Theora si prepara a sfidare H.264

La prossima versione del celebre codec open source promette di fornire una qualità paragonabile, se non persino superiore, a quella del diffusissimo codec H.264

Roma - In vista di quanto accadrà nel 2011, quando i siti web che utilizzano il famoso codec video H.264 (MPEG-4 AVC) dovranno cominciare a pagare royalty a MPEG-LA, l'organizzazione non profit Xiph Foundation sta accelerando l'evoluzione del proprio codec royalty-free Ogg Theora, la cui release 1.0 ha debuttato lo scorso novembre.

Per dare un assaggio di quanto potrà fare la prossima versione 1.1 del proprio codec, chiamata in codice Thusnelda, gli sviluppatori del software hanno recentemente pubblicato i risultati di alcuni test che mettono a confronto il vecchio con il nuovo encoder, e quest'ultimo con H.264. Stando a tale report, Thusnelda è in grado di fornire immagini sensibilmente più nitide e dettagliate rispetto al suo predecessore, e in alcuni casi fornisce un PSNR (Peak Signal to Noise Ratio) migliore di quello di H.264. Sebbene il PSNR sia un valore puramente teorico, ricavato da formule matematiche che non rispecchiano necessariamente la qualità percettiva, è spesso considerato un buon punto di partenza per migliorare l'aspetto delle immagini generate da un codec.

Sul confronto tra i valori di PSNR di Thusnelda e H.264 si è già aperto un dibattito, dal momento che c'è chi ritiene che i risultati relativi ai codec x264 siano stati male interpretati, portando ad un peggioramento del relativo valore di PSNR. Comunque sia, rispetto a Theora 1.0 i miglioramenti ci sono, e sono visibili: il maggiore responsabile di questi passi avanti è l'utilizzo della forward DCT (Discrete Cosine Transformation) e l'ottimizzazione delle matrici di quantizzazione. Il prossimo passo, secondo gli sviluppatori, sarà l'implementazione della quantizzazione adattiva (adaptive quantization).
Come noto, i codec Theora e Vorbis (audio) di Xiph Foundation sono stati scelti dal World Wide Web Consortium come standard per gli elementi audio e video dell'attuale bozza di HTML 5. In tale prospettiva, le prossime release di Firefox (3.5) e Opera (10) supporteranno questi encoder, e saranno dunque in grado di riprodurre contenuti compressi con queste tecnologie senza l'ausilio di codec esterni.
80 Commenti alla Notizia Theora si prepara a sfidare H.264
Ordina
  • avete appena fatto voi della redazione di Punto Informatico, la scoperta dell'acqua calda, questa notizia ha già fatto il giro del mondo diversi mesi fa e se la cerco in una delle mie e-mailes sicuramente la trovo.

    comunque per convertire i formati non liberi in *.ogv ci vuole molto poco:

    1computer con GNU/linux e con una distribuzione totalmente software libero : GNU/linux Blag, GNU/linux Deb-Ian, GNU/linux Dragora, GNU/linux gNewSense, GNU/linux Ututo.

    si va su http://v2v.cc/~j/ffmpeg2theora/ffmpeg2theora-0.24.... e si scarica sul desktop, poi lo si sposta nella home folder

    si accederà da shell e si farà:

    bunzip2 ffmpeg2theora-0.24.linux32.bin.bz2 e si batterà invio
    si prenderà il formato appena scompattato e digiterete
    chmod +x ffmpeg2theora-0.24.linux32.bin e batterete invio
    a questo punto prenderete il Vostro filmato e sposterete nella home folder se si chiamerà pippo.avi scriverete

    ./ffmpeg2theora-0.24.linux32.bin pippo.avi e batterete invio

    comunque non esiste solo Vorbs *.ogg ma anche *.flac come formati liberi e non saà stato necessario inserire nessun codec non libero.
    non+autenticato
  • Basta andare a leggere questo topic su Doom9 per rendersene conto:

    http://forum.doom9.org/showthread.php?t=146893

    x264 è IMMENSAMENTE superiore.
    non+autenticato
  • x264 è IMMENSAMENTE superiore.

