Alfonso Maruccia

GPS sull'orlo della catastrofe?

Il sistema di posizionamento satellitare gestito dai militari statunitensi sarebbe in procinto di sfaldarsi, avverte un rapporto, con gravi conseguenze tecnologiche soprattutto sul medio e lungo termine

Roma - Si può fare a meno oggigiorno del Global Positioning System (GPS)? Evidentemente no, se si considera il numero di applicazioni e tecnologie che basano la propria utilità sul suddetto sistema di posizionamento satellitare, sviluppato negli anni '80 e da allora gestito interamente dalla Air Force statunitense. Che negli ultimi anni ha comunque fallito, avvisa un'organizzazione di controllo federale, la sua missione di rinnovamento del network di satelliti per mantenere in buona salute l'infrastruttura.

Il rapporto consegnato al Congresso dal Government Accountability Office è spietato nel descrivere l'attuale stato delle cose, spiegando che "la Air Force non è riuscita a costruire satelliti GPS adeguatamente contenuti negli obiettivi di costo e di programma" con i 2 miliardi di dollari messi a disposizione per lo scopo dall'Amministrazione.

Se gli obiettivi di costruzione non verranno mantenuti, avverte il GAO, ci sono buone possibilità che a partire dal 2010, con il previsto malfunzionamento dei vecchi satelliti già in orbita, "l'intera costellazione GPS cadrà sotto il numero di satelliti richiesti per fornire il livello di servizio GPS che il governo degli Stati Uniti si aspetta".
Il network GPS è considerato uno strumento "essenziale per la sicurezza nazionale statunitense", e col tempo si è trasformato nel cuore di innumerevoli applicazioni eminentemente "hi-tech": navigatori per auto, localizzatori professionali, militari e amatoriali per finire con la "next generation" degli smartphone location-aware, che poi sarebbe quella degli iPhone, degli Android e compagnia. Tutto questo finirebbe inesorabilmente per degradare sino alla possibile inutilizzabilità, con una involuzione tecnologica generalizzata impossibile da accettare.

In realtà ci sono tutta una serie di misure che la Air Force e altri possono mettere in piedi per ridurre l'impatto di tale involuzione, anche se allo stato attuale gli eventi sono ancora in divenire e non tutto è ancora perduto.

Una delle principali conseguenze delle estreme difficoltà che il sistema GPS dovrà affrontare nel futuro imminente è poi la possibilità, per i concorrenti o presunti tali, di accelerare il processo di sviluppo e deployment di network alternativi come il solito Galileo di produzione europea o anche le reti di Russia, Cina e India.

Alfonso Maruccia
53 Commenti alla Notizia GPS sull'orlo della catastrofe?
Ordina
  • sicuramente hanno gia la maniera di ovviare. Se iniziasse una guerra infatti i nemici come prima cosa farebbero saltare tutti i satelliti gps.
    non+autenticato
  • ...che non ho mai usato un GPS, che uso ancora la bussola e la carta topografica (scaricata via internet e stampata su A3), che studio bene le mappe PRIMA di partire (e google e' di grandissimo aiuto in questo) e so triangolare la mia posizione con un errore decisamente piccolo, continuero' ad aggirarmi per boschi, valli, prati & fiumi e a indicare la strada a quelli che smoccolano contro il loro inutile aggeggio GPS.

    --
    -GT-
  • E tu...sei BRAVO...vuoi l'applauso ?

    - Scritto da: Guybrush
    > ...che non ho mai usato un GPS, che uso ancora la
    > bussola e la carta topografica (scaricata via
    > internet e stampata su A3), che studio bene le
    > mappe PRIMA di partire (e google e' di
    > grandissimo aiuto in questo) e so triangolare la
    > mia posizione con un errore decisamente piccolo,
    > continuero' ad aggirarmi per boschi, valli, prati
    > & fiumi e a indicare la strada a quelli che
    > smoccolano contro il loro inutile aggeggio
    > GPS.
    >
    > --
    > -GT-
    non+autenticato
  • - Scritto da: A&B
    > E tu...sei BRAVO...vuoi l'applauso ?

