Claudio Tamburrino

Questo Diablo č troppo cattivo

Diablo III potrebbe non essere distribuito nella stessa versione in tutto il mondo. Variazioni nel sangue per Germania e Australia, rischio stop in Cina

Roma - Chi l'avrebbe detto che l'azione, il sangue e l'horror di Diablo sarebbe stato troppo. L'atteso terzo capitolo del videogioco rischia di non arrivare in Cina, e di esser censurato in Germania e Australia.

Per non rischiare di incappare nella scure delle più rigide autorità di controllo (in particolare quella australiana e quella tedesca) Blizzard si vedrà quindi costretta a cambiare qualcosa per vendere in quei paesi: il sangue. Basterà infatti in questi casi, magari seguendo l'esempio del rosso trasformato in rassicurante gelatina verde come proposto dal Child Safe Viewing Act statunitense, apportare alcune modifiche al design del gioco per assicurarsi il visto censura.

Quello delle Autorità di controllo è un lavoro la cui discrezionalità può compromettere seriamente il lavoro dei programmatori. La politica adottata in Germania, dove è coordinata dal "Dipartimento per i Media dannosi ai giovani", che ha già bloccato titoli come Gears of War 2, ha addirittura portato Gerhard Florin, dirigente locale di Electronic Arts, a parlare di vera e propria censura: "Quando si discute di giochi si guarda solo alla loro supposta violenza e capacità di creare dipendenza, non al loro status culturale. Le poche software house che restano in questo paese dovranno iniziare a chiedersi se ne vale la pena". Ha quindi chiesto che venga adottato il sistema di valutazione PEGI, impiegato nel resto d'Europa, al posto del duro USK impiegato in Germania.
Più complicato il discorso per la Cina, che rischia di non vedere mai Diablo III: i paletti imposti dalla censura locale potrebbero non essere mai aggirati dall'intervento dei programmatori.
Jay Wilson di Blizzard ha dichiarato infatti a Wired che "ci sono tante restrizioni lì che potremmo non riuscire a superare, anche se vogliamo e ci proveremo".

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
19 Commenti alla Notizia Questo Diablo č troppo cattivo
Ordina
  • ...sia mai che un giornalista usi la chat interna al gioco per far passare notizie senza la censura!
    non+autenticato
  • ...dove il sangue era bianco. Che a mio parere rendeva quel cartone speciale, perché sembrava che perdevano ENERGIA...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Noir79
    > ...dove il sangue era bianco. Che a mio parere
    > rendeva quel cartone speciale, perché sembrava
    > che perdevano
    > ENERGIA...

    Era sangue, solo che la violenza era epurata all'epoca con questi effeti, per non impresionare troppo.

    Ma se guardi le produzioni che hanno fatto dopo su Hokuto no ken, vedrai il festival del gore.
    Sgabbio
    26178
  • Era censurato solo da noi ...

    la versione jap era rossa e gore a non finire solo da noi avevi bianco ed effetto bianco e nero in inquadratura.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anon
    > Era censurato solo da noi ...
    >
    > la versione jap era rossa e gore a non finire
    > solo da noi avevi bianco ed effetto bianco e nero
    > in
    > inquadratura.

    ma non è vero, era così in origine.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anon
    > Era censurato solo da noi ...
    >
    > la versione jap era rossa e gore a non finire
    > solo da noi avevi bianco ed effetto bianco e nero
    > in
    > inquadratura.

    Mi autorispondo: in un passaggio su TMC è effettivamente stato censurato pesantemente, ma gli innumerevoli passaggi sulle reti locali sono come Buronson l'ha fattoOcchiolino

    http://www.deagostiniedicola.it/frontend/content.a...
    Funz
    12989
  • E' solo l'industria del cinema che ha paura dei videogiochi...
    e allora sangue verde anche nei film... no vero? ehehe strano.

    La censura funziona sempre in una maniera molto curiosa... prendete il caso della televisione italiana, tagliano scene 'secondo loro' hard, o per un par de tette si scandalizzano tutti, ma si dimenticano che facendo un giro sui vari canali si vedono solo tette e culi...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Pletrox
    > E' solo l'industria del cinema che ha paura dei
    > videogiochi...
    > e allora sangue verde anche nei film... no vero?
    > ehehe
    > strano.
    >
    > La censura funziona sempre in una maniera molto
    > curiosa... prendete il caso della televisione
    > italiana, tagliano scene 'secondo loro' hard, o
    > per un par de tette si scandalizzano tutti, ma si
    > dimenticano che facendo un giro sui vari canali
    > si vedono solo tette e
    > culi...

