Apple/ Un PowerBook sotto esame

di D. Galimberti. Abbiamo sottoposto il nuovo PowerBook G4 con display da 12 pollici ad una settimana di prove sul campo: ecco caratteristiche, impressioni d'uso e giudizio finale

Roma - Nelle scorse settimane ho provato a fondo uno dei nuovi PowerBook G4 da 12 pollici: l?unità scelta è la più piccola in vendita, con G4 da 867 MHz, 40 GB di hard disk, 256 MB di RAM e scheda video da 3 2MB.

L?attenzione di Apple nei particolari si vede già dalla confezione, ma quello che più interessa è senza dubbio l'interno. Oltre al portatile troviamo l?alimentatore con due diversi attacchi, un adattatore per monitor VGA esterno, un adattatore per segnale video-composito e super-video, e un doppino telefonico con adattatore per le vecchie prese. Il software è tutto contenuto nel DVD del software-restore, e nella confezione troviamo anche un CD per eseguire l?hardware test, e un CD vergine per testare subito il masterizzatore. A gradita sorpresa (almeno per quanto riguarda i computer da me acquistati negli ultimi anni) troviamo anche un manuale che dà sufficienti spiegazioni per iniziare ad utilizzare sia il PowerBook che MacOSX e le sue applicazioni.

Il case in alluminio, oltre a regalare un design estremamente piacevole, rende il portatile leggerissimo ma molto resistente. La cura nelle rifiniture è elevatissima, sia nelle cose utili, come la precisione del meccanismo di chiusura, che in quelle futili, come il simbolo della mela retroilluminato (sul dorso dello schermo). Sul lato sinistro, nell?ordine, troviamo: l?entrata per l?alimentatore, la porta del modem e la ethernet 10/100, la porta firewire e le due USB, l?uscita video, i minijack per l?entrata e l?uscita audio, e il foro per il bloccaggio di sicurezza. Il lato destro è occupato dall?unità ottica DVD/CD-RW, che è di tipo slot-loading. Le tre casse dell?uscita audio sono posizionate sul retro, e il suono ?rimbalza? letteralmente sul bordo in alluminio del monitor, che quando è aperto si pone in posizione arretrata. Sotto il PowerBook si trova lo sportellino per l?aggiunta di RAM DDR266, e la batteria agli ioni di litio, che nasconde anche lo slot per l?alloggiamento della scheda Airport Extreme (scheda di rete wireless da 54 Mbit/sec).
Il portatile è piccolissimo, ma non per questo si rinuncia alla comodità: l?intera larghezza (vengono risparmiati solo un paio di millimetri per lato) è occupata dalla tastiera, che presenta quindi tasti di dimensioni standard; durante l?uso la tastiera si dimostra molto morbida e silenziosa, una delle migliori tastiere che mi sia mai capitato di utilizzare (non solo su computer portatili). Anche il trackpad presenta la giusta sensibilità, ma per l?utilizzo a casa mi sono premunito anche di un classico mouse a tre tasti più rotella (che MacOSX riconosce senza problemi nonostante il mouse di Apple sia ancora monotasto).

Il software è già tutto pre-installato e alla prima accensione del PowerBook veniamo guidati nella procedura che ci premette di configurare il nostro profilo utente e la connessione ad internet: in pochi minuti siamo già operativi, ma devo ancora trasferire dati dal mio vecchio Mac e dal portatile con Windows. Nessuno problema: imposto subito un altra configurazione per la rete ethernet locale e con un normale cavetto (non serve il cavo incrociato perché la scheda del PowerBook riconosce da sola il tipo di dispositivo collegato) trasferisco tutto il necessario.

Durante queste prime operazioni mi accorgo subito che Jaguar (per la precisione MacOSX 10.2.3) gira molto bene sfruttando a dovere tutta la RAM a disposizione e tutte le possibilità della scheda video. Lo schermo è da 12? ma la risoluzione elevata (1024x768) e l?ottima luminosità non mi fanno sentire la mancanza di uno schermo di dimensioni maggiori. All?occorrenza l?uscita video mi permette di collegare un qualsiasi monitor VGA e di utilizzarlo sia come mirroring del display LCD, che come monitor esterno: in questo secondo caso la scheda grafica mi permette di gestire risoluzioni fino a 1600x1200 e posso sfruttare la funzionalità di ?scrivania estesa?, utilizzando i due monitor come un unico grande desktop. Chi fa grafica sfrutta solitamente questa possibilità per posizionare l?immagine di lavoro sul monitor grande (a pieno schermo), e le palette degli strumenti sul monitor più piccolo. La stessa funzionalità si può ottenere anche collegando il portatile ad un televisore tramite l?adattatore super-video, e ovviamente è possibile definire due diversi profili di calibrazione del colore per il monitor del portatile e il dispositivo esterno collegato.

Jaguar riconosce subito la mia stampante Epson (i driver sono già installati) e tramite ?Acquisizione immagine? potrei già utilizzare il mio scanner (sempre Epson), anche se per sfruttarne tutte le possibilità sono costretto a scaricare la nuova versione dei driver TWAIN 5 che girano nativamente sotto MacOSX.

