Luca Annunziata

Microsoft fa debiti

A sorpresa, Microsoft annuncia l'intenzione di vendere obbligazioni. Mistero sul motivo, le ipotesi fioccano. Un'occasione per prestare dei soldi a Steve Ballmer

Roma - Perché con 25 miliardi di dollari, milione più milione meno, in cassa un'azienda decide di chiedere dei soldi in prestito? Mistero. Eppure Microsoft, che ha conti solidissimi, l'ha fatto: e ora scatta la corsa a cercare di capire il motivo di questa scelta apparentemente controcorrente. Il motivo potrebbe essere semplicemente quello di diversificare la propria liquidità, oppure ci potrebbero essere altre motivazioni economiche che hanno convinto il CEO Steve Ballmer e i suoi collaboratori a compiere un passo senza precedenti in oltre 30 anni di storia dell'azienda di Redmond.

Lo scorso autunno, in ogni caso, il consiglio di amministrazione aveva già autorizzato il management a impegnarsi fino a 6 miliardi di dollari da chiedere in prestito: per un'azienda che ha, come detto, miliardi di dollari già a disposizione - di cui almeno una dozzina liquidi e altrettanti se non di più investiti in modo piuttosto redditizio - una decisione apparentemente inspiegabile. Eppure, viste le attuali condizioni del mercato creditizio con i tassi di interesse di riferimento ai minimi storici degli ultimi decenni, questo era senz'altro il momento più propizio per imbarcarsi in una iniziativa del genere.

Da allora, BigM ha già avviato un rastrellamento di capitali con prestiti a breve termine per un totale di circa 2 miliardi di dollari. Soldi che dovranno essere restituiti entro pochi mesi: le obbligazioni che invece Microsoft si prepara a rilasciare, invece, prevedono tempi di scadenza molto più lunghi a fronte di rendimenti tutto sommato contenuti. La cifra esatta non è stata comunicata, ma le indiscrezioni parlano di 2 miliardi di bond al 2,95 per cento con scadenza 1 giugno 2014, 1 miliardo di dollari al 4,2 per cento da restituire tra 10 anni e altri 750 milioni al 5,20 per cento di interesse che verranno ripagati nel 2039. Totale, poco meno di 4 miliardi.
In vista di questo passo, Microsoft ha già ottenuto una tripla A (il massimo di valutazione) dalla divisione rating di Standard&Poor: le obbligazioni di BigM sono insomma quanto di più solido ci sia in circolazione per quanto riguarda gli investimenti di rischio, a fronte come detto di una situazione patrimoniale assolutamente stabile. La scelta comunque di impegolarsi in un meccanismo di rimborso degli interessi a scadenze fisse per garantirsi un po' più di liquidità appare in ogni caso una forzatura: a meno che, come sostiene qualcuno, Redmond non si stia preparando a qualche azione decisa sul fronte acquisizioni.

La voce che si rincorre da tempo riguarda in particolare SAP, azienda tedesca specializzata nella fornitura di servizi e applicativi gestionali che sarebbe nel mirino pure di IBM, da abbinare magari alle operazioni in corso con Yahoo!: inglobare SAP significherebbe ampliare non di poco la vastità dei servizi e dell'offerta globale che Microsoft sarebbe in grado di fornire alla propria clientela, andando inoltre a giocare sul terreno enterprise che ultimamente sembra stia dando ottimi risultati sul piano economico.

Una decisione che, peraltro, potrebbe anche causare uno "squilibrio" che sbilancerebbe definitivamente le armonie interne di BigM, allontanandola dal settore consumer. In alternativa, Microsoft potrebbe optare per impiegare questi capitali in un riacquisto delle proprie azioni sul mercato, in modo da garantire una crescita di valore del titolo: una mossa che aumenterebbe la sua capitalizzazione rafforzandone la posizione anche in vista di una eventuale acquisizione/fusione non pagata in contanti ma con uno scambio di titoli azionari.

In ogni caso, visti i tassi di interesse offerti, difficilmente i grossi investitori si lanceranno nell'acquisto dei bond Microsoft: è più probabile che questa opportunità di prestare soldi alla più grande azienda di software del mondo verrà colta dai piccoli risparmiatori, desiderosi di individuare un posto sicuro dove mettere i propri capitali per provare, magari, a garantirsi un piccolo vitalizio in grado di sostenerli anche nel medio-lungo termine.

Luca Annunziata
44 Commenti alla Notizia Microsoft fa debiti
Ordina
  • che fine farà il loro tanto pubblicizzato erp Microsoft Dynamics???Come al solito l'obiettivo di microsoft non è quello di offrire un buon prodotto al mercato,ma di offire l'UNICO prodotto...che schifo...
    non+autenticato
  • eh si che schifo, invece e' proprio bello condividere i proprio progetti, magari durati anni con i propri concorrenti.
    Ogni azienda credo vorrebbe lanciare "il prodotto" solo che trattandosi si SW allora tutto dovrebbe essere open e utilizzabile ( free ) da terze parti.

    Per curiosita', hai mai visto i progetti di una ferrari da F1 ( recente ) su internet ?

