitazionalmente repulsivo proprio perché non si è ancora mai vista materia con massa negativa.
    non+autenticato
  • Come da titolo.

    Come se il PC (e il GPS, e la TV HD, e quasi tutta la tecnologia che il troll sta usando) non fosse conseguenza della ricerca spaziale...

    Ma ovviamente questo, chi lo deve sapere lo sa già


    Cordiali saluti
  • Non ha senso discutere circa la composizione e le priorità della spesa pubblica nel settore della ricerca?


    - Scritto da: markoer
    > Come da titolo.
    >
    > Come se il PC (e il GPS, e la TV HD, e quasi
    > tutta la tecnologia che il troll sta usando) non
    > fosse conseguenza della ricerca
    > spaziale...
    >
    > Ma ovviamente questo, chi lo deve sapere lo sa già
    >
    >
    > Cordiali saluti
    non+autenticato
  • - Scritto da: FdC
    > Non ha senso discutere circa la composizione e le
    > priorità della spesa pubblica nel settore della
    > ricerca?

    Quota perbenino, grazie.

    Sì ha senso discutere di questo. Ma non ha senso rispondere ai troll.


    Cordiali saluti
  • Ma anziche' spendere soldi in ste fesserie, ma perche' non risolvono il problema della fame nel mondo.
    Chi se ne frega delle stelle eh.
    non+autenticato
  • Ignoranza allo stato puro... non c'è nemmeno bisogno di rispondere.
    non+autenticato
  • - Scritto da: PdG
    > Ma anziche' spendere soldi in ste fesserie, ma
    > perche' non risolvono il problema della fame nel
    > mondo.

    Ma se invece che preoccuparti di cose che non comprendi, perche' non risolvi il problema della fame nel mondo
    (tipo vendendo il tuo inutile pcA bocca aperta )

    > Chi se ne frega delle stelle eh.

    Chi se ne frega delle tue trollate eh...
    non+autenticato
  • E già....fesserie....

    Però è pratica comune pesare che debba essere sempre qualcun'altro chiamato a risolvere i problemi del mondo...

    Meno male va'....in fondo e per fortuna non la pensano tutti allo stesso modo.
    non+autenticato
  • ok ora spegni la tv, che guardare troppo il grande fratello riduce così...
    non+autenticato
  • - Scritto da: PdG
    > Ma anziche' spendere soldi in ste fesserie, ma
    > perche' non risolvono il problema della fame nel
    > mondo.
    > Chi se ne frega delle stelle eh.

    Mah, io investirei più che altro sull'evoluzione dei sistemi di raffreddamento a liquido per l'overclock estremo sui pc da bimbominkia.
    non+autenticato
  • - Scritto da: PdG

    Soldi buttati semmai sono quelli per farti studiare (ammesso che tu sia mai andato a scuola).
    Funz
    12979
  • complimenti, è anche grazie a quelli come te che la ricerca sta andando in vacca.
  • - Scritto da: PdG
    > Ma anziche' spendere soldi in ste fesserie, ma
    > perche' non risolvono il problema della fame nel
    > mondo.
    > Chi se ne frega delle stelle eh.

    All' ingnoranza non c'è limite.
    il progresso avuto negli ultimi 60 anni secondo te da dove viene?

    ti ci vedo bene come papa boy!
    non+autenticato
  • > il progresso avuto negli ultimi 60 anni secondo
    > te da dove
    > viene?

    Sicuramente non dalle sonde spaziali per l'esplorazione dell'Universo...
    non+autenticato
  • Oh ma guarda e secondo te se non c'erano le sonde spaziali chi avrebbe mai avuto bisogno di una telemetria iperefficiente, di elettronica sempre più compatta e di chip che potessero fungere da "telecamere"? La ricerca nella scienza pura ha anche questi effetti secondari... sviluppa tecnologia per fare cose che prima non si potevano fare.
    non+autenticato