Giorgio Pontico

Google ingabbia la ricerca

Squared era stato anticipato un mese fa ma adesso sta muovendo i suoi primi passi sulla Rete. E promette di dare battaglia per la rivoluzione del search

Roma - Se ne era visto un assaggio durante l'ultimo Searchology, ma adesso è sbarcato online in via quasi definitiva: Google Squared è stato consegnato ai netizen come promesso e secondo l'azienda cambierà i principi con cui ci si muove in rete.

L'ultima creazione dei Google Labs era apparsa sin dal principio come un metodo rivoluzionario di intendere il search, tanto che la stessa Marissa Mayer non aveva esitato a definirlo "un grande passo avanti per la ricerca sul Web". BigG smette dunque i panni del dispensatore di link per organizzare le ricerche con una struttura che ricalca quella di un comune foglio di calcolo: celle, righe e colonne che con un click si riempiono di dati ordinati e facilmente consultabili.

La forza di Squared dovrebbe essere l'estrema manipolabilità: l'utente può organizzare i contenuti come meglio crede, eliminando o aggiungendo colonne e in alcuni casi modificando i dati stessi.
Non è in dubbio che per gli sviluppatori di BigG ci sia ancora molto lavoro da fare: cercando ad esempio airplane (Squared per ora è disponibile sono in inglese) bisogna farsi largo tra serie di risultati che rimandano sia a modelli specifici sia a costruttori veri e propri, inoltre non è certo possibile che un cacciabombardiere F-15 costi la bellezza di 39,95 dollari.

Ben conscio di ciò il colosso di Mountain View ha fatto sapere tramite uno dei suoi blog ufficiali che si tratta di una tecnologia ancora lontana dalla perfezione, pertanto viene ritenuto fondamentale l'apporto degli utenti i cui feedback saranno fondamentali per l'evoluzione di Squared, anche in funzione di contrasto a Wolphram Alpha e Bing.

Sono engine che rigettano l'idea di propinare una lista di link, cercando invece di richiamare informazioni quanto più possibile aderenti ai desideri dell'utente. Da questo punto di vista è evidente il vantaggio di Google nei confronti di Wolphram Alfa: quest'ultimo attinge da un database proprio, le cui seppure ingenti dimensioni non potranno mai eguagliare la capacità offerta da tutta la Rete.

Ovviamente essendo Squared un motore di ricerca, anche se di nuova concezione, deve essere usato come tale: davanti ad esso è probabile che quasi tutti gli utenti ritornino neofiti, giusto per il tempo necessario a comprenderne i meccanismi.

Giorgio Pontico

20 Commenti alla Notizia Google ingabbia la ricerca
Ordina