La batteria ha una durata dichiarata ?fino? a 5 ore. Ovviamente la durata dipende dall?uso effettivo che si fa del portatile, come livello di luminosità dello schermo, l?utilizzo del DVD/CD-RW e dell?HD, l?utilizzo di eventuali dispositivi collegati, ecc? ecc?; con un impiego ?misto? che comprenda l?utilizzo saltuario del lettore CD e l?ascolto di musica registrata su HD, si può stare senza problemi con 3 ore di autonomia. In ogni caso non si corre mai il rischio di uno spegnimento improvviso che possa compromettere il nostro lavoro: quando la carica scende al disotto di una certa percentuale si viene avvisati che la batteria si sta scaricando e se non viene collegata l?alimentazione esterna, dopo un ulteriore consumo della batteria, il computer entra nello stato di stop, preservando il contenuto della RAM. Lo stato di stop si può attivare semplicemente anche chiudendo lo schermo del portatile, e viene segnalato dall?accensione di un LED bianco sul pulsante che sblocca lo schermo.

A livello di prestazioni il PowerBook 12? si pone a metà strada tra il ?cugino minore? iBook-800, e il ?fratello maggiore? Titanium 15?. I test fatti sull?HD danno fondamentalmente gli stessi risultati sulle tre macchine (risultati comunque limitati dalla velocità dei dischi dei portatili), mentre il canonico test fatto sul frame-rate dei videogiochi 3D mostra risultati simili tra i due PowerBook (con un piccolo vantaggio del 15?), che distanziano leggermente l?iBook. Gli stessi distacchi si possono ritrovare anche in test generici sull?utilizzo del finder, mentre i banchmark che riguardano memoria e CPU mostrano chiaramente il prevalere dei PowerBook-G4 sull?iBook-G3, con valori superiori anche del 50%. Nel test sull?Open GL il PowerBook 12? ottiene addirittura un punteggio doppio rispetto all?iBook, e fa qualcosa meglio anche rispetto al Titanium, il quale si prende la rivincita nella gestione di Quartz.

Sembra difficile trovare dei difetti a questa nuova macchina Apple, ma ci proveremo comunque. Il computer in sé è molto silenzioso: non so se è presente una ventola di raffreddamento, ma se c?è in questa settimana non è mai partita. In compenso il raffreddamento avviene sfruttando tutto il corpo in alluminio del portatile stesso, e in caso di utilizzo intensivo si riscaldando leggermente anche alcune zone che non dovrebbero scaldarsi per niente, come l?appoggio della mano sinistra.
Inoltre, sebbene la dotazione di software sia molto ricca (iMovie, iDVD, iTunes, iPhoto, Mail, iCal, iChat, Developer Tools, ecc? più altre applicazioni di terze parti per spedire fax, elaborare immagini e altro ancora), non riesco a capire come mai Apple si ostini a non fornire AppleWorks nel bundle di alcune macchine.

Un?ultima osservazione riguarda la documentazione: il manuale presente nella confezione è sicuramente un buon inizio per chi non conosce l?universo Apple, e l?aiuto del sistema è ben fatto; ma MacOSX è un sistema molto più complesso del precedente MacOS classic e molti utenti sarebbero interessati ad avere qualche informazione in più relativa alle istruzioni Unix anche in forma cartacea, e non disponibile solo tramite i comandi ?man? da terminale.

Domenico Galimberti
TAG: apple
244 Commenti alla Notizia Apple/ Un PowerBook sotto esame
Ordina
  • Un dato per tutti:
    I computer Mac sono il prodotto (in assoluto, non solo di informatica) con la più alta percentuale di fidelizzazione (97%), il che vuol dire che su 100 persone che comprano Mac solo 3 cambiano marca.

    Il che vuol dire che chi fa lo switch non torna indietro perchè ha capito che i Mac sono molto più stabili, veloci, sicuri, belli, facili, potenti.... etc etc

    Luis
  • > Un dato per tutti:
    > I computer Mac sono il prodotto (in
    > assoluto, non solo di informatica) con la
    > più alta percentuale di fidelizzazione
    > (97%), il che vuol dire che su 100 persone
    > che comprano Mac solo 3 cambiano marca.

    come del resto pochi integralisti tornano indietro.
    non+autenticato
  • vedo che quando si parla di fidelizzazione , chi usa il pc rimane attonito... e vedi (come in questo forum) solo una risposta (trallaltrodelca..o!)
    Tutti parlano ma nessuno ha fatto il salto da mac a pc!
    gli utenti pc sono felici delle loro tamarrate :come il case modding... blanda imitazione del concetto di design apple...
    io ho fatto il salto da pc a mac ... mai sentito cosi' fiero di usare una macchina!

  • - Scritto da: PotenzaLibroG4
    > vedo che quando si parla di fidelizzazione ,
    > chi usa il pc rimane attonito... e vedi
    > (come in questo forum) solo una risposta
    > (trallaltrodelca..o!)
    > Tutti parlano ma nessuno ha fatto il salto
    > da mac a pc!
    > gli utenti pc sono felici delle loro
    > tamarrate :come il case modding... blanda
    > imitazione del concetto di design apple...
    > io ho fatto il salto da pc a mac ... mai
    > sentito cosi' fiero di usare una macchina!

    ho fatto lo stesso.
    stesse sensazioni.
    decisamente rinato.
    unico neo: se apro un .dmg da un disco di rete devo riavviare il finder con la chiusura forzata, lo fa anche a te/voi?
    per il resto tutto liscio come l'olio......... mi sono gia abituato a non avere quei continui e fastidiosi problemi che da' windows.
    non+autenticato
  • Switcher?
    Presente!