    E' solo un invito a documentarti un po' prima di agire.
  • Lamer. I veri uomini non scaricano le mappe da internet, usano le carte topografiche militari e la Recta, e se necessario accendono il fuoco con i bastoncini e mangiano serpenti.
    non+autenticato
  • Non capisco, a quanto comprendo dal testo sottocitato pare che tutti gli aggeggini che sfruttano il GPS fanno una richiesta ai satelliti... ma scusate il GPS non irradia un segnale standard e gli aggeggini assorbono i dati?

    Ho frainteso il senso dei due paragrafi vero?

    A.Milano

    <<
    Se gli obiettivi di costruzione non verranno mantenuti, avverte il GAO, ci sono buone possibilità che a partire dal 2010, con il previsto malfunzionamento dei vecchi satelliti già in orbita, "l'intera costellazione GPS cadrà sotto il numero di satelliti richiesti per fornire il livello di servizio GPS che il governo degli Stati Uniti si aspetta".
    >>

    e

    <<
    Tutto questo finirebbe inesorabilmente per degradare sino alla possibile inutilizzabilità, con una involuzione tecnologica generalizzata impossibile da accettare.
    >>
    non+autenticato
  • - Scritto da: A.Milano
    > Non capisco, a quanto comprendo dal testo
    > sottocitato pare che tutti gli aggeggini che
    > sfruttano il GPS fanno una richiesta ai
    > satelliti... ma scusate il GPS non irradia un
    > segnale standard e gli aggeggini assorbono i
    > dati?

    I satelliti trasmettono, i ricevitori - appunto - ricevono.

    Per avere il "fix" della posizione un ricevitore GPS ha bisogno di ricevere contemporaneamente il segnale di diversi satelliti (minimo 3 mi pare) che quindi devono essere visibili nello stesso momento.

    Se alcuni satelliti si disattivassero, aumenterebbero le situazioni in cui un ricevitore non "sente" abbastanza segnali contemporanei per calcolare costantemente la posizione.

    In ogni caso non c'è trasmissione dai ricevitori GPS verso i satelliti.
  • Appunto, come dicevo, ricevono solo. Evidentemente non mi era chiaro il significato di alcuni passaggi.

    Grazie.

    A.M.
    non+autenticato
  • del resto è impossibile trasmettere a quelle quote senza un'elevata potenza

    i telefoni satellitari tanto funzionano perchè si basano su satelliti in orbita bassa
  • E gli antifurti satellitari non trasmettono?
    non+autenticato
  • ricevono la posizione dal satellite e traspettono le coordinate usando normali segnali radio o GSM
  • no ... o meglio usano reti dati terrestri ( di solito gsm ) o satellitari ( ma non i satelliti gps ) che hanno ben poco a che fare con il gps !!! il gps per sua natura è stato ideato come sistema passivo cioè i ricevitori non trasmettono nulla verso i satelliti !!!

    quindi i sistemi di allarme satelloitari montati sulla macchina funzionano nel seguente modo :

    invio rikiesta sulla rete dati ( gsm ) la makkina risponde con le coordinate che estrapola dal gps e le rimanda via rete dati ... non a caso per rubare una auto con tale sistema la si mette dentro un locale o un camion dove non c è segnale gps e segnale gsm o altri fin tanto non si interviene sull antifurto !
    non+autenticato
  • Thuraya, che funziona benissimo, sta a 24.000 Km e con un solo satellite copre Europa, Africa, Medio oriente e metà Asia.
    E gli ultimi terminali sono pure piccoli.
    non+autenticato
  • - Scritto da: rover
    > Thuraya, che funziona benissimo, sta a 24.000 Km
    > e con un solo satellite copre Europa, Africa,
    > Medio oriente e metà
    > Asia.
    > E gli ultimi terminali sono pure piccoli.

