Marco Calamari

Cassandra Crossing/ La febbre dell'ultima release

di Marco Calamari - Occorre scaricare l'ultima beta per vivere felici? Occorre aggiornare il proprio PC per lavorare tranquilli? Forse le urgenze sono altre

Cassandra Crossing/ La febbre dell'ultima releaseRoma - Francamente non se ne può più. Con i problemi che ci sono al mondo, con i problemi che la Rete si trova di fronte, il fatto che l'aggiornamento di un sistema operativo sia a più riprese la notizia di prima pagina per me non è accettabile. Non lo è per gli stessi motivi per cui si giudica inaccettabile occuparsi di gossip e futilità trascurando ad esempio grandi problemi economici e sociali.

Si, lo so, è quello che la maggior parte della stampa e dei media fa quotidianamente, ma appunto non è certo un esempio da imitare.

La Rete ha tanti problemi, primo dei quali che la grande maggioranza dei suoi utenti si comporta come l'orchestrina del Titanic, danzando e saltellando in un mondo colorato ed interattivo mentre la nave affonda. No, il paragone non è calzante perchè qui la situazione è peggiore; la nave non sta affondando ma la stanno facendo colare a picco un poco per volta.
La situazione è più simile a quella del carro che raccoglie i bambini per il viaggio verso il Paese dei Balocchi. In mezzo a tanti Lucignoli che salgono a bordo senza esitazione. Solo ogni tanto un Pinocchio si lascia cogliere dal dubbio. Ma solo per un momento, poi gli passa e salta su anche lui.

Personalmente non sono un talebano del software libero; uso correntemente, anche se quasi sempre solo per lavoro, software proprietari incluso un noto sistema operativo in fase di aggiornamento. Per l'uso personale, per il mio uso personale, il software libero è una scelta pratica, economica, tecnica e morale allo stesso tempo.

Non mi sogno nemmeno di provare software proprietario, installarlo in beta o aggiornarlo senza averne necessità. Anche nelle grandi aziende nessuno si sogna di rincorrere gli ultimi aggiornamenti di alcunché: anzi talvolta aggiornare senza autorizzazione è vietato dalle policy aziendali. Una volta tanto, dovendo mantenere la salute e l'integrità di vasti ecosistemi informativi, un divieto di questo tipo appare sensato.

Ma un utente finale che motivo ha di rincorrere aggiornamenti? A parte l'essere eventualmente instupidito da pubblicità sia esplicita che occulta, e da informazioni manipolate? Lo può certo fare come hobby, se non ritiene che ci siano, anche rimanendo nell'informatica consumer, cose piu divertenti ed utili da fare.

Lo può fare come sfida: la quantità di gente che si trasforma in beta tester gratuiti per chi poi il software betatestato lo venderà è sorprendente. Certo questo gruppo di persone potrebbe meglio fare del volontariato o dei lavori socialmente utili con benefici per la società civile, non per delle società per azioni.

Č pur vero che esistono sfide ben più pericolose, tipo il bungee-jumping che sono ancora meno consigliabili. Č tuttavia possibile praticare sfide meno pericolose seppur altrettanto ardue, ad esempio provare a scrivere software o migliorarne di esistente, invece di continuare smodatamente a consumarne dosi sempre maggiori, come tossici in condizione di dipendenza. E per i non programmatori ci sarebbe invece la sfida di tradurre i messaggi o la documentazione di software liberi già realizzati, o di fare (qui davvero utilmente) i beta tester, perché in questo caso i vantaggi sarebbero per tutti, e non solo per alcuni azionisti.

Per oggi basta così, perchè devo andare a far installare la versione 152 del mio software preferito. Libero e fatto a mano, ovviamente.

