Alfonso Maruccia

Outlook e il ritorno al passato

Il client di posta elettronica di Microsoft sta per compiere un importante giro di boa con la versione 2010. Che però visualizzerà le email HTML appoggiandosi sul motore di Word

Roma - È il PIM/client di posta più usato, ma nonostante questo l'orologio tecnologico di Microsoft Outlook procede esattamente al contrario: Redmond ha confermato l'intenzione di voler abbandonare qualsiasi velleità di rendering HTML "puro" (di quelli che passano per i browser web insomma) e di utilizzare il motore di Word con Outlook 2010, scatenando una pronta reazione da parte di utenti e fautori di regole standard per la posta elettronica.

Come spiega l'organizzazione E-mail Standards Project con tanto di immagine comparativa a corredo, Outlook 2000 utilizzava Internet Explorer per visualizzare le email in formato HTML, garantendo un certo livello di correttezza nella rappresentazione dei messaggi. Dieci anni più tardi Microsoft ha deciso di abbandonare l'engine del suo browser web in favore di quello di Word, non troppo adatto a interpretare linguaggi di scripting e formattazione pensati per il web e non per un editor di testo.

Una scelta del genere, sottolinea ESP, implica il fatto che "per i prossimi 5 anni i design delle vostre email necessiteranno delle tabelle per il layout, non avranno supporto per i tag CSS come float o position, nessuna immagine di background e parecchio altro". Una situazione giudicata inaccettabile per un client email evoluto, soprattutto quando la concorrenza incalza.
E-mail Standard Project ne ha abbastanza, e per spingere Microsoft a ritornare sui propri passi ha dato il via alla campagna Outlook is broken, Let's fix it dove viene visualizzato un flusso aggiornato in tempo reale dei tweet degli utenti che appoggiano l'iniziativa. Iniziativa che attualmente ha superato le 21mila adesioni e che ha effettivamente costretto Microsoft a prendere una posizione ufficiale in merito al problema.

Purtroppo per gli utenti però tale posizione non è quella sperata dai promotori di "Outlook's broken", anzi è l'esatto contrario: "Microsoft accoglie volentieri lo sviluppo di standard largamente adottati per la posta elettronica" scrive il dirigente William Kennedy sul blog aziendale, ma a parere di Redmond le email sono soprattutto una questione di "interoperabilità" tra i vari client e in quanto a interoperabilità Outlook si saprebbe difendere egregiamente.

Detto questo Kennedy asserisce che "non esiste un consenso largamente riconosciuto nell'industria su quale subset di HTML sia appropriato in quanto a interoperabilità per l'uso nelle email". Il lavoro di ESP non rappresenterebbe uno standard riconosciuto da tutti: gli utenti dovranno rassegnarsi a vivere 10 anni nel passato perché Outlook 2010 utilizzerà l'engine di Word come previsto.

Alfonso Maruccia
132 Commenti alla Notizia Outlook e il ritorno al passato
Ordina
  • Da un lato vogliamo che Microsoft abbandoni la sua posizione dominante sui browser e la obblighiamo a non vendere windows con ie preinstallato (vedi varie sentenze dell'UE), e poi ci lamentiamo se outlook per funzionare usa un altro motore di rendering...
    non+autenticato
  • Forse non ve ne siete resi conto, perché magari non fate il mio lavoro, ma già Outlook 2007 usa il motore di Word per fare il rendering.

    Posso solo presumere che col 2010 toglieranno ancora caratteristiche supportate.

    Già oggi le newsletter (unico caso in cui io "sopporto" l'HTML nelle e-mail, visto che uno ci si deveiscrivere volontariamente) si fanno senza sfondi e senza css, con le care vecchie tabelle, i tag font, i, u, b, e ancora si bestemmia per farle vedere decentemente tra Outlook 2007 (che usa il motore di Word) e Outlook Express (che usa il motore di IE). Per fortuna Thunderbird si mangia tutto.

    Noi qui stiamo già pensando di cambiare il link della scritta in alto "se non visualizzi correttamente questa newsletter clicca qui", togliendo quello del sito online e mettendo un link al download di thunderbird.

