Federica Ricca

Facebook e il grid computing

Intel crea una nuova applicazione per il social network. Quando la CPU è inutilizzata si combatte il cancro, il riscaldamento climatico e molto altro ancora

Roma - Per studiare malattie come la malaria, per combattere il riscaldamento globale e per altri scopi umanitari, Intel ha appena annunciato la nascita di una nuova applicazione per Facebook.

Il progetto, nato con l'ausilio di BOINC e GridRepublic, si chiama Progress Thru Processors e dà, a chiunque lo volesse, la possibilità di condividere cicli inutilizzati della propria CPU.

Dopo aver scaricato l'applicazione, l'utente può scegliere a chi destinare la capacità di calcolo non usata in quel momento. Le alternative sono tre. La prima, Rosetta@home è un progetto finalizzato a determinare il folding delle proteine ed è parte di una ricerca sulle possibili cure per il cancro, la malaria, il virus HIV e l'Alzheimer.
Il secondo progetto cui si può contribuire si chiama climateprediction ed è il più grande tentativo di previsione del futuro climatico della Terra. E, infine, la terza possibilità a disposizione degli iscritti Facebook più generosi è Africa@home, un progetto nato con l'obiettivo di trovare nuove cure per la malaria, attraverso lo studio di modelli di simulazione della trasmissione della malattia.

Come assicurato nella presentazione dell'applicazione, essa non ha alcun effetto sulle altre attività degli utenti e agisce in background. Inoltre si attiva in automatico, quando necessario si fa da parte, e non costringe l'utente a lasciare acceso il PC più di quanto si voglia.

Secondo il vicepresidente Intel Deborah Conrad, Progress Thru Processors vuole evidenziare come i piccoli contributi individuali possano avere un impatto notevole nel mondo. Lo stesso spirito ha animato un'altra iniziativa nata nel gennaio 2009, anch'essa promossa da Intel, intitolata Small things Challenge, in cui si aiutano associazioni come Save The Children e Kiva attraverso piccolissimi contributi monetari.

Federica Ricca
Notizie collegate
36 Commenti alla Notizia Facebook e il grid computing
Ordina
  • ok, sono progetti etici però prendiamoli con le pinze e un po' di senso critico.
    1) nulLa è gratis, se si cazzeggia al pc e apri un nuovo processo c'è consumo di cpu, elettricità e tempo...quindi donare si ma nulla vien fuori dal nulla.

    2) alla fine non si da mai se tutti i cicli "donati" a questi progetti siano intermanete dedicati a queste ricerche "libere"

    3) se le università e i centri di calcolo progettano i supercomputer un motivo ci sarà no? oltre che fare a gara chi ce l'ha più lungoOcchiolino
    non+autenticato
  • <ot>
    @ducati749, ho fatto casino con il login di PI. la mia risposta e' finita qui ..

    Comunque grazie per il link .. tuttavia non posso non controbattere.
    In particolare avrei da ridire su questa parte :
    " I modelli teorici possono anche essere utilizzati per determinare le strategie ottimali per la prevenzione (distribuzione di reti antizanzare o vaccini in fase di sviluppo)."

    Scusa eh, avrai anche cognizione di causa ma forse non sai che quello della malaria non e' virus , e quindi e' impossibile poter sviluppare un vaccino ( almeno nei termini entro cui noi conosciamo un vaccino, ovvero una serie di micro organismi privati della funzione infettiva e iniettati nel fisico per sollecitare determinate funzioni del sistema immuno difensivo ).
    In effetti l'unico mezzo per contrastare l'infezione da malaria e' un trattamento di chemio profilassi, attualmente usata come metodo di prevenzione e solitamente anche curativo, ma e' una procedura molto onerosa per il fisico e per lo piu' sconsigliabile come forma preventiva.

    E poi sinceramente, c'e' bisogno di computare migliaia di dati perche' un governo si prodighi a distribuire a tutti delle reti anzi zanzare nelle aree di particolare persistenza della zanzara anofele?
    Ti assicuro che funzionano e sono il mezzo piu' veloce, pulito ed economico per arginare il problema.

    regards
    </ot>
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 05 agosto 2009 20.52
    -----------------------------------------------------------
  • Se il pc si tenesse spento, anzichè accesso, quando non lo si utilizza, il mondo sarebbe meno "caldo" e si consumerebbero meno KW.