    Ragazzi, mai stato + orgoglioso del mio computer. Faccio tutto quello che facevo prima con windows ma più velocemente, in modo più stabile e intuitivo.

    Utenti PC, migrate...
    non+autenticato
  • e di misurarselo, come dicono sempre gli utenti apple.

    Invece, come dicono sempre gli utenti apple, è questione di *DURATA*.....

    LOL! Non siete "different"...
    non+autenticato
  • Pare che i fatti si commentino da soli. Una valanga di critiche hanno riguardato:

    1- la visione dei dvd, riprodotti a scatti e con perdita di frames (cosa che pare affligga anche i-Mac e I-cube).
    I fan Apple rispondono che sono i supporti dvd a non essere fabbricati bene

    2- Il fylesystem journaling, che è supportato solo in via sperimentale.
    I fan Apple rispondono sostanzialmente che a loro non interessa

    3- Altre recensioni e testimonianze riportano che la qualità dello schermo non sarebbe eccelsa.
    I fan Apple rispondono che è tutta propaganda del nemico e che, anzi, i monitor di questi mac sono così perfetti che uno è pure sopravvissuto alla cottura nel forno da parte di una distratta massaia U.S.A.

    4- Il mac in questione non ha la possibilità di inserire porte PMCIA.
    I fan Apple rispondono che non ha importanza perchè ha già "tutto a bordo" e se anche qualcosa non ci fosse prevederebbe l'uso di card PMCIA "così particolari che non funzionerebbero con MAC OS X" (Sic!)

    5- Pare che la macchina recensita scaldi.. tutti i notebook scaldano ma pare questo scaldi un po' troppo.. certo, gli han fatto la camicia in lega di alluminio, per disperdere il calore quindi non può non scottare.. così i progettisti rinunciano alla ventola di raffreddamento e possono vantarsi che mac è più silenzioso (e quindi meglio) di PC. Certo qualcuno sarà mooooolto preoccupato dei rischi per le costose (le +più costose del mercato) RAM.
    Ma tant'è! Think Different!
    I fan Apple in questo caso semplicemente negano l'evidenza.. questo mac non scotta, chi afferma il contrario è un bugiardo e un mac hater

    6-Apple non fornisce la suite AppleWorks per i suoi portatili come fa sulle sue macchine desktop. Si intuisce quindi che o si compra a parte, o si compra OfficeMS per mac o non si hanno altre alternative, credo ( oltre a piratare i cd ovviamente)! Non mi risulta che vi siano suite integrate gratuite efficienti che girino in ambiente mac come in Win o Linux...
    I fan Apple comunque rispondono che tanto tra poco Appleworks sarà comunque ritirato dal commercio perché la povera Apple non riesce a imporla sul mercato e quindi va bene così!

    ...Ma la cosa che più mi ha colpito è quell'utente Mac, ancora nonostante tutto soddisfatto ( ah, cosa non può la fede!), che racconta di come gli si sia rotta per usura una cerniera in periodo di garanzia e l'assistenza Apple non gliel'abbia riconosciuta, non dubitando nemmeno un attimo che potesse essere problema di fabbricazione o di normale usura, e chiedendogli oltre 1000 euro per sostituire tutto il coperchio con relativo schermo.
    Mi ha colpito ma non sorpreso, perchè ho avuto modo già di constatare la politica BANDITESCA dei centri assistenza APPLE che tendono a NON RICONOSCERE MAI LA GARANZIA: come ho toccato con mano con l'ALCAID- ALCOR di Milano.Se hai un problema per loro è sempre dovuto al "software", per cui pagherai (e salato) l'intervento. Se invece si rompe in modo evidente e innegabile qualcosa (come nel caso della cerniera del lettore, ma potrebbe essere l'hdd o la RAM) è colpa dell'utente comunque, che "chissà cosa ci ha fatto, chissa che colpi gli ha fatto subire..").. e si paga anche in questo caso... figurarsi che vi è gente che ha creato pure dei siti web contro certi centri di assistenza Apple (vedi http:\\alcaid.com ).