    Non mi sembra che in televisione facciano vedere tette e culi a tutto spiano, nel senso stretto del termine, comunque è vero che ci sono dei bacchettoni che fanno cadere le braccia.
    Sgabbio
    26178
  • Tette e culi a tutto spiano no,
    ma dimmi come facio a spiegare alle mi figlie perchè incuadrano il culo delle Belen (anche se meraviglioso) in tal modo che si vede bene la fittura coperta, opure di quella idiota che fa paperissima spint, o tutte quelle che ci sono in tv. Poi passano pubblicità dove ti fanno vedere i film che trasmetteranno nella serata facendo vedere scene al limite del porno o altro.
    Io faccio finta di niente (credetemi, adoro le belle gnocche e mi piaccino tanto), ma di fronte alle/i figli/e bisogna stare attenti.
    Pensate che c'è stato un periodo che gicavo a GTA4, ed a volte mia figlia veniva a guardare, ed io come uno scmo rubavo macchine, facevo missioni e sparavo alla gente.
    Un giorno ho sentito che giocava con la bpambina dei vicini e saltavano fuori frasi come..."ti rubo le cose e scapo", "io ti paro e ti uccido", "non facciamoci predere dalla polizia, spariamogli e scappiamo"......
    MAI E MAI +' GLI FARO' VEDERE UN GIOCHINO DEL GENERE
    Gli unici gichini che gli faccio usare sono le winx e qualche altro giochino simle.
    Non sono contario alla violenza ed al sangue nei giochi, anzi,ma il fatto di mettere un vietato ai minori di... 14 16 18 anni ci stà bene.
    Uno deve distingure cosa è il gioco dala realtà, e deve avere una età tale per poterlo fare.
    a 12 o 14 anni secondo me si fa fatica a distinguere tra realtà e finzione.

    Morale della favola..... W i gichi dove si spare, W la gnocca, ma solo ad una età adeguata..

    Ciao a tutti
    non+autenticato
  • E' solo propaganda che andrà tutta a favore del game come al solito. Di sicuro io lo comprerò. Del resto ho già l'uno e il due. Non c'è il due senza il tre percio... Occhiolino
    non+autenticato
  • Quando è uscito NWN, a causa delle restrizioni imposte dalla Germania nella campagna base non era possibile uccidere o ferire i bambini.
    Modifica imposta perché altrimenti non avrebbero potuto distribuire il gioco con il reting di età basso (o forse del tutto, questo non lo ricordo).
    E si parla di una decina di anni fa.
  • - Scritto da: Valeren
    > Quando è uscito NWN, a causa delle restrizioni
    > imposte dalla Germania nella campagna base non
    > era possibile uccidere o ferire i
    > bambini.
    > Modifica imposta perché altrimenti non avrebbero
    > potuto distribuire il gioco con il reting di età
    > basso (o forse del tutto, questo non lo
    > ricordo).
    > E si parla di una decina di anni fa.

    Non ricordo questo particolare di NWN ma sicuramente Fallout (il primo) in europa era stato censurato riguardo i bambini: in quel caso per evitare qualsiasi problema erano stati proprio tolti. Uno addirittura era necessario per una quest (per fortuna secondaria) che ovviamente nella versione europea non poteva quindi essere fatta.
    Onestamente sono solo vaccate per poveretti e sta gente farebbe meglio ad andare a fare qualche lavoro socialmente utile anziché perdere tempo.
    Capisco che un controllo ed un rating è necessario, ma nel momento in cui un gioco viene bollato come VM 18 anni dov'è il problema?
    Forse in Germania e in Australia anche nei film colorano il sangue di verde. No? Perché allora questa discriminazione contro i VG?
    non+autenticato
  • > Capisco che un controllo ed un rating è
    > necessario, ma nel momento in cui un gioco viene
    > bollato come VM 18 anni dov'è il
    > problema?

    forse produttori e distributori non gradiscono perdere una così grossa fetta di acquirenti
    non+autenticato
  • - Scritto da: nome e cognome

    > forse produttori e distributori non gradiscono
    > perdere una così grossa fetta di
    > acquirenti

    Vero, però è una rottura di balle, queste richieste da dittatura sui videogiochi, quando film, musica e libri, non hanno questi problemi.
    Sgabbio
    26178
  • - Scritto da: Sgabbio
    > - Scritto da: nome e cognome

    > > forse produttori e distributori non gradiscono
    > > perdere una così grossa fetta di acquirenti

    > Vero, però è una rottura di balle, queste
    > richieste da dittatura sui videogiochi, quando
    > film, musica e libri, non hanno questi problemi.

    Molti film di fantascienza anni '80 avevano il sangue verde ricordi ?
    E il motivo era proprio che non li vietassero.
    krane
    22544
  • - Scritto da: nome e cognome
    > > Capisco che un controllo ed un rating è
    > > necessario, ma nel momento in cui un gioco viene
    > > bollato come VM 18 anni dov'è il
    > > problema?
    >
    > forse produttori e distributori non gradiscono
    > perdere una così grossa fetta di
    > acquirenti

    Diablo 3 sarà cmq VM 18 anni anche col sangue verde per cui non vedo il problema.
    non+autenticato
  • ...a rilasciare patch non ufficiali per sbloccare i contenuti bloccati (come è sempre accaduto dai tempi di carmageddon in poi): magari saranno gli stessi sviluppatori della Blizzard ad agevolare la cosa, rilasciando in via non ufficiale i necessari update.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)