    Il mondo diventa sempre più sciocco.
    non+autenticato
  • cosa c'entra?
    creare modelli matematici sul riscaldamento globale richiede potenza di calcolo.
    allora cosa facciamo?
    non calcoliamo più niente perchè altrimenti inquiniamo?

    BOINC serve solo a regalare potenza di calcolo inutilizzata nel momento in cui accendi il pc per "cazzeggiare". praticamente consumi quanto consumavi prima di installarlo
    non+autenticato
  • sempre che li usino per creare modelli matematici per il riscaldmanto globale...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Zofone
    > sempre che li usino per creare modelli matematici
    > per il riscaldmanto
    > globale...

    perchè secondo te i risultati che hanno pubblicato se li sono inventati, vero?
    e la BBC ha sponsorizzato un progetto fasullo, che in realtà calcola la migliore traiettoria dei missili per colpire stalingrado?

    ma per favore..
    non+autenticato
  • ti ho risposto sotto in un nuovo thread, sorry ma ho fatto casino col login di PI.

    regards
    Alex
  • - Scritto da: Ducati 749
    > e la BBC ha sponsorizzato un progetto fasullo,
    > che in realtà calcola la migliore traiettoria dei
    > missili per colpire
    > stalingrado?

    che mancheranno clamorosamente il bersaglio perchè nel frattempo esso era tornato a chiamarsi VolgogradCon la lingua fuori
    Funz
    13000
  • Praticamente vivi in un mondo di favole, ti bevi tutto ciò che forse leggi su rivistine di terz'ordine e non rifletti a sufficienza sulle cose.
    I supercomputer dedicati al calcolo scientifico tipo "folding" sono assai più efficienti energeticamente di qualsiasi rete di "PC" domestici. Il rapporto consumo/potenza è assai più elevato per una rete composta da una moltitudine di PC domestici che su un supercomputer dedicato. Credi che durante un calcolo come "folding" un pc consumi come quando non fa nulla? Beata ignoranza, purtroppo consuma e non poco! Applica un wattametro alla shucko del tuo pc e prova, se non credi. Moltiplica il consumo rilevato per tanti, tantissimi PC e ti accorgi da te che superi facilmente quello di un supercomputer dedicato e hai minore potenza di calcolo. Chiedi a chi queste cose le vive per lavoro, se non credi a uno sconosciuto la cui parola in un forum ha lo stesso valore di quella di uno stolto.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Trinitron
    >
    > I supercomputer dedicati al calcolo scientifico
    > tipo "folding" sono assai più efficienti
    > energeticamente di qualsiasi rete di "PC"
    > domestici.

    Questo lo dici tu.
    E comunque non tutti i centri di ricerca possono permetterseli...
    non+autenticato
  • ... con la scusa del Social Network popolare, radunano tutti i PC per calcolare quello che vogliono loro.

    ROTFL, non dico altro.
    non+autenticato
  • certo...e ovviamente una volta trovata la eventuale cura ai brutti mali (sempre che già non sia nel cassetto ben chiuso della Pfizer, Novartis, Procter&Gamble, Bayer.... di turno) la cura sarà generosamente donata al mondo... perchè non sarà mica che tutti noi poverelli partecipiamo alla creazione di una cura che può salvare solo i ricchissimi no....? Pensateci prima di partecipare a ste buffonate o a sentirvi magnanimi facendovi fregare da banchetti e maratone televisive!
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 05 agosto 2009 09.40
    -----------------------------------------------------------
  • Mi sembra che parti abbastanza prevenuto per questi progetti. Secondo quanto scrive David Baker, rosetta@home è un software di ricerca che serve a determinare la struttura delle proteine. Questo software è rilasciato sotto license a tutti gli enti che fanno ricerca, con una tassa per i privati (en.wikipedia.org/wiki/Rosetta@home ; depts.washington.edu/ventures/UW_Technology/Express_Licenses/rosetta.php).

