Giorgio Pontico

Microsoft affossa Soapbox

Doveva essere lo sfidante di YouTube. Ma non ce l'ha fatta

Roma - Microsoft ha deciso: Soapbox, il servizio di video upload pensato per mettere i bastoni fra le ruote di YouTube, verrà accantonato e dalle sue ceneri nascerà, forse, qualcosa di simile.

Di certo non vedrà la luce un avversario del player di Google. Dal suo lancio, avvenuto nel 2006, il contenitore proveniente da Redmond non era mai riuscito a fare breccia nel cuore degli utenti: gli hanno sempre preferito YouTube, che da solo detiene più del 40 per cento del mercato, lasciando a Soapbox solo le briciole.

Tuttavia Google ha poco di che gioire: secondo alcuni analisti le perdite generate da YouTube per il 2009 dovrebbero superare i 500 milioni di dollari, un terzo della cifra spesa da BigG per il suo acquisto tre anni fa.
Nonostante tutti i tentativi e le rassicurazioni l'adolescenza del Tubo non sembra essere per nulla vicina alla sua conclusione. (G.P.)
18 Commenti alla Notizia Microsoft affossa Soapbox
Ordina