Luca Annunziata

ODF e Microsoft, non è amore

L'Alliance che sostiene il formato concorrente di OOXML cala la scure. Boccia il SP2 di Office 2007 su tutta la linea. Redmond, dice, non rispetta le promesse

Roma - C'era chi aveva immaginato che con l'approvazione di OOXML come standard ISO la faccenda si fosse risolta. Tutt'altro. Gli animi, a distanza di anni dall'inizio della querelle, sono più accesi che mai: l'ultima delle critiche giunge questa volta dalla sponda ODF, ed è diretta al cuore dell'ultimo aggiornamento della suite da ufficio di Microsoft. Il SP2 di Office 2007, secondo la OpenDocument Format Alliace, non supporta adeguatamente il formato da lei promosso e non rispetta le promesse fatte dalla stessa BigM. Altro che impegni per la interoperabilità, dicono.

L'approccio tenuto in un documento che analizza il comportamento di Office 2007 è sistematico: una per una vengono elencate tutte le presunte mancanze del ventilato supporto al formato ODF, a cominciare dai fogli di calcolo. Secondo l'Alliance, un documento di questo tipo generato a partire da OpenOffice, Lotus Symphony, Google Docs e altre applicazioni compatibili fallisce miseramente la prova dei fatti una volta caricato su Office: niente compatibilità con le formule, a causa di una mancata aderenza alle specifiche dello standard ISO nell'implementazione.

Per l'Alliance si tratta di un problema circoscritto alla suite Microsoft: utilizzando il plugin SUN o l'estensione disponibile su SourceForge, tutto funziona regolarmente, mentre crollerebbe la presunta compatibilità del SP2 con la revision 1.0/1.1 di ODF. Ma non è solo di matematica che si parla: anche la gestione dei file protetti da password sarebbe carente, visto che non è possibile aprire un file ODF protetto da chiave alfanumerica né salvare un documento con la sicurezza di una password nello stesso formato a partire da Office 2007.
Anche in questo caso, ribadisce l'Alliance, si tratta di specifiche largamente stabilizzate sia nella versione 1.0 che 1.1 dello standard ISO: nella prossima versione 1.2, imminente, ODF inizierà a supportare anche la firma digitale, e dunque - prosegue il documento - "Microsoft dovrà aggiungere il supporto alle firme digitali appena ODF 1.2 sarà stato approvato". Terza e ultima mancanza, infine, le revisioni: si tratta di una feature "essenziale alla collaborazione" su un documento tra più utenti, viene ribadito, e dunque il suo mancato supporto mina la possibilità di interoperare tra utenti dotati di OpenOffice, StarOffice, Lotus Symphony, Google Docs (tutti in grado di gestire le revisioni di un documento ODF) e quanti invece utilizzino Microsoft Office.

L'Alliance va anche oltre, lamentando l'aggiornamento solo della versione 2007 del software di Redmond e non pure delle precedenti: ma il vero nodo centrale, secondo quanto si evince, è la effettiva incompatibilità dei documenti ODF con Office 2007 nonostante lo standard ISO sia tale da tre anni a questa parte. "Implementare una versione incompatibile e ridotta dello standard aperto impedisce l'interoperabilità - si legge nel paragrafo finale - soprattutto considerata la potenziale larga base di utenti Microsoft del formato ODF".

Microsoft, rincara la dose l'Alliance, fa anche parte della commissione tecnica OASIS che definisce lo standard: l'incompatibilità del SP2 con le specifiche note sarebbe un atto in netto contrasto con l'impegno preso da tutti coloro che hanno aderito e sostengono il formato ODF. "Una nuova versione di ODF dovrebbe essere obbligatoriamente supportata da qualunque versione di Microsoft Office - è la conclusione tratta - oppure da un service pack rilasciato dopo che una nuova versione dello standard ODF è stata rilasciata".

Luca Annunziata
121 Commenti alla Notizia ODF e Microsoft, non è amore
Ordina
  • E' solo una strategia per ammazzare la fama di open office e ritornare al doc perhce' la gente dira' che odf e' un formato scarso eccc
    non+autenticato
  • > e ritornare al doc

    O al buon vecchio RTF (di cui sono un felice utente).