Marco Calamari

Lo Slog (Static Blog) di Marco Calamari

Tutte le release di Cassandra Crossing sono disponibili a questo indirizzo
199 Commenti alla Notizia Cassandra Crossing/ La febbre dell'ultima release
Ordina
  • Secondo me sarebbe una soluzione pratica ed equa sia per l'utente che per il produttore

    Il produttore ovviamente ha bisogno di sfornare nuove versioni per perpetuare i suoi guadagni, così si arrivano a casi come Nero o il già citato ACDSee che da leggeri e snelli che erano si ritrovano ad essere suite elefantiache

    Se invece l'utente pagasse un tot all'anno (una cifra ragionevole ovviamente) avendo in cambio assistenza ed aggiornamenti gratuiti, il produttore potrebbe continuare a guadagnare senza bisogno di inventarsi nuove feature che appesantiscono inutilmente il prodotto

    Mettiamo ad esempio che il sistema operativo X costa 300 euro, e mi dura diciamo 5 anni dopodiché dovrò sborsarne altre 300 per rimanere aggiornato.. piuttosto potrei pagare 60 euro l'anno finché non decido di cambiare OS

    Inoltre credo che un prezzo iniziale minore attirerebbe più clienti, per cui avendo un mercato più vasto potrei abbassare i prezzi degli abbonamenti, rendendoli più convenienti rispetto al costo del prodotto acquistato
  • Quelli che fanno da beta tester per windows 7 (perchè anche se l' autore lo dice a quello si riferisce) non fanno un favore solo a microsoft ma a tutti quelli che poi lo useranno (e quindi anche a loro stessi), più del 90% di chi usa un pc quindi... ecco che diventa molto più utile rispetto allo sviluppare un software opensource usato da qualche migliaio di persone in tutto il mondo..
    non+autenticato
  • > Quelli che fanno da beta tester per windows 7
    > (perchè anche se l' autore lo dice a quello si
    > riferisce)
    WOW: ma lo sai che sei proprio intuitivo? Mandami il tuo CV che un posto di zappatore non te lo leva nessuno
    > non fanno un favore solo a microsoft
    NOOOOO
    > ma a tutti quelli che poi lo useranno
    Certo, perché aiutare la gente a usare Win 7 è fargli un favore (oppure è un crimine contro l'umanità? ora non ricordo)
    > (e quindi anche a loro stessi),
    comportamenti autolesionistici...
    > più del 90% di chi usa un pc quindi...
    Ecco, questo dato è interessante: ad oggi Windows nelle sue accezioni ha circa l'89% del mercato: ritieni che con 7 MS riuscirà a fermare l'emorragia di utenti cominciata con Vista e, addirittura, inverti la rotta?
    Addirittura 7 riuscirà a battere il recordo di XP (a quanto arrivò? All'85%?) e superi il 90%?
    Previsioni alquanto azzardare, pare.
    > ecco che diventa molto più utile
    > rispetto allo sviluppare un software opensource
    > usato da qualche migliaio di persone in tutto il
    > mondo..
    Uno dei 10 mila SW che ho citato nel mio kilometrico post in risposta a ruppolo?
  • sei davvero simpatico anche se sbagli i congiuntivi...
    col 90% mi riferivo a windows nel suo complesso, windows seven e i suoi sucessori arriveranno al 90% e secondo me lo supereranno anche... chissà chi ha ragione... magari tu sei uno di quelli che da 10 anni sento ripetere: "questo è l' anno di linux"...
    tutti i tuoi 10000 software sicuramente non saranno mai usati quanto windows (sempre parlando di desktop e mercato consumer)quindi il mio discorso resta valido
    non+autenticato
  • > sei davvero simpatico anche se sbagli i congiuntivi...
    Tu, no, e comunque ho sbagliato il futuro (volevo scrivere invertirà)
    > col 90% mi riferivo a windows nel suo complesso,
    Allora hai problemi con la logica. Hai scrito
    "Quelli che fanno da beta tester per windows 7 non fanno un favore solo a microsoft ma a tutti quelli che poi lo useranno, più del 90%"
    ergo: hai scritto che più del 90% degli utenti usare Win 7.
    > windows seven e i suoi sucessori arriveranno al 90% e secondo me > lo supereranno anche... chissà