    immensamente tanto da farti scucire quanti soldi per un encoder? cosi' tanto per sapereSorride
    non+autenticato
  • - Scritto da: vuoto
    > x264 è IMMENSAMENTE superiore.
    >
    >   immensamente tanto da farti scucire quanti
    > soldi per un encoder? cosi' tanto per sapere
    >Sorride

    x264 è il miglior encoder per la specifica h.264 ed è pure free. Non lo sapevi?
    non+autenticato
  • Fino al 2011, quando dovranno iniziare a pagare le royalty...
    non+autenticato
  • è free software = GNU General Public License ? quale GPL versione 1, 2 o 3 ?
    non+autenticato
  • Prima di tutto complimenti per il titolo della discussione. La finezza prima di tutto.

    La trollata comunque è di quelle buone Occhiolino

    Però il tentativo di linkare a sostegno delle tue conclusioni è miseramente fallito, e ti sei smascherato con le tue stesse mani.

    In quel forum si discute, parla anche gente con i contro c++, ma di certo nessuno ha affermato ciò che dici tu o concluso allo stesso modo.

    La parte che personalmente ho trovato più interessante e pertinente con l'articolo che stiamo commentando è questa:

    "H.264 is the devil we know.[....]

    Theora is the devil we don't know. Nobody has any idea what patents it covers. Nobody has done a real analysis. All we have is Xiph's word that it doesn't violate anything, which is pretty much meaningless".
    non+autenticato
  • Come troll detector fai un po' pena, dato che ho scritto varie volte qua.

    Vedo che hai problemi con l'inglese, lì si parla della questione dei brevetti e dicono che Theora potrebbe COMUNQUE infrangerne qualcuno.

    Ripeto: x264 è IMMENSAMENTE superiore a Theora ed è pure free (non a caso il quote che hai riportato è stato scritto dal suo main developer).

    - Scritto da: Troll Detector

    > La parte che personalmente ho trovato più
    > interessante e pertinente con l'articolo che
    > stiamo commentando è
    > questa:
    >
    > "H.264 is the devil we know.[....]
    >
    > Theora is the devil we don't know. Nobody has any
    > idea what patents it covers. Nobody has done a
    > real analysis. All we have is Xiph's word that it
    > doesn't violate anything, which is pretty much
    > meaningless".
    non+autenticato
  • - Scritto da: E.purator
    > Come troll detector fai un po' pena, dato che ho
    > scritto varie volte
    > qua.
    >

    Uhuh, questa è un'ottima battuta A bocca aperta


    > Vedo che hai problemi con l'inglese, lì si parla
    > della questione dei brevetti e dicono che Theora
    > potrebbe COMUNQUE infrangerne
    > qualcuno.

    Tu invece hai problemi con l'Italiano. Infatti ho detto che questa è la parte + interessante di quella discussione. Ma diciamo che per ora sappiamo con certezza che H264 ha parti che sono sotto brevetto. Di Theora possiamo solo "SUPPORLO" se non ci fidiamo di chi lo sviluppa, ma prove non ce ne sono.

    Ma ripeto, nessuno in quel forum ha detto che Theora è una cag@ta come hai scritto tu.

    >
    > Ripeto: x264 è IMMENSAMENTE superiore a Theora ed
    > è pure free (non a caso il quote che hai
    > riportato è stato scritto dal suo main
    > developer).

    Eh bhà, e io che pensavo che quel tizio si firmava come sviluppatore di x264 per prendere per i fondelli.

    Forse non sai che X264 ha le stesse "patent issues" di H264. Perché non è altro se non la sua variante open source. Cosi come XVID ha problemi coi brevetti per via del supporto ai b-frames, giusto per fare un esempio. E anche XVID è open source e 'a gratis'. O ancora il codec open source mpeg4 di ffmpeg/mplayer|mencoder.
    non+autenticato
  • IMHO gli aspetti da considerare sono due.