    Certo, su queste stesse pagine c'è chi si è lamentato per stesse politiche di grossi nomi del mondo PC... io però posso testimoniare questo: nel 99 mi si blocca un i- mac nuovo (schermo bianco a mo' di lampadina), lo porto in assitenza, me lo riconsegnano dopo tre giorni dicendomi che il problema era genericamente "software", mi estorcono 180mila lire, dopodiche (ovviamente direi) tempo una settimana la macchina ripresenta lo stesso problema. Il centro assistenza non risponde alla richiesta di intervento, nemmeno inoltrata per raccomandata, la Apple Italia risponde solo dopo ripetute insistenze e mezza dozzina di fax, cerca di coprire l'operato dei banditi di cui sopra, si rifiuta di sostituire la macchina e tenta anzi di impedirlo anche al rivenditore ( che poi riuscirà comunque, fortunatamente , a sostituirla comunque aggirando il diniego all'autorizzazione). Mi propone di trasportare il Mac presso un (lontanissimo) laboratorio di loro fiducia fuori Milano per sottoporlo a esami e verifiche, senza prevedere scadenze per la riconsegna ( che avverrà comunque a mie spese). Di restituzione del 'maltolto' comunque non si parla...
    Per fare un confronto, ora ho un notebook della IdeaProgress di Milano. Ho avuto recentemente dei messaggi di errore e scoperto un cluster danneggiato (uno solo) sull'Hard Disk. Si sono offerti di sostituirmelo in garanzia. Ne ho approfittato per sostituirlo con uno di maggiore capacità, pagando solo la differenza e anche con congruo sconto sul prezzo di listino. Nulla mi è stato chiesto per la manodopera.
    Lo scorso anno scopersi che un piccolo corpo estraneo ballonzolava all'interno del notebook:.... prelevato e restituito on site, in 4 giorni, senza chiedermi un euro, anche se con tutta probabilità l'oggetto era entrato da una feritoia di raffreddamento.
    Dulcis in fundo, mesi prima ancora, avevo notato un decadimento di luminosità agli angoli inferiori dello schermo lcd: ...sostituito immediatamente e senza storie..
    Questa è serietà e termine di confronto.. tutto si può guastare e rompere, ma è l'assistenza al cliente che fa la differenza!

    Certo, se poi si confondono le case produttrici di computer con la religione o con il tifo calcistico continueremo a leggere frasi tipo: "Il mac è bellissimo e si prende in scatola chiusa, punto e basta" .."difetti non ne ha" ... "è affidabilissimo, potente e poco costoso"... Contenti loro....
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Pare che i fatti si commentino da soli. Una
    > valanga di critiche hanno riguardato:
    >
    > 1- la visione dei dvd, riprodotti a scatti e
    > con perdita di frames (cosa che pare
    > affligga anche i-Mac e I-cube).
    > I fan Apple rispondono che sono i supporti
    > dvd a non essere fabbricati bene
    >
    > 2- Il fylesystem journaling, che è
    > supportato solo in via sperimentale.
    > I fan Apple rispondono sostanzialmente che a
    > loro non interessa
    >
    > 3- Altre recensioni e testimonianze
    > riportano che la qualità dello schermo non
    > sarebbe eccelsa.
    > I fan Apple rispondono che è tutta
    > propaganda del nemico e che, anzi, i monitor
    > di questi mac sono così perfetti che uno è
    > pure sopravvissuto alla cottura nel forno da
    > parte di una distratta massaia U.S.A.
    >
    > 4- Il mac in questione non ha la possibilità
    > di inserire porte PMCIA.
    > I fan Apple rispondono che non ha importanza
    > perchè ha già "tutto a bordo" e se anche
    > qualcosa non ci fosse prevederebbe l'uso di
    > card PMCIA "così particolari che non
    > funzionerebbero con MAC OS X" (Sic!)
    >
    > 5- Pare che la macchina recensita scaldi..
    > tutti i notebook scaldano ma pare questo
    > scaldi un po' troppo.. certo, gli han fatto
    > la camicia in lega di alluminio, per
    > disperdere il calore quindi non può non
    > scottare.. così i progettisti rinunciano
    > alla ventola di raffreddamento e possono
    > vantarsi che mac è più silenzioso (e quindi
    > meglio) di PC. Certo qualcuno sarà mooooolto
    > preoccupato dei rischi per le costose (le
    > +più costose del mercato) RAM.
    > Ma tant'è! Think Different!
    > I fan Apple in questo caso semplicemente
    > negano l'evidenza.. questo mac non scotta,
    > chi afferma il contrario è un bugiardo e un
    > mac hater
    >
    > 6-Apple non fornisce la suite AppleWorks per
    > i suoi portatili come fa sulle sue macchine
    > desktop. Si intuisce quindi che o si compra
    > a parte, o si compra OfficeMS per mac o non
    > si hanno altre alternative, credo ( oltre a
    > piratare i cd ovviamente)! Non mi risulta
    > che vi siano suite integrate gratuite
    > efficienti che girino in ambiente mac come
    > in Win o Linux...
    > I fan Apple comunque rispondono che tanto
    > tra poco Appleworks sarà comunque ritirato
    > dal commercio perché la povera Apple non
    > riesce a imporla sul mercato e quindi va
    > bene così!
    >
    > ...Ma la cosa che più mi ha colpito è
    > quell'utente Mac, ancora nonostante tutto
    > soddisfatto ( ah, cosa non può la fede!),
    > che racconta di come gli si sia rotta per
    > usura una cerniera in periodo di garanzia e
    > l'assistenza Apple non gliel'abbia
    > riconosciuta, non dubitando nemmeno un
    > attimo che potesse essere problema di
    > fabbricazione o di normale usura, e
    > chiedendogli oltre 1000 euro per sostituire
    > tutto il coperchio con relativo schermo.
    > Mi ha colpito ma non sorpreso, perchè ho
    > avuto modo già di constatare la politica
    > BANDITESCA dei centri assistenza APPLE che
    > tendono a NON RICONOSCERE MAI LA GARANZIA:
    > come ho toccato con mano con l'ALCAID- ALCOR
    > di Milano.Se hai un problema per loro è
    > sempre dovuto al "software", per cui
    > pagherai (e salato) l'intervento. Se invece
    > si rompe in modo evidente e innegabile
    > qualcosa (come nel caso della cerniera del
    > lettore, ma potrebbe essere l'hdd o la RAM)
    > è colpa dell'utente comunque, che "chissà
    > cosa ci ha fatto, chissa che colpi gli ha
    > fatto subire..").. e si paga anche in questo
    > caso... figurarsi che vi è gente che ha
    > creato pure dei siti web contro certi centri
    > di assistenza Apple (vedi http:\\alcaid.com
    > ).
    >
    > Certo, su queste stesse pagine c'è chi si è
    > lamentato per stesse politiche di grossi
    > nomi del mondo PC... io però posso
    > testimoniare questo: nel 99 mi si blocca un
    > i- mac nuovo (schermo bianco a mo' di
    > lampadina), lo porto in assitenza, me lo
    > riconsegnano dopo tre giorni dicendomi che
    > il problema era genericamente "software", mi
    > estorcono 180mila lire, dopodiche
    > (ovviamente direi) tempo una settimana la
    > macchina ripresenta lo stesso problema. Il
    > centro assistenza non risponde alla
    > richiesta di intervento, nemmeno inoltrata
    > per raccomandata, la Apple Italia risponde
    > solo dopo ripetute insistenze e mezza
    > dozzina di fax, cerca di coprire l'operato
    > dei banditi di cui sopra, si rifiuta di
    > sostituire la macchina e tenta anzi di
    > impedirlo anche al rivenditore ( che poi
    > riuscirà comunque, fortunatamente , a
    > sostituirla comunque aggirando il diniego
    > all'autorizzazione). Mi propone di
    > trasportare il Mac presso un (lontanissimo)
    > laboratorio di loro fiducia fuori Milano per
    > sottoporlo a esami e verifiche, senza
    > prevedere scadenze per la riconsegna ( che
    > avverrà comunque a mie spese). Di
    > restituzione del 'maltolto' comunque non si
    > parla...
    > Per fare un confronto, ora ho un notebook
    > della IdeaProgress di Milano. Ho avuto
    > recentemente dei messaggi di errore e
    > scoperto un cluster danneggiato (uno solo)
    > sull'Hard Disk. Si sono offerti di
    > sostituirmelo in garanzia. Ne ho
    > approfittato per sostituirlo con uno di
    > maggiore capacità, pagando solo la
    > differenza e anche con congruo sconto sul
    > prezzo di listino. Nulla mi è stato chiesto
    > per la manodopera.
    > Lo scorso anno scopersi che un piccolo corpo
    > estraneo ballonzolava all'interno del
    > notebook:.... prelevato e restituito on
    > site, in 4 giorni, senza chiedermi un euro,
    > anche se con tutta probabilità l'oggetto era
    > entrato da una feritoia di raffreddamento.
    > Dulcis in fundo, mesi prima ancora, avevo
    > notato un decadimento di luminosità agli
    > angoli inferiori dello schermo lcd:
    > ...sostituito immediatamente e senza
    > storie..
    > Questa è serietà e termine di confronto..
    > tutto si può guastare e rompere, ma è
    > l'assistenza al cliente che fa la
    > differenza!
    >
    > Certo, se poi si confondono le case
    > produttrici di computer con la religione o
    > con il tifo calcistico continueremo a
    > leggere frasi tipo: "Il mac è bellissimo e
    > si prende in scatola chiusa, punto e basta"
    > .."difetti non ne ha" ... "è
    > affidabilissimo, potente e poco costoso"...
    > Contenti loro....