    E forse, chissà, il Milan vincerà lo scudetto, battendo il Chievo Verona allo spareggio, chissà.
    > chi ha ragione... magari tu sei uno di quelli che
    > da 10 anni sento ripetere: "questo è l' anno di linux"...
    O magari potresti leggerti i miei 2000 post e scoprire che non l'ho mai detto, che mai lo dirò, che sinceramente non me ne frega nulla e che forse il 2015 potrebbe essere l'anno di Windows sul web; chissà, magari incrociando le dita alla MS potranno mantenere la promessa che avevano fatto con Vista (un dirigente disse: ci vado in rete senza antivirus; stiamo ancora ridendo...)
    > tutti i tuoi 10000 software sicuramente non
    > saranno mai usati quanto windows (sempre parlando
    > di desktop e mercato consumer) quindi il mio discorso resta
    > valido
    Per la verità i 1000 SW che ho citato sono tutti multi piattaforma e sono molto più usati di Windows (dipende poi da cosa intendi per "usarli": nessuno che sia stato sul web ha potuto evitare di usare un sito con Apache, per esempio; mentre i miei figli per ora non hanno mai usato Windows Vista). Quindi se la gente evitasse di fare da beta tester a 7 e lo facesse per free SW (non SW free) i benefici sarebbero sicuramente per tutta l'umanità.
    Comunque c'è da dire che rispetto a Vista c'è stato un grande passo avanti: mentre allora i beta tester pagavano anche 600 € ora per un po' possoo drogarsi di 7 gratis.
  • Questa è la famosa libertà che andate cantando voi cantinari... dobbiamo essere tutti liberi... sì ma solo di usare il software open... maperfavore... ognuno fa ciò che vuole e perlare di benefici all' umanità per un po di betatesting gratuito al software free è davvero fuori dal mondo
    ma poi che vi avrà fatto mai microsoft, ci sono centinaia di aziende multinazionali che fanno ben di peggio, sfruttamento del lavoro minorile eccetera, ma rompete un pò le balle a loro invece di perdere tempo così(e di romperle in continuazione a noi coi soliti discorsi pacco), che tanto siete solo ridicoli cantinari cari...
    non+autenticato
  • - Scritto da: sucallo
    > Questa è la famosa libertà che andate cantando
    > voi cantinari... dobbiamo essere tutti liberi...
    > sì ma solo di usare il software open...
    > maperfavore... ognuno fa ciò che vuole e perlare
    > di benefici all' umanità per un po di betatesting
    > gratuito al software free è davvero fuori dal
    > mondo
    > ma poi che vi avrà fatto mai microsoft, ci sono
    > centinaia di aziende multinazionali che fanno ben
    > di peggio, sfruttamento del lavoro minorile
    > eccetera, ma rompete un pò le balle a loro invece
    > di perdere tempo così(e di romperle in
    > continuazione a noi coi soliti discorsi pacco),
    > che tanto siete solo ridicoli cantinari
    > cari...
    Siete liberi di fare quello che volete, nessuno ve lo impedisce: ognuno si fa del male come meglio crede.
    Non ce l'ho in particolare con la MS, ma concordo con Calamari che aiutare un'azienda gratis a sviluppare un prodotto che poi vi venderà chiuso non è il massimo della furbizia.
    A voi la scelta.
  • - Scritto da: sucallo
    > Questa è la famosa libertà che andate cantando
    > voi cantinari... dobbiamo essere tutti liberi...
    > sì ma solo di usare il software open...
    > maperfavore... ognuno fa ciò che vuole e perlare
    > di benefici all' umanità per un po di betatesting
    > gratuito al software free è davvero fuori dal
    > mondo
    > ma poi che vi avrà fatto mai microsoft, ci sono
    > centinaia di aziende multinazionali che fanno ben
    > di peggio, sfruttamento del lavoro minorile
    > eccetera, ma rompete un pò le balle a loro invece
    > di perdere tempo così(e di romperle in
    > continuazione a noi coi soliti discorsi pacco),
    > che tanto siete solo ridicoli cantinari
    > cari...