    Bye.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 26 giugno 2009 14.03
    -----------------------------------------------------------
    Shu
    1232
  • Che io sappia outlook usa il motore di Word per l'authoring delle email, non per il rendering.

    Ma magari mi sbaglio, perchè non faccio il tuo lavoro...
    non+autenticato
  • posta su carta = foglio, inchistro.
    posta elettronica = txt. Tutto il testo (fiorellini, colori, sfondi, etc etc) sono solo porcate che appesantiscono il server di posta.
    Facendo um paragone cartaceo, e' come spedire un poster (html) al posto di un biglietto di auguri (txt).
    non+autenticato
  • - Scritto da: attonito
    > posta su carta = foglio, inchistro.
    > posta elettronica = txt. Tutto il testo
    > (fiorellini, colori, sfondi, etc etc) sono solo
    > porcate che appesantiscono il server di
    > posta.
    > Facendo um paragone cartaceo, e' come spedire un
    > poster (html) al posto di un biglietto di auguri
    > (txt).

    imho, il paragone cartaceo sarebbe: è come spedire una cartolina (html) al posto di una lettera. due cose diverse per due usi diversi.
    non+autenticato
  • - Scritto da: pippuz
    > - Scritto da: attonito
    > > posta su carta = foglio, inchistro.
    > > posta elettronica = txt. Tutto il testo
    > > (fiorellini, colori, sfondi, etc etc) sono solo
    > > porcate che appesantiscono il server di
    > > posta.
    > > Facendo um paragone cartaceo, e' come spedire un
    > > poster (html) al posto di un biglietto di auguri
    > > (txt).
    >
    > imho, il paragone cartaceo sarebbe: è come
    > spedire una cartolina (html) al posto di una
    > lettera. due cose diverse per due usi
    > diversi.

    Non sono d'accordo: chi manda una mail non sa (nella maggior parte dei casi) con che programma verrà letta, se supporta o meno l'html. quindi dovrebbe essere il più possibile "standard" cioè txt. Se poi consideriamo che spesso l'html fa anche riferimento a siti esterni e tecniche di tracciamento, a maggior ragione molti utenti hanno l'html disabilitato nel client di posta. Certo che non è una regola e che ci saranno pure quei casi dove è assolutamente necessario mandare l'html, però mi sembrano casi particolari che a quel punto useranno il client che preferiscono.
    Tutto questo comunque non c'entra niente con MS che secondo me dovrebbe usare un motore di rendering più standard.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Lemon
    [CUT]
    > Non sono d'accordo: chi manda una mail non sa
    > (nella maggior parte dei casi) con che programma
    > verrà letta, se supporta o meno l'html. quindi
    [CUT]

    Concordo su tutto.
    E' semplicemente una arroganza del mittente pretendere che l'utente di destinazione del messaggio si pappi una marea di active x e magari contenuti attivi fuori standard.
    non+autenticato
  • - Scritto da: pinco pallino
    > - Scritto da: Lemon
    > [CUT]
    > > Non sono d'accordo: chi manda una mail non sa
    > > (nella maggior parte dei casi) con che programma
    > > verrà letta, se supporta o meno l'html. quindi
    > [CUT]
    >
    > Concordo su tutto.
    > E' semplicemente una arroganza del mittente
    > pretendere che l'utente di destinazione del
    > messaggio si pappi una marea di active x e magari
    > contenuti attivi fuori
    > standard.


    Vero pero' esiste l'html statico, ben formattato, senza contenuto attivo.
    Va bene per le newsletter, per le conferme di ordini (logo, piccole icone, insomma un po' di eye candy).

    Siti seri danno la possibilita' di scegliere il formato per le mail ricorrenti e molti device sono oggi in grado di visualizzarle correttamente.

    Molte webmail danno la possibilita' di bloccare immagini linkate dal web.

