Vincenzo Gentile

Acer aprirÓ le danze dei netbook androidi

Il tanto atteso laptop miniaturizzato equipaggiato con il sistema operativo di Google potrebbe materializzarsi ad opera dell'azienda taiwanese entro l'anno. Frenata, invece, per il rivale Asus

Roma - Mentre si attende di poter assistere alla parata dei robottini verdi di Android, il duttile sistema operativo di Google schiera i suoi piccoli carri armati per conquistare il futuro dei netbook. Stando alle ultime indiscrezioni in materia, una delle maggiori aziende che punta sul settore, Acer, sarebbe intenzionata a introdurre il primo netbook dotato del sistema operativo di BigG a partire dalla fine dell'estate.

L'annuncio è stato fatto direttamente dall'azienda durante il Computex di Taiwan, segnando un punto di svolta rispetto alle dichiarazioni precedenti che vedevano il sistema operativo open source di Google ancora troppo giovane per poter essere esportato sui netbook. La concretizzazione dei piani di Acer dovrebbe verificarsi entro il terzo quadrimestre del 2009, periodo in cui dovrebbero arrivare sul mercato i primi esemplari dotati di Android. In tal modo, Acer si garantirebbe un primato, dal momento che salvo exploit della concorrenza, il produttore taiwanese sarebbe il primo a piazzare sul mercato un netbook equipaggiato con Android.

"I netbook sono progettati per essere compatti in termini di dimensioni e per connettersi ad Internet in mobilità in maniera semplice" esordisce Jim Wong, presidente del settore IT products dell'azienda. "Abbiamo scelto Android proprio perché offre la possibilità di connettersi velocemente al web, scelta che - continua - si ripercuote in termini di convenienza anche per gli utenti".
Nonostante manchino dettagli tecnici relativi alla dotazione hardware dei nuovi dispositivi - Wang si è solo lasciato sfuggire che verrà realizzata una versione ad hoc di Aspire One che monterà chip Intel dai costi ridotti - quello che appare interessante è l'impatto economico che l'intera operazione potrebbe avere: secondo le stime di alcuni analisti, dotare di Windows XP un netbook costa circa 25 dollari, un costo che andrebbe a sgravarsi dal prezzo finale del dispositivo e che, teoricamente, consentirebbe all'azienda di commercializzare prodotti più economici.

L'annuncio dell'azienda ha inevitabilmente fatto il giro della rete, scatenando speculazioni ed interrogativi sulle conseguenze che l'ascesa di Android nel ramo dei netbook potrebbe avere a discapito dei due sistemi operativi al momento utilizzati su tali dispositivi, Linux e Windows XP. In molti si sono già chiesti se in qualche modo Android sarà in grado di attentare alle sorti di XP, sistema che sembrerebbe incontrare il favore degli utenti chiamati alla scelta di un netbook.

A placare gli animi ci pensa la stessa azienda, dichiarando che Android non rappresenterà un'esclusiva nella loro linea di prodotti, dal momento che ai nuovi dispositivi dotati dell'OS di Google ne verranno comunque affiancati altri equipaggiati con sistema operativo differente. Inoltre viene anche fatto notare come al momento sia davvero azzardato fare ipotesi e paragoni, dal momento che saranno gli utenti a decretare un eventuale successo di Android che, è bene ricordarlo, al momento non dispone di un parco di software compatibile utile ad impensierire seriamente Redmond e gli altri concorrenti. Per ovviare a ciò, Google sta spingendo a più non gli sviluppatori, incentivandoli con lusinghe e concorsi a realizzare nuove applicazioni.

Sempre in tema di accoppiata tra Android e netbook, va registrato un piccolo giallo relativo ad uno dei leader del settore, ovvero Asus: durante il Computex è stato esposto un esemplare di EeePC equipaggiato con Android, dispositivo che ha immediatamente generato enorme curiosità tra i presenti. Interrogata sulla vicenda, Asus ha fatto notare come il dispositivo fosse presente nello stand di Qualcomm piuttosto che nel suo e ha smentito qualsiasi voce affermando che la tecnologia per questo tipo di prototipo non è ancora matura. Asus non ritiene comunque una priorità sviluppare un netbook con queste caratteristiche.

