Luca Annunziata

Windows Seven sì, ma non per tutti

Ci sono le scadenze ufficiali per l'arrivo effettivo dei primi CD nelle mani degli interessati. E in Europa ci sarà qualche sorpresa, soprattutto in chiave family pack

Roma - È il primo, piccolo ritardo di Windows Seven nella sua pur breve gestazione: la versione RTM arriverà ai partner e agli OEM (gli assemblatori come Dell e HP) non alla fine di luglio, come fin qui prospettato, bensì dal 6 agosto. A partire da quella data, con un calendario neppure troppo fitto, gradualmente tutti gli interessati inizieranno a ricevere la propria copia di W7: infine a ottobre toccherà ai consumatori finali, a meno che non decidano di acquistare nel frattempo un nuovo PC. Ma, in alcuni casi, comprare il supporto fisico potrebbe anche convenire.

Procedendo con ordine, il calendario confermato da Microsoft per il rilascio di Seven è il seguente: dal 6 agosto, come detto, le più grandi aziende software potranno iniziare ad attingere a Microsoft Connect e MSDN per scaricare le proprie immagini del sistema operativo, così come gli IT Professional e gli sviluppatori. Dal 16 dello stesso mese toccherà a partner Gold e certificati: per tutti, in ogni caso, l'unica versione disponibile sarà quella in inglese - occorrerà attendere ottobre per le altre localizzazioni. I produttori OEM, invece, entro le prossime 48 ore inizieranno a ricevere le prime immagini utili ad assemblare i primi prodotti equipaggiati con Seven.

Dal 23 agosto toccherà agli abbonati Microsoft Action Pack, dal 1 settembre anche gli acquirenti di licenze a volume saranno abilitati a fruire della nuova versione del software. Ai comuni mortali, vale a direi i consumatori finali, non resta invece che attendere il 22 ottobre: per chi ha testato la versione beta e la release candidate di Seven, tuttavia, già negli scorsi giorni era arrivata la sorpresa di uno sconto di circa il 50 per cento su alcune versioni del nuovo sistema operativo.
Infine, novità anche per il paventato e fin qui non confermato family pack di Windows Seven, che consentirà di installare su tre diversi PC l'OS purché appartengano allo stesso nucleo familiare e risiedano nella stessa abitazione. BigM ha ora confermato che il family pack c'è, e il suo funzionamento sarà analogo a quello delle licenze che già da tempo riguardano Office: purtroppo l'Europa, come confermato a Punto Informatico durante lo scorso WPC a New Orleans, non farà parte dei mercati in cui questo pacchetto sarà disponibile.

A causare l'esclusione del Vecchio Continente è la necessità di proporre una diversa versione del sistema operativo entro i confini dell'Unione Europea, per far fronte alla vicenda antitrust che vede coinvolta Microsoft e il suo browser integrato: Internet Explorer. Windows 7E non sarà offerto nel "formato famiglia", probabilmente per evitare di complicare troppo la logistica di approvvigionamento dei prodotti: a farne le spese saranno tutti quei consumatori che, sempre più spesso, possiedono più di un PC, e che con pochi euro in più avrebbero potuto aggiornare in batteria. Questi ultimi saranno costretti ad acquistare una licenza singola per ogni computer, oppure rischiare la sorte e tentare di procurarsi un pacchetto software proveniente da chissà dove: col rischio, però, di perdere la localizzazione e soprattutto di violare la licenza d'uso.

Luca Annunziata
Notizie collegate
203 Commenti alla Notizia Windows Seven sì, ma non per tutti
Ordina
  • - Scritto da: evilripper
    > Sembra che sia stato confermato il family pack
    > (fino a 3
    > pc)!
    >
    > http://notebookitalia.it/windows-7-family-pack-con



    "family pack di Windows Seven, che consentirà di installare su tre diversi PC l'OS purché appartengano allo stesso nucleo familiare e
    risiedano nella stessa abitazione."

    Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    non+autenticato
  • Qualcos'altro?
    Che so...
    Numero di scarpe?
    Dna?
    Gruppo sanguigno?
    Abitudini alimentari?
    Devo andare in questura per ritirare il pc?
    O all'ufficio anagrafe a produrre il documento?A bocca aperta
    non+autenticato
  • Quindi niente portatili? XD ...
    non+autenticato
  • - Scritto da: xxx
    > Quindi niente portatili? XD ...