    Anche se l'idea del supporto ODF in Polyedit mi elettrizza NON poco...A bocca aperta
  • Fare due standard concorrenti è da folli.

    Vi immaginate se venissero standardizzati due scartamenti diversi per i treni?
    Cosa fate? Duplicate tutti i binari per accettare treni dei due tipi?

    Se uno standard esistente non è adeguato all'evoluzione dei tempi, lo si estende e lo si migliora, oppure lo si abroga e se ne fa uno nuovo.

    Nessuno ha avuto il coraggio di dire cosa abbia OOXML che non si possa fare con ODF, o comunque estendendo ODF.

    Senza contare che ODF è implementato da anni da suite di diversi produttori e concorrenti, e sono tutte interoperabili, mentre OOXML non ha una sola corretta implementazione sul pianeta (neanche Microsoft rispetta interamente la specifica che è stata ratificata, in quanto la sua proposta conteneva molte incongruenze ed errori).

    La credibilità dell'ISO è scesa sottoterra con questo colpo di mano.

    Ma questo può succedere perché le aziende, e soprattutto le istituzioni, si nascondono dietro al fatto che 'ormai i nostri sistemi sono così ... quanto ci costa cambiare tutto?', senza che qualcuno faccia una reale valutazione dei costi di un piano di migrazione verso gli standard (non parlo di prodotti, parlo di standard).

    Seppoi il prodotto Microsoft è così migliore, usabile, efficiente, etc. che fa risparmiare tanti soldi grazie al suo utilizzo, allora OK, lo si compera perché la concorrenza non è all'altezza.
    Ma occorre motivare la scelta sulla base di motivi oggettivi e sostenibili.
  • > Ma occorre motivare la scelta sulla base di
    > motivi oggettivi e
    > sostenibili.

    Secondo te un bel malloppone non e' un motivo oggettivo e sostenibile???

    Sai quante cene ci siamo sbafati con tanto di accompagnatrici e regalucci vari intanto che alcuni funzionari disinteressati ci spiegavano cosa era giusto fare??? E la moglie, la figlia e la cugina me le assumi tu?

    Siamo realisti per favore.
    non+autenticato
  • come sei prevenuto ...

    ma davvero tu pensi che qualcuno abbia realmente potuto spingere, a suon di regalie, omaggi e mazzette, chi di dovere all'ISO, per non chiudere la porta in faccia a chi si è presentato con un'idea così folle?

    ... e poi per fare finta di niente quando tutto il mondo si è accorto che in tutti i comitati nazionali di valutazione ed approvazione della norma hanno iniziato ad infilarsi persone legate alla Microsoft?

    se sei così prevenuto, magari pensi anche che al Parlamento Europeo qualcuno abbia dell'interesse personale nel continuare a commissionare progetti e comperare licenze software alla Microsoft, tanto per restituire i soldi raccolti con le multe dell'antitrust che non sono riusciti a bloccare ...

    ma dai ...

    chi potrebbe spingersi ad essere così sospettoso nei confronti di cotanti galantuomini ...

    ... no, una cosa del genere non è neanche da pensare ...
    non+autenticato
  • > ... no, una cosa del genere non è neanche da
    > pensare
    > ...

    Che penso e penso, io ci lavoro all'ISO!!!!

    Scusa devo scappare sono a un convegno di aggiornamento che dura un mese a Thaiti pagato da una azienda leader del settore software che, disinteressatamente ci sta spiegando quali siano i vantaggi tecnologici e competitivi di determinati standard, non pensavo davvero che fossero cosi' tanti. Pero' adesso c'e' la partita di Beach Volley non me la posso perdere ... Oh, non e' mica divertimento, serve ... serve ... serve ah si' ad abituarsi a lavorare in team per raggiungere gli obbiettivi ... fiuuuu!!!!

    Ne parliamo un'altra volta.

    Bye.
    non+autenticato
  • (lavare i pavimenti nella sede dell'ISO non è esattamente "lavorare per l'ISO", pero' bom).A bocca aperta
    non+autenticato
  • C'è al confine tra due paesi questo problema. Ora non ricordo dove, ma comunque hanno fatto locomotori e alcuni vagoni apposta con un sistema idraulico che restringe o allarga lo spazio tra le ruote.