    Aspetto tecnologico - Qui c'è poco da discutere. P.I. ha preso una cantonataPerplesso andando dietro ad un test che di scientifico ha ben poco. Sfortunatamente Thusnelda neanche si avvicina ad x264 (MPEG-4 AVC) e probabilmente non raggiungerà neppure la qualità attuale di Xvid (MPEG-4 ASP) a causa della mancata implementazione di alcune tecnologie.Triste

    Aspetto legale - Dark Shikari (x264 developer) sostiene che il fatto che Theora sia patent-free è tutto da dimostrare poiché gli unici a sostenere la cosa sono quelli di Xiph.org, i quali però non hanno mai chiesto una perizia legale sul proprio codice e l'eventuale violazione di diritti.Newbie, inesperto

    Per quelli che dicono "Utilizziamo x264" vorrei chiarire che questo codec, seppur Open Source, non è patent-free. Finché quatto smanettoni lo implementano e lo compilano non è un problemaCon la lingua fuori, ma se un'azienda volesse costruirci sopra del business (ad es. distribuire contenuti codificati con x264) dovrebbe preoccuparsi di pagare le royalties al MPEG-LA GROUP.A bocca storta
    non+autenticato
  • Theora non infrnge nessun brevetto !!! fisse di microsoft e di compagnie che si muovono per stroncarlo sul nascere e per registrarsi i brevetti con date antecwedenti, cosicchè possono far risultare che Theora viola i brevetti.

    ma perchè non scrivete un pò a quelli di Xiph ed al tempo stesso alla fsf.org ?
    non+autenticato
  • a prescindere da ciò che vuoi dire riguardo al codec, ti scrivo perchè leggendo il titolo che hai dato al tuo post ho riso come un pazzo.

    grazie.
  • Mica bastano queste tecnologie per avere una qualità eccellente (dipende anche dai settaggi)?

    mkv -> contenitore sofisticato, con anche capitoli, incorporazione di font e sottotitoli.

    h.264 -> ottimo compromesso tra qualità e spazio su disco.

    aac -> buon formato per l'audio (anche 5:1).
    non+autenticato
  • Tutto bello se non fosse per l' H.264/MPEG-4 AVC Patent License di cui all'articolo in questione.
    non+autenticato
  • Stupido io che ho dato per scontato che non c'erano problemi (oltre al fatto di leggere superficialmente l'articolo).

    Mea culpaSorride
    non+autenticato
  • puoi sostituirli entrambi con *.flac
    non+autenticato
  • Che palle eccone un altro. Ormai c'è h264 contenuto in un mp4 o a volte mov ed ha anche la sua controparte open x264 che altro vogliono di più?
    E' con cose come l'iPhone che si impongono formati, Google rende disponibili i video in mp4 proprio per la fruizione tramite iPhone/iPod Touch eccetera, basta con sti formati open o meno che stanno sempre a rincorrere quelli ormai diffusi e utilizzati da tutti.
    non se ne può più, prima stava divx, no non andava bene hanno sfornato xvid, poi h264 e va bene poi ora questo? Per non parlare della pletora di robaccia micrososft con tutte le sue versioni del wmv...
    Che palle...
    non+autenticato
  • > Che palle eccone un altro. Ormai c'è h264
    > contenuto in un mp4 o a volte mov ed ha anche la
    > sua controparte open x264 che altro vogliono di più?
    > E' con cose come l'iPhone che si impongono
    > formati, Google rende disponibili i video in mp4
    > proprio per la fruizione tramite iPhone/iPod
    > Touch eccetera, basta con sti formati open o meno
    > che stanno sempre a rincorrere quelli ormai
    > diffusi e utilizzati da tutti.
    Fammi capire, Google sta dietro ad iPhone, un browser (sì, non èun browser, ma penso che ci siamo capiti) che ha una quota inferiore all'1% e non deve stare dietro ad un formato che è supportato da browser come Opera e FF?
    > non se ne può più, prima stava divx, no non
    > andava bene hanno sfornato xvid, poi h264 e va
    > bene poi ora questo? Per non parlare della
    > pletora di robaccia micrososft con tutte le sue
    > versioni del
    > wmv...
    > Che palle...
    Sottoscrivo la parte relativa alla robacciaSorride
  • - Scritto da: advange
    > Fammi capire, Google sta dietro ad iPhone, un
    > browser (sì, non èun browser, ma penso che ci
    > siamo capiti) che ha una quota inferiore all'1% e
    > non deve stare dietro ad un formato che è
    > supportato da browser come Opera e
    > FF?

