Giorgio Pontico

Liberi dal disco malefico

La parola d'ordine Ŕ una sola: spedire il pi¨ lontano possibile il proprio vecchio hard disk e tutti i problemi che ha causato per ritrovare la pace interiore. E informatica

Roma - A Reggiolo voleranno i dischi. Non si tratta di una riproposizione dei fatti di Roswell ma di Disktruction, una gara di lancio del disco rigido.

╚ proprio lui, quello che alloggia in ogni desktop e che da componente per computer si trasforma per pochi secondi in un oggetto volante non identificato, che dovrebbe portare via con sé tutta la rabbia accumulata dall'utente medio in ore passate a tentare di ripristinare sistemi, a fissare impotenti le finestre di errore irreversibile o ad assistere ad inaspettati shut-down.

Il regolamento del primo Campionato di Getto dell'Hard Disk ricalca a grandi linee quello della più popolare disciplina olimpica del lancio del disco: si hanno due tentativi per scagliare l'odiato ammasso di GB il più lontano possibile e chi effettuerà il lancio più potente si aggiudicherà la competizione.
Se una volta era Beppe Grillo a fare delle crociate contro l'informatica un coup de theatre (salvo poi ricredersi e diventare uno dei blogger più seguiti al mondo) non è svanito oggi quel senso di frustrazione dato da un malfunzionamento del proprio PC che in alcuni caso può condurre a compiere gesti poco ortodossi per liberarsene. (G.P.)
47 Commenti alla Notizia Liberi dal disco malefico
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 12 discussioni)