Claudio Tamburrino

Spagna, rosso diretto al copyright

Il sito di streaming di eventi sportivi Rojadirecta se la cava al Tribunale di Madrid. Non è la prima volta che accade

Roma - Il sito spagnolo Rojadirecta ha vinto il primo round contro i titolari dei diritti televisivi che lo accusavano di violazione del copyright. Il procedimento nei suoi confronti è stato archiviato perché "il fatto non sussiste".

Rojadirecta è uno dei portali più famosi per quanto riguarda lo streaming: permette ai suoi utenti di vedere in diretta e gratuitamente i principali eventi sportivi, sia spagnoli che internazionali, soprattutto calcio ma anche tennis, football e gli altri incontri più richiesti.

Il sito era stata portato in tribunale da Audiovisual Sport, maggior detentore spagnolo di diritti televisivi, editore anche del quotidiano El Pais e della rete televisiva Cuatro, nonché titolare dei diritti sulla trasmissione della Liga e della Coppa del Re, eventi dall'elevato share di ascolti offerti anche da Rojadirecta.
Il giudice di Madrid ha archiviato il caso perché "il fatto non sussiste": secondo quanto riferito dall'amministratore di Rojadirecta, Audiovisual Sport avrebbe accusato il sito di "mettere a disposizione degli utenti dei software di decodifica per guardare i programmi criptati da loro trasmessi in Spagna, facendo dunque riferimento ad una legge creata per impedire alle persone di utilizzare i decoder delle tv satellitari senza pagare".
La legge cui avrebbero fatto riferimento gli avvocati del gigante spagnolo dei diritti televisivi, dunque, richiedeva di verificare l'esistenza di mezzi attraverso cui il sito avrebbe favorito la decodifica illegittima dei segnali. Tuttavia, dal momento che gli esperti della polizia hanno potuto verificare che il sistema P2P di Rojadirecta questo non lo fa, il giudice non ha potuto che chiudere il caso.

"Il sito - si legge nella sentenza - non fornisce alcun codice necessario per decriptare il segnale televisivo, né realizza connessioni con programmi in grado di decodificarlo". I programmi che fornisce sono in Rete accessibili a tutti e, sottolinea il giudice "liberi, aperti e gratuiti". Per quanto riguarda i contenuti, poi, il sito non contiene propriamente nulla, se non una lista di link http che permette di collegarsi a siti terzi, dislocati in altri Paesi, che offrono l'evento in streaming oppure che portano al file torrent dell'evento.

D'altronde, gli stessi eventi che in Spagna sono in pay per view (e codificati in modo da non essere accessibili a tutti), in altre parti del mondo vengono trasmessi decodificati e possono arrivare direttamente in Rete attraverso programmi liberamente accessibili. La proprietà intellettuale sulle trasmissioni acquisita da Audiovisual Sport, inoltre, è limitata territorialmente.

La Corte ha adottato un punto di vista particolare in materia di valutazione dei compensi, giudicando quelli ricevuti da Rojadirecta non direttamente correlati all'atto di rendere disponibili i link agli eventi sportivi. I guadagni del sito derivano, infatti, da compensi pubblicitari indiretti.

Stessa vittoria giudiziaria avevano ottenuto in Spagna sia il sito TvMix (sempre accusato da Audiovisual) che fornisce lo stesso servizio di Rojadirecta, sia il sito Elrincondejesus che permette di scaricare film sia via BitTorrent che con Emule: quest'ultimo era stato chiamato in causa dalla Sociedad General de Autores y Editores (SGAE, la SIAE spagnola), ma il Tribunale, valutando l'assenza di fine di lucro, ha giudicato lecito l'interscambio di contenuti.

Intanto i detentori di diritti televisivi degli altri Paesi guardano al caso Rojadirecta con preoccupazione, in particolare Cile e Argentina, dove l'emittente televisiva Torneos y Competencias (TyC) ha affermato di temerne i contraccolpi e minacciato azioni legali contro i diffusori argentini che hanno intenzione di utilizzare il sito spagnolo, quali Justin.tv e Futbolarg.com.ar.