    Non ha molto senso che riconverta ulteriormente i video avendo quindi 3 copie normali, + quelle hd...
    Ma in quel dell'open ormai il senso pratico è evaporato da parecchio.
    ogg e theora faranno la fine dei formati potenziati dell'mp3, del jpg eccetera: li useranno in 4 gatti.
    Già ora molti siti più o meno grandi forniscono la controparte quicktime del video (sempre perchè è stato l'iPhone a promuovere questo formato) davvero vi aspettate che rifacciano il lavoro di conversione sapendo che comunque li vedranno in 4 gatti?
    Anche perchè per l'html5 Apple e Nokia hanno già fatto cambiare le specifiche dell'html5 che prevedevano l'uso di theora e ogg con una indicazione più generica da aggiornare con i formati quando le cose si saranno risolte.
    Questo per dire che non basta essere open e pieni di belle ideologie per contare qualcosa, bisogna essere anche appetibili commercialmente e attualmente è h264 che va per la maggiore dato il suo supporto crescente anche nei dispositivi hardware non Apple.
    Quuindi basta con la solita farsa dove tizio propone il formato X o la tecnologia Y che funzionano e oramai sono diffusi che la community open si sveglia e propone openW e openZ che magari funzionano anche ma sono o ancora immaturi o comunque utilizzati soloda 4 gatti...
    Perchè non hanno proposto loro in primis un formato paragonabile ad h264 quando h264 non c'era? Forse perchè sono solo capaci di lagnarsi quando vedono che sono i giocattolini di altri ad essere usati e non l'OpenGiocattolino...
    non+autenticato
  • > Non ha molto senso che riconverta ulteriormente i
    > video avendo quindi 3 copie normali, + quelle hd...
    Certo, ha più senso pagare royalties.
    > Ma in quel dell'open ormai il senso pratico è
    > evaporato da parecchio.
    Ma nel closed il senso logico non è praticamente mai esistito.
    > ogg e theora faranno la fine dei formati
    > potenziati dell'mp3, del jpg eccetera: li
    > useranno in 4 gatti.
    Stai parlando di PNG? Il formato di immagini che su web sta facendo fuori JPG e GIF?
    > Già ora molti siti più o meno grandi forniscono
    > la controparte quicktime del video (sempre perchè
    > è stato l'iPhone a promuovere questo formato)
    > davvero vi aspettate che rifacciano il lavoro di
    > conversione sapendo che comunque li vedranno in 4 gatti?
    Vatti a vedere le statistiche di FF e Opera e poi ripensa al tuo concetto di 4 gatti.
    > Anche perchè per l'html5 Apple e Nokia hanno già
    > fatto cambiare le specifiche dell'html5 che
    > prevedevano l'uso di theora e ogg con una
    > indicazione più generica da aggiornare con i
    > formati quando le cose si saranno risolte.
    Questo lo so e l'ho anche postato (vedi più su): è una battagli in corsa, siamo al draft. L'indicazione comunque c'è e recita:
    It would be helpful for interoperability if all browsers could support the same codecs. However, there are no known codecs that satisfy all the current players: […] This is an ongoing issue and this section will be updated once more information is available.
    Vedremo come procederà l'update.
    > Questo per dire che non basta essere open e pieni
    > di belle ideologie per contare qualcosa, bisogna
    > essere anche appetibili commercialmente e
    > attualmente è h264 che va per la maggiore dato il
    > suo supporto crescente anche nei dispositivi
    > hardware non Apple.
    Ti prego di argomentare in maniera appropriata questa affermazione.
    > Quuindi basta con la solita farsa dove tizio
    > propone il formato X o la tecnologia Y che
    > funzionano e oramai sono diffusi che la community
    > open si sveglia e propone openW e openZ che
    > magari funzionano anche ma sono o ancora immaturi
    > o comunque utilizzati soloda 4 gatti...
    > Perchè non hanno proposto loro in primis un
    > formato paragonabile ad h264 quando h264 non
    > c'era? Forse perchè sono solo capaci di lagnarsi
    > quando vedono che sono i giocattolini di altri ad
    > essere usati e non l'OpenGiocattolino...
    L'OpenGiocattolino è quella cosa che oggi fa girare il mondo. Il closed è quella cosa che sta tentando in tutti i modi di affossarla. La scelta è libera ed è vostra: volete incatenarvi? Liberi di farlo. Io, se permettete, la penso in maniera differente.
  • Bla bla <pippone ideologico> bla bla.
    Perchè in queste questioni alla fien rispondete sempre con le stesse cose? Sempre con ideologie eccetera?
    Mai fatti concreti e soluzioni fattibili.