    SEI DI UNA TRISTEZZA....
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > > Contenti loro....
    >
    > SEI DI UNA TRISTEZZA....

    Veramente ha detto tante cose sensate. Ha riportato CAZZ*TE dette in questi forum da religiosi del mac e le ha commentate.
    non+autenticato

  • >
    > SEI DI UNA TRISTEZZA....


    .. Bene, vedo che fatto il punto della situazione cualche fanMAC comincia a difettare argomenti di replica....
    non+autenticato
  • il tuo "cualche" si commenta da solo!

  • - Scritto da: Anonimo
    > Pare che i fatti si commentino da soli. Una
    > valanga di critiche hanno riguardato:
    >
    > 1- la visione dei dvd, riprodotti a scatti e
    > con perdita di frames (cosa che pare
    > affligga anche i-Mac e I-cube).
    > I fan Apple rispondono che sono i supporti
    > dvd a non essere fabbricati bene

    Mai avuto un DVD che scastta sotto Mac...
    Forse, ma dico forse, con la prima versione di MacOSX.

    > 3- Altre recensioni e testimonianze
    > riportano che la qualità dello schermo non
    > sarebbe eccelsa.

    Basta provarlo: ne ho uno di fronte anch'io in questo momento, e ti assicuro che gli altri due portatili Compaq che ho di fianco sono decisamente peggio.

    > 4- Il mac in questione non ha la possibilità
    > di inserire porte PMCIA.

    Se qualcuno mi dice "cosa" vorrebbe aggiungere, che già non c'è, su PCMCIA...

    > 5- Pare che la macchina recensita scaldi..
    > tutti i notebook scaldano ma pare questo
    > scaldi un po' troppo..

    solo in condizioni di uso intenso, non certo nell'uso "normale", e non è comunque un "riscaldamento eccessivo": è un riscaldamento, punto e basta.