    Si, ma non consuma certo quanto un ricevitore GPS!!!
    non+autenticato
  • Non vorrei dire una cacchiata, ma visto che il sistema GPS è di proprietà dell'esrcito USA, credo che i produttori di sistemi di navigazione (tom tom, garmin ecc...) paghino profumate royalties. Cioè, alla fine loro ci guadagnano (molto) grazie ad una tecnologia altrui...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Luther Blisset
    > Non vorrei dire una cacchiata, ma visto che il
    > sistema GPS è di proprietà dell'esrcito USA,
    > credo che i produttori di sistemi di navigazione
    > (tom tom, garmin ecc...) paghino profumate
    > royalties. Cioè, alla fine loro ci guadagnano
    > (molto) grazie ad una tecnologia
    > altrui...

    No, negli USA tutto ciò che è prodotto con soldi pubblici e reso disponibile al pubblico è fornito gratuitamente, mentre da noi gli enti pubblici custodiscono gelosamente o vendono le informazioni prodotte con i nostri soldi.

    In effetti gli USA farebbero bene a mettere a disposizione le proprie tecnologie ed informazioni soltanto ai ai propri cittadini e alle proprie aziende e a quelli delle altre nazioni che condividono lo stesso principio, così che altri Paesi sarebbero costretti a liberare le informazioni pubbliche a loro volta.
    non+autenticato
  • Così un americano a Roma non saprebbe dove andare anche con GPS yankee. Bello!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Gennadino
    > Così un americano a Roma non saprebbe dove andare
    > anche con GPS yankee.
    > Bello!
    Ma no la Royaltie la si paga con l'acquisto del prodotto, navigatore satellitare ecc. Una volta pagata usi il mezzo comunque in qualsiasi parte del mondo.
    Per l'ipotesi se lo si acquista negli USA non si paga la royaltie.
  • - Scritto da: Luther Blisset
    > Non vorrei dire una cacchiata, ma visto che il
    > sistema GPS è di proprietà dell'esrcito USA,
    > credo che i produttori di sistemi di navigazione
    > (tom tom, garmin ecc...) paghino profumate
    > royalties

    Quali royalties?
    non+autenticato
  • Non si considera che nel 2012 interverrà una massiccio Vento Solare. Non è l'apocalisse che qualcuno aspetta, ma per i satelliti (specie vecchi) sarà una strage.

    Comunque anche l'UE detiene una sua struttura satellitare (Galileo) per il GPS (migliore dell'Americano) e pare che anche la Russia l'abbia sviluppata per uso esclusivamente militare.

    Ciao
    non+autenticato
  • - Scritto da: vaaaaaaaaaa a
    > Non si considera che nel 2012 interverrà una
    > massiccio Vento Solare. Non è l'apocalisse che
    > qualcuno aspetta, ma per i satelliti (specie
    > vecchi) sarà una
    > strage.

    Non è detto, anche se l'attività solare avrà un ciclo forte (non so se sarà così), le peggiori tempeste solari sono arrivate durante cicli deboli.
    Poi non tiriamo fuori scemate come i Maya, Nibiru, l'inversione dei poli, che piacciono tanto ai complottariA bocca aperta

    > Comunque anche l'UE detiene una sua struttura
    > satellitare (Galileo) per il GPS (migliore
    > dell'Americano) e pare che anche la Russia
    > l'abbia sviluppata per uso esclusivamente
    > militare.

    Mi piacerebbe se PI ci aggiornasse sul Galileo, se è ancora in vita...
    Funz
    13032
  • Galielo è ancora in vita.
    In orbita ci sono già due satelliti di test GIOVE (Galileo In-Orbit Validation Element): GIOVE-A e GIOVE-B.
    In fase di ultimazione e test sono 4 satelliti di test funzionale, simili a quelli definitivi, chiamati IOV (In-Orbit Validation), dovrebbero essere lanciati a fine 2009, inizio del 2010.
    Intanto è cominciato il procurement per la costellazione vera e propria, i FOC (fully operational capability), che dovrebbero essere lanciati in rapida successione subito dopo IOV per completare la costellazione (in teoria) entro il 2013...
    Su questo ultimo punto mi aspetterei cmq dei probabili ritardi, anche se in realtà questi FOC dovrebbero essere molto simili agli IOV..

    http://www.insidegnss.com/node/811
    non+autenticato
  • - Scritto da: Galileo Galilei...


    Grazie, molto interessante
    Funz
    13032
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 10 discussioni)