Il che non significa necessariamente che il progetto sia abbandonato: nonostante si vociferi che il motivo del dietrofront dell'azienda possa essere dovuto ad un risentimento da parte di Microsoft, voce subito smentita da Asus, sembrerebbe che il progetto sia stato solamente archiviato in attesa di trovare risorse utili al suo sviluppo. In tal senso, potrebbe risultare molto utile l'azione pionieristica di Acer, i cui risultati potranno essere valutati con molta attenzione dai concorrenti.

Comunque, va detto che il principale campo di azione di Android dovrebbe continuare a rimanere quello degli smartphone: entro il 2009 arriveranno sul mercato una ventina di nuovi smartphone equipaggiati con Android, realizzati da una non meglio identificata decina di produttori. In tal senso, qualcosa è stato svelato proprio da Acer che, oltre a realizzare il netbook androide, punta a rilanciarsi nella produzione di smartphone presentando entro il 2009 un dispositivo mobile dotato del sistema operativo del colosso di Mountain View. Più lunghi, invece, i tempi previsti dal rivale Asus, che in partnership con Garmin prevede di fare ingresso nel mercato degli smartphone durante il primo quadrimestre del 2010.

Vincenzo Gentile
101 Commenti alla Notizia Acer aprirÓ le danze dei netbook androidi
Ordina
  • guardate qua http://www.infoworld.com/d/mobilize/acer-use-mobli...

    sembrano scatenatiA bocca aperta

    ma linux non era una caccola?A bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: pabloski
    > guardate qua
    > http://www.infoworld.com/d/mobilize/acer-use-mobli
    >
    > sembrano scatenatiA bocca aperta
    >
    > ma linux non era una caccola?A bocca aperta

    Leggendo dalla pagina linkata:
    Moblin 2.0 has met with some controversy since its launch. The easy use and nice look of the software has prompted several reports to call chip giant Intel an OS company, and Moblin 2.0 a rival to Windows in netbooks. Moblin 2.0 offers a number of improvements over the previous version, including an improved user interface, quick boot-up and easy connections to messaging and social networking sites such as Facebook.

    Questi sognano. Non li svegliate, eh.
    ruppolo
    33147
  • - Scritto da: pabloski
    > guardate qua
    > http://www.infoworld.com/d/mobilize/acer-use-mobli
    >
    > sembrano scatenatiA bocca aperta
    >
    > ma linux non era una caccola?A bocca aperta

    Speriamo sia la volta buona.

    PS.: Ti sono arrivati gli SSD? se ti va puoi mandarmi un PM.
    -ToM-
    4532
  • gli ssd? l'ssd vorrai dire

    mica ho tanti soldi da buttare in hardware sperimentaleA bocca aperta

    comunque è l'x25m di intel e devo dire che fila parecchio...ebbi problemi col vecchio firmware, a causa del degrado delle performance a disco pieno, ma hanno risolto brillantemente

    ovviamente a volte si presentano picchi bassi ( ma mai al di sotto degli hard disk ), però complessivamente legge sui 150 MB/s costanti

    devo ammettere che cambia parecchio la musica tra un hd magnetico e un ssd
  • Nel testo si legge "conseguenze che l'ascesa di Android nel ramo dei netbook potrebbe avere a discapito dei due sistemi operativi al momento utilizzati su tali dispositivi, Linux e Windows XP".

    Per favore cerchiamo di stabilire un confine fra informazione e qualunquismo informatico, e scegliamo da che parte stare.

    http://androidlinux.com/
    http://it.wikipedia.org/wiki/Android

    Inoltre, non esiste un "ente linux" che guadagna. Quindi l'ascesa di una nuova distribuzione di software basata linux non va a discapito di linux. Nè del free software in generale, tanto più che android lo è.
    non+autenticato
  • Leggi la riposta che ho dato nel thread appena sopra questo.
    ruppolo
    33147
  • In realtà ti sbagli, Android non è linux.
    Pur essendo basato su un kernel linux manca di tutta una serie di componenti per poterlo usare come un SO linux, primo su tutti l'assenza di un'interfaccia verso la glibc.
    Il vero "cuore" su cui si basa Android è la Dalvik Virtual Machine.