    > certo, gli han fatto
    > la camicia in lega di alluminio, per
    > disperdere il calore quindi non può non
    > scottare.. così i progettisti rinunciano
    > alla ventola di raffreddamento e possono
    > vantarsi che mac è più silenzioso (e quindi
    > meglio) di PC.

    In realtà la ventola c'è comunque... anche se parte raramente
    (a testimonianza del fatto che il riscaldamento non è eccessivo)

    > 6-Apple non fornisce la suite AppleWorks per
    > i suoi portatili come fa sulle sue macchine
    > desktop.

    Non fornisce AppleWorks sulle macchine di fascia "pro".
    Su iBook e iMac è fornito.

    > Mi ha colpito ma non sorpreso, perchè ho
    > avuto modo già di constatare la politica
    > BANDITESCA dei centri assistenza APPLE che
    > tendono a NON RICONOSCERE MAI LA GARANZIA:
    > come ho toccato con mano con l'ALCAID- ALCOR
    > di Milano.Se hai un problema per loro è
    > sempre dovuto al "software", per cui
    > pagherai (e salato) l'intervento.

    La mia esperienza è totalmente differente, forse ti affidi ad un fornitore poco corretto. Viceversa ho verificato comportamenti molto scorretti su chi fornisce assistenza ad un altra nota marca di PC-Win.
    ne del 'maltolto' comunque non si

    > Per fare un confronto, ora ho un notebook
    > della IdeaProgress di Milano. Ho avuto
    > recentemente dei messaggi di errore e
    > scoperto un cluster danneggiato (uno solo)
    > sull'Hard Disk. Si sono offerti di
    > sostituirmelo in garanzia. Ne ho
    > approfittato per sostituirlo con uno di
    > maggiore capacità, pagando solo la
    > differenza e anche con congruo sconto sul
    > prezzo di listino. Nulla mi è stato chiesto
    > per la manodopera.

    Se è per questo ti posso raccontare di portatili Apple spediti pe rriparazioni in garanzia e tornati non riparati ma completamente nuovi... tutto sta in CHI fa l'assistenza

    > Questa è serietà e termine di confronto..

    No: queste sono solo tue esperienze, che guardacaso sono opposte alle mie

    > Contenti loro....

    contento tu...

    ciao
    non+autenticato
  • > > 4- Il mac in questione non ha la
    > possibilità
    > > di inserire porte PMCIA.
    >
    > Se qualcuno mi dice "cosa" vorrebbe
    > aggiungere, che già non c'è, su PCMCIA...

    Fatti un giro al mediaworld. Per esempio una scheda per metterci le sim card? Guarda che è solo UN esempio.

    >
    > > 5- Pare che la macchina recensita scaldi..
    > > tutti i notebook scaldano ma pare questo
    > > scaldi un po' troppo..
    >
    > solo in condizioni di uso intenso, non certo
    > nell'uso "normale", e non è comunque un
    > "riscaldamento eccessivo": è un
    > riscaldamento, punto e basta.
    >

    Si ma, qui su questi forum, molta gente ha anche detto che il powerpc non scalda e per questo è meglio dell'amd e dell'intel nei portatili! MA CI RENDIAMO CONTO?

    > > 6-Apple non fornisce la suite AppleWorks
    > per
    > > i suoi portatili come fa sulle sue
    > macchine
    > > desktop.
    >
    > Non fornisce AppleWorks sulle macchine di
    > fascia "pro".

    Utile. Paghi di più per avere meno.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > > > 4- Il mac in questione non ha la
    > > possibilità
    > > > di inserire porte PMCIA.
    > >
    > > Se qualcuno mi dice "cosa" vorrebbe
    > > aggiungere, che già non c'è, su PCMCIA...
    >
    > Fatti un giro al mediaworld. Per esempio una
    > scheda per metterci le sim card? Guarda che
    > è solo UN esempio.

    Procedi allora, magari con qualcosa di più utile e più utilizzato...
    Dubito comunque che tu riesca a fare di meglio
    (cmq nell'artico non è scritto, ma il PB12" ha anche BlueTooth)

    > > > 5- Pare che la macchina recensita
    > scaldi..
    > > > tutti i notebook scaldano ma pare
    > questo
    > > > scaldi un po' troppo..
    > >
    > > solo in condizioni di uso intenso, non certo
    > > nell'uso "normale", e non è comunque un
    > > "riscaldamento eccessivo": è un
    > > riscaldamento, punto e basta.
    > >
    >
    > Si ma, qui su questi forum, molta gente ha
    > anche detto che il powerpc non scalda e per
    > questo è meglio dell'amd e dell'intel nei
    > portatili! MA CI RENDIAMO CONTO?

    Non ho letto tutto il forum (ovviasmente ho di meglio da fare), ma quello di cui mi rendo conto è che tu stai parlando solo per sentito dire, e dubito fortemente che tui abbia mai usato un Mac

    > > > 6-Apple non fornisce la suite AppleWorks per
    > > > i suoi portatili come fa sulle sue macchine
    > > > desktop.
    > >
    > > Non fornisce AppleWorks sulle macchine di
    > > fascia "pro".
    >
    > Utile. Paghi di più per avere meno.