    Comunque groklaw.net ha seguito tutta la vicenda della standardizzazione, ed è stata una cosa vergognosa! Irregolarità, corruzione e prese per i fondelli.
    non+autenticato
  • se ricordo bene era la Spagna.

    Il motivo per cui avevano adottato uno scartamento diverso è che volevano evitare che, in caso di guerra, l'attaccante potesse utilizzare le ferrovie per effettuare un'invasione.

    Il senso dii fare motrici e vagoni a scartamento variabile ormai non esiste più, senza considerare che il costo aggiuntivo per questa 'adattività' serve per pagare un evento di pochi minuti, senza migliorare in nessun modo l'esperienza complessiva del servizio, sull'intero tragitto.
    In sostanza, sono soldi buttati.
  • - Scritto da: andy61
    > se ricordo bene era la Spagna.
    >
    > Il motivo per cui avevano adottato uno
    > scartamento diverso è che volevano evitare che,
    > in caso di guerra, l'attaccante potesse
    > utilizzare le ferrovie per effettuare
    > un'invasione.

    Anche ex URSS ed Europa.
    non+autenticato
  • Se non ricordo male ad Atene la ferrovia che porta al Peloponneso (passando sullo stretto di Corinto) ha scartamento ridotto.

    Quella, invece che va nella parte nord della Grecia (la parte dove ci sono Atene e Delphi, per fare un esempio) ha lo scartamento classico che c'è anche da noi.

    Ciliegina: nessuna è elettrica a quanto ricordo... era l'epoca delle olimpiadi di Atene... 2004? Mi pare di sì: www.athens2004.it

    Carlo
  • - Scritto da: andy61
    > Vi immaginate se venissero standardizzati due
    > scartamenti diversi per i
    > treni?
    > Cosa fate? Duplicate tutti i binari per accettare
    > treni dei due
    > tipi?

    In realtà le linee a scartamento ridotto non sono una eventualità così rara:
    http://it.wikipedia.org/wiki/Scartamento_ridotto

    Una delle ferrovie più famose d'Europa, quella del Bernina, ha uno scartamento di soli 1000 mm ed è patrimonio mondiale dell'umanità.
    Non si tratta di una linea secondaria ma di un treno in servizio regolare, utilizzato anche da pendolari.
    Nei punti in cui linee a diverso scartamento si incontrano, tipicamente stazioni di termine linea, si possono vedere binari e deviatori con tre rotaie, in modo da permettere il transito di entrambi i tipi di treno!
    non+autenticato
  • apprezzo il contributo, ma non è in linea con lo spirito del commento.

    la domanda (retorica) intendeva significare: immaginate se ogni stato generasse un numero casuale per stabilire lo scartamento dei propri treni ...

    oppure, in un'altra ottica: immaginate se ogni stato, per proteggere la propria industria, scegliesse appositamente uno scartamento diverso da tutti gli altri ...

    il senso è che gli standard sono stati inventati per ridurre i costi, in modo da rendere possibile la competizione di mercato.
    avere due standard concorrenti è inutile è stupido.

    faccio un paio di esempi? VHS vs Betamax, BluRay vs HD DVD ...

    chi ci perde è il consumatore: chi ha comprato un videoregistratore Betamax, o un lettore HD DVD, può soltanto appenderli al muro come ricordo, o conservarli per il giorno in cui un museo ne cercherà un esemplare.
    Ed infine si trova a dover comperare un nuovo lettore al posto del precedente.
  • ...visto che nemmeno l'ultimo Office rispetta lo standard ISO voluto da loro stessi.
    Figuriamoci se possono rispettare pienamente uno standard vero.
    Funz
    13000
  • Si sapeva già che OOXML fosse un suicidio da implementare come da indicazioni ISO.
    Colpa di chi ha scelto il formato universale, ma anche questo si sapeva già.

