Giorgio Pontico

Iran, il contrattacco cinguetta

I netizen dimostrano il loro dissenso. Scagliandosi contro siti Web del governo

Roma - Prosegue sempre su Twitter la protesta degli internauti rispetto agli eventi che si stanno susseguendo in Iran ormai da giorni: dopo l'esito delle elezioni che aveva confermato nella sua carica l'attuale presidente si erano verificate diverse sollevazioni popolari.

L'intensità della protesta era stata registrata e diffusa in Rete specialmente grazie al tam-tam guidato proprio da Twitter.

Adesso è il turno degli attacchi DDOS a vari siti governativi: gli utenti residenti in Iran chiedono aiuto all'estero, indirizzando le offensive contro obiettivi telematici sensibili, molti dei quali risultano irraggiungibili. (G.P.)
3 Commenti alla Notizia Iran, il contrattacco cinguetta
Ordina