Lanciata la nuova pelle virus generator

Aveva detto che non avrebbe creato un update al Vbs Worm Generator ma non ha mantenuto la promessa. K, noto anche come Kalamar, ha rilasciato una seconda edizione del suo tool crea-virus, per creare worm questa volta pericolosi

Web - In una recente intervista aveva dichiarato che non lo avrebbe fatto ma, a quanto pare, Kalamar ha deciso di tornare sui propri passi e produrre una versione aggiornata del suo celebre tool crea-Worm.

Il VBS Worm Generator, sfruttato da terzi per creare Anna.worm ed altri virus, è giunto così alla seconda versione. Oltre alla versione 2 del VBS Worm Generator, Kalamar, che oggi si fa chiamare K, mette a disposizione anche un pacchetto di aggiornamento che risolve alcuni bug nel tool crea-virus.

L'annuncio della nuova versione ha riportato immediatamente K sulla stampa americana secondo cui, però, proprio l'attenzione che gli è stata dedicata ha indotto il giovane argentino a realizzare il nuovo tool.
A quanto pare la nuova versione del Generator è in grado di assistere nella realizzazione di worm codificati con due forme di cifratura, una funzione anti-cancellazione e la capacità di compiere azioni con un file eseguibile. E il software, com'è ovvio, non è solo disponibile sui siti di K ma si è già diffuso su diversi siti "dedicati".

Secondo gli esperti di Finjan Software, la nuova versione del tool è effettivamente in grado di realizzare virus ben più pericolosi dei precedenti e più difficili da individuare.
5 Commenti alla Notizia Lanciata la nuova pelle virus generator
Ordina
  • La vogliamo finire con sti discorsi di laming e virus generator? Per creare un "vero" e proprio virus bisogna studiare i linguaggi di programmazione, non scaricare gli worm generator visuali. In quel modo non si impara niente! Studiatevi il linguaggio e forse sarete capaci anche di programmare! Puah.
    non+autenticato
  • Ultimamente inizio a chiedermi come mai ci siano così tanti attacchi indirizzati contro il software Microsoft.

    In questo caso, ad esempio, qualsiasi buon tecnico sa bene che un attacco molto simile a quelli generabili dai worm VBS è piuttosto facile da realizzare con Eudora e con altri programmi di posta elettronica e su qualsiasi sistema operativo. Questi programmi altro non fanno che sfruttare l'ingenuità dell'utente spingendolo a lanciare un programma, più o meno mascherato, ma pur sempre un programma, quindi facilmente realizzabile su qualsiasi piattaforma. Tuttavia ad oggi non ne appaiono o ne appaiono comunque in maniera molto ridotta.

    Certamente influisce l'enorme diffusione dei programmi Microsoft ma è comunque un fenomeno che fa pensare. Chissà che prima o poi non si venga a scoprire che dietro questi ragazzotti di belle speranze si nascondono ben più autorevoli mani.

    non+autenticato
  • Beh, se il tuo scopo e' di fare danni, preferisci
    puntare al 90% del mercato o solo al 10% ?
    Sena contare che su sistemi Windows i danni sono potenzialmente maggiori rispetto ad altri sistemi
    che hanno maggiori protezioni.


    - Scritto da: Diglett
    > Ultimamente inizio a chiedermi come mai ci
    > siano così tanti attacchi indirizzati contro
    > il software Microsoft.
    >
    > In questo caso, ad esempio, qualsiasi buon
    > tecnico sa bene che un attacco molto simile
    > a quelli generabili dai worm VBS è piuttosto
    > facile da realizzare con Eudora e con altri
    > programmi di posta elettronica e su
    > qualsiasi sistema operativo. Questi
    > programmi altro non fanno che sfruttare
    > l'ingenuità dell'utente spingendolo a
    > lanciare un programma, più o meno
    > mascherato, ma pur sempre un programma,
    > quindi facilmente realizzabile su qualsiasi
    > piattaforma. Tuttavia ad oggi non ne
    > appaiono o ne appaiono comunque in maniera
    > molto ridotta.
    >
    > Certamente influisce l'enorme diffusione dei
    > programmi Microsoft ma è comunque un
    > fenomeno che fa pensare. Chissà che prima o
    > poi non si venga a scoprire che dietro
    > questi ragazzotti di belle speranze si
    > nascondono ben più autorevoli mani.
    >
    non+autenticato
  • No, il problema è la quota di mercato. L'utente alle prime armi si trova Outlook Express già installato e usa quello, un po' per ignoranza, un po' per pigrizia, un po' per maggiore semplicità di utilizzo..

    http://zanezane.com

    - Scritto da: TeX
    > Beh, se il tuo scopo e' di fare danni,
    > preferisci
    > puntare al 90% del mercato o solo al 10% ?
    > Sena contare che su sistemi Windows i danni
    > sono potenzialmente maggiori rispetto ad
    > altri sistemi
    > che hanno maggiori protezioni.
    >
    >
    > - Scritto da: Diglett
    > > Ultimamente inizio a chiedermi come mai ci
    > > siano così tanti attacchi indirizzati
    > contro
    > > il software Microsoft.
    > >
    > > In questo caso, ad esempio, qualsiasi buon
    > > tecnico sa bene che un attacco molto
    > simile
    > > a quelli generabili dai worm VBS è
    > piuttosto
    > > facile da realizzare con Eudora e con
    > altri
    > > programmi di posta elettronica e su
    > > qualsiasi sistema operativo. Questi
    > > programmi altro non fanno che sfruttare
    > > l'ingenuità dell'utente spingendolo a
    > > lanciare un programma, più o meno
    > > mascherato, ma pur sempre un programma,
    > > quindi facilmente realizzabile su
    > qualsiasi
    > > piattaforma. Tuttavia ad oggi non ne
    > > appaiono o ne appaiono comunque in maniera
    > > molto ridotta.
    > >
    > > Certamente influisce l'enorme diffusione
    > dei
    > > programmi Microsoft ma è comunque un
    > > fenomeno che fa pensare. Chissà che prima
    > o
    > > poi non si venga a scoprire che dietro
    > > questi ragazzotti di belle speranze si
    > > nascondono ben più autorevoli mani.
    > >
    non+autenticato