    Google engineer Patrick Brady stated unambiguously that Android is not Linux.

    Android uses a Linux kernel, but, according to Google, it is not a Linux operating system (it neither has a native windowing system, nor supports the full set of standard Linux libraries, including GNU C Library). This specific nature makes it difficult to reuse existing Linux applications or libraries

    Fonte: http://arstechnica.com/open-source/reviews/2009/02...

    Rimane il fatto che per il mobile è un gran bel sistema operativo (io possiedo un HTC G1)
    non+autenticato
  • ANDROID E' LINUX : per linux si intende il kernel e non lo strato software che e' GNU
    non+autenticato
  • Ok, allora scrivendo software per Android posso fare delle chiamate a delle primitive, giusto? No.
    Se poi scivere catchphrase in maiuscolo pensi ti possa dare più autorevolezza di uno degli ingegneri del team che ha realizzato Android, ok, mi fido.
    non+autenticato
  • non e' questione di autorevolezza ... e' questione di dati di fatto Linux = kernel ... android ha kernel linux quindi android = linux
    Poi volendo si puo' fare un disegnino cosi e' + chiaro per chi nn sa leggere o legge poco ...

    se vuoi una fonte + credibile di un perfetto sconosciuto come me puoi leggere su wikipedia (anche se nn e' proprio na fonte cosi attendibile)

    "Linux (o GNU/Linux) è un sistema operativo libero di tipo Unix (o unix-like) costituito dall'integrazione del kernel Linux con elementi del sistema GNU e di altro software sviluppato e distribuito con licenza GNU GPL o con altre licenze libere. Linux è in realtà il nome del kernel sviluppato da Linus Torvalds a partire dal 1991 che, integrato con i componenti già realizzati dal progetto GNU (compilatore gcc, libreria Glibc e altre utility) e da software di altri progetti, è stato utilizzato come base per la realizzazione dei sistemi operativi e delle distribuzioni che vengono normalmente identificate con lo stesso nome."

    Fonte:
    http://it.wikipedia.org/wiki/Linux
    non+autenticato
  • - Scritto da: Francesco

    > In realtà ti sbagli, Android non è linux.
    > Pur essendo basato su un kernel linux manca di
    > tutta una serie di componenti per poterlo usare
    > come un SO linux, primo su tutti l'assenza di
    > un'interfaccia verso la
    > glibc.

    Non esiste una "interfaccia verso la glibc". La glibc è una libreria.

    E android la DEVE usare (GNU libc o equivalenti come diet-libc) perche` altrimenti non può accedere alle syscall del kernel.
    E non penso che abbiano reimplementato tutte le syscall dentro dalvik.

    Quindi una libc (magari non GNU) è presente, e pertanto (come dimostra l'installazione di Debian sul G1) è utilizzabile dalle applicazioni.

    Ora non so cosa usi Android per l'interfaccia grafica (probabilmente un X "lite" o il framebuffer).
    Se usa X, anche tutte le applicazioni grafiche funzionano. Se usa il framebuffer, basta installare le Gtk basate su FB o le Qt (sempre con FB) per farci girare parecchie applicazioni. Non tutte, ma a chi serve xterm quando ci sono gnome-terminal e lxterminal (per esempio)?