    E' microsoft che non sa lavorare.
  • - Scritto da: Lemon

    > Non sono d'accordo: chi manda una mail non sa
    > (nella maggior parte dei casi) con che programma
    > verrà letta, se supporta o meno l'html. quindi
    > dovrebbe essere il più possibile "standard" cioè
    > txt.
    Beh certo se outlook renderizza l'HTML come internet explorer ci credo che non si sa come verrà visualizzata... Deluso
  • - Scritto da: attonito
    > posta su carta = foglio, inchistro.
    > posta elettronica = txt. Tutto il testo
    > (fiorellini, colori, sfondi, etc etc) sono solo
    > porcate che appesantiscono il server di
    > posta.
    > Facendo um paragone cartaceo, e' come spedire un
    > poster (html) al posto di un biglietto di auguri
    > (txt).

    Io pago per il servizio di posta elettronica e spedisco quel cavolo che mi pare...
    non+autenticato
  • - Scritto da: nome e cognome
    > Io pago per il servizio di posta elettronica e
    > spedisco quel cavolo che mi
    > pare...
    Io che ricevo la posta invece pretendo di poterla leggere come cavolo pare a me, e siccome se tu spedisci, forse lo fai perche' il destinatario legga, allora fai il santo piacere di spedire in rigoroso testo col subset ASCII-7, e andando a capo entro la colonna 76!

    Opzionalmente, ma caldamente consigliato, quoterai sotto il testo precedente.

    Altrimenti sappi che il cestino della casella di posta e' molto capiente!
  • poi vediamo quando cancellerai le mail per te importanti..
    mi raccomando, occhi aperti e cancella abbestia tutto quelle che non è "standard"
    non+autenticato
  • - Scritto da: di passaggio
    > poi vediamo quando cancellerai le mail per te
    > importanti..

    Le mail sono importanti per chi me le scrive e desidera che io le legga.

    Se chi scrive non desidera che io legga, non sono importanti.

    > mi raccomando, occhi aperti e cancella abbestia
    > tutto quelle che non è
    > "standard"

    Ci sono i filtri, sai... che se ben impostati gia' mettono in evidenza i messaggi con contenuti diversi dal testo, che cosi' quando li apro, gia' so che cosa mi aspetta.

    E se il mittente non rientra in quelli della categoria "leggi lo stesso ed eventualmente cazzia", posso anche permettermi di cancellare senza neppure leggere.
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: di passaggio
    > > poi vediamo quando cancellerai le mail per te
    > > importanti..
    >
    > Le mail sono importanti per chi me le scrive e
    > desidera che io le
    > legga.

    in pratica tu sei importante e tutto il resto del mondo vale meno di zero... tipica mentalità di un informatico come si deve... mi par giusto

    >
    > Se chi scrive non desidera che io legga, non sono
    > importanti.

    in che modo non desidererebbe? bah...

    >
    > > mi raccomando, occhi aperti e cancella abbestia
    > > tutto quelle che non è
    > > "standard"
    >
    > Ci sono i filtri, sai... che se ben impostati
    > gia' mettono in evidenza i messaggi con contenuti
    > diversi dal testo, che cosi' quando li apro, gia'
    > so che cosa mi aspetta.

    utilissimi e importantissimi! curioso di sapere che sistemi e client usi...

    >
    > E se il mittente non rientra in quelli della
    > categoria "leggi lo stesso ed eventualmente
    > cazzia", posso anche permettermi di cancellare
    > senza neppure
    > leggere.

    eventualmente cazzia? mi fermo va... meglio!
    non+autenticato
  • Aggiungo: esistono standard de facto e standard sulla carta.

    Ad esempio lo stack ISO/OSI sul quale doveva essere basata Internet è decaduto in favore di TCP/IP.

    Chi vede solo gli standard sulla carta e non quelli de facto è leggermente limitato mentalmente. Anche perché l'essere standard sulla carta non significa necessariamente "migliore" dal punto di vista tecnologico.

    Basta guardare anche le varie implementazioni SQL come SQL:2003 e ad esempio MySQL.

    Oppure l'orripilante PHP di fatto usato da tutti, quando esistono linguaggi e tecnologie decisamente migliori.

    Vogliamo parlare di MP3? Ehhh avoglia a te a standard de facto.
    non+autenticato
  • - Scritto da: asdasd
    > Ad esempio lo stack ISO/OSI sul quale doveva
    > essere basata Internet è decaduto in favore di
    > TCP/IP.