    Perche' scrivete tante boiate quando l'articolo riguarda MS?
  • - Scritto da: deactive
    > eh si che schifo, invece e' proprio bello
    > condividere i proprio progetti, magari durati
    > anni con i propri
    > concorrenti.
    > Ogni azienda credo vorrebbe lanciare "il
    > prodotto" solo che trattandosi si SW allora tutto
    > dovrebbe essere open e utilizzabile ( free ) da
    > terze
    > parti.
    >
    > Per curiosita', hai mai visto i progetti di una
    > ferrari da F1 ( recente ) su internet
    > ?
    >
    > Perche' scrivete tante boiate quando l'articolo
    > riguarda
    > MS?

    Se trovi i progetti su Internet anche di una poco recente, fammi sapere .... cmq anche se vai dal concessionario non trovi solo Ferrati, mentre se vai in un negozio di PC ....
  • intendevi dire in un apple store semmai?
    I pc possono essere di brand di diversa provenienza, anche autoassemblati con dei case piu' o meno improvvisati.
  • hahahahhahaha bella questa
  • se avessi letto l'articolo per bene ti saresti accorto che si parla anche di un probabile acquisto di Sap da parte di MS...bene,ora devi sapere che in casa MS conoscono solo una parola:monopolio.Purtroppo il monopolio di cui parlo non è mai basato su un ottimo prodotto ma sui mezzucci che utilizzano per arrivarci.Ti vorrei ricordare inoltre che la concorrenza fa bene a tutti gli attori del mercato e permette di arrivare alla cosiddetta "efficienza allocativa" delle risorse:sta bene sia chi produce sia il cliente.Microsoft comprando Sap farebbe due grossi danni: da un lato sarebbe costretta a dismettere o il proprio prodotto (microsoft dynamics) o quello che ha comperato (SAP),eliminando la concorrenza e arrestando quindi lo sviluppo dei prodotti.Dall'altro se intervenisse in qualsiasi modo su una azienda e su un prodotto florido come Sap potrebbe solo peggiorarne la situazione. Anche la Ferrari di cui parli senza la McLaren non sarebbe lì dov'è ora...
    non+autenticato
  • effettivamente non avevo capito che TU ti riferissi all'acquisizione di SAP da parte di MS.
    Non e' pero' quanto ha fatto Oracle di recente ?
    NOn e' comunque un tentativo di generare monopolio ? ( o duopolio con MS-SQL forse, anche se MySQL non ha le stesse pretese dei primi due ).
    Non mi pare di aver avvertito lo stesso genere di scalpore pero'. Non che approvi, ma si tratta di corporations, cosa ti aspetti, che diano inizio ad una nuova era di capitalismo etico forse ?
  • bravo! sono d'accordissimo!
    non+autenticato
  • Mamma mia che puerilità in questi commenti...
    non+autenticato
  • i modi potranno essere anche puerili ma ho detto quello che pensavo che incidentalmente corrisponde alla verità...se invece di criticare aggiungessi qualcosa alla discussione te ne sarei grato
    non+autenticato
  • - Scritto da: Kyashan
    > che fine farà il loro tanto pubblicizzato erp
    > Microsoft Dynamics???

    E' la solita mossa: Annunciare un prodotto inesistente ("Vaporware") per fermare l'avanzata della concorrenza.

    Un buon esempio si trova nel libro "Startup: A Silicon Valley Adventure" (ISBN 0-7351-0141-8) che narra di come Microsoft ha tagliato le gambe a GO Corp. con il suo inesistente Microsoft's Pen Services for Windows e di come piu' tardi (2005, 2008 - quando GO Corp. oramai non esisteva piu'), ne ha rubato le tecnologie per il suo Tablet PC.
    11237
  • e allora perchè dovrei comprare le loro che per di più mi rubano soldi da anni?

    buona flamewar a tutti!
    non+autenticato
  • Secondo me tirano su soldi e poi se la filano con la cassa e chi gli ha prestato denaro resta con il cerino ...

    Se GNU/Linux e Mac fanno ancora qualche passetto a diffusione MS comincera' inevitabilmente una discesa prima piano piano e poi sempre piu' accellerata.

    Spero di no, io sono contento che ci sia MS, ma al massimo che abbia 1/3 del mercato ed e' gia' tanto.
    non+autenticato
  • E se invece di rimanere nel campo dell'informatica la microsoft si stia preparando ad acquisire qualche media tradizionale tipo Walt Disney... (che possiede l'ABC...)

    A parte Apple, Microsoft e Google tutte le altre big multinazionali hanno le pezze al culo e sono facili da acquisire... magari M$ stà pensando a una banca di proprietà, seguendo l'esempio del nostro premier...

    Il tutto cmq verrà messo in piedi a luglio/agosto quando tutti sono in ferie!

    Cmq per me o é un media televisivo/cinematografico (pensate alla pubblicità occulta che potrebbero fare nei films seguendo l'esempio di apple e dell'onnipresente mela) o é una banca..
    non+autenticato
  • Non vedo tutto questo mistero intorno ad una decisione del genere: un'azienda fa debiti quando pensa che con i soldi raccolti guadagnerà più di quanto spende per gli interessi che dovrà pagare e non vuole muovere soldi propri che ha in cassa perché pensa di utilizzarli per qualche altro scopo (acquisizione di Yahoo).
    L'alternativa sarebbe quella che sta truccando i bilanci, che in realtà è in grossa difficoltà e che la tripla A affibbiatale è un errore delle agenzie di rating: anche in questo caso, visti i precedenti, nulla di strano...
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 11 discussioni)