Alfonso Maruccia

UK, un supermarket sostenibile

Fare la spesa e aiutare l'ambiente. Un supermercato utilizza gli ultimi ritrovati tecnologici per ridurre le emissioni di CO2, minimizzare il dispendio energetico e farsi pubblicità gratis

Roma - La ricerca di fonti di energia rinnovabili ed ecosostenibili è una tendenza in crescita costante con sviluppi a volte imprevedibili. Alla stazione della Tube londinese ricavano energia dai passi dei viaggiatori, altrettanto fanno presso la stazione di Shibuya, a Tokyo. Dunque non dovrebbe stupire sapere che presso un supermercato Sainsbury's appena aperto presso porto britannico di Gloucester, all'alimentazione energetica pensano le soprattutto automobili dei clienti.

Nei parcheggi del supermercato sono stati installati i Kinetic Road Plates, pannelli ad altezza suolo capaci di trasformare la pressione esercitata dalle auto dei veicoli in transito in energia elettrica da trasferire poi agli impianti dello store. Con una produzione di energia stimata in 30 chilowatt orari, i pannelli dovrebbero essere più che in grado di sopperire al fabbisogno energetico dei checkout dello stesso parcheggio in cui sono installati.

Sviluppata da Highway Energy Systems, la tecnologia dei KRP non ha controindicazioni evidenti, non influenza negativamente l'efficienza dei veicoli che vi passano sopra e contribuisce in maniera sostanzialmente invisibile (i pannelli hanno angoli smussata per rendere trasparente il passaggio delle auto) a soddisfare il bisogno di elettricità del nuovo tempio del consumismo di Sainsbury's.
Alison Austin, responsabile per l'ambiente di Sainsbury's, dice che il nuovo sistema "è rivoluzionario", esaltando il fatto che lo store è il primo (almeno in Europa) a utilizzare una tecnologia così avanzata e ad offrire ai clienti la possibilità di "giocare un ruolo attivo nel contribuire a rendere più verdi gli shop locali, senza alcuno sforzo o costo aggiuntivi".

E pare che da Sainsbury's siano parecchio seri nel voler intraprendere la strada dell'ecosostenibilità a misura di cliente, visto che oltre ai pannelli KRP il supermercato utilizza anche l'acqua piovana per lo scarico dei gabinetti, pannelli solari per riscaldare l'acqua durante l'estate, grosse vetrate e condotti sui tetti per massimizzare l'esposizione alla luce naturale, oscuratori automatici per le luci elettriche e il riciclaggio di aria prodotta dagli impianti frigoriferi per l'aria condizionata.

Alfonso Maruccia
32 Commenti alla Notizia UK, un supermarket sostenibile
Ordina
  • Passando sopra a sti cosi, la macchina consuma di più, e non si tratta di energia cha andrebbe comunque consumata.
    Come diceva il mio professore di fisica per capire le cose
    bisogna vedere i casi estremi.
    Immaginate una salita seguita da una discesa.
    Durante la salita la macchina consuma più energia che per fare lo stesso tratta di strada in piano; a parità di altri fattori si tratta dell' energia necessaria a "salire" nel campo grvitazionale terrestre.
    Durante la discesa il campo gravitazionale, molto gentilmente, ci restituisce questa energia, che noi, stupidamente, spesso trasformiamo in calore nelle pasticche dei freni.
    In quel sistema del supermercato invece della discesa c'è un sistema che si pappa l' energia che abbiamo speso per salirci sopra...
    Si tratta quindi di energia effettivamente rubata alle automobili, quindi energia che deriva dallo sporco petrolio, non ecosostenibile ecc. ecc.

    P.S.1: il discorso è lo stesso se prima c'è la discesa e poi la salita.
    P.S.2: L' auto non consuma energia per il solo fatto di esercitare pressione sulla strada.
    P.S.3: .... la fisica non si insegna più come una volta....
  • Guardatevi questo video di Report (e tutti gli altri!!!) a proposito dei supermercati ecosostenibili:
    http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/Content...

    PS W la nonna del Marrucci! Gaò! A bocca aperta
    non+autenticato
  • Ciao a Tutti !

    Fermo restando che qualsiasi sperimentazione volta al recupero e/o risparmio energetico è sempre ben accetta penso sia il caso di ricordare che oltre alla ricerca tecnologica esiste anche una seconda strada per il risparmio energetico.