    Qui di ridicolo c'è sono il tuo nick.
    non+autenticato
  • - Scritto da: certo
    > Quelli che fanno da beta tester per windows 7
    > (perchè anche se l' autore lo dice a quello si
    > riferisce)

    o hai letto male o hai capito male

    > non fanno un favore solo a microsoft
    > ma a tutti quelli che poi lo useranno (e quindi
    > anche a loro stessi), più del 90% di chi usa un
    > pc quindi... ecco che diventa molto più utile
    > rispetto allo sviluppare un software opensource
    > usato da qualche migliaio di persone in tutto il
    > mondo..

    chissà perché... ma scommetterei che M$ la pensa esattamente come te...

    domani vai alla fiat e lavora gratis per un anno, così potrai testare meglio la catena di montaggio... sarà molto utile a tutti quelli che compreranno una macchina...

    poi vai dal tuo meccanico autorizzato fiat e lavoraci per un altro anno gratis... sarà molto utile a tutti quelli che avranno un problema: la fiat saprà meglio come aiutarli...

    poi se vuoi vieni per una anno a pulirmi casa gratis... potrai provare un sacco di prodotti per la pulizia domestica e questo sarà molto utile per aiutare tutti i milioni di casalinghe e colf del mondo a scegliere i prodotti migliori...
    non+autenticato
  • se per te scaricare gratis un so come windows 7 e poterlo usare gratis per un anno in cambio di qualche feedback (tra l' altro non è obbligatorio, puoi anche usarlo e basta senza aiutare microsoft se non tramite i rilevamenti automatici che fanno) lo chiami lavorare... beh secondo me hai le idee un pò confuse sul termine lavorare caro...

    è che vi rode perchè seven, per stessa ammissione di figure importanti nel mondo open, è un ottimo so e infrange i vostri inutili sogni di vedere linux su più dell' 1% dei pc consumer...

    questo cmq è l' anno di linux sì sì come no hahahahahaha
    non+autenticato
  • - Scritto da: sucallo
    > se per te scaricare gratis un so come windows 7 e
    > poterlo usare gratis per un anno in cambio di
    > qualche feedback (tra l' altro non è
    > obbligatorio, puoi anche usarlo e basta senza
    > aiutare microsoft se non tramite i rilevamenti
    > automatici che fanno) lo chiami lavorare... beh
    > secondo me hai le idee un pò confuse sul termine
    > lavorare caro...

    carissimo

    se io ho le idee confuse sul termine lavorare tu le hai sul termine gratis...

    > è che vi rode

    vi? vi chi? a chi ti riferisci?
    stai generalizzando e cambiando discorso, come fa chi non ha argomenti

    > perchè seven, per stessa ammissione
    > di figure importanti nel mondo open,

    per esempio?

    > è un ottimo so

    su questo ti saprò dire... adesso è un po' presto per valutare bene...

    > e infrange i vostri

    vostri? ancora generalizzi e cambi ancora discorso... proprio non sai cosa dire...

    > inutili sogni di vedere
    > linux su più dell' 1% dei pc
    > consumer...

    proprio non hai capito un ca@@o...

    ma chi se ne frega di vedere "linux" (altra imprecisione e generalizzazione che la dice lunga sulla tua ignoranza) su più di non si sa cosa...

    > questo cmq è l' anno di linux sì sì come no
    > hahahahahaha

    hahaha ma che bella battuta, molto originale, proprio dal morire dal ridere...

    ad argomenti stai proprio a zero...

    quando la smetti di giocare a chi lo ha più lungo torna che ne parliamo
    non+autenticato
  • - Scritto da: sucallo
    > se per te scaricare gratis un so come windows 7 e
    > poterlo usare gratis per un anno in cambio di
    > qualche feedback (tra l' altro non è
    > obbligatorio, puoi anche usarlo e basta senza
    > aiutare microsoft se non tramite i rilevamenti
    > automatici che fanno) lo chiami lavorare... beh
    > secondo me hai le idee un pò confuse sul termine
    > lavorare caro...
    >
    >
    > è che vi rode perchè seven, per stessa ammissione
    > di figure importanti nel mondo open, è un ottimo
    > so e infrange i vostri inutili sogni di vedere
    > linux su più dell' 1% dei pc
    > consumer...
    >
    > questo cmq è l' anno di linux sì sì come no
    > hahahahahaha