    Cioè per esmepio sabbe + logico e sensato che mozilla e il w3c sistemasseo le questioni burocratiche attorno a x264 invece che propinare un altro formato che non userà mai nessuno ne tantomeno sarà supportato dai lettori portatili (che supportano o h264 o i cosi micrososft).
    Finchè ragionerete in termini filosoficoideologici stallmaniani e non con cose concrete starete sempre in svantaggio, alla gente non frega nulla dell'ideologia o contano i soldi nel business o contano le cose che funzionano per quanto riguarda i semplici utenti.
    In ogni caso ormai è h264 o x264 che viene usato tantissimo, seguendo la nota a partire da wikipedia per esempio ho letto che è usatissimo nel mondo del fansub usando come container mkv, usatissimo assieme ad xvid.
    Quindi altro motivo molto poco pratico per cambiare formato così...Che poi a pensarci bene non è molto distante da ciò che fa Microsoft: tizio propone questo...io propongo quest'altro invece di adeguarmi e sfruttare le cose già esistenti...bello...
    non+autenticato
  • > Bla bla <pippone ideologico> bla bla.
    Grazie per averci risparmiato il pippone ideologico
    > Perchè in queste questioni alla fien rispondete
    > sempre con le stesse cose? Sempre con ideologie eccetera?
    > Mai fatti concreti e soluzioni fattibili.
    Ideologie? Fatti concreti? Sveglia! Il mondo gira sugli standard. Di quale altra concretezza hai bisogno?
    Ti lamenti che uno è coerente con le proprie idee (IDEE non ideologie come le definisci)? Sì, ho questo vizio: sono una persona coerente; mi piace la libertà e mi piace applicare questi concetti ad ogni aspetto dell'informatica. Mi perdonerai se sono fatto così.
    > Cioè per esmepio sabbe + logico e sensato che
    > mozilla e il w3c sistemasseo le questioni
    > burocratiche attorno a x264 invece che propinare
    > un altro formato che non userà mai nessuno ne
    > tantomeno sarà supportato dai lettori portatili
    > (che supportano o h264 o i cosi
    > micrososft).
    Sarebbe più logico se riformulassi il tuo concetto in un italiano comprensibile perché faccio fatica a starti dietro e a capire di cosa parli: quali sono questi problemi burocratici che mozilla deve risolvere?
    > Finchè ragionerete in termini
    > filosoficoideologici stallmaniani e non con cose
    > concrete starete sempre in svantaggio, alla gente
    > non frega nulla dell'ideologia o contano i soldi
    > nel business o contano le cose che funzionano per
    > quanto riguarda i semplici utenti.
    A me non pare che qui si parli di aria fritta, mi pare che i casi concreti di successo ci siano e come. Se ti piace banalizzare tutto come una corrente pseudo filosofica ideologica, fallo pure; francamente ci sono fior di economisti ultra liberisti che la pensano diversamente:
    http://www.micheleboldrin.com/research/aim.html
    E non stiamo parlando di comunisti...
    > In ogni caso ormai è h264 o x264 che viene usato
    > tantissimo, seguendo la nota a partire da
    > wikipedia per esempio ho letto che è usatissimo
    > nel mondo del fansub usando come container mkv,
    > usatissimo assieme ad xvid.
    > Quindi altro motivo molto poco pratico per
    > cambiare formato così...Che poi a pensarci bene
    > non è molto distante da ciò che fa Microsoft:
    > tizio propone questo...io propongo quest'altro
    > invece di adeguarmi e sfruttare le cose già
    > esistenti...bello...
    A cosa ha portato questo voler seguire i formati chiusi? Centinaia di migliaia di formati pseudo standard, nati al solo scopo di un'azienda di imporre le proprie idee e di schiavizzare gli utenti, imponendo "tasse" implicite o esplicite sull'utilizzo delle stesse. Non mi sembrano banalità o ideologie: qui si tratta di SOLDI, soldi nostri che escono dalle nostre tasche.
  • Mi pare che non dover pagare un brevetto o una royalty sia innegabilmente un buon side-effect.
    non+autenticato
  • Non è una questione di ideologia o di rompere un modello ormai diffuso come giustamente sostieni, ma si tratta anche di questioni economiche.
    h264 o mpeg4 part 10 (AVC), di cui x264 è una parziale implementazione, è legato alle royalty dovute ad mpeg4.
    Come DivX o XviD. Il 2° a differenza del 1° è una versione open (e decisamente più evoluta) di ciò che viene definito comunente "divx" ma più precisamente implementazione delle funzionalità definite in mpeg4 part 2 (o ASP).
    L'utilizzo a scopi commerciali di tutto ciò che sta dietro ad mpeg4 è regolato dal pagamento delle suddette royalty (come anche precisato nell'articolo).
    Theora è un formato libero e indipendente e visto che si deve definire lo standard per HTML5 mi sembra un'ottima scelta.
    non+autenticato
  • non è così scontato, se il formato offrirà vantaggi si diffonderà

