Federica Ricca

Il codice genetico diventa low cost

23andMe lancia un nuovo kit. La mappatura del proprio DNA è garantita e si può anche indirizzare la ricerca

Roma - Costerà solo 99 dollari il kit lanciato in questi giorni da 23andMe che permetterà di scoprire il proprio patrimonio genetico.

Con l'intenzione di rendere più accessibile i test sul DNA, da un primo prezzo di 1.000 dollari, la società aveva già deciso di ridurre a 399 la cifra richiesta. Ma, evidentemente, era ancora troppo per permettere la diffusione di massa di questi test, disponibili anche per i clienti europei.

Si è arrivati, dunque, alla decisione di abbattere i costi, richiedendo una spesa di soli 99 dollari. Inserito nella Research Revolution appena presentata al pubblico, il kit ha l'intento di raccogliere fondi per iniziare un progetto di ricerca che analizzi alcune malattie genetiche.
La società ha selezionato 10 diverse patologie da studiare e chiunque potrà, tramite il sito web, selezionarne una a cui contribuire. Una volta che si raggiungono 1.000 "voti"(ciascuno dei quali costa i suddetti 99 dollari), 23andMe inizierà la ricerca specifica. Un do ut des: chi vuole conoscere il proprio patrimonio genetico e scoprire quali malattie rischia di contrarre può richiedere il servizio: in cambio, però, supporta la ricerca scegliendo quale tra le dieci patologie indicate ritiene debba avere la priorità.

Se si vuole però avere il quadro davvero completo del proprio DNA, la 23andMe propone ugualmente il pacchetto a 399 dollari.

La società, fondata da Linda Avey e Anne Wojcicki, vive un momento di grande sviluppo, anche grazie ai nuovi fondi ricevuti da Google. Il mese scorso, infatti, era stato annunciato un investimento di 2,6 milioni di dollari a favore di 23andMe, oltre ai 3,9 milioni già partiti da Mountain View. Dopo Google Health, questo finanziamento è stata un'ulteriore dimostrazione di interesse di Google nel campo sanitario.

Federica Ricca
11 Commenti alla Notizia Il codice genetico diventa low cost
Ordina
  • Leggetevi l'articolo di MacWorld di questo mese: infatti la scansione totale del DNA richiede circa 10000 dollari, mentre quella del progetto di Google analizza 600.000 nucleotidi su circa tre miliardi... ma prende in esame quelle delle malattie più comuni ed invalidanti.
    I dubbi possono sorgere... io preferei che alla stessa cifra la scansione venisse realizzata nell'ospedale sotto casa mia o comunque in italia, piuttosto che in qualche altro laboratorio internazionale
    non+autenticato
  • Non esiste nessun kit che possa disegnare l'intero genoma di una persona.
    Non esiste nessun kit che possa indicare tutte le malattie alle quali sei possibilmente soggetto.

    Esistono kit che rilevano una minima parte del patrimonio genetico.
    non+autenticato
  • Se ho capito bene la mappa dei nucleotidi del DNA si può già fare in maniera completa. Cosa poi significhi una particolare configurazione di nucleotidi è limitato alle attuali conoscenze scientifiche.
    Il progetto di Google ha principalmente lo scopo di incrementare queste conoscenze accrescendo il database genetico. Più campioni di DNA permettono studi maggiori e quindi maggiore conoscenza delle strutture genetiche, soprattutto finalizzati alla classificazione di patologie.
    Ovviamente il DNA può essere donato solo volontariamente, quindi Google "vende" agli utenti l'analisi sui marker e contemporaneamente crea un database per favorire la ricerca.
    Personalmente credo che presto o tardi parteciperò.
  • se non ho fatto male i conti, il kit costa $99 e le due spedizioni costano (per l'Italia) complessivamente $70. Quindi in totale circa Euro 120.

    Devo dire che quasi quasi faccio il test per alcune ragioni:
    1) sono curioso di natura

    2) non sono ipocondriaco: anche sapendo che ho una predisposizione maggiore per una qualche malattia non starei a disperarmi (questo penso sia indispensabile, altrimenti uno riceve i risultati e si spara direttamente...)

    3) in famiglia ho gia' avuto: sorella con sclerosi multipla, padre con Parkinson, madre con paralisi delle gambe (non si sa bene perche'), unica cugina con altra malattia tipo sclerosi multipla.
    Tanto vale sapere che schifo di geni sto trasmettendo ai miei poveri figli... Io per ora sono "solo" iperteso e diabetico, ma per completare il quadretto non mi stupirei di beccarmi l'Alzaimher...

    4) Esiste la remota possibilita' che sapendo di essere (statisticamente) piu' soggetti a qualche malattia uno possa
    tenerne conto, magari facendosi controllare piu' spesso.

    A $399 non lo farei ma a $99 comincia a diventare abbordabile.
    non+autenticato
  • Sono uno studente di Medicina e Chirurgia... che si vuole specializzare in genetica medica....
    Un consiglio:

    Fai prima ad andare in un ospedale pubblico dove si trova un laboratorio e un dipartimento di genetica medica e soprattutto persone competente per chiedere informazioni se hai avuto parenti con malattie con "basi genetiche".