    A parte il fatto che già tu non eri a conoscenza di come stavano esattamente le cose, non vedo dove stia il problema: tu ti senti di riturre tutta la questione al solo AppleWorks... ? Forse non sai quali sono gli "altri°" software che Apple fornisce. Inoltre non mi risulta che UinDOS (ben più costoso di MacOSX oltre che avere una licenza limitata nel tempo) abbia in bundle Office, tanto per fare un esempio... Se vuoi continuare ad arrampicarti sugli specchi fai pure
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > > > 4- Il mac in questione non ha la
    > > > possibilità
    > > > > di inserire porte PMCIA.
    > > >
    > > > Se qualcuno mi dice "cosa" vorrebbe
    > > > aggiungere, che già non c'è, su
    > PCMCIA...
    > >
    > > Fatti un giro al mediaworld. Per esempio
    > una
    > > scheda per metterci le sim card? Guarda
    > che
    > > è solo UN esempio.
    >
    > Procedi allora, magari con qualcosa di più
    > utile e più utilizzato...
    > Dubito comunque che tu riesca a fare di
    > meglio
    > (cmq nell'artico non è scritto, ma il PB12"
    > ha anche BlueTooth)

    Ti rispondo io con ciò che ho scritto su questa questione in altra parte di questo forum (non ne abbiano a male coloro che si sorbiscono il post per la seconda volta):

    Be', ti posso dire questo: due anni fa ho comprato un Notebook (IdeaProgress) fornito della sua brava porta parallela, 2 usb, firewire. E slot PMCIA. Ora molte periferiche utilizzano (e sempre più utilizzeranno) lo standard USB 2. E' vero che sono compatibili con le usb vecchie,, ma per esempio, un bel masterizzatore a 24x mi funzionerà a 4x. Con modica spesa (59 euro) mi posso procurare una coppia di usb2 su PMCIA e istantaneamente posso utilizzare al pieno le funzionalità delle nuove periferiche. Certo, 2 anni fa non ne avrei sentito il bisogno. Ora però posso continuare a usare il mio portatile senza limitazioni, la connettività mi è garantita...
    A proposito! Ma i tuoi bravi Power MAc che porta usb montano? Ancora la 1.1?

    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > Ti rispondo io con ciò che ho scritto su
    > questa questione in altra parte di questo
    > forum (non ne abbiano a male coloro che si
    > sorbiscono il post per la seconda volta):
    >
    > Be', ti posso dire questo: due anni fa ho
    > comprato un Notebook (IdeaProgress) fornito
    > della sua brava porta parallela, 2 usb,
    > firewire. E slot PMCIA. Ora molte
    > periferiche utilizzano (e sempre più
    > utilizzeranno) lo standard USB 2. E' vero
    > che sono compatibili con le usb vecchie,, ma
    > per esempio, un bel masterizzatore a 24x mi
    > funzionerà a 4x. Con modica spesa (59 euro)
    > mi posso procurare una coppia di usb2 su
    > PMCIA e istantaneamente posso utilizzare al
    > pieno le funzionalità delle nuove
    > periferiche.

    Il PowerBook ha già il masterizzatore interno (volendo anche di DVD) quindi non c'è la necessità.
    Ti ricordo che il PowerBook ha già USB, FireWire, modem, Ethernet, uscita video per VGA e super-video, audio in e out, masterizzatore , Airport (scheda di rete wireless) e bluetooth. Se hai necessità di qualcos'altro che sia disponibile solo su PCMCIA esplica pure, altrimenti evita interventi inutili.

    > A proposito! Ma i tuoi bravi Power MAc che
    > porta usb montano? Ancora la 1.1?

    Ti ricordo che "i miei bravi powermac" montavano di serie USB quando questo non era neanche supportato da UinDOS, nonostante USB fosse un brevetto Intel, e con firewire (anche questa di serie già da molti anni) la USB2 non serve.

    saluti
    non+autenticato
  • . Ora molte
    > > periferiche utilizzano (e sempre più
    > > utilizzeranno) lo standard USB 2. E' vero
    > > che sono compatibili con le usb vecchie,,
    > ma
    > > per esempio, un bel masterizzatore a 24x
    > mi
    > > funzionerà a 4x. Con modica spesa (59
    > euro)
    > > mi posso procurare una coppia di usb2 su
    > > PMCIA e istantaneamente posso utilizzare
    > al
    > > pieno le funzionalità delle nuove
    > > periferiche.
    >
    > Il PowerBook ha già il masterizzatore
    > interno (volendo anche di DVD) quindi non
    > c'è la necessità.
    > Ti ricordo che il PowerBook ha già USB,
    > FireWire, modem, Ethernet, uscita video per
    > VGA e super-video, audio in e out,
    > masterizzatore , Airport (scheda di rete
    > wireless) e bluetooth. Se hai necessità di
    > qualcos'altro che sia disponibile solo su
    > PCMCIA esplica pure, altrimenti evita
    > interventi inutili.
    >
    > > A proposito! Ma i tuoi bravi Power MAc che
    > > porta usb montano? Ancora la 1.1?
    >
    > Ti ricordo che "i miei bravi powermac"
    > montavano di serie USB quando questo non era
    > neanche supportato da UinDOS, nonostante USB
    > fosse un brevetto Intel, e con firewire
    > (anche questa di serie già da molti anni) la
    > USB2 non serve.
    >
    > saluti

