Alfonso Maruccia

In Germania si stampano batterie

Presto in arrivo accumulatori energetici super-sottili e super-leggeri, talmente sottili e leggeri che si stampano come le serigrafie su una t-shirt. L'uso sarà però limitato dalla loro scarsa durata

Roma - Di circuiti elettrici stampabili si parla da tempo così come delle batterie ultra-sottili, e secondo quanto sostengono ricercatori tedeschi il 2009 potrebbe essere l'anno giusto per vedere concretizzata questa eterna promessa dell'hi-tech. Realizzate nell'ambito di una collaborazione tra il Fraunhofer Research Institution for Electronic Nano Systems (ENAS) e la start-up Menippos GmbH, le batterie teutoniche sarebbero già pronte e in attesa della produzione su scala industriale.

"L'obiettivo è essere in grado di produrre le batterie in massa a un prezzo di centesimo a singola cifra per ciascuna", dice il manager dell'ENAS Andreas Willert, dopo che il centro è stato in grado di realizzare i prototipi nel chiuso del laboratorio. "Pesanti" meno di un grammo e con uno spessore al di sotto del millimetro, le ultra-batterie tedesche non contengono mercurio e sono molto più ecosostenibili delle controparti full-size.

Il nuovo accumulatore hi-tech è composto da un anodo di zinco e un catodo di manganese che reagiscono tra loro producendo elettricità, sviluppando una tensione pari a 1,5 Volt sufficiente per le applicazioni per cui è stato pensato. È inoltre possibile accatastare "pile" di più batterie in serie per raggiungere i 6 Volt, dicono i ricercatori.
Viste le ridottissime dimensioni in gioco non stupisce sapere che la produzione vera e propria degli accumulatori è simile alla stampa di etichette sulle t-shirt, con uno stampino di gomma che pressa la forma da stampare nel substrato elettronico attraverso uno schermo protettivo, replicando esattamente il template su cui sono state incise le aree da riempire e quelle da lasciare intatte. Ogni singolo layer stampato con tale procedimento è leggermente più spesso di un capello umano, confermano i ricercatori.

Lo svantaggio non da poco delle batterie ultra-slim è però la loro durata non particolarmente prolungata, caratteristica dettata dal fatto che i sottili strati di anodo+catodo che rilasciano l'energia tendono a dissiparsi gradualmente durante il normale funzionamento del dispositivo. In virtù di questo fatto per le nuove batterie si prospetta un impiego limitato solo a certi ambiti applicativi che non richiedono risorse energetiche che durano (più o meno) una vita, come nel caso di cartoline regalo o carte elettroniche bancarie.

Alfonso Maruccia
14 Commenti alla Notizia In Germania si stampano batterie
Ordina