Alfonso Maruccia

I pirati sbarcano in Europa

In una prima storica assoluta, il Partito Pirata svedese sfonda alle elezioni europee conquistandosi qualche seggio in parlamento. Obiettivo: contrasto alle lobby del copyright e depenalizzazione del file sharing per uso privato

Roma - La condanna della crew di The Pirate Bay? Per il Piratpartiet ("Partito Pirata") svedese è stata solo l'inizio di un'avventura che continua, inconcepibile solo fino a poche settimane fa: il Piratpartiet fa politica per difendere gli interessi della sterminata sequela di utenti del file sharing, che d'ora in poi potranno contare (per la Svezia ma non solo) su loro diretti rappresentati seduti nel parlamento di Strasburgo.

Il Piratpartiet non ha vinto ma ha stravinto le elezioni europee svedesi: la forza politica pro-file sharing aveva già conosciuto un aumento vertiginoso di membri in seguito alla sentenza del caso TPB, e ora le autorità del paese certificano non solo che essa ha superato la soglia di sbarramento del 4% (necessaria per conquistarsi il diritto di avere un rappresentante) ma che ha raggiunto un incredibile 7,1% dei voti, battendo altri partiti politici caratterizzati da ben altra storia e periodo di formazione.

Tali partiti dovranno però rassegnarsi al fatto che con queste elezioni il Piratpartiet ha fatto la sua storia: fondato solo tre anni fa, tra lo scetticismo di molti e l'ilarità di alcuni il Partito Pirata è riuscito a conquistarsi il seguito delle giovani generazioni, a cui i vecchi politici "hanno strappato via lo stile di vita bit per bit" come dice il leader della formazione Rick Falkvinge, entusiasta per la vittoria. Il 7,1% dei voti (ottenuto da un'affluenza alle urne del 43%) significa aver conquistato 200mila preferenze totali, un numero a dir poco impressionante se confrontato ai poco meno che 35mila voti ottenuti nel 2006.
Uno dei 18 seggi parlamentari che spettano alla Svezia verrà dunque assegnato al Piratpartiet e, come già fece in occasione delle manifestazioni pro-TPB organizzate a Stoccolma il giorno successivo alla condanna, Falkvinge dichiara battagliero di avere un'agenda politica esplosiva, che include il contrasto all'azione di lobby dell'industria dei contenuti sino alla depenalizzazione dell'utilizzo del file sharing per uso privato.

Il risultato del Piratpartiet si mostra ancora più significativo se si considera che il corrispondente movimento con base in Germania di voti ne ha presi solo l'1%, un tetto considerato "soddisfacente" dagli interessati (presentatisi per la prima volta a una competizione elettorale) e che quantomeno permette loro di accedere ai contributi governativi per meglio organizzarsi per la prossima occasione. Il Partito Pirata svedese ha stravinto nonostante il mancato appoggio ufficiale della crew di TPB, con Peter "Brokep" Sunde che ha persino espresso la propria preferenza per il partito dei Verdi snobbando il Piratpartiet.

Con o senza l'appoggio della Baia, a ogni modo, i Pirati navigano in Europa con il vento in poppa. Le istanze del Piratpartiet potrebbero non avere molte speranze di dettare l'agenda del parlamento e della commissione della UE. Ma una voce diversa si leverà fra coloro che reggono il Vecchio Continente.

Alfonso Maruccia
161 Commenti alla Notizia I pirati sbarcano in Europa
Ordina
  • ove stanno facendo sospetti "lavori di manutenzione"
    meglio evitarlo x un po'
    non+autenticato
  • - Scritto da: Hers
    > ove stanno facendo sospetti "lavori di
    > manutenzione"
    > meglio evitarlo x un po'

    Ma no., basta usare Tor
    krane
    22544
  • In svezia non sono in italia

    Li la mafia non c'è la cultura e la civiltà sono purtroppo per noi molto diverse da qui.

    La vincita di un partito del genere in italia sarebbe fantascienza.

    Evidentemente in svezia non hanno grossi problemi e al tempo stesso la sentenza contro piratebay a sconvolto molti.

    In una nazione libera in cui la legge e il diritto sono al di sopra di ogni cosa trovarsi modificata la costituzione dietro richiesta di società straniere col fine di ARRESTARE dei ragazzi (che sia chiaro non commettevano nulla di illegale) forse ha scandalizzato qualke svedese non solo giovane !!

    Da noi la costituzione cambia tutti i giorni.
    Da noi i giudici esprimo sentenze fantasiose tutti i giorni e i potenti vincono anche difronte alla legge sia che essi siano nel giusto o nel torto o nel neutro.

    Immagina di essere in un paese dove lo stato regola civilmente la vita dei cittadini da più di 300 anni con la trasparenza come caposaldo.

