Fabrizio Bartoloni

Quando le macchine si sfidano a scacchi

Fuori i supercomputer, nel campionato mondiale di scacchi e mezzo computer si confermano i vincitori di sempre. Il motore scacchistico del Maestro Vasik Rajlich ha la meglio su tutti

Roma - Rybka, il software scacchistico del Maestro Internazionale Vasik Rajlich distintosi dai concorrenti per la prevalenza di giocatori professionisti rispetto ai programmatori nel suo team di sviluppo, ha vinto per la terza volta di fila il World Computer Chess Championship (WCCC), evento incluso nelle Computer Olympiads organizzate a Pamplona in Spagna dalla International Computer Games Association (ICGA). Nell'occasione si è imposto anche nella categoria scacchi di queste ultime e nella variante Blitz del WCCC.

In risposta agli sbilanciamenti nei rapporti di forza sul piano della potenza bruta delle CPU degli scorsi anni che aveva favorito le prestazioni di Shredder, Junior e dell'open source Crafty, da questa edizione una nuova controversa regola restringe la gara all'hardware "domestico" con un massimo di otto core (una motherboard fino a quattro socket) escludendo così i supercomputer già protagonisti di epiche sfide contro avversari umani.

I dieci partecipanti hanno reagito adottando quasi in massa, ben la metà di loro, l'Intel Xeon eight-core a 3.2 Ghz, due gli AMD, uno il Core Duo. Ignoti i restanti. Intel si pone dunque ai vertici di una ipotetica "classifica costruttori".
Secondo Rajlich un simile approccio apporta un duplice danno: "Previene l'innovazione con cluster di componenti di ordinaria reperibilità e allo stesso tempo enfatizza l'uso di costose workstation". Tale modifica al regolamento però non ha cambiato l'esito finale: Rybka primo con otto vittorie e due pareggi, Shredder si è dovuto accontentare del terzo posto dopo il belga Deep Sjeng (le varianti "Deep" di questi programmi sono per i multiprocessori, ndr), sono lontani i tempi in cui si batteva col grande assente Fritz per il primato. Ancora più giù c'è l'israeliano Junior al quarto gradino, solo ottava posizione per gli italiani di Equinox. Un rapido paragone con la classifica olimpica, competizione dove il limite summenzionato non valeva, ha confermato analoga graduatoria, il cluster di 52 core assemblato da Lukas Cimiotti per Rybka ha sbaragliato gli avversari, il solito Shredder si è scambiato l'ordine di arrivo col 56-core di Deep Sjeng e l'unico vero stravolgimento è stato il ritiro di Junior per problemi tecnici.

Dalla clamorosa sconfitta di Kasparov ad opera di Big Blue del 1997 al 6-0 tennistico rifilato da Hydra a Michael Adams nel torneo di Abu Dhabi, la sfida tra computer sta diventando un elemento sempre più rilevante per scoprire cosa sia rimasto di inesplorato dalla mente umana in questo sport.

Fabirizio Bartoloni
16 Commenti alla Notizia Quando le macchine si sfidano a scacchi
Ordina
  • skynet non deve nascere!

    :D
    non+autenticato
  • Qualcuno sa se esistono classifiche di programmi.

    Comunque Fritz ce l'ho. Trovato all'ipercoop a non ricordo quando ( circa 10 euro ), parlo di Scacchi Premium.

    Non è la versione finale, ma come perdo è incredibile.

    Spara tante di quelle cavolate ( si mette anche a cantareSorride ), che anche perdendo c'è da ridere.
  • Se la competizione è sull'hardware (brute force), che scelgano a caso un programma, e lo facciano girare contro sé stesso su altri hardware (con un limite di tempo di calcolo per mossa); il vincitore dovrebbe indicare il miglior hardware.

    Se la competizione è tra algoritmi (l'intelligenza), che facciano competere i diversi programmi su piattaforme equivalenti.
    Il vincitore indicherà il miglior algoritmo.
  • ehm... non è proprio così... nn si va solo di forza bruta in quanto oltre un certo deep le probabilità diventano così tante che nemmeno dopo un anno un super computer ATTUALE riesce a calcolare bene LA QUALITA' delle mosse... quindi la si gioca ancora sulle differenze di programmazione. Oggi usano hash massivo principalmente ma ci sono circa tra 10 algoritmi (per i motori primordiali) ai 250 - 300 algoritmi compbinati per i più evoluti. Immagina quindi le differenze di realizzazione pratica... scommettiamo 100 Euro che 10 algoritmi scritti in C da un C-GURU vanno meglio (in termini di risorse e velocità) di 10 algoritmi in un qualsiasi altro linguaggio moderno?