    Il buon senso.

    Tempo fa in una puntata di Report (santo subito !) nella rubrica "Good News" si parlò proprio di efficienza energetica nei supermercati che sono tra gli esercizi più "voraci" in fatto di energia.
    Tra supermercati ricoperti di pannelli solari e sistemi di riciclo della CO2, alcuni anno adottato delle soluzioni meno tecnologiche ma più ... semplici tipo :
    Perchè fare il supermercato in un capannone completamente chiuso per poi illuminarlo a giorno con dei neon ? Pensa un pò questi hanno fatto dei finestroni sul tetto e le luci si accendono solo quando serve ... incredibbile !
    I banchi frigo invece di essere completamente aperi e pompare freddo per tutto il supermarket ... sono chiusi con delle porte ... incredibbile 2.0 !

    Solo con questi accorgimenti si risparmivava un considerevole percentuale di energia.

    http://www.report.rai.it/R2_popup_articolofoglia/0...
  • Quoto.
    Cito anche un'IKEA di non so dove che aveva adottato un sistema di sonde geotermiche + pompe di calore per riscaldare e raffrescare tutto quanto. Cosa che si può fare anche nelle case private, ma che pochissimi conoscono
    Funz
    12980
  • Basterebbe anche costruire le case con criteri sensati e non solo per il puro "aspetto coreografico"
    Non sono un esperto ma ogni estate mi viene una pazza voglia di portare il materasso nelle scale e dormirci dal fresco che fa! (cosa osservata in quasi tutte le case in cui sono passato)
    Perchè??

    (ok.. siamo in OT)
    non+autenticato
  • Rubare energia dal motore termico dei clienti, potrà pure essere conveniente, ma certo non "ecosostenibile". In pratica e come se i clienti pagassero la corrente al supermercato.
  • Non rubi niente, recuperi una parte dell'energia prodotta dall'auto che si disperderebbe a terra.
    Perché non dovrebbe essere ecosostenibile?
    non+autenticato
  • Ok ma il riuscire a riutilizzare la pressione del peso delle auto su questi pannelli non lo vedo come un "furto", ma come uno sfruttamento di qualcosa di inutile per il proprietario di quel "motore".
    Non sarà "eco(nomicamente)sostenibile" ma sembra essere eco(logicamente)sostenibile
    non+autenticato
  • - Scritto da: TuttoaSaldo
    > Rubare energia dal motore termico dei clienti,
    > potrà pure essere conveniente, ma certo non
    > "ecosostenibile". In pratica e come se i clienti
    > pagassero la corrente al
    > supermercato.

    Ha senso solo se l'energia andrebbe comunque dispersa in frenata, come ad esempio sulle rampe in discesa. Su un tratto piano non ha nessun senso energeticamente parlando.
    Piuttosto:
    Con una produzione di energia stimata in 30 chilowatt orari, i
    Che vuol dire? 30 KWh prodotti in quanto tempo? In un'ora, in un giorno, in un anno? Non è un dettaglio.

    E poi si scrive Kilowattora o Chilowattora, al limite (/pignolo)

    pannelli dovrebbero essere più che in grado di sopperire al fabbisogno energetico dei checkout dello stesso parcheggio in cui sono installati.


    Cioè un fabbisogno irrisorio, trascurabile rispetto all'energia spesa per illuminare, riscaldare, refrigerare...
    Quant'è costato tutto l'impianto, e quanti KWh produrrà nella sua vita utile?


    non influenza negativamente l'efficienza dei veicoli che vi passano sopra

    Questo è evidentemente impossibileSorride
    Funz
    12980
  • Ciao Funz !

    > Questo è evidentemente impossibileSorride

    Questa è bella ... PERCHE MAI ?
    La tua auto vola ?
    La tua auto non esercita alcuna pressione sul terreno ?

    Sarei d'accordo con te se questi pannelli fossero chessò "appiccicosi" che limiterebbero in qualche maniera il rotolamento della ruota aumentandone l' attrito volvente, ma altrimenti non credo che possano inficiare in qualche modo il rendimento del motore.

    Quella che si cerca di sfruttare qui è una energia che andrebbe COMUNQUE DISPERSA.
  • DISPERSA?