    alla fin fine è un formato open no? lo può implementare chiunque, quindi perchè farsi tanti problemi?

    alla fine a te utente che danno ne viene? ti ritroverai con un player che riuscirà a riprodurre gli altri formati più quest'ultimo

    seguendo questa linea di ragionamento gli inventori di mp3 potevano starsene fermi, perchè tanto c'era il formato wav
  • ... o se vuoi, puoi mettere tutto su avi, video in h264 e audio in mp3.. e funziona.

    Il problema è che tutti i container da te citati e gli stessi formati audio e video sono proprietari.

    Youtube ad es. dovrà pagare per ogni stream messo on line se farà uso di quei codec.

    Di qui la necessità di un buon codec video per il web, che non scalzerà gli altri per altri usi, inclusi quelli professionali. Non credo che alla Warner avranno problemi a pagare i diritti d'uso del mpeg2video, se la qualità vale il prezzo. Diverso è il discorso per chi ha un sito web, che magari incassa solo dalla pubblicità.

    Theora nasce per queste esigenze, ma è sempre stato troppo indietro rispetto ai codec chiamiamoli cosi... "professionali". Ben venga quindi un codec video "free" e di qualità, e - perché no - anche un container. Cosi uno può decidere di farsi pagare solo per i contenuti, e non anche per il "contenente".
    non+autenticato
  • - Scritto da: RunAway
    > Che palle eccone un altro. Ormai c'è h264
    > contenuto in un mp4 o a volte mov ed ha anche la
    > sua controparte open x264 che altro vogliono di
    > più?
    > E' con cose come l'iPhone che si impongono
    > formati, Google rende disponibili i video in mp4
    > proprio per la fruizione tramite iPhone/iPod
    > Touch eccetera, basta con sti formati open o meno
    > che stanno sempre a rincorrere quelli ormai
    > diffusi e utilizzati da
    > tutti.
    > non se ne può più, prima stava divx, no non
    > andava bene hanno sfornato xvid, poi h264 e va
    > bene poi ora questo? Per non parlare della
    > pletora di robaccia micrososft con tutte le sue
    > versioni del
    > wmv...
    > Che palle...

    Forse perché gli standard del web DEVONO essere aperti in modo da poter essere usati da tutti? Internet è nato libero ed è come lo conosciamo oggi perché lo stack tcp-ip e l'http erano liberi privi di royality e noti. Se divx fosse nato libero non ci sarebbe stato bisogno di xvid (tentativo di rendere divx privo di royality ma purtroppo sempre basato su h264) e quindi non ci sarebbe bisogno di theora.

