Gaia Bottà

Francia, a breve una nuova dottrina

Anche in Italia, avverte Barbareschi, sarà necessario cambiare strategia

Roma - La dottrina Sarkozy mutilata dal Consiglio Costituzionale è legge: è legge senza il dispositivo delle disconnessioni, tenterà di contenere lo sharing illegale con i soli avvertimenti ai cittadini della rete colti ad abusare della propria connessione.

Il testo della legge, così come modificato dal Consiglio Costituzionale, è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale francese: la dottrina Sarkozy, la legge 669 del 12 giugno 2009, è entrata in vigore. Le autorità francesi provvederanno entro la fine del mese di giugno a proporre un testo aggiuntivo, che decreti che a comminare le sanzioni sia non l'autorità amministrativa HADOPI ma l'ordinaria autorità giudiziaria.

Il cittadino della rete il cui IP venga colto a violare il diritto d'autore online dovrà, con il nuovo testo, godere delle presunzione di innocenza: sarà l'industria dei contenuti a dover dimostrare che violazione c'è stata e che la responsabilità sia da attribuire al netizen accusato, il cittadino potrà ribattere all'accusa prima che venga sanzionato. Le nuove sanzioni, si mormora, potrebbero essere costituite da multe in denaro.
L'industria dei contenuti non dovrebbe però disperare: al di qua delle Alpi Luca Barbareschi (PDL) osserva che la decisione del Consiglio Costituzionale "ha scatenato falsi entusiasmi". Nessuno sdoganamento della pirateria, ricorda Barbareschi, da tempo impegnato sul fronte del rispetto del diritto d'autore, nessun "diritto di cittadinanza a talune forme illecite di sfruttamento della rete internet". Certo, sarà necessario cambiare la strada da battere, anche l'Italia che guardava con simpatia alle ghigliottine sulle connessioni dovrà adottare una nuova strategia.

"La decisione del Consiglio Costituzionale francese - ha spiegato Barbareschi - va comunque rispettata e deve pertanto invitarci a prefigurare anche in Italia altre soluzioni. La loro definizione deve dar luogo a norme non palliative, come vorrebbero alcuni, né falsamente rigorose, come è stato erroneamente fatto in passato, ma semplicemente percorribili ed efficaci, studiate in modo che tutelino gli autori e assicurino uno sviluppo coerente della rete Internet che non può crescere sulla base di distorsioni del principio di libertà, come scelta di alcuni a danno di altri". (G.B.)
15 Commenti alla Notizia Francia, a breve una nuova dottrina
Ordina
  • Non ho ben capito perché il moderatore ha deciso di censurare questo mio intervento.
    Credo sia mio diritto criticare pubblicamente i politici del mio Paese.

    Se il signor Barbareschi ha qualcosa da dire in merito può farlo qui, oppure può contattarmi in privato. Se i fatti descritti in Wikipedia (il pezzo che ho citato) non sono corretti allora prima di tutto se la prenda con Wikipedia, in secondo luogo contatti me e, nel caso ciò che dice corrisponda al vero, sarò lieto di correggere il mio intervento.

    Se il moderatore ritiene che questo messaggio sia OT rispetto al topic lo inviterei a leggere l'articolo e notare che il signor Barbareschi, politico del PDL, è uno di quelli che si permette di fare la morale ai cittadini italiani perché si scaricano delle canzonette. Ritengo che se una persona pensa di essere in diritto di giudicarne un'altra debba almeno prima dare prova di una morale superiore ed è proprio questo che contesto al signor Barbareschi.

    ___Post Censurato____

    Immediatamente dopo l'uccisione del maialino, Gabriel Yorke fece un lungo monologo che Deodato avrebbe voluto includere nel film, ma che alla fine fu tagliato. Yorke disse di essersi dispiaciuto durante le riprese perché aveva sentito il maialino urlare e morire. Perry Pirkanen pianse durante l'uccisione della tartaruga, Luca Barbareschi invece ha ammesso di non aver avuto nessun rimorso per aver sparato al maialino, ma di aver ricevuto minacce da parte degli animalisti per questo, mentre Deodato ha dichiarato che tutti gli animali uccisi nel film venivano mangiati sia dai componenti della troupe, sia dagli indigeni. «La cosa che mi ha fatto più impressione sono state le scimmie. C'è la scena in cui gli indios ammazzano la scimmia e le succhiano il cervello. Noi avevamo quattro scimmiette di riserva. Quando tagliammo la testa a una le altre quattro sono morte di crepacuore. Quella è stata la cosa più atroce».
    http://it.wikipedia.org/wiki/Cannibal_Holocaust