    Guarda, vedendo quanti imbecilli scorrazzano sul web, direi che sarà sempre l'anno di winzozz.
    Ora vai ad aggiornare alla 13456709398esima release del tuo software preferito: il Norton Antivirus.
    non+autenticato
  • "Un utente finale che motivo ha di rincorrere aggiornamenti?"
    Io la guarderei sotto un altro aspetto:
    Un produttore che motivo ha di creare aggiornamenti?
    che implica il chiedersi:
    Quanto sforzo ci mette per renderlo ineccepibile sotto tutti i punti di vista?
    non+autenticato
  • - Scritto da: ortega7
    > "Un utente finale che motivo ha di rincorrere
    > aggiornamenti?"
    > Io la guarderei sotto un altro aspetto:
    > Un produttore che motivo ha di creare
    > aggiornamenti?

    marketing... soldi...

    > che implica il chiedersi:
    > Quanto sforzo ci mette per renderlo ineccepibile
    > sotto tutti i punti di
    > vista?

    poco e nulla... infatti lo "sforzo" si fa per l'altro aspetto... marketing & soldi...
    non+autenticato
  • - Scritto da: CCC
    > - Scritto da: ortega7
    > > "Un utente finale che motivo ha di rincorrere
    > > aggiornamenti?"
    > > Io la guarderei sotto un altro aspetto:
    > > Un produttore che motivo ha di creare
    > > aggiornamenti?
    >
    > marketing... soldi...
    >
    > > che implica il chiedersi:
    > > Quanto sforzo ci mette per renderlo ineccepibile
    > > sotto tutti i punti di
    > > vista?
    >
    > poco e nulla... infatti lo "sforzo" si fa per
    > l'altro aspetto... marketing &
    > soldi...

    Allora non sono io il "maniaco" dell'ultimo aggiornamento.
    Vengo mio malgrado solo messo nella condizione di averne bisogno.
    Quindi...
    non+autenticato
  • Certi programmi ad uso personale me li sono fatti da solo, in parte perche' quelli sul mercato (anche gratuiti) non mi andavano bene (ad esempio il calcolo dell'Irpef, quelli in commercio costano piu' di quanto paghi di imposte, e valgono per ogni singola annata, mentre col mio posso convertire tutto in lire o in euro, e confrontare decenni di tassazione, cosi' tra l'altro vedo se pago di piu' o di meno, posso anche simulare le imposte di 20 anni fa con le norme attuali o viceversa), in parte perche' disponendo del codice sorgente avrei potuto facilmente trasferire tutto su un altro computer.
    Sono abbastanza d'accordo con Calamari sulle ultime versioni, spesso sono fatte apposta per costringere a comprare nuovo HW o SW, la compatibilita' verso il basso pare abrogata. Purtroppo se uso terminali pubblici, che non posso configurare a piacere e su cui non posso installare niente, e sopra manca Adobe Flash Player, non riesco a vedere nemmeno le offerte speciali di Esselunga.
    non+autenticato
  • Tanto peggio per Esselunga. Il sito della Lidl invece è molto più democratico. Io ormai i siti che non si vedono con l'iPhone (che non ha il supporto a Flash) semplicemente li depenno. Peggio per loro, non per me.
    ruppolo
    33147
  • - Scritto da: ruppolo
    > Tanto peggio per Esselunga. Il sito della Lidl
    > invece è molto più democratico. Io ormai i siti
    > che non si vedono con l'iPhone (che non ha il
    > supporto a Flash) semplicemente li depenno.
    > Peggio per loro, non per
    > me.

    proprio bravo!
    LIDL come esempio di democrazia...
    http://it.wikipedia.org/wiki/Lidl#Opinioni_e_osser...