    Ma che cavolate dici se non sai di cosa stai parlando evita di dare aria ai polmoni
    Il TCP/IP è un protocollo di livello di trasporto proprio dello stack ISO/OSI.
    Ne sento tante ogni giorno ma questa poi è ASSURDA per me non sei altro che un ignorante, che significa:
    L'ignoranza è la condizione dell'ignorante, cioè chi non conosce in modo adeguato un fatto o un oggetto, ovvero manca di una conoscenza sufficiente di una o più branche del sapere.
    non+autenticato
  • > Ma che cavolate dici se non sai di cosa stai
    > parlando evita di dare aria ai
    > polmoni
    > Il TCP/IP è un protocollo di livello di trasporto
    > proprio dello stack
    > ISO/OSI.

    ehm...non proprio. Il TCP, al massimo, è un protocollo di livello trasporto. Con TCP/IP di solito si intende poi per sineddoche il Internet Protocol Suite, i cui protocolli più conosciuti, ma non i soli, sono appunto TCP (livello trasporto) e IP (livello internetworking). Bisogna comunque dire che che lo stack TCP/IP (inteso come IPS, Internet Protocol Suite) è (almeno per i primi 4 livelli) analogo allo stack ISO/OSI, che può essere considerato il modello teorico dell'implementazione pratica (con alcune eccezioni) del TCP/IP.
    non+autenticato
  • - Scritto da: pippuz

    > Bisogna comunque dire che che lo stack TCP/IP
    > (inteso come IPS, Internet Protocol Suite) è
    > (almeno per i primi 4 livelli) analogo allo stack
    > ISO/OSI, che può essere considerato il modello
    > teorico dell'implementazione pratica (con alcune
    > eccezioni) del
    > TCP/IP.

    Bisogna dire che lo stack ISO/OSI è un modello.
    TCP, UDP, IP, Ethernet, HTTP, WWW, ecc. sono tutte implementazioni dei vari livelli ISO/OSI.

    Il modello ISO/OSI non è morto, è implementato in Internet.

    Bye.
    non+autenticato
  • Mi dispiace ma aveva ragione lui... Il modello ISO/OSI è uno standard sulla carta con 7 livelli (Application, Presentation, Session, Transport, Network, Data Link, Physical). Mentre il modello TCP è uno standard "De facto" di origine militare su 4 livelli (Application, Transport, Internetwork, Network Interface). Spesso a livello didattico si usa "spezzare" 4 livelli TCP nei 7 livelli ISO/OSI per praticità
    non+autenticato
  • Falso, il TCP fa parte del transport layer.Sorride
    non+autenticato
  • - Scritto da: asdasd
    > Aggiungo: esistono standard de facto e standard
    > sulla
    > carta.

    quindi? uno fa le cose male e quindi si giustifica dicendo che esistono standard de facto e standard sulla carta? se esiste uno standard sulla carta, perché andare ad inventarmi uno standard, che soltanto grazie alla mia posizione dominante e al mio tentativo di distorcere il mercato diverrà tale?
    non+autenticato
  • - Scritto da: asdasd
    > Aggiungo: esistono standard de facto e standard
    > sulla
    > carta.
    >
    > Ad esempio lo stack ISO/OSI sul quale doveva
    > essere basata Internet è decaduto in favore di
    > TCP/IP.

    LOOL! Anche oggi ho trovato la battuta del giorno.

    >
    > Chi vede solo gli standard sulla carta e non
    > quelli de facto è leggermente limitato
    > mentalmente.