    Bye.
    Shu
    1232
  • quindi possiamo dire che ANDROID = LINUX

    Il termine linux e' erroneamente usato per descrivere una distribuzione quasiasi basata su kernel linux ... in realtà linux e' il kernel e basta ... le distro dovrebbero essere indicata con GNU/LINUX
    non+autenticato
  • - Scritto da: francesco
    > quindi possiamo dire che ANDROID = LINUX
    >
    > Il termine linux e' erroneamente usato per
    > descrivere una distribuzione quasiasi basata su
    > kernel linux ... in realtà linux e' il kernel e
    > basta ... le distro dovrebbero essere indicata
    > con
    > GNU/LINUX
    RMS insegna.. Sorride
    non+autenticato
  • insomma diamo a cesare cio' che e' di cesare.
    google ha inventato l'acqua calda e c'ha messo il suo stemma ... pero' sotto il cofano il motore e' sempre lui ... come marlon brandonCon la lingua fuori
    non+autenticato
  • - Scritto da: Shu
    > Non esiste una "interfaccia verso la glibc". La
    > glibc è una
    > libreria.
    >
    > E android la DEVE usare (GNU libc o equivalenti
    > come diet-libc) perche` altrimenti non può
    > accedere alle syscall del
    > kernel.

    no, Android usa una libreria C non compatibile con la glibc, scritta appositamente e ridotta al minimo necessario

    > Quindi una libc (magari non GNU) è presente, e
    > pertanto (come dimostra l'installazione di Debian
    > sul G1) è utilizzabile dalle
    > applicazioni.

    L'installazione di Debian sul G1 non ha usato niente di Android, ma solo la possibilita` per l'utente di installare un sistema operativo sul cellulare, contrariamente al solito


    > Ora non so cosa usi Android per l'interfaccia
    > grafica (probabilmente un X "lite" o il
    > framebuffer).
    > Se usa X, anche tutte le applicazioni grafiche
    > funzionano.
    > Se usa il framebuffer, basta
    > installare le Gtk basate su FB o le Qt (sempre
    > con FB) per farci girare parecchie applicazioni.
    > Non tutte, ma a chi serve xterm quando ci sono
    > gnome-terminal e lxterminal (per
    > esempio)?

    no, le Gtk e le QT richiedono delle librerie C piu` complete di quelle disponibili in Android: non e` detto che non ne sia possibile un porting, ma richiederebbe una riscrittura consisente, non e` solo questione di semplice ricompilazione e poche patch.
    non+autenticato
  • "l'ascesa di Android nel ramo dei netbook potrebbe avere a discapito dei due sistemi operativi al momento utilizzati su tali dispositivi, Linux e Windows XP".

    Android E' un kernel linux su cui è stata implementata una java virtual machine. Ok, il kernel ha una patch sviluppata da google, ma sempre di kernel linux si tratta
  • - Scritto da: Thescare
    > "l'ascesa di Android nel ramo dei netbook
    > potrebbe avere a discapito dei due sistemi
    > operativi al momento utilizzati su tali
    > dispositivi, Linux e Windows
    > XP".
    >
    > Android E' un kernel linux su cui è stata
    > implementata una java virtual machine. Ok, il
    > kernel ha una patch sviluppata da google, ma
    > sempre di kernel linux si
    > tratta

    Il kernel non determina l'esperienza dell'utente.
    Il kernel Linux si trova, ad esempio, nel TomTom Go e negli switch ethernet ProCurve di HP, ma non mi pare che l'esperienza sia analoga a quella di un Ubuntu.

    Pertanto la frase va intesa come a discapito di un Linux inteso non come kernel, ma come distribuzione per personal computer standalone.
    ruppolo
    33147
  • - Scritto da: ruppolo
    > Il kernel non determina l'esperienza dell'utente.
    > Il kernel Linux si trova, ad esempio, nel TomTom
    > Go e negli switch ethernet ProCurve di HP, ma non
    > mi pare che l'esperienza sia analoga a quella di
    > un Ubuntu.
    >
    > Pertanto la frase va intesa come a discapito di
    > un Linux inteso non come kernel, ma come
    > distribuzione per personal computer standalone.