    USB2 NON SERVE? Perchè mai? Solo perchè hai la firewire? Ce l'ho anch'io, eppure molte periferiche che trovi su USB2 non le trovi dello stesso modello e caratteristiche su firewire. Oppure le trovi ma ad una bella differenza di prezzo. Per quanto riguarda il masterizzatore esterno era solo un esempio (per inciso ora i combo drive, cd, cdrw e dvd li montano tutti, apple e non apple, marca del mio notebbok compresa), mi può venire in mente un'unità HDD esterna. Si cominciano anche a vedere i primi scanner su porta usb2 e schede esterne di acquisizione video... certo, forse le trovi anche su firewire.. però se ho tutti e due i tipi di porte ho più libertà di scelta.
    Saluti a te!
    non+autenticato
  • Mi sto accorgendo, che c'è gente che a il solo piacere di denigrare persone o altro, PC, MAC ecc. sempre la solita solfa, in riguardo al PB G4, io l'ho qui a portata di mano, e posso dire che quello riportato nelle recensioni e solo aria fritta, poi che sia meglio il PC o il Mac è questione di gusti personali.
    Saluti
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Mi sto accorgendo, che c'è gente che a il
    > solo piacere di denigrare persone o altro,
    > PC, MAC ecc. sempre la solita solfa, in
    > riguardo al PB G4, io l'ho qui a portata di
    > mano, e posso dire che quello riportato
    > nelle recensioni e solo aria fritta, poi che
    > sia meglio il PC o il Mac è questione di
    > gusti personali.
    > Saluti

    Dimentichi che qui c'è gente che scarica i divx solo dopo aver letto le recensioni dei film su Tvsorrisi&canzoni...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > http://hardware.multiplayer.it/
    >
    > l'ultima notizia in basso
    >
    >
    >


    http://homepage.mac.com/aaronsteele/Personal8.html
    non+autenticato
  • > http://hardware.multiplayer.it/
    >
    > l'ultima notizia in basso

    uh, che bello, sono proprio contento di aver comprato un apple,cosi', se per sbaglio un deficiente me lo infila nel forno, potro' usarlo ancora.
    Un uso proprio comune, vero?
    ma vacag....
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > > http://hardware.multiplayer.it/
    > >
    > > l'ultima notizia in basso
    >
    > uh, che bello, sono proprio contento di aver
    > comprato un apple,cosi', se per sbaglio un
    > deficiente me lo infila nel forno, potro'
    > usarlo ancora.
    > Un uso proprio comune, vero?
    > ma vacag....

    Ma no caro, non hai capito lo spirito del messaggio che vuole comunicare il nostro fan(atico) supporter Apple: i powerbook macintosh sarebbero così avanti, così fighi, costruiti con materiali così High quality e utilizzerebbero un OS così superiore che possono passare (quasi) indenni anche le fiamme dell'inferno.. praticamente Dio ha rivelato il Powerbook agli uomini consegnandolo nelle mani degli amministratori di Apple come fece 4000 anni fa con le Tavole della Legge nelle mani di Mosè... e se non credi che MAC OSX non sia un sistema operativo di rivelazione divina sei un povero miscredente... sarai tu a bruciare nelle fiamme dell'inferno!
    non+autenticato
  • Ups, scusa!
    e' vero, sono miscredente, stasera stessa mi confessero' dal segretario di stefano lavori, che mi ordinera' di comprare un poverobook da qualche migliaio di euro, poi lo portero' a casa, lo accendero', e mi chiedero' che cos'ha quel computer che un pc non ha. Ma la fede nel dio Mac mi sosterra' lo stesso. Ho comprato un computer che se lo metto nel forno funziona ancora. Sorride
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Ups, scusa!
    > e' vero, sono miscredente, stasera stessa mi
    > confessero' dal segretario di stefano
    > lavori, che mi ordinera' di comprare un
    > poverobook da qualche migliaio di euro, poi
    > lo portero' a casa, lo accendero', e mi
    > chiedero' che cos'ha quel computer che un pc
    > non ha. Ma la fede nel dio Mac mi sosterra'
    > lo stesso. Ho comprato un computer che se lo
    > metto nel forno funziona ancora. Sorride

    un altro che per sua ammissione prima parla e poi FORSE lo prova.........
    decisamente abbandonata la propria capacita' di critica.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Ups, scusa!
    > > e' vero, sono miscredente, stasera stessa
    > mi
    > > confessero' dal segretario di stefano
    > > lavori, che mi ordinera' di comprare un
    > > poverobook da qualche migliaio di euro,
    > poi
    > > lo portero' a casa, lo accendero', e mi
    > > chiedero' che cos'ha quel computer che un
    > pc
    > > non ha. Ma la fede nel dio Mac mi
    > sosterra'
    > > lo stesso. Ho comprato un computer che se
    > lo
    > > metto nel forno funziona ancora. Sorride
    >
    > un altro che per sua ammissione prima parla
    > e poi FORSE lo prova.........
    > decisamente abbandonata la propria capacita'
    > di critica.

    Ancora co sta storia? Ma secondo te uno con queste premesse si compra il portatile apple?
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | Successiva
(pagina 1/4 - 17 discussioni)