    E questa 'gente' viene a fare la morale a noi? Newbie, inesperto

    ____Aggiunta non presente nel post censurato_____

    Clicca per vedere le dimensioni originali

    Credo che la cosa più raccapricciante non sia il fatto che ha ucciso un maialino per uno scopo ridicolo come appunto quello di girare un film, cosa che fra l'altro mi stupisco non sia illegale (ma magari era legale nel 1979), piuttosto il fatto che non abbia sentito alcun rimorso nel farlo.

    Credo che un essere umano normale, messo di fronte all'uccisione di un animaletto indifeso, specie se per ragioni futili (ma anche per ragioni in quel momento vitali), non possa fare a meno di provare un certo senso di pietà e di rimorso verso la sua vittima. Per questo ritengo raccapriccante il fatto che il signor Barbareschi non solo abbia ammazzato un animale senza una vera necessità di farlo, ma abbia persino candidamente ammesso di non aver sentito alcun rimorso nel farlo cosa che invece ha, giustamente, colpito altri partecipanti a questa carneficina cui lui ha volontariamente partecipato.

    Ritengo anche che ammazzare un animale indifeso sia qualcosa di decisamente più esecrabile che il download di canzonette da Internet, da cui la mia critica al signor Barbareschi. A meno che, per il signor Barbareschi, il download di qualche MP3 che è molto probabile l'utente in questione non avrebbe comunque mai comprato valga quanto più dell'esistenza di un essere vivente a cui lui, da quanto afferma Wikipedia, ha tolto l'unica vita che aveva solo per farsi bello in un film di, IMO, bassa lega, anzi, quasi uno snuff-movie (cosa che seppur non condivida sarebbe comunque lecita a patto di non sottoporre REALMENTE a torture VERE animali o persone).

    In altre parole, non ritengo che il signor Barbareschi sia in una posizione tale da sparare giudizi sul comportamento altrui e trovo piuttosto allucinante che sia seduto in parlamento.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 18 giugno 2009 03.20
    -----------------------------------------------------------
  • A nessuno fa strano che uno che lavora nell'industria si faccia eleggere e poi invece di rappresentare i cittadini si fa i propri interessi?

    Ah, già, siamo in Italia...
    Funz
    13021
  • voglio raccontarvi una mia recente esperienza. premetto che è da tempo che non compro più supporti originali, avendo la tessera della biblioteca mi rifornisco legalmente di dvd. l'ultima volta ho preso in prestito il film "andrei rublev" di andrei tarkosky, uno dei miei registi preferiti. vado a casa, infilo il dvd nel mio notebook e avvio il lettore windows media classic, ma ricevo un errore di copy protection. stesso problema con windows media player. da una veloce ricerca su internet scopro che sul dvd è presente una protezione che impedisce la visione del film sui pc. pare che tale protezione sia stata ideata da un galantuomo che è a capo dell'azienda slysoft, ditta produttrice del programma anydvd che serve appunto a rimuovere le protezioni. ho scaricato anydvd, ma alla richiesta di registrazione a pagamento, ho installato il crack. oggi ho scoperto su youtube l'intero film andrei rublev. stia tranquillo barbareschi, non scarico i suoi film, tranne forse cannibal holocaust. morale: ci pisciano addosso e dicono che piove!
    non+autenticato
  • Come da oggetto, quella è dura e cruda realtà, con politici ladri, mafiosi, maltrattatori di animali, drogati mancano solo pedofili e violentatori, queste cose sono da divulgare non da censurare