    "linux" è il nome del kernel, non esiste una distro standalone ufficiale che si chiami solo linux.
    Nell'articolo cè un imprecisione e tu col tuo esempio confermi solo l'errore che ha fatto il giornalista.
    -ToM-
    4532
  • - Scritto da: -ToM-
    > - Scritto da: ruppolo
    > > Il kernel non determina l'esperienza
    > dell'utente.
    > > Il kernel Linux si trova, ad esempio, nel TomTom
    > > Go e negli switch ethernet ProCurve di HP, ma
    > non
    > > mi pare che l'esperienza sia analoga a quella di
    > > un Ubuntu.
    > >
    > > Pertanto la frase va intesa come a discapito di
    > > un Linux inteso non come kernel, ma come
    > > distribuzione per personal computer standalone.
    >
    > "linux" è il nome del kernel, non esiste una
    > distro standalone ufficiale che si chiami solo
    > linux.
    > Nell'articolo cè un imprecisione e tu col tuo
    > esempio confermi solo l'errore che ha fatto il
    > giornalista.

    Il giornalista non ha fatto alcun errore. Essendo giornalista usa le parole del popolo, che il popolo capisce. L'errore lo fa chi, sapendo di più, pretende che venga usato il rigore terminologico là dove non va usato.
    ruppolo
    33147
  • - Scritto da: ruppolo
    > Il giornalista non ha fatto alcun errore. Essendo
    > giornalista usa le parole del popolo, che il
    > popolo capisce. L'errore lo fa chi, sapendo di
    > più, pretende che venga usato il rigore
    > terminologico là dove non va usato.

    Le parole del popolo? Linux è Linux, un kernel, sulla quale si basano ovviamente le distro linux e android pur non essendo una distro ma un qualcosa a parte che non lo si puà considerare tale. Le parole del popolo si usano dove si parla al popolo, questo è un portale specifico di informatica e certe precisazioni sono d'obbligo.
    Se la tua teoria fosse corretta non si leggerebbero robe tipo BigM, BigG, BigBlue, l'azienda di Cupertino, quella di Santa Clara e Redmond.
    -ToM-
    4532
  • - Scritto da: -ToM-
    > Le parole del popolo? Linux è Linux, un kernel,

    No, Linux non è un kernel, ma un sistema operativo. Questo è quello che sa il popolo, compreso quello di Punto Informatico, che non è certo un portale tecnico per ingegneri.
    ruppolo
    33147
  • - Scritto da: ruppolo
    > No, Linux non è un kernel, ma un sistema
    > operativo. Questo è quello che sa il popolo,
    > compreso quello di Punto Informatico, che non è
    > certo un portale tecnico per ingegneri.

    Allora sarebbe più giusto GNU/Linux.

    da wiki:
    Linux è in realtà il nome del kernel sviluppato da Linus Torvalds a partire dal 1991 che, integrato con i componenti già realizzati dal progetto GNU (compilatore gcc, libreria Glibc e altre utility) e da software di altri progetti, è stato utilizzato come base per la realizzazione dei sistemi operativi e delle distribuzioni che vengono normalmente identificate con lo stesso nome

    che sia comodo dire "uso linux" è un conto, che sia corretto no, va bene ovunque ma non in un articolo di un portale di informatica dove si parla di sistemi operativi diefferenti. Poi che c'entra noi lo accettiamo, ma se ti impunti sul significato intrinseco sbagli.

    Edit: ho notato che anche altri hanno detto quello che ho detto io, se non ti fidi di me perchè uso windows, fidati di loro che usano linux.A bocca aperta
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 04 giugno 2009 14.05
    -----------------------------------------------------------
    -ToM-
    4532
  • - Scritto da: -ToM-
    > che sia comodo dire "uso linux" è un conto, che
    > sia corretto no, va bene ovunque ma non in un
    > articolo di un portale di informatica dove si
    > parla di sistemi operativi diefferenti.

    Allora dovremmo correggere titoli e articoli da quando esiste questo sito.

    Guarda che non è a me che devi spiegare queste cose, io ho fatto un discorso molto chiaro sulla questione del linguaggio da usare su un sito di NEWS.

