Giorgio Pontico

Facebook imbrattata da 4chan

Trafugati nomi e password di alcuni account Facebook relativi a persone appartenenti ad una chiesa cristiana statunitense, è scattata la corsa allo scherzo da prete

Roma - L'ultima bravata degli utenti di 4chan deve aver generato un certo imbarazzo in coloro che ne sono stati vittime. Dopo aver fatto irruzione in un social network dedicato ad una particolare confessione cristiana, i goliardi hanno sgraffignato le credenziali di accesso a Facebook di un non meglio precisato numero di iscritti.

Una volta ottenuto l'accesso a diversi account del più popolare social network, la truppa di moot si è divertita ad imbrattare le bacheche dei malcapitati con frasi e immagini oscene, dal chiaro intento provocatorio.

Questa è solo l'ultima di una lunga serie di marachelle digitali, e non è la prima volta che gli Anonymous mettono una religione nel proprio mirino: lo scorso anno era toccato a Scientology, con una manovra che non si manifestò solamente sulla Rete ma anche per le strade.
Giorgio Pontico
Notizie collegate
13 Commenti alla Notizia Facebook imbrattata da 4chan
Ordina
  • Premesso che se sono veri cristiani, devono porgere l'altro account, ovvero non prendersela pià di tanto, ritengo che tutto questa attenzione mediatica intorno alle imprese di quelli di 4chan non faccia altro che deviare le tendenze naturalmente ribelli di certe categorie di persone e quelle degli inevitabili emuli verso attivita' tutto sommato ininfluenti per il potere, anzi, permettono ai potenti di giustificare maggiori controlli su internet.

    Per potere intendo come un'astrazione dell'insieme di tutte le persone che nascondendosi dietro le ideologie piu' varie si realizzano solo nella misura in cui riescono a influire sugli altri: una volta elevatisi al di sopra delle persone qualunque, le mettono una contro l'altra.
    La ribellione a questo trend non e' certo 4chan. Un atto creativo, che supera le divisioni, quello e' la ribellione.

    Il primo pischello che posta un video divertente, che scrive due righe di freeware, che mette online una sua canzone, vale milioni di 4chan. Creatori di tutto il mondo, Vi ringrazio.
    non+autenticato
  • > La ribellione a questo trend non e' certo 4chan.
    > Un atto creativo, che supera le divisioni, quello
    > e' la
    > ribellione.

    Splendide parole. Ma prova ad andare su 4chan per un pò di tempo. Inizialmente ti sembrerà un sito con solo porno ed immagini raccapriccianti, ma poco alla volta prenderà la forma di un mondo che per quanto virtuale è [b]vero[/b], in cui le persone si sentono libere di esprimersi per quello che sono, di trasmettere il loro messaggio indipendentemente dal loro nome, o dalla loro nazionalità, religione... E' questo 4chan: libertà di essere, insieme ad altre persone. Quindi, dal mio punto di vista, 4chan rappresenta al meglio il superamento delle divisioni.



    PS:
    Truppa di Moot? Non appartiamo a nessuno, nemmeno a MootOcchiolino lo dico solo per puntualizzare
    non+autenticato
  • le regole 1 & 2 non vi dicono niente signori ?!?!one
    non+autenticato
  • - Scritto da: ilMostro
    > le regole 1 & 2 non vi dicono niente signori
    > ?!?!one

    Le regole 1 & 2 valgono solo per i raid. Riprova.
    non+autenticato
  • felice di vedere che non sono l'unico anon su PIA bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: ilMostro
    > tra l'altro leggete bene newfags...
    >
    > http://encyclopediadramatica.com/Rules_Of_The_Inte

    Dimenticavo.. Ha ragione ottocentoot to, valgono solo per i raid. Ritenta.
    non+autenticato
  • certo, sei completamente inifluente verso i poteri forti, finche anzi gli fai comodo sei libero... o meglio ti fanno credere di essere libero, siete anonimo solo in 4chan, non in rete. rintracciarvi non è difficile a meno che non adottiate qualche tecnologia per conto vostro. Ma se lo fate allora perchè limitarsi a dire quello che volete solo su 4chan?

    Senza offesa siete un bel gruppo gogliardico, ma se vi sentite liberi forse non avete capito come funziona la rete.
    Fate solo il gioco di chi vuole regolamentare e censurare la rete.

    Proprio un peccato potevate essere infinitamente di più
    non+autenticato
  • Ho detto che su 4chan mi sento libero. Altrove è pieno di restrizioni e regole, ma è ovvio che ci siano, e ognuno di noi ha la possibilità di scegliere. Ho scelto di non iscrivermi a FaceBook, così come ho scelto di far parte di quell'internet libera che per me è rappresentata da 4chan. E se mai venisse oscurato sono preparato ad usare sistemi che aggirano quelle restrizioni, grazie ai molti preziosi consigli di Marco Calamari.

    Sappiamo che internet non è libera, ma abbiamo un posto dove abbiamo trovato la nostra libertà, perchè è concepito per essere libero ed anarchico. Altri siti non saranno mai simili, perchè non nascono con quello scopo. Anche qui su PI il mio IP verrà sicuramente loggato, ma è giusto che sia così per regolamentare il contenuto dei messaggi che scriviamo.
    non+autenticato
  • Mi sembra stupida la relazione 4chan=anonymous=malefici hacker, anche se l'articolo avrà fatto sicuramente felice qualche pezzo grosso di Scientology in ascolto.
    4chan è semplicemente un'area di discussione aperta a tutti (e se incidentalmente ci posta anche qualche coglione che poi và a defacciare i siti altrui non bisogna pensare che tale individuo abbia l'appoggio di tutti quanti là dentro), un po' come i forum di punto informatico: se adesso a qualcuno di questi thread decidesse di partecipare anche qualche membro di anonymous (gruppo completamente privo di organizzazione gerarchica che non ha certo bisogno di appoggi illustri o altro, ricordiamolo: se uno di loro di propria iniziativa defaccia un sito a caso dobbiamo necessariamente pensare che tutto il gruppo approva ed è pure colpevole?) o qualche noto hacker il buon Pontico sarà pronto a rettificare l'articolo aggiungendo che anche PI è frequentato unicamente da delinquenti della peggior specie?
    Non generalizziamo, prego...
    non+autenticato
  • Parlare di anonymous senza nominarli e' la piu' grossa bastardata che poteva fare l'articolistaSorride lasciate cosi', al limite defacceranno loro l'articolo :_)
    non+autenticato
  • inoltre, mi ricordo che alla domanda "can we have an invasion board?" moot rispose "invasion are so stupid [...] this is the cancer that is killing /b/"

    ps
    anon != 4chan
    se qualcuno avesse fatto il nome di 4chan sarebbe un newfag in quanto avrebbe violato le regole 1 e 2
    non+autenticato
  • ma ste regole verranno rispettate prima o poi... e un po come pronunciare il nome di candlejack e poi scopr
    non+autenticato