    Siamo semplicemente al risultato finale: il formato scelto fa pietà, l'alternativo (più valido) è implementato con i piedi.
    Non poteva esserci un finale diverso.
  • L'ultimo Office non lo supporta perchè hanno modificato il formato dopo che Office2007 fosse già sugli scaffali.
    non+autenticato
  • esistono sempre gli upgrade però

    non gli farebbe male implementare un plugin per ooxml
  • Vero. Per questo sono ottimista del fatto che, andando avanti, ODF sarà supportato egregiamente in Office.
    Del resto OOXML non è stato supportato immediatamente da openoffice, ci è voluto del tempo...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Emoticon e video
    > L'ultimo Office non lo supporta perchè hanno
    > modificato il formato dopo che Office2007 fosse
    > già sugli
    > scaffali.

    E quindi cosa cambia? Non hanno un sistema di aggiornamento, applicazione patch, dei service pack?
    Funz
    13000
  • - Scritto da: iced
    > http://it.wikipedia.org/wiki/Abbraccia,_estendi_ed
    >
    > Servono altre parole?

    mmmmmh interessante....io lo chiamo anche "principio di scoperta dell'acqua calda"....perchè è praticamente ciò che fa qualsiasi azienda, anche nel mondo OpenSource. Prendiamo l'esempio delle Portlet e delle relative specifiche introdotte da Sun (i patetici JSR 168/286); tutto bello, tutto figo se non fosse che ogni vendor di Portlet Container (Liferay, Exo, ...) ha costruito degli ulteriori accrocchi (aka API custom + SDK custom) sullo standard (nell'ovvio tentativo di disincentivare il passaggio ad altri vendor). Risultato: l'obiettivo primario delle portlet, la PORTABILITA', è andato a farsi f##@@ere. Toglietevi il parmacotto dagli occhi gente!!

    Molto più utile questo link del tuo (almeno fa sorridere): http://nonciclopedia.wikia.com/wiki/Linux
  • ma non è il problema di credere nei linuxiani bravi e buoni, è che ognuno cerca di trovare il suo angolino di mondo

    parliamoci chiaro, per le aziende fallite a causa del magna magna di MS, MS è il satana da abbattere e non possiamo dargli torto, visto che spesso MS prende aggratis dai brevetti altrui

    ci sono ragioni ben più reali per volere un'espansione di linux

    primo, la varietà ostacola i cracker, affidarsi ad un solo sistema a livello globale vuol dire buttarsi in un pozzo

    non vedo cosa ci sia di male nella comparsa di altre soluzioni software...chi vuole usarle le usa, chi vuole windows continua per la sua strada

    il punto è che oggi c'è un monopolio, soprattutto sui formati, e questo monopolio impedisce lo sviluppo di altre soluzioni, con tutte le conseguenze negative che ne derivano ( estrema vulnerabilità dell'infrastruttura IT, meno innovazione, meno lavoro per soggetti esterni e così via )

    trattare i sistemi operativi come una religione è sbagliata, anzi a mio avviso anche le religioni andrebbero prese per le pinze, non fosse altro che raccontano belle favole senza però portare mai uno straccio di prova
  • > mmmmmh interessante....io lo chiamo anche
    > "principio di scoperta dell'acqua
    > calda"....perchè è praticamente ciò che fa
    > qualsiasi azienda, anche nel mondo OpenSource.
    > Prendiamo l'esempio delle Portlet e delle
    > relative specifiche introdotte da Sun (i patetici
    > JSR 168/286); tutto bello, tutto figo se non
    > fosse che ogni vendor di Portlet Container
    > (Liferay, Exo, ...) ha costruito degli ulteriori
    > accrocchi (aka API custom + SDK custom) sullo
    > standard (nell'ovvio tentativo di disincentivare
    > il passaggio ad altri vendor). Risultato:
    > l'obiettivo primario delle portlet, la
    > PORTABILITA', è andato a farsi f##@@ere.
    > Toglietevi il parmacotto dagli occhi gente!!
    Il fatto che tu faccia una sparata contro java, quando non c'entra nula con l'argomento, non fa altro che confermare l'impressione che tu sia un troll MS Fan Boy e si ritorce contro la tua stessa tesi.
    Se io leggo che tu, che le portlet non le usi perché odi java, ritieni così importante che le specifiche siano realmente utilizzate e interoperabili, figurati quanto più importante è per tutti noi il fatto che una monopolista come MS si metta a rispettare un formato che è standard da anni, che tutti riescono a rispettare e che lei stessa ha contribuito a creare.
    >
    > Molto più utile questo link del tuo (almeno fa sorridere):
    > http://nonciclopedia.wikia.com/wiki/Linux
    Se poi pensi di recuperare linkando simpatici siti che fanno battutine divertenti su una classe di SO che in questo momento non c'entra nulla con l'argomento direi che sei un po' fuori strada, non trovi?
  • - Scritto da: advange
    >
    > Se io leggo che tu, che le portlet non le usi
    > perché odi java...