    PS: se smetti di usare Windows e passi a Mac, non scriverai più "diefferenti" al posto di "differenti"A bocca aperta
    ruppolo
    33147
  • - Scritto da: ruppolo
    > Allora dovremmo correggere titoli e articoli da
    > quando esiste questo sito.
    >
    > Guarda che non è a me che devi spiegare queste
    > cose, io ho fatto un discorso molto chiaro sulla
    > questione del linguaggio da usare su un sito di
    > NEWS.

    beh, dopotutto non mi stupisco più della tua capacità di capire quello che si scrive.
    Ah per la cronaca, ci sono ben 2 topic che sostengono che cè un errore nell'articolo e gli altri dicono quello che dico io. sarà un complotto contro ruppolo?

    > PS: se smetti di usare Windows e passi a Mac, non
    > scriverai più "diefferenti" al posto di
    > "differenti"A bocca aperta

    se inizi ad usare il cervello potrai criticare cose più intelligenti di un semplice refuso, vedi ruppoletto ti inchiodi sempre da solo.

    /plonk
    -ToM-
    4532
  • - Scritto da: -ToM-
    > Ah per la cronaca, ci sono ben 2 topic che
    > sostengono che cè un errore nell'articolo e gli
    > altri dicono quello che dico io. sarà un
    > complotto contro
    > ruppolo?
    Se dovessi pensare che la maggioranza ha ragione allora dovrei pensare che Windows è il miglior sistema operativo.

    > se inizi ad usare il cervello potrai criticare
    > cose più intelligenti di un semplice refuso,
    Che non sono io a criticarlo ma a difenderlo.
    Vedi di centrare il vasino..., piccolo plonk...
    ruppolo
    33147
  • Non c'è dubbio che l'esperienza utente che posso avere su Fedora sia molto diversa da quella di Damn Small o Slackware, ma tutte e tre sono distro linux. Se poi vogliamo utilizzare la definizione ufficiale di Android presa da http://code.google.com/intl/it-IT/android
    "Android is a software stack for mobile devices that includes an operating system, middleware and key applications" bisogna dedurre che Android non è neanche un sistema operativo, quindi l'articolo è doppiamente sbagliato.
  • Acer ha dimostrato di essere un'azienda lungimirante, non avrebbe senso il lancio di un netbook android utilizzando come base l'Atom... non possono certo essere i 25 dollari di differenza del SO a farne la fortuna commerciale!
    Se vuole lanciare netbook con Android o altri SO deve puntare sull'architettura ARM, che promette costi e soprattutto durate delle batterie nettamente migliori!
  • - Scritto da: Enjoy with Us
    > Acer ha dimostrato di essere un'azienda
    > lungimirante, non avrebbe senso il lancio di un
    > netbook android utilizzando come base l'Atom...
    > non possono certo essere i 25 dollari di
    > differenza del SO a farne la fortuna
    > commerciale!
    > Se vuole lanciare netbook con Android o altri SO
    > deve puntare sull'architettura ARM, che promette
    > costi e soprattutto durate delle batterie
    > nettamente
    > migliori!

    Hai detto bene, Acer è stata lungimirante: pestando i piedi a MS si rischia di rimanere schiacciati.
    ruppolo
    33147
  • - Scritto da: Enjoy with Us
    > Acer ha dimostrato di essere un'azienda
    > lungimirante, non avrebbe senso il lancio di un
    > netbook android utilizzando come base l'Atom...
    > non possono certo essere i 25 dollari di
    > differenza del SO a farne la fortuna commerciale!
    > Se vuole lanciare netbook con Android o altri SO
    > deve puntare sull'architettura ARM, che promette
    > costi e soprattutto durate delle batterie
    > nettamente migliori!

    forse perchè ai produttori non interessano le guerre di religione?
    -ToM-
    4532
  • le guerre di religione no, ma le pressioni siA bocca aperta

    altrimenti perchè Intel sarebbe stata multata?
    non+autenticato
  • - Scritto da: pabloski
    > le guerre di religione no, ma le pressioni siA bocca aperta
    >
    > altrimenti perchè Intel sarebbe stata multata?