    Immagina che questa cosa avvenga non in italia (dove se non accadono è solo perchè non interessano) ma lì.

    SE riesci a immaginare una società del genere investita dall'arroganza e dal modus operandi di culture liberticide allora forse riesci a capire come quasi l'8% della popolazione abbia prestato il suo voto a un partito che cerca di dare un freno a tutto ciò!
    non+autenticato
  • Ben vengano i cambiamenti, ci mancherebbe.
    Però, andrebbero segnalati i cambiamenti, non ci si può ritrovare con le cose cambiate così... sotto al naso, senza che nessuno dica nulla!
    Non sono stato avvisato dei cambiamenti alla lingua italiana: non sapevo si potesse usare il verbo "avere" senza usare la lettera h, non sapevo si potessero omettere acenti qui e là, addirittura che si potessero scrivere intere frasi senza senso o che fosse stato sdoganato l'uso della k.

    Hai mezzo stuprato la lingua italiana.
    Tristezza
    :/
    non+autenticato
  • Hai presente la storia della trave e della pagliuzza nell'occhio altrui?

    - Scritto da: EffeGGI
    > sapevo si potessero omettere acenti qui e là,
    Comprendi che quando fai un attacco "ad hominem", perché funzioni, non ti devi esporre allo stesso attacco, vero?
    Lui ha stuprato la lingua italiana, ma visto che non stava parlando di Accademia della Crusca ed il fulcro della sua argomentazione era altro, si può anche magnanimamente soprassedere.
    Se invece tu ti concentri sull'ortografia italiana, come minimo avresti dovuto rileggerti cinquanta volte prima di premere "Invia".

    Perché scrivere "acenti" dopo tutto lo sproloquio che hai fatto, se non ti include tra gli "stupratori" della lingua italiana, ti avvicina ai suoi "molestatori".

    Chi di lingua colpisce, di lingua perisce.
    non+autenticato
  • già gli ac[b]c[/b]enti
    non+autenticato
  • - Scritto da: EffeGGI
    > non sapevo si potesse usare il
    > verbo "avere" senza usare la lettera h

    caro il mio grammarnazi (come ti chiamerebbero gli utenti di 4chan), a parte gli "acenti", hai anche fatto confusione circa l'uso della h nel verbo avere. rileggendo il testo non c'è traccia di un simile errore... forse volevi mettere una h di fronte al congiuntivo "abbia"? ti informo che non ci va.

    detto questo, l'utente aid85 secondo me ha colto nel segno, ma ha anche dimenticato questo dato, che non è trascurabile: (cito i dati a memoria... scusate gli errori grossolani) in svezia circa l'80% delle famiglie ha accesso a internet, in italia solo il 40%. inoltre da una ricerca del censis è emerso che solo il 2,1% degli italiani ha consultato internet per l'informazione elettorale (http://www.censis.it/277/372/6697/6837/6838/6839/c...).

    la realtà è che noi, che usiamo internet per diversificare l'informazione e non ci mangiamo la pappa servita da giornali e televisioni, siamo un'avanguardia qui in italia.
  • > caro il mio grammarnazi (come ti chiamerebbero
    > gli utenti di 4chan), a parte gli "acenti", hai
    > anche fatto confusione circa l'uso della h nel
    > verbo avere. rileggendo il testo non c'è traccia
    > di un simile errore... forse volevi mettere una h
    > di fronte al congiuntivo "abbia"? ti informo che
    > non ci
    > va.

    Riporto il testo originale:
    Evidentemente in svezia non hanno grossi problemi e al tempo stesso la sentenza contro piratebay a sconvolto molti.

    Non noti niente?
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 19 giugno 2009 12.37
    -----------------------------------------------------------
  • il successo di questo partito è la risposta degli internauti alla persecuzione che si sta attuando nei confronti di Pirate Bay, ed è la conferma che le azioni esclusivamente repressive non fanno altro che condurre a risultati esattamente opposti a quelli che sperano i papponi del copyright!

    W IL PARTITO DEI PIRATI!!!
    non+autenticato
  • Il pirati hanno un seggio in parlamento, i grillini hanno un seggio nei comuni dove si sono presentati.

    Sembra poco ma è un punto di svolta: un rappresentate eletto entra in tutte le porte, siede a tutti i tavoli, guarda in tutti gli armadi e soprattutto diffonde all'esterno LEGALMENTE quello che vede... e viene pagato per farlo!
    non+autenticato
  • Sono proprio contento! Alla faccia di Sarcozy
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Sono proprio contento! Alla faccia di Sarcozy

    Peccato che il partito di Sarkozy abbia stravinto.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | Successiva
(pagina 1/5 - 24 discussioni)