    Finché non si capirà questo concetto fondamentale, i progressi in campi tecnologici saranno sempre lenti e scarsi. Tanto per fare un esempio celebre il CERN (vedi wikipedia per sapere cosa sia) è un open laboratory, ovvero è possibile conoscere come sono stati ottenuti i risultati e possono essere riprodotti altrove. Non per niente come SO usano indovinate un po' GNU/Linux (di cui sviluppano una distro apposta per ambienti scientifici, scientific linux, in collaborazione col fermi lab e le università)
    non+autenticato
  • Quella di Theora è una questione di fondamentale importanza riuscire ad imporre uno standard libero e con implementazioni open source è un passo fondamentale verso la piena libertà dell'informatica.
    Non è semplice retorica: pensate a quanto dobbiamo pagare oggi a causa dell'uso di formati proprietari. Come qualcuno ha già detto, se Theora vince la sfida e viene anche adottato come standard per l'HTML 5 (purtroppo le cose non stanno così bene come l'articolo farebbe presupporre: http://en.wikipedia.org/wiki/HTML_5#Ogg_controvers...) allora potremmo davvero definitivamente fare a meno dell'ultimo residuo di formato chiuso e proprietario esistente sul web: Flash e Silverlight.
    Il vero colpo lo si otterrebbe con il pieno appoggio di Google: se Chrome (così come FF 3.5 e Opera 10) supporterà Theora, allora potrebbe pensare di convertire l'intero youtube a questo standard. Un colpo mortale a Flash, Silverlight e anche ad IE (se ce ne fosse ancora bisogno).

    Se a questo aggiungiamo l'adozione di uno standard di scripting unico e condiviso (ancora oggi ci si deve barcamenare tra decine di dialetti), raggiungeremo finalmente lo scopo di avere una rete libera, con formati liberi e con implementazioni libere degli stessi.
  • - Scritto da: advange
    > Il vero colpo lo si otterrebbe con il pieno
    > appoggio di Google: se Chrome (così come FF 3.5 e
    > Opera 10) supporterà Theora, allora potrebbe
    > pensare di convertire l'intero youtube a questo
    > standard. Un colpo mortale a Flash, Silverlight e
    > anche ad IE (se ce ne fosse ancora
    > bisogno).

    Come no.
    Flash e in futuro Silverlight supportano H264, H264 è accelerato via hardware da DXVA e simile. H264 è più efficiente (meno banda da utilizzare) quindi in realtà a Youtube costerebbe comunque meno di uno standard meno efficiente ma open.
    Per l'utente sarebbe un male perché si scorderebbe l'accelerazione hardware, per chi fornisce i contenuti sarebbe un male perché sprecherebbe banda a parità di qualità.

    Do penguins dream of open source sheep?
    non+autenticato
  • Flash e Silverlight?

    Uhuh ... perdonami ma mi scappa da ridere A bocca aperta

    Accelerazione in hardware con DXVA?

    E su MacOs e Linux com'è accelerato?

    Col culø mi verrebbe da dire Sorride

    Suvvia, prima ci liberiamo di entrambi è meglio è per il web e per tutti noi.
    non+autenticato
  • Prego Theora è sotto una delle tante BSD License, che viene riconosciuta dalla Free Software Foundation come software libero e fra open source e software libero c'è di mezzo il mare.

    sono due cose ben distinte fra loro:

    leggasi What's Free Software su gnu.org e leggasi cos'è l'Open Source opensource.org/docs/osd nel movimento del Free Software si da importanza alla libertà dell'Utente, nel movimento dell'Open Source si da importanza all'uso del software indipendentemente dai termini di licenza.

    se analizzassimo la parola open source = sorgente aperto si dovrebbero distribuire solo quei software che mettono a disposizione il sorgente, non mi sembra che Tivoli, DB2, Oracle, WebSphere.... siano open, anzi non ci pensano proprio a dare il loro sorgente, dunque perchè chiamarli open source quando sarebbe giusto chiamarli software non libero ?
    non+autenticato
  • Ti ringrazio per la giusta precisazione: spesso nello scrivere i post prendiamo pericolose scorciatoie...
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 10 discussioni)