    MS è stata multata per lo stesso motivo?
    -ToM-
    4532
  • - Scritto da: -ToM-
    > - Scritto da: pabloski
    > > le guerre di religione no, ma le pressioni siA bocca aperta
    > >
    > > altrimenti perchè Intel sarebbe stata multata?
    >
    > MS è stata multata per lo stesso motivo?
    Da decenni.
    ruppolo
    33147
  • - Scritto da: ruppolo
    > Da decenni.

    Non confondere le beghe con l'antitrust, explorer e quatsivaree, io parlo di essere stata multata per lo stesso motivo per cui è stata multata intel.
    -ToM-
    4532
  • - Scritto da: -ToM-
    > - Scritto da: ruppolo
    > > Da decenni.
    >
    > Non confondere le beghe con l'antitrust, explorer
    > e quatsivaree, io parlo di essere stata multata
    > per lo stesso motivo per cui è stata multata
    > intel.
    In effetti la corruzione e il ricatto sono due azioni opposte. Intel è stata multata solo per corruzione, mentre MS solo per ricatto. La corruzione deve essere ancora trattata.
    ruppolo
    33147
  • - Scritto da: ruppolo
    > In effetti la corruzione e il ricatto sono due
    > azioni opposte. Intel è stata multata solo per
    > corruzione, mentre MS solo per ricatto. La
    > corruzione deve essere ancora trattata.

    Si ma un link che confermi che MS è stata multata per il preinstallato? no perchè prima che tu cambi discorso, si parlava di pressioni, che possono essere solo cavilli commerciali, alla quale i produttori di PC posso sottostare anche per tornaconto personale.
    Ripeto, un link in cui si affermi che MS abbia pagato multe per "pressioni" agli assemblatori di PC per favorire il preinstallato?
    -ToM-
    4532
  • - Scritto da: -ToM-
    > Si ma un link che confermi che MS è stata multata
    > per il preinstallato? no perchè prima che tu
    > cambi discorso, si parlava di pressioni, che
    > possono essere solo cavilli commerciali, alla
    > quale i produttori di PC posso sottostare anche
    > per tornaconto
    > personale.
    > Ripeto, un link in cui si affermi che MS abbia
    > pagato multe per "pressioni" agli assemblatori di
    > PC per favorire il
    > preinstallato?

    Microsoft è stata trascinata in tribunale in 3 stati degli USA, se non ricordo male, per ricatto: costringeva i produttori a dotare i loro PC di Windows e quant'altro pena la mancata certificazione di compatibilità, requisito essenziale per poter vendere alle grandi aziende e nel settore pubblico.
    Se hai pazienza qualche giorno vado a caccia dei link (è roba che risale a circa 10 anni fa).
    ruppolo
    33147
  • - Scritto da: ruppolo
    > Microsoft è stata trascinata in tribunale in 3
    > stati degli USA, se non ricordo male, per
    > ricatto: costringeva i produttori a dotare i loro
    > PC di Windows e quant'altro pena la mancata
    > certificazione di compatibilità, requisito
    > essenziale per poter vendere alle grandi aziende
    > e nel settore pubblico.
    > Se hai pazienza qualche giorno vado a caccia dei
    > link (è roba che risale a circa 10 anni fa).

    come dice pabloski:
    http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2636640&m=263...

    Regalini agli oem si, pressioni agli oem NO.
    La faccenda di BeOS non c'entra nulla con la diffusione sulle macchine branded. Cerchiamo di fare certe deversificazioni invece che di tutta l'erba un fascio.
    Per quanto riguarda i link che cerchi, non mi interessa la guerra con un paio di brand, qui si parla di "esercitare pressioni tanto da esistere col preinstallato sul 90% dei computer del pianeta", pressioni che continuano ad esistere secondo molti mentre sia Asus che MSI e adesso Acer stanno dimostrando che possono fare come gli pare, è questo il punto del discorso.
    Non mi interessa un processo di 10 anni fa se si sfrutta per avvalorare tesi sul presente, un presente che smentisce la faccenda delle "pressioni" come ho appena detto. E' bene essere chiari altrimenti capisci quello che vuoi capire. A me non interessa difendere MS, mi interessa smentire le tue storpiature.
    -ToM-
    4532
  • per temere la concorrenza di Android. Windows e Linux hanno una tale base di applicazioni conosciute che installare Android sul netbook sarà roba da geeks.
    non+autenticato
  • Ahem, Android è Linux, di conseguenza ogni software presente su Linux non dovrebbe presentare grossi problemi di porting. Inoltre già esiste l'Android Market similmente all'AppStore di iPhone.