    Purtroppo le uso...ma non sai quanto mi piacerebbe non usarle!

    > Se poi pensi di recuperare linkando simpatici
    > siti che fanno battutine divertenti su una classe
    > di SO che in questo momento non c'entra nulla con
    > l'argomento direi che sei un po' fuori strada,
    > non
    > trovi?

    No.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 21 maggio 2009 13.52
    -----------------------------------------------------------
  • > > Se poi pensi di recuperare linkando simpatici
    > > siti che fanno battutine divertenti su una
    > classe
    > > di SO che in questo momento non c'entra nulla
    > con
    > > l'argomento direi che sei un po' fuori strada,
    > > non
    > > trovi?
    >
    > No.

    Ahahahahahhahahaha. Sei proprio un troll di bassa lega.
    non+autenticato
  • - Scritto da: chepalle
    > > > Se poi pensi di recuperare linkando simpatici
    > > > siti che fanno battutine divertenti su una
    > > classe
    > > > di SO che in questo momento non c'entra nulla
    > > con
    > > > l'argomento direi che sei un po' fuori strada,
    > > > non
    > > > trovi?
    > >
    > > No.
    >
    > Ahahahahahhahahaha. Sei proprio un troll di bassa
    > lega.

    Direi più di lega nord.
  • - Scritto da: Pino dei Palazzi
    > - Scritto da: chepalle
    > > > > Se poi pensi di recuperare linkando
    > simpatici
    > > > > siti che fanno battutine divertenti su una
    > > > classe
    > > > > di SO che in questo momento non c'entra
    > nulla
    > > > con
    > > > > l'argomento direi che sei un po' fuori
    > strada,
    > > > > non
    > > > > trovi?
    > > >
    > > > No.
    > >
    > > Ahahahahahhahahaha. Sei proprio un troll di
    > bassa
    > > lega.
    >
    > Direi più di lega nord.

    Spero per te che sia l'ennesima battuta.
    non+autenticato
  • - Scritto da: chepalle
    > > > Se poi pensi di recuperare linkando simpatici
    > > > siti che fanno battutine divertenti su una
    > > classe
    > > > di SO che in questo momento non c'entra nulla
    > > con
    > > > l'argomento direi che sei un po' fuori strada,
    > > > non
    > > > trovi?
    > >
    > > No.
    >
    > Ahahahahahhahahaha. Sei proprio un troll di bassa
    > lega.

    Sei troppo severo. E' un buon troll invece. Cerca di darsi un tono da "professionista" del settore IT, poi piazza qualche trollata tipo i suoi improbabili link.
  • Fatto sta che almeno luui argomenta, voi no e vi sentite di chiamar troll qualcuno... Allucinante
    non+autenticato
  • - Scritto da: ascanio
    > Fatto sta che almeno luui argomenta, voi no e vi
    > sentite di chiamar troll qualcuno...
    > Allucinante

    Perche'mi dai del "voi"? Va bene sia il "tu" che il "lei"...
  • non capisco le tante polemiche sollevate...

    M$ non supporta correttamente lo standard ISO, benissimo usiamo altri sw che lo supportano pienamente...

    io uso OO e se devo inviare documenti a MS user li invio in formato ODF, sarà loro premura installarsi un plug-in o utilizzare un sito web per la conversione del documento nel formato che preferiscono....

    stessa cosa faccio io quando mi inviano documenti in formato Office....

    tante polemiche inutili... e come dire che tutto il mondo dovrebbe parlare la stessa lingua...forse sono pazzo io, ma preferisco i dialettiSorride
    non+autenticato
  • > tante polemiche inutili... e come dire che tutto
    > il mondo dovrebbe parlare la stessa
    > lingua...forse sono pazzo io, ma preferisco i
    > dialetti
    >Sorride

    E fai molto male.
    Non c'entra nulla paragonare la lingua corrente ed i suoi dialetti (che servono assai in ogni caso) con
    un formato di salvataggio di documenti.