    Possedere un portatile ti elimina dallo stato di famiglia?
    non+autenticato
  • - Scritto da: evilripper
    > Sembra che sia stato confermato il family pack
    > (fino a 3
    > pc)!

    guarda che non è mica una novità, c'è stato anche quando è uscito Vista
    non+autenticato
  • Hey!

    Purtroppo in Europa non se ne parla - me l'ha confermato personalmente la responsabile continentale del comparto Windows Business...

    Ciau!

    L
  • Ma che carino il nostro Winaro DOC (almeno penso sia lui): ha aperto su HWUpgrade un mega thread su Win7... è proprio invasato!! Rotola dal ridere


    http://www.hwupgrade.it/forum/showthread.php?t=193...
    non+autenticato
  • che dire se non:
    FANTASTICO!
    non+autenticato
  • Un thread gigantesco dove Dovella si fa le domande e si dà le risposte, con una sequenza di foto e video che mostrano 4 scemenze già presenti su qualsiasi SO e su qualsiasi GUI.

    E poi non venitemi a parlare di trollate; siamo quasi nel 2010 e ancora ci si stupisce per quattro effetti speciali?
    non+autenticato
  • secondo me quel tizio è pagato da MS, altrimenti non capisco come faccia a passare 24 ore al giorno a postare su mille blog e forum e credere megathread pieni di grafica e testi copia-incollati
  • Tra l'altro, i moderatori di quel forum non sembrano tanto contenti ...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Alvaro Vitali
    > Tra l'altro, i moderatori di quel forum non
    > sembrano tanto contenti
    > ...

    Gli farà splodere il DB con tutti i suoi post!! Rotola dal ridere
    non+autenticato
  • Nella pagina che hai indicato un senior member chiede:
    -"Come mai certe volte facendo shut down il pc non si spegne?"

    Risposta:
    - "usi emule?"
    non+autenticato
  • - Scritto da: qwerty
    > Nella pagina che hai indicato un senior member
    > chiede:
    > -"Come mai certe volte facendo shut down il pc
    > non si
    > spegne?"
    >
    > Risposta:
    > - "usi emule?"

    Un altro si è beccato 2 blue screen of death in meno di 10 minuti usa MSN Rotola dal ridereRotola dal ridere (ma non erano un ricordo del passato??) e uno non riesce a scaricare da Firefox su C:/ Rotola dal ridereRotola dal ridere

    Fan LinuxFan Apple
  • Ma come si fa alle soglie del 2010, a proporre sul mercato un OS che:

    - Ha il Registro di Sistema: delicato, pesante, fonte di mille casini.

    - Ha un file-system che necessita di esser deframmentato ('sta cosa andava ben su Win98 con FAT32, invece anche NTFS ha gli stessi problemi).

    - Necessita la presenza di un antivirus e di un antispyware, che, anche se leggeri, succhiano sempre risorse alla macchina.
    non+autenticato
  • Semplice: la gente lo compra. Si chiama consumismo e ha degli aspetti positivi e degli aspetti negativi. Uno di quelli negativi è che finché la gente stupida compra, si fa la roba per la gente stupida.
  • per fortuna, altrimenti i nostri amici ucraini non avrebbero di che vivereA bocca aperta
  • Come hanno osservato anni fa persino quelli di Gartner (nota società filo M$), Windows rischia di crollare su se stesso a causa del fatto che Microsoft continua ad aggiungere codice ad un progetto ormai obsoleto; è proprio la struttura di Windows che non va bene e così diventa difficilissimo apportare modifiche all'interfaccia grafica e al kernel.

    Continuando così si ottiene un prodotto sempre più mastodontico e inefficiente.

    La struttura modulare di una distribuzione Linux o MacOSX elimina questi problemi alla radice.
    Il kernel (linux o FreeBSD) è una cosa a se stante e può subire modifiche anche radicali senza stravolgere tutto il resto (basta semplicemente mantenere la stessa interfaccia).

    Il server X è una cosa a se stante e può essere sostituito in ogni momento da un altro server grafico (esistono vari progetti del genere).

    La GUI è una cosa a se stante e, infatti, su Linux ne trovate a disposizione a decine.