    Resta il fatto che non girandoci Photoshop CS4, Android è perfettamente inutile al 99,9% dell'umanità.
  • su un netbook speri di farci girare photoshop???
    non+autenticato
  • - Scritto da: tres
    > su un netbook speri di farci girare photoshop???

    Quindi anche i netbook sono inutili al 99% dell'umanità.

    ╚ solo il proseguo del ragionamento, eh...
    ruppolo
    33147
  • Lasciami capire, tu eri quello nel tuo giro, che quando qualcuno faceva una battuta, poi bisognava spiegargliela, vero?
  • ROTFLcopter in arrivo Rotola dal ridere
    non+autenticato
  • No è che da come l'hai scritta sembra una cosa seria. In effetti non era credibile.
    non+autenticato
  • certo che sarebbe figo far girare photoshop su uno schermo da 10"A bocca aperta

    nemmeno le toolbars riusciresti a visualizzareA bocca apertaA bocca aperta

    però c'è da dire che se nvidia spreme un altro pò le meningi riuscirà a far girare photoshop, almeno dal punto di vista della potenza

    del resto, a quanto leggo in giro, riusciranno a far girare flash a tutta velocitàA bocca aperta
    non+autenticato
  • Strano conosco tante, tante persone e di queste solo una o due usano photoshop, perchè si sono autodefinite web designer. Sono anche fra le poche persone che conosco che non hanno un lavoro vero, triste eh.

    Tutti I programmi di debian/ARM si possono installare su android

    http://ubuntufacile.org/apt-debian-android/
    non+autenticato
  • - Scritto da: Le Chuck
    > Strano conosco tante, tante persone e di queste
    > solo una o due usano photoshop, perchè si sono
    > autodefinite web designer. Sono anche fra le
    > poche persone che conosco che non hanno un lavoro
    > vero, triste
    > eh.
    >
    > Tutti I programmi di debian/ARM si possono
    > installare su
    > android
    >
    > http://ubuntufacile.org/apt-debian-android/

    Veramente l'articolo parla di altro, ovvero come installare debian su un G1.
    Quindi quei "tutti i programmi" sono "tutti inutili", visto che per dispositivi tascabili i programmi vanno sviluppati ad hoc.
    ruppolo
    33147
  • - Scritto da: ruppolo

    > > http://ubuntufacile.org/apt-debian-android/
    >
    > Veramente l'articolo parla di altro, ovvero come
    > installare debian su un
    > G1.

    E allora?

    > Quindi quei "tutti i programmi" sono "tutti
    > inutili", visto che per dispositivi tascabili i
    > programmi vanno sviluppati ad
    > hoc.

    Falso, visto che migliaia di programmi non hanno bisogno di interfaccia grafica (i daemon e i comandi da console), e che buona parte del software per Linux si adatta alle dimensioni dello schermo anche a risoluzioni bassissime (640x480, ma anche meno), compresi anche i DM più conosciuti (Gnome, KDE, XFCE e LXDE) e i WM (icewm, blackbox, windowmaker, ecc.).

    Forse OpenOffice e Firefox non ci stanno tanto bene, ma sono comunque mattoni inutilizzabili su roba che mediamente ha 64-128 MB di RAM. Ma esistono alternative (Abiword+Gnumeric, Minimo, ma volendo anche Epiphany e Galeon).

    Se non hai la più pallida idea di cosa stai parlando, fai più bella figura stando zitto.
    Shu
    1232