    Per garantire che i dati siano effettivamente di proprietà dell'utente serve un formato aperto e riconosciuto universalmente.

    A quanto mi risulta si chiama ODF e non certo OOXML.
    non+autenticato
  • Non hai capito bene la cosa allora. Se la Suite Office che detiene il 90% del mercato ti mette un bel bollino "Compatibile ODF" seconte te l'utente medio cosa fa?

    La compatibilità è misera o inesistente, non si puo' permettere a Microsoft, nella sua posizione, di dichiarare il falso. Il bollino "ODF Compatibile" lo deve rilasciare chi ha fatto lo standard, non chi fa il programma... troppo facile.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimox
    > tante polemiche inutili... e come dire che tutto
    > il mondo dovrebbe parlare la stessa
    > lingua...forse sono pazzo io, ma preferisco i
    > dialetti
    >Sorride

    Cosa ha fatto Dio per distruggere la Torre di Babele?
    Ha lanciato fulmini?
    Ha fatto tremare la Terra?
    Ha fatto piovere per 40 giorni e 40 notti?

    No, ha confuso le lingue degli uomini.

    Divide et impera...
  • Intanto, giusto per evitare polemiche, quando parlate di prodotti Microsoft evitate di usare "M$", come se gli altri lavorassero "a gratis"! Chi lavora in Open Source (se non ha introiti in quel settore) avrà altri guadagni in altri settori. La nostra è una società "economica" basata sul denaro: c'è chi è più forte (e deve comunque rispettare le regole) e chi meno. Senza Microsoft probabilmente non avremmo lo sviluppo e la universalità che abbiamo in informatica (con tutti i problemi e le contraddizioni della nostra società iper-complessa).
    non+autenticato
  • > Senza
    > Microsoft probabilmente non avremmo lo sviluppo e
    > la universalità che abbiamo in informatica

    Ma per carità.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Asbesto
    > Senza
    > Microsoft probabilmente non avremmo lo sviluppo e
    > la universalità che abbiamo in informatica (con
    > tutti i problemi e le contraddizioni della nostra
    > società
    > iper-complessa).

    Senza Microsoft non avremmo l'ignoranza informatica, i libri di Windows, i corsi di Windows, l'insegnamento di Windows nelle scuole dell'obbligo (con evidenti scarsi risultati).
    Sarebbe bello, senza Microsoft.
    ruppolo
    33147
  • Posso chiamarla allora Microsux o Microzozz?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Pippo Lacoca
    > Posso chiamarla allora Microsux o Microzozz?

    Quoto: vada per la seconda.Sorride
  • - Scritto da: Asbesto
    > Senza
    > Microsoft probabilmente non avremmo lo sviluppo e
    > la universalità che abbiamo in informatica (con
    > tutti i problemi e le contraddizioni della nostra
    > società iper-complessa).

    ahahahahahaha

    a quanto pare la politica della compatibilita' binaria che ms cavalca e diffonde come diserbante da 25 anni su di te ha funzionato alla perfezione se quello che hai scritto lo ritieni realistico!!

    l'universalita' e lo sviluppo si hanno nell'interoperabilita' dei formati non del codice eseguibile... sveglia!!
    bibop
    3451
  • Forse ti devi svegliare tu: quanta gente (comune) usa Open Source? Linux? Fai un confronto non tra gli smanettoni o gli addetti al settore e poi vedrai. Se il "lavoro informatico" non si inserisce in un business di qualche genere è destinato a spegnersi (dura lex, sed lex). Cari amici, abbandonate il facile sarcasmo, gli insulti (non sempre appropriati), le descrizioni tecniche per compiacervi a vicenda (che tanto capite solo voi) per dimostrare "quanto è bbuono Linux" e "quanto fa schifo Microsoft" e osservate il Mercato Mondiale (che tanto odiate, ma dove siete immersi). Ogni strumento ha i suoi lati buoni e meno buoni. Sarebbe bello potersi confrontare serenamente e usare ciò che sembra migliore a seconda dei casi.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 10 discussioni)