    Splendida, la battuta di prima, veramente. Questa la metto al secondo posto, ok?
  • Ma meglio così, fossi in MS disattiverei proprio la possibilità di scrivere email usando la formattazione HTML, testo base e via.
    non+autenticato
  • - Scritto da: asdasd
    > Ma meglio così, fossi in MS disattiverei proprio
    > la possibilità di scrivere email usando la
    > formattazione HTML, testo base e
    > via.

    certo, poi togliere direttamente Word, cosa vuoi che serva tutta quella formattazione inutile, meglio un sano txt in testo base e via. visto che ci siamo, togliamo pure l'email, basta un fax, no, troppo tecnologico, facciamo una telefonata, però forse è meglio provare con il telegrafo, non si sa mai che MS di metta pure a produrre telefoni. Sai che ti dico, nel dubbio, vado a casa / ufficio della persona a cui volevo scrivere la mail, così sono sicuro!
    non+autenticato
  • eheheh mi fai sorridere perchè mi hai fatto ricordare che spesso in ambito open trovi sul serio documentazioni in txt A bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: di passaggio
    > eheheh mi fai sorridere perchè mi hai fatto
    > ricordare che spesso in ambito open trovi sul
    > serio documentazioni in txt
    > A bocca aperta

    visualizzabile tranquillamente su un terminale a caratteri, a differenza di altri formati.

    d'altra parte dover reggere il 70% e oltre del web non è un compito per tutti i SO
    non+autenticato
  • il senso del tuo intervento, please?
    una cosa che viene visualizzata cmq nn è detto che venga letta...
    buon divertimento
    non+autenticato
  • > certo, poi togliere direttamente Word, cosa vuoi
    > che serva tutta quella formattazione inutile,
    > meglio un sano txt in testo base e via. visto che
    > ci siamo, togliamo pure l'email, basta un fax,
    > no, troppo tecnologico, facciamo una telefonata,
    > però forse è meglio provare con il telegrafo, non
    > si sa mai che MS di metta pure a produrre
    > telefoni. Sai che ti dico, nel dubbio, vado a
    > casa / ufficio della persona a cui volevo
    > scrivere la mail, così sono sicuro!
    mail in txt: 9Kbyte
    STESSA mail in html: 16Kbyte.

    Moltiplica questo "sovraprezzo" per tutte le mail di tutti gli utenti e capirai perche dobbiamo cambiare un server di posta ogni 3 anni.
    non+autenticato
  • > mail in txt: 9Kbyte
    > STESSA mail in html: 16Kbyte.
    >
    > Moltiplica questo "sovraprezzo" per tutte le mail
    > di tutti gli utenti e capirai perche dobbiamo
    > cambiare un server di posta ogni 3
    > anni.

    se devo mandare una mail in html che ha lo stesso contenuto di una mail in plain text, tanto vale mandarla in plain text, su questo non ci piove. Ma, siccome non tutti hanno le stesse esigenze e con l'html si possono fare cose che con il testo semplice non si possono fare, ci deve essere anche questa possibilità, possibilmente implementata in modo decente.

    per default, le mie mail sono in plain text, a volte ho l'esigenza di utilizzare l'html, anche in maniera complessa.
    non+autenticato
  • > per default, le mie mail sono in plain text, a

    le mie pure. ma il DEFAULT di outlook e' html e figurati far capire una cosa cosi semplice agli utonti come "usa txt" la risposta e' "e, ma html e' piu' bello". fanculo. (agli utonti)
    non+autenticato
  • Scusa se non siamo tutti al tuo livello...
    Ma sicuramente tu sarai laureato in informatica, oltre che in cafonaggine all'università del buzzurro.
    Non si capisce perché bisogna fare un post solo per offendere gli altri. Probabilmente non si ha altro da fare... E la vita sociale inesistente con quel modo di fare!
  • > mail in txt: 9Kbyte
    > STESSA mail in html: 16Kbyte.
    >
    > Moltiplica questo "sovraprezzo" per tutte le mail
    > di tutti gli utenti e capirai perche dobbiamo
    > cambiare un server di posta ogni 3
    > anni.

    Consumo di un TV bianco e nero / CRT a 10 pollici del 1964 40 watt. Consumo di un TV a colori LCD 40" 200 watt...
    non+autenticato
  • Mettiamola cosi' ... se ricevo posta HTML non la leggo ... la cestino direttamente ... anche perche' la leggo quasi sempre con il caro vecchio comando "mail" UNIX.

    Sono io a decidere ... non MS ... visto che ... ancora non sono loro a decidere cosa posso o non posso leggere.

    Occhiolino

    Orfheo.
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 13 discussioni)