    In una struttura monolitica come Windows, qualunque modifica diventa difficilissima perché comporta ripercussioni su tutto il sistema; e la situazione poi è destinata a peggiorare continuamente, sino a portare all'implosione.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Alvaro Vitali
    > Il kernel (linux o FreeBSD) è una cosa a se
    > stante e può subire modifiche anche radicali
    > senza stravolgere tutto il resto

    falsissimo. Linux ti costringe a ricompilare il kernel ogni volta che devi includere un nuovo driver o componente. Windows invece ha i driver esterni al kernel che puoi installare e caricare/scaricare al volo senza necessità di ricompilare il kernel NT.
    non+autenticato
  • - Scritto da: slurpa
    >
    > falsissimo. Linux ti costringe a ricompilare il
    > kernel ogni volta che devi includere un nuovo
    > driver o componente. Windows invece ha i driver
    > esterni al kernel che puoi installare e
    > caricare/scaricare al volo senza necessità di
    > ricompilare il kernel
    > NT.

    I moduli, questi sconosciutiSorride
  • - Scritto da: slurpa
    > falsissimo. Linux ti costringe a ricompilare il
    > kernel ogni volta che devi includere un nuovo
    > driver o componente. Windows invece ha i driver
    > esterni al kernel che puoi installare e
    > caricare/scaricare al volo senza necessità di
    > ricompilare il kernel
    > NT.


    A parte che questo lo devi fare solo per alcuni drivers, e poi e' una cosa che fai una volta, quando aggiungi schede o componenti hardware, e che per farlo devi comunque spegnere il computer.
    Non e' un problema che tocca l'utente.
    E che se anche gli toccasse, la procedura e' trasparente, e il nuovo kernel si installa al successivo riavvio.
  • Guarda basterebbe il tuo secondo criterio per bollare come antiquati tutti i file system esistenti.
    La deframmentazione è una caratteristica di tutti, c'è che la gestisce in un modo (ad ogni write) o in un altro (es. su richiesta dell'utente, schedulandolo in background, ecc.).

    Gli altri punti sono tutti discutibili ma ovviamente meritano spazi ben maggiori di quelli concessi ad un commento.
    non+autenticato
  • la frammentazione non si può evitare, del resto si frammenta pure la ram mica solo il disco

    il punto è che ci sono algoritmi e filesystem migliori di altri...ad esempio un filesystem ext richiede anni per frammentarsi a livelli che possono pregiudicare le performance

    la gestione della deframmentazione è un altro aspetto che distingue i filesystem....ext4 ad esempio fa un ottimo lavoro di deframmentazione online
  • > il punto è che ci sono algoritmi e filesystem
    > migliori di altri...ad esempio un filesystem ext
    > richiede anni per frammentarsi a livelli che
    > possono pregiudicare le
    > performance

    Hai ovviamente esempi comparativi che sostengono la tua tesi giusto?

    > la gestione della deframmentazione è un altro
    > aspetto che distingue i filesystem....ext4 ad
    > esempio fa un ottimo lavoro di deframmentazione
    > online

    Si, se ti va via la corrente perdi mezzo disco, perfettamente deframmentato.
    non+autenticato
  • - Scritto da: nome e cognome

    > Hai ovviamente esempi comparativi che sostengono
    > la tua tesi giusto?
    >

    basta che installi linux e lo tieni su per 6 mesi e fai lo stesso con windows server

    poi comparaA bocca aperta


    > Si, se ti va via la corrente perdi mezzo disco,
    > perfettamente
    > deframmentato.

    ovviamente anche tu hai prove di quanto affermi vero? trollazzoA bocca aperta
  • Devo dire che la home premium è abbastanza caruccia.

    Senza troppi orpelli della ultimate sembra un filo più snella.

    Certo continuerò ad usare Linuxcome so principale, ma come so MS per le emergenze, lascio 7 in luopo di xp nella partizione dedicata.

    Per la cronaca è la versione 16385, già in sign off.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 23 luglio 2009 15.07
    -----------------------------------------------------------
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 23 luglio 2009 15.09
    -----------------------------------------------------------
  • E adesso voglio vedere la stessa notizia su PI!
    non+autenticato
  • E chi ci ha mai creduto a quella notizia assurda.
    Era assolutamente improbabile che rilasciassero del codice cosi' tanto per onorare l'interoperabilità, molto piu' probabile che fossero costretti.
    Ed infatti......

    E' un peccato che abbiano rilasciato tutto ne sarebbe venuta fuori una causa milionaria.
    non+autenticato
  • "quando pensi che..." fanno qualcosa di buono per te, dopo te la mettono in quel posto...poi cambiano ogni settimana e ti fregano! Da una parte quella che loro chiamano "pirateria" la ritengo cosa giusta...(ma non troppo)
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 15 discussioni)