Federica Ricca

Più video online, meno social network

Una ricerca rivela: l'uso del video-sharing è raddoppiato in 3 anni negli Stati Uniti. I navigatori apprezzano soprattutto i contenuti TV

Roma - Sempre più persone guardano video online. Secondo una ricerca condotta nel mese di aprile da Pew Internet & American Life Project, il numero di statunitensi che guardano clip online sarebbe duplicato rispetto al 2006, passando da una percentuale del 33 al 62 per cento.

L'aumento interesserebbe tutte le fasce d'età, anche se i ragazzi dai 18 ai 29 anni si confermano la principale audience. Per quanto riguarda il genere, invece, dallo studio Pew si ricava che sarebbero di più gli uomini che guardano video online rispetto alle donne, con una differenza di 8 punti percentuali.

Per capire, inoltre, come è cambiato in tre anni l'uso dei siti di video-sharing, un altro dato contenuto nella ricerca è significativo. Il 19 per cento degli utenti di internet ha dichiarato di visitare siti come YouTube almeno una volta al giorno, anche in questo caso un raddoppio rispetto al 2006. Tale dato darebbe la percezione di come i video online siano ormai diventati un'alternativa alla TV nel tempo libero.
Aumenta anche la percentuale di persone che utilizzano internet per vedere show televisivi o film, passata dal 16 per cento al 35 per cento del totale. Tra questi è rilevante che il 23 per cento, principalmente uomini, hanno collegato il loro PC allo schermo della TV.

Dallo stesso studio è emerso che i cellulari di ultima generazione vengono utilizzati più frequentemente per registrare che per vedere file video.

Inoltre, prendendo in considerazione i dati che riguardano i social network, lo studio Pew mette in evidenza che gli statunitensi preferirebbero i video online a siti come Facebook o Twitter. Mentre, infatti, la percentuale di persone che utilizzano i social network si assesta al 46 per cento, quella di chi utilizza siti di video-sharing, come detto, ha raggiunto i 62 punti percentuali.

Va sottolineato, però, che la ricerca Pew è stata condotta utilizzando un campione di poco più di 2mila persone.

I dati dello studio confermerebbero i risultati di un'altra recente ricerca. A marzo ComScore aveva infatti rilevato un aumento dell'11 per cento del numero di video visti online, che avrebbero superato i 14 miliardi in un mese. Sulla stessa scia, un'altra indagine, questa volta condotta da Forrester, ha evidenziato come il 25 per cento della popolazione della Rete guardi online spettacoli televisivi.

Federica Ricca
Notizie collegate