    Questa e solo una delle tante aziende che vende dei "kit" per fare soldi,sponsorizzata da Google (la Ceo di questa azienda e la moglie di uno dei fondatori di Google) e non fornisce alcun supporto "medico".

    Per quanto riguarda i kit... beh... per alcune malattie (pochissime) hanno un risultato molto importante.
    Ma a voi piacerebbe sapere di sviluppare la Corea di Còrea di Huntington dopo i 40 anni con un comunicato via posta della 23andme? Io no... preferirei non saperlo o preferire avere di fronte un dottore che mi spiega di cosa si tratta e mi aiuti...
    Inoltre per altre patologie si sa molto poco... le patologie multifattoriali...
    Queste sono tematiche complesse non sono cose semplici.
    Se si parla per esempio di analisi di linkage... o di analisi di associazione... mi sapreste rispondere?
    ... vi faccio un esempio pratico..
    I test per analizzare le sequenze correlate allo sviluppo dell'Alzheimer consentono di individuare delle sequenze che se trovate danno una probabilita di 1,2 di contrarre l'Alzheimer...
    mi spiego meglio... fatto 1 il rischio della popolazione generale di avere l'alzheimer i test in esame vi consentono statisticamente di sapere (al massimo) se avete un 20 per cento in piu di probabilita di ammalarvi di alzheimer.... vi sembra un buon risultato? per una patologia di cui si sa ancora poco e in cui probabilmente conta moltissimo anche l ambiente in cui si vive?

    Il succo del discorso rimane questo:
    Non fatevi prendere in giro e rivolgetevi a persone che studiano queste cose e che non hanno secondi interessi (il profitto di queste aziende)
    non+autenticato
  • torna studiare che è meglio... qui non si parla solo di analisi personali su singolo individuo ma anche di sviluppare e affinare conoscenze sul codice genetico...
    se 1000 persone persentano un ipotetica positività ad una futura patologia invalidante conta anche sapere le variabili secondarie dei soggetti positivi in modo da determinare una percentuale maggiore di accuratezza dei risultati cosa che non può fare l'ospedaletto sotto casa con 500 analisi l'anno, ma solo progetti a copertura globale con 500 analisi al minuto...
    non+autenticato
  • Non sto parlando di ospedaletti ma di strutture con dipartimenti di genetica medica con persone che studiano queste cose tutti i giorni e non che leggono Focus per poi dire di essere esperti di genetica.
    Gli ospedali con queste strutture non agiscono in proprio ma sono collegati a progetti di ricerca spesso europei e internazionali e mettono i dati scientifici su internet a disposizione di tutti (vedi pubmed).

    "se 1000 persone persentano un ipotetica positività ad una futura patologia invalidante conta anche sapere le variabili secondarie dei soggetti positivi.."
    Ben vengano le aziende private che si occupano di genetica genomica e altro.
    ... ipotetica positivita... sai di cosa stai parlando? Se ti parlo di malattie multifattoriali di analisi di linkage e di associazione?
    Il problema di questi argomenti e che anche chi non sa un'emerita mazza di queste cose sale in cattedra a fingere di fare l'esperto....
    mentre quando si parla di fisica nucleare o di diritto internazionale la gente comune evita di sentirsi "esperta"... forse perche la medicina tocca ognuno di noi...
    ma io eviterei di fare il supponente quando ci sono persone che si occupano della salute altrui e che operano nel pubblico (la sanita nella mia regione riceve 10 miliardi di euro l'anno... ospedaletti? ).
    Il progetto Genoma fu portato avanti da un consorzio pubblico... e la Celera Genomics ha scopiazzato i dati pubblici...
    non+autenticato
  • a me sta storia di google che ha mani in pasta ovunque nn mi piace..

    adesso vuole anche il nostro DNA.. e un giorno ci userà come batterie umane per i suoi server...Sorride

    ma...fatto sta che il DNA me lo tengo per me
    non+autenticato
  • Bravo... io la penso come te... all'inizio mi davano del paranoico... ora Google Big Brother sta diventando sempre piu grande...
    Google Big brother is watching you.
    non+autenticato
  • si ma oh, mica google è nato da solo
    si è sviluppato perché anni fa faceva figo usare gmail, se non avevi gmail eri "out", ma ve la siete cercata, di che vi lamentate? google è stato bravo a lanciare mode tra i più nerd (e i meno nerd) e ora sta sfruttando tutto ciò per controllare qualsiasi cosa della nostra vita, ma ripeto, ve la siete cercata
    non+autenticato
  • Trovo che Google abbia davvero interesse nel campo medico, ma forse anche il fatto che il co-founder Sergey Brins abbia sposato Anne Wojcicki gli avra' dato un piccola spinta per il finanziamento?

    http://ceoworld.biz/ceo/2009/06/19/google-cofounde.../

    Cmq appena ho 399$ che mi avanzano mi testo il DNA.