    Se avete ricevuto qualche "pressione" da qualche politico per censurare queste cose allora chiedo il diritto di rettifica ai commenti per farli ripristinare visto che ho gli screen
    Wolf01
    3342
  • Ma Barbareschi che se la prende tanto per queste cose,
    cos'ha fatto di così prezioso per essere classificata come OPERA d'INGEGNO e richiedeew la protezione del copyright ?
    Dalla tv è sparito da tempo, era un mediocre "attore", boh...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Besh
    > Ma Barbareschi che se la prende tanto per queste
    > cose,
    > cos'ha fatto di così prezioso per essere
    > classificata come OPERA d'INGEGNO e richiedeew la
    > protezione del copyright
    > ?
    > Dalla tv è sparito da tempo, era un mediocre
    > "attore",
    > boh...

    http://www.imdb.com/name/nm0053230/

    Direi qualche filmetto ed episodi televisivi, roba che non ho mai sentito nominare per lo più.
  • Barbareschi è quello che ha cominciato la carriera in Cannibal Holocaust, vale a dire in un film sul cannibalismo in cui gli animali venivano uccisi e fatti a pezzi sul serio. Giusto per ricordare qualche fatto in questo mare di patetiche chiacchiere su strategie&similia...
  • - Scritto da: Alfonso Maruccia
    > Barbareschi è quello che ha cominciato la
    > carriera in Cannibal Holocaust, vale a dire in un
    > film sul cannibalismo in cui gli animali venivano
    > uccisi e fatti a pezzi sul serio
    . Giusto per
    > ricordare qualche fatto in questo mare di
    > patetiche chiacchiere su
    > strategie&similia...

    Eh?? Deluso
    Ma non è illegale?
  • - Scritto da: Alfonso Maruccia
    > Barbareschi è quello che ha cominciato la
    > carriera in Cannibal Holocaust, vale a dire in un
    > film sul cannibalismo in cui gli animali venivano
    > uccisi e fatti a pezzi sul serio.

    Beh, questo denota solo professionalità e cura per il dettaglio. Dico, vorrete mica scaricarglielo dal piero to piero una simile opera d'arte!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Er Puntaro
    > - Scritto da: Alfonso Maruccia
    > > Barbareschi è quello che ha cominciato la
    > > carriera in Cannibal Holocaust, vale a dire in
    > un
    > > film sul cannibalismo in cui gli animali
    > venivano
    > > uccisi e fatti a pezzi sul serio.
    >
    > Beh, questo denota solo professionalità e cura
    > per il dettaglio. Dico, vorrete mica
    > scaricarglielo dal piero to piero una
    > simile opera
    > d'arte!

    Suvvia signori! il povero Barbareschi altro non è che l'ennesimo ciambellano della famigerata corte dei miracoli neri che oggigiorno tanto s'applica nel rendere "ciechi" i cittadini che tanto teme.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Er Puntaro
    > - Scritto da: Alfonso Maruccia
    > > Barbareschi è quello che ha cominciato la
    > > carriera in Cannibal Holocaust, vale a dire in
    > un
    > > film sul cannibalismo in cui gli animali
    > venivano
    > > uccisi e fatti a pezzi sul serio.
    >
    > Beh, questo denota solo professionalità e cura
    > per il dettaglio. Dico, vorrete mica
    > scaricarglielo dal piero to piero una
    > simile opera
    > d'arte!

    http://it.wikipedia.org/wiki/Cannibal_Holocaust

    La Repubblica scrisse: «Le scene raccapriccianti del film sono ottenute con tale cialtroneria che non solo non riescono a mettere paura, ma provocano addirittura disgusto e sdegno». Il Corriere della sera rincarò la dose: «Un film che è eufemistico definire rivoltante, affidato interamente a scene di bassa macelleria come squartamenti e infilzamenti di animali vivi, cannibalismo, lapidazioni e altre simili piacevolezze...», mentre Il Messaggero sostenne che «Tra i tanti film del genere questo è forse il più orripilante e solletica i gusti sadici del pubblico di Deodato».

    Davvero un'opera d'arte. Rotola dal ridere
  • Maruccia scrive:

    Giusto per ricordare qualche fatto in questo mare di patetiche chiacchiere su strategie&similia...

    Hai ragione, non sempre i forum si riempiono di proposte illuminanti, ma anche se non facciamo parte dei tecnoentusiasti deterministi (per cui arriva internet e il mondo cambia per magia), non è il caso di arrivare al disprezzo. C'è molta più intelligenza in giro di quanto si pensi. Chi scrive banalità, legge (anche) e spesso impara.
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)