    Comunque anche altre persone si sono poste la stessa questione, una risposta si puo' trovare nel forum, da parte dei moderatori e dello stesso David Baker (qui: boinc.bakerlab.org/rosetta/forum_thread.php?id=4408)
    e comunque tutto è scritto nelle varie license.

    Riassumendo, parlando per rosetta, quello che si va a fare è aiutare un'università a progettare un metodo di predizione proteica che poi potrà essere utilizzato da tutto il mondo.
    Quindi non concordo con te quando dici che è una presa in giro.

    E comunque se rosetta non ti piace ci sono moltissimi altri progetti che hanno bisogno di potenza di calcolo, ce ne sono alcuni matematici che servono a studiare congetture irrisolte (tipo il progetto ABC@home).

    Rispondo poi ad altri che si preoccupano del consumo energetico. Si, è vero, il computer consuma in questo modo, ma è un bene spendere energia in ricerca (vedere anche qui: www.boincitaly.org/index.php?Itemid=58&id=66&option=com_content&task=view   sulla quantità di CO2 prodotta).
    non+autenticato
  • non mi sembra sia la visione giusta, è più come donare una somma alla croce rossa o a emergency, non si sa di sicuro dove vanno i soldi ma si spera che servano alla causa.
    Inoltre questo non costa nulla
    non+autenticato
  • Costa, costa. Solo navigando, visualizzando una pagina senza filmati il mio PC consuma 70 W, con un gioco scemo di facebook (petsociety, il ristorante, la fattoria) il consumo per qualche misterioso motivo sale a 120 W, con Folding sale con giusto motivo a 180 W...
    non+autenticato
  • Certo che se continui a lavorare su un Pentium 4....

    Nota bene che le cpu moderne di oggi (quelle "normali", core2duo), se le metti sotto pressione, dubito che arrivi oltre 35-45W.

    Mi domando cosa stai misurando.

    Comunque il balzo grosso che dici tu puoi averlo solo in due casi:


    1. Utilizzi una cpu molto inefficente, come i P4

    2. Utilizzi la scheda video per i calcoli.
  • sicuro? guardando un po di test per cpu, anche recenti, sembrerebbe che la differenza tra idle e cpu stressata sia sui 30-60w a seconda di marca/modello cpu
    non+autenticato
  • tu parli solo della CPU, dimenticando il resto del pc

    il mio monitor lcd consuma da solo 50 Watt
    l'efficenza del procio c'entra poco. i processori moderni sono efficienti solo perchè a parità di consumo hanno prestazioni migliori delle cpu vecchie..
    non+autenticato
  • Io ho consumi simili, 15 W in più al minimo. Athlon 64 X2 con frequenza variata automaticamente da 1 a 2.6 GHz, 90 nm, Geforce 8800 GT con frequenza gpu e mem variata automaticamente, Wattmetro Velleman Netbsem3.
    non+autenticato
  • 8800 GT

    questa scheda consuma un botto!
  • Questa scheda ce l'ho anch'io e all'epoca era tra le migliori nel rapporto performance/watt, anzi appartiene alla seconda serie che consuma meno. Va ancora assai bene per quel che devo fare col PC. Consuma un botto? Sì, rispetto ad un orologio da polso consuma un botto. La tua forse consumerà 1 Watt, ma sai com'è, non ci credo.
    non+autenticato
  • Nel 1990 e rotti esisteva il progetto seti@home, e nacquero diversi altri progetti, che lavoravano alla partenza dello screensaver. La novità non si vede. A parte nella firma dell'articoloSorride
    non+autenticato
  • L' applicazione che mi piace di più del grid computing è l' uso dei crawler per i motori di ricerca: diversi lo fanno (yacy in primo luogo)
    non+autenticato
  • <OT>
    ho notato anch'io. Bella firma !
    Occhiolino
    </OT>
  • e chi se ne frega se non è nulla di nuovo? Perdonami ma in questo che sia un concetto innovativo non ha alcuna importanza!!!

    Invece l'idea di creare un applicazione per facebook è ottima. Almeno che gli utenti di facebook si rendano utili in qualhe modo!!! Utilizzare i socialnetwork come veicolo di propagazione di questo software mi esmbra un ottima cosa.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)