    Certo ma se non la disperdi il mio benzinaio è più triste.
    Forse, come qualcuno ha segnalato, se rallenti la macchina in una rampa di discesa, sarebbe dispersa.
    In ogni caso non sono convinto che per alimentare una sbarra ( quello che immagino rappresentare il grosso del consumo) il gioco valga la candela..
  • > Certo ma se non la disperdi il mio benzinaio è
    > più
    > triste.
    > Forse, come qualcuno ha segnalato, se rallenti la
    > macchina in una rampa di discesa, sarebbe
    > dispersa.

    hai ragione, non si può parlare di energia dispersa. ma non utilizzata. come l'energia solare o eolica o cippadirippa, non sarebbero disperse, ma non utilizzate. visto che probabilmente esistono i mezzi tecnici per utilizzarla, perché non farlo?

    > In ogni caso non sono convinto che per alimentare
    > una sbarra ( quello che immagino rappresentare il
    > grosso del consumo) il gioco valga la
    > candela..

    sono comunque 30 KWh, come già detto, il consumo massimo normale di dieci famiglie ( / case / appartamenti). butta via..
    non+autenticato
  • - Scritto da: pippuz
    > sono comunque 30 KWh, come già detto, il consumo
    > massimo normale di dieci famiglie ( / case /
    > appartamenti). butta
    > via..

    Scusa è ma sta facendo confusione tra energia e potenza.
    Una famiglia media ha il contatore da 3KW ma consuma enormemente più di 3KWh Sorride in un anno.

    A occhio io 30 KWh li consumo in una settimana.

    L'articolo, come quasi tutti quelli di PI che parlano di ecologia o energia, è assolutamente carente di informazioni per cui è impossibile giudicare in maniera precisa.

    Come già fatto notare non si sà in che periodo di tempo 'sti robi ti danno 30 KWh.
    E il fatto che non lo dicano non è un bel segno. Triste
    non+autenticato
  • - Scritto da: TuttoaSaldo
    > DISPERSA?
    >
    > Certo ma se non la disperdi il mio benzinaio è
    > più
    > triste.
    > Forse, come qualcuno ha segnalato, se rallenti la
    > macchina in una rampa di discesa, sarebbe
    > dispersa.
    > In ogni caso non sono convinto che per alimentare
    > una sbarra ( quello che immagino rappresentare il
    > grosso del consumo) il gioco valga la
    > candela..

    Infatti, non credo che tutto il sistema costi due lire.
    E' molto più sensato adottare la frenata rigenerativa su tutte le auto.
    Funz
    12980
  • Ciao Funz !

    > Infatti, non credo che tutto il sistema costi due
    > lire.

    La questione del rendimento è a parte, penso anch'io che così com' questa cosa non possa avere reali ricadute commerciali, ma si tratta di sperimentazione.

    > E' molto più sensato adottare la frenata
    > rigenerativa su tutte le
    > auto.

    Ma sono due cose diverse !
    Ed una non esclude l' altra !
  • - Scritto da: The_GEZ
    > Ciao Funz !
    >
    > > Questo è evidentemente impossibileSorride
    >
    > Questa è bella ... PERCHE MAI ?
    > La tua auto vola ?
    > La tua auto non esercita alcuna pressione sul
    > terreno
    > ?
    >
    > Sarei d'accordo con te se questi pannelli fossero
    > chessò "appiccicosi" che limiterebbero in qualche
    > maniera il rotolamento della ruota aumentandone
    > l' attrito volvente, ma altrimenti non credo che
    > possano inficiare in qualche modo il rendimento
    > del
    > motore.

    Sono delle piastre che vengono abbassate passandoci sopra.

    > Quella che si cerca di sfruttare qui è una
    > energia che andrebbe COMUNQUE
    > DISPERSA.

    no, sottraggono energia cinetica dalle auto. Quindi se le auto sono già in frenata (energia dispersa in calore nei freni) può avere senso, ma se vengono messe su un tratto rettilineo l'auto deve spingere di più per andare a velocità costante. E' come trasferire energia dal serbatoio dell'auto alle batterie del sistema, con un rendimento energetico presumibilmente infimo.

    Applicazioni che mi vengono in mente potrebbero essere le rampe dei parcheggi, prima dei caselli, le corsie di decelerazione delle autostrade, i punti delle strade dove si vuole che le auto rallentino (ma un autovelox è più remunerativoCon la lingua fuori)
    Funz
    12980