Giorgio Pontico

Il candidato nell'inferno di Google

Per me si va ne la città dolente, per me si va ne l'etterno dolore, per me si va tra la perduta gente. Giustizia mosse il mio alto fattore

Roma - Non ci sarà pace per la campagna elettorale del senatore Kay Bailey Hutchison: Google non ha gradito la condotta tenuta dalla candidata alla carica di governatore del Texas. Il suo sito personale era stato, secondo il suo avversario, vettore di messaggi denigratori nei suoi confronti.

Per aumentare la visibilità del portale pro-Hutchison sulla Rete, i webmaster avevano abusato delle tattiche SEO associando alle pagine del sito una enorme quantità di keyword, comprese parole chiave che avrebbero infangato il nome del candidato rivale. Uno stratagemma che la maggior parte dei search engine non ha mai gradito.

La punizione per aver tentato di giocare i big del search consisterà pertanto nell'oblio telematico: Google, seguito subito dopo da Yahoo!, ha cancellato il sito della campagna elettorale di Hutchison dai suoi indici, decretandone di fatto la morte.
La reazione dello staff della candidata, che non ha commentato, si è concretizzata con la rimozione dei webmaster e lo spostamento del sito su un nuovo dominio, dopo che per quello originale si erano spalancate le porte del Google Hell. (G.P.)
Notizie collegate
15 Commenti alla Notizia Il candidato nell'inferno di Google
Ordina
  • Più che inferno, lo definirei limbo...
    I criteri di valutazione delle pagine scammose di Google sono quantomeno "poco efficienti"; con la keyword sbagliata (escludendo parole che attengano al mondo dell'illegale) si incappa in oceani di immondizia che coprono le informazioni vitali.
    non+autenticato
  • gne gne gne, tutto te sai!
    non+autenticato
  • pensi che sia facile fare creare qualcosa di meglio di google? MS sono anni che ci prova e forse ci sta riuscendo ora con bing (anche se vorrei proprio vederlo su scala mondiale con le difficoltà causata da una promisquità di lingue).

    Non do quanti anni hai ma quando studiavo i motori di ricerca erano excite, hotbot, altavista, arianna e simili. Era già tanto se ci prendevano OGNI TANTO. Google con il suo 'mi sento fortunato' rivoluziono il settore perchè CI PRENDEVA REALMENTE.
  • ah i bei tempi di altavista (che era il più figo perchè con il 56k si caricava più in fretta degli altriA bocca aperta)
    non+autenticato
  • Siamo vecchiCon la lingua fuori
  • Io ci navigavo negli internet cafè con Altavista (e anche con Jumpy), perchè in casa non avevo nemmeno il 56kCon la lingua fuori
  • Eran belli gli internet cafè. Comunque secondo me il problema non è quanto bravo è google.. ma quanto viola le regole sul monopolio.. in questo caso dell'informazione. Premetto che ho una Gmail un Gcalendar e un sacco di altre Gcose che mi sono utilissime e che non sostituirei con NULLA al momento... ma il problema è che G ha un potere davvero esagerato.. ho sempre visto fare scelte furbe..ma se domani decide qualcosa di strambo (come quando last.fm ha scelto di farsi pagare per farmi ascoltare una radio on line), nn si potrebbe obiettare nulla e saremmo tutti col --- per terra.
    non+autenticato
  • Ah bhe nessuno ti vieta di smettere di usare il servizio quando le condizioni diventano sfavorevoli.
    In fondo usufruendo gratuitamente dei servizi di google non hai registrato carte di credito o cose del genere, quindi non possono farti evaporare $lots_of_money$ senza il tuo consenso, inoltre dubito seriamente che vengano a bussare alla tua porta per farsi pagare.
    Wolf01
    3342
  • poi venne hotbot che fu un passo enorme: nella prima pagina avevi sempre la risposta.
    Google surclasso' tutti
    SkZ
    78
  • - Scritto da: nome cognome
    > ah i bei tempi di altavista (che era il più figo
    > perchè con il 56k si caricava più in fretta degli
    > altri
    >A bocca aperta)
    AAHHHH IL VECCHIO ALTAVISTA..!
    non+autenticato
  • Me li ricordo anch'io quei tempi... pensavo che nessuno avrebbe potuto superare altavista... e invece è scomparso, mentre yahoo e excite esistono ancora.

    Nessun'altro, a parte me, usava 37.com?
    non+autenticato