    Intanto per curiosità... si svolge anche in Italia questa competizione. Devevamo partecipare anche noi (io e i miei amici) ma poi per gli impegni d'università abbiamo lasciato perdere... In questa competizione vale la pena segnalare questo http://www.msbsoftware.it/delfi/ che stravince da anni ormai!
  • ti ringrazio per l'informazione.

    in ogni caso sul linguaggio per la codifica, ho paura che al giorno d'oggi le cose non stiano più così.

    è vero che esistono linguaggi peggiori, ed esistono modi per programmare straordinariamente male anche con il miglior linguaggio (con migliore, in questo contesto, intendo come te quello che è in grado di generare codice macchina più efficiente), ma i compilatori al giorno d'oggi fanno cose straordinarie: hanno capacità di analisi e di ottimizzazione del codice veramente eccelse.
  • Non lo metto in dubbio! Io sono un quasi laureato in Tecnologie per la produzione del software... nel corso di studi abbiamo realizzato compilatori, nuovi linguaggi e programmato in almeno 6 diversi tipi di linguaggi... i compilatori oggi hanno un rendimento altissimo rispetto alla scarsa programmazione fatta dai programmatori... ma ad esempio confrontare un bytecode con un sorgente c è impensabile... così come tutti quei linguaggi ibridi (come java -> bytecode) e/o che vengono interpretati non reggono il confronto... Ti dico ciò solo perchè abbiamo avuto a che fare con la creazione di svariate strutture dati in c/c++ con astrazione di alto livello, ad alta efficenza, programmate però con l'ausilio anche dell'assembler in alcunio casi! E' proprio questo quindi il problema: i compilatori possono essere scritti e pronti per superare tutte gli intrighi programmatori scritti e poi (in real time) ottimizzano il codice compilato o interpretato in una maniera quasi impeccabile... ma in ambiti tipo "scacchi" dove strutture dati quali la "lista" o i dizionari, gli insiemi... o meglio ancora gli alberi BINARI e N-ARI diventano fondamentali! E se uno le programma in maniera "LUXURIOUS SERIES", dove vai a manovrare direttamente i puntatori o i registri proprio del processore, non c'è compilatore che tenga, fidati Occhiolino
  • non sono molto informato su questo genere di eventi ma non ci sono più le sfide uomo-computer?

    ora è solo tra macchine?
    non+autenticato
  • Rybka fa molte sfide ad Handicap contro umani

    Mirov ha battuto Rybka 4 1/2 - 3 1/2,
    in un match con 2 standard game (milov bianchi), 4 exchange odds (rybka bianchi senza una torre, milov senza un cavallo) , 2 pawn e move (milov bianchi, rybka senza un pedone)

    http://rybkaforum.net/cgi-bin/rybkaforum/topic_sho...
    non+autenticato
  • - Scritto da: MAH
    > Rybka fa molte sfide ad Handicap contro umani
    >
    > Mirov ha battuto Rybka 4 1/2 - 3 1/2,
    > in un match con 2 standard game (milov bianchi),
    > 4 exchange odds (rybka bianchi senza una torre,
    > milov senza un cavallo) , 2 pawn e move (milov
    > bianchi, rybka senza un
    > pedone)
    >
    > http://rybkaforum.net/cgi-bin/rybkaforum/topic_sho

    heheh non ci ho capito molto ma almeno ho capito che ne fanno ancora hehehe grazieOcchiolino
    non+autenticato
  • e' proprio il caso che le macchine analizzando i pezzi sulla scacchiera dicano: "ho visto cose che voi umani non potreste neppure immaginare..."

    ahr ahr ahr ahr ahr...
    ehm...
    non+autenticato
  • - Scritto da: alex67
    > e' proprio il caso che le macchine analizzando i
    > pezzi sulla scacchiera dicano: "ho visto cose che
    > voi umani non potreste neppure
    > immaginare..."
    >
    > ahr ahr ahr ahr ahr...
    > ehm...

    Hem... "Io ne ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi..."

    Così dice... ma oltre ad essere più brutto, si ricorda peggio. Per cui anche io cito spesso come hai fatto tu!Sorride
    non+autenticato
  • ... sui nipotini di Deep Thought e come non riescano ancora a rispondere alla Domanda fondamentale sulla vita, l'universo e tutto quanto, ma è troppo trita e ve la risparmioCon la lingua fuori











    ... tanto la risposta la sanno già tuttiCon la lingua fuori
    Funz
    12989
  • e purtroppo è sbagliata [cit.]
    A bocca aperta
    non+autenticato
  • beh naturalmente è 42 la risposta.
    non+autenticato
  • beh sarebbe stato più semplice se avessi conosciuto la domanda.

    xd
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)