    è proprio vero che qualcuno li fa (Apple e LIDL) e poi (magari con l'aiuto di qualche altro come te) li accoppia

    ma ormai la parola vergogna sta sparendo dai dizionari...
    non+autenticato
  • > Tanto peggio per Esselunga. Il sito della Lidl
    > invece è molto più democratico. Io ormai i siti
    > che non si vedono con l'iPhone (che non ha il
    > supporto a Flash) semplicemente li depenno.
    > Peggio per loro, non per me.
    Buona la tirata contro Flash (che per altro adoreai come tutti gli altri prodotti chiusi tenuti insieme da un'azienda da anni appena uscirà il plugin per iPhone), ma come pò un fighetto lodare una catena di discount? Come conciliare la ricerca della qualità a qualunque costo con l'amore per i discount?
  • Viviamo in un'era dove l'evoluzione della scienza e della tecnica è rapida come non lo è mai stato nella storia (o meglio, nella storia conosciuta...).
    Tra queste, l'informatica è la cosa che si evolve più velocemente e l'aggiornamento è l'evoluzione della versione precedente. L'informatica è qualcosa di così misterioso anche tra i programmatori, che ogni programma non è mai perfetto e si cerca di migliorarlo con piccoli ritocchi.
    Forse, proprio perchè l'evoluzione è così rapida, non siamo abituati a questi continui cambiamenti. Ma è fisiologico.
    Prima che l'informatica si stabilizzi ci vorranno decenni, se non centinaia di anni forse.
    Per quanto la vediamo evoluta, l'informatica è come se si trovasse alle elementari rispetto a quello che dovrà venire.
    E la strada, è ancora molto lunga.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Spaceship
    > Viviamo in un'era dove l'evoluzione della scienza
    > e della tecnica è rapida come non lo è mai stato
    > nella storia (o meglio, nella storia
    > conosciuta...).
    > Tra queste, l'informatica è la cosa che si evolve
    > più velocemente e l'aggiornamento è l'evoluzione
    > della versione precedente. L'informatica è
    > qualcosa di così misterioso anche tra i
    > programmatori, che ogni programma non è mai
    > perfetto e si cerca di migliorarlo con piccoli
    > ritocchi.
    > Forse, proprio perchè l'evoluzione è così rapida,
    > non siamo abituati a questi continui cambiamenti.
    > Ma è
    > fisiologico.
    > Prima che l'informatica si stabilizzi ci vorranno
    > decenni, se non centinaia di anni
    > forse.

    se non ti fosse chiaro, l'evoluzione si muove sulle DECINE DI MIGLIAIA di anni.

    l'informatica non si sta evolvendo, sta solo obbedendo alle leggi del marketing della moda.

    vai a lavorare per una qualsiasi fabbrica del settore della moda e vedrai gli stessi meccanismi "dobbiamo buttar fuori una nuova collezione" "ma vendiamo parecchio di un modello di una collezione di 6 anni fa... "
    e intanto si pompa, si lavora, si produce, si spinge il commerciale a convincere tutti che gli interessa una roba che non gli interessava e di buttare via la roba vecchia.


    > Per quanto la vediamo evoluta, l'informatica è
    > come se si trovasse alle elementari rispetto a
    > quello che dovrà
    > venire.
    > E la strada, è ancora molto lunga.

    questo è vero, il punto è che i continui aggiornamenti che vediamo NON SONO AFFATTO l'evoluzione di cui c'è bisogno: è solo marketing di cazzate imposte all'utente ad ogni versione!

    l'utente si trovava bene con tante cose che spariscono e si trova male con tante cose che nascono

    eppure questo accade lo stesso

    scompaiono gli standard e vengono imposte robe di mercato... questa non è evoluzione.

    Quello di cui parla Marco è: evolviamo, invece di dare spennellate di vernice modaiola e costosa.
    Evolviamo spendendo in qualcosa che è un investimento PER TUTTI

    Perché i software gratuiti della PA sono solo per windows e pure per una certa versione? Per esempio.
    non+autenticato
  • nulla da aggiungere
    mi hai tolto le parole di bocca
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | Successiva
(pagina 1/7 - 33 discussioni)