Aspettando il probabile appello da parte di Audiovisual Sport, sembra dunque che in materia di copyright la Spagna stia adottando una linea differente al resto d'Europa, che resta invece legata ai destini del caso The Pirate Bay e alla dottrina Sarkozy.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • AttualitàThe Pirate Bay, il processo non si ripeteràLa decisione della Corte è insindacabile, il discusso giudice che ha condannato i quattro della Baia non si può mettere in discussione. Ma Peter Sunde dice di voler denunciare la Svezia per violazione dei diritti umani
  • AttualitàMediaset alla guerra dei video onlineDopo l'ordinanza di un giudice milanese che ha imposto a Rcs di rimuovere 4 su 59 video dal proprio sito, Mediaset promette azioni legali contro siti e provider. Combatte per la legalità, mentre l'IPTV è alla porte
  • BusinessUna imposta P2P sarebbe una mannadi Leonardo Maccari (leonardo.lilik.it) - Ma gli ostacoli tecnici, giuridici e sociologici ad una fruizione facile dei contenuti e della condivisione non mancano. Ecco perché
6 Commenti alla Notizia Spagna, rosso diretto al copyright
Ordina
  • "La proprietà intellettuale sulle trasmissioni acquisita da Audiovisual Sport, inoltre, è limitata territorialmente."
    Esatto! Non puoi vietare che uno guardi da un sito straniero la stessa cosa!
    Questi qui sono legati a vecchi schemi del copyright. Internet è senza frontiere!
  • - Scritto da: lufo88
    > "La proprietà intellettuale sulle trasmissioni
    > acquisita da Audiovisual Sport, inoltre, è
    > limitata
    > territorialmente."
    > Esatto! Non puoi vietare che uno guardi da un
    > sito straniero la stessa
    > cosa!
    > Questi qui sono legati a vecchi schemi del
    > copyright. Internet è senza
    > frontiere!

    Questo aspetto e' sacrosanto.
    Un bel server su una piattaforma in acque extraterritoriali, come gia' discusso precedentemente su queste pagine, dovrebbe dare la mazzata definitiva a questo vecchiume del secolo scorso.

    Si rassegnino: il digitale finira' con l'essere libero.
    Per quante dighe cercheranno di costruire, l'acqua prima o poi raggiungera' l'oceano.
  • Sento fare tanti discorsi sul calo degli spettatori negli stadi, su SKY e digitale terrestre, bla bla bla.
    La verità che nessuno dice è che il Campionato di Serie A, oltre ad essere poco spettacolare, è anche il più finto, ridicolo e taroccato. Voi vi sedereste, pagando, ad un tavolo da gioco sapendo che il gioco è truccato?
    La Serie A ha mantenuto credibilità fino agli Anni'90, quando l'ultimo scudetto fu vinto dalla Sampdoria. Da allora in poi la lotta per lo Scudetto è sempre stata una cosa che riguardava esclusivamente Juve, Milan ed Inter (con la sporadica partecipazione delle romane, guarda caso proprio l'anno del Giubileo!).
    In questi ultimi anni abbiamo avuto inoltre i seguenti eventi che, se non possono definirsi reati, sicuramente sono comportamenti eticamente poco sportivi:
    1) passaporti falsificati di giocatori extracomunitari allo scopo di poter essere tesserati come giocatori comunitari;
    2) regali ingiustificati delle società calcistiche agli arbitri (tipo orologi di lusso);
    3) casi acclarati di doping e/o assunzione di sostanze farmaceutiche atte comunque ad alterare le prestazioni atletiche dei calciatori;
    4) bilanci falsificati con plusvalenze taroccate (giocatori di scarso valore inseriti a bilancio con alto valore allo scopo di far risultare il saldo del bilancio in attivo), comportamento ancora più grave se si considera che in alcuni casi ha coinvolto società calcistiche le cui azioni sono quotate in Borsa;
    5) avvallamento di fidejussioni poco trasparenti con relativa concessione dell'iscrizione al Campionato a favore di alcune società laddove, per motivi amministrativi e finanziari, tali società erano totalmente sprovviste dei requisiti richiesti dal regolamento;
    6) da ultimo, ritrovamento di carte telefoniche in possesso agli arbitri fornite direttamente o indirettamente da società calcistiche, più tutta una serie di intercettazioni telefoniche che hanno fatto emergere a più riprese svariati tentativi di accomodare i risultati delle partite e la conseguente classifica del Campionato.
    Ecco, se non basta questo a minare di credibilità un campionato non ho proprio idea di cosa ci voglia ancora!
    La gente non va allo stadio non perché c'è SKY o le partite TV trasmesse dai canali cinesi, ma perché gli stadi italiani sono scomodi, inadeguati, costano troppo rispetto ai comfort e allo spettacolo che offrono e in ultima analisi la gente (soprattutto quelli che non tifano per le strisciate o le romane) non è così idiota da voler pagare per essere anche presa per i fondelli.
  • - Scritto da: hibee72
    > Da allora in poi la lotta per lo
    > Scudetto [...] riguardava
    > esclusivamente Juve, Milan ed Inter

    Inter?
    OK che siamo ot, ma non siamo su un sito di fantascienza.
  • Perché è vecchio e si allinea alla sindrome prem... francese.