Mauro Vecchio

Velocità di banda: lepri e tartarughe

Corre la Corea del Sud, arrancano gli Stati Uniti. Un'indagine a stelle e strisce per valutare lo stato di forma del broadband

Roma - All'alba di Internet correvano come una lepre quegli Stati Uniti che diffusero oltreoceano i nodi di ARPANET. Ora, quella lepre sembra essere invecchiata, divenuta quasi tartaruga tra le nazioni del mondo con la connessione più veloce. Ad annunciare i dati che testimoniano e confermano questa metamorfosi è stato il sito Speedmatters, progetto dell'organizzazione sindacale Communications Workers of America, che ha pubblicato online un documento frutto di un'indagine sulla velocità di banda degli Stati Uniti e di altri paesi.

"Gli Stati Uniti - esordisce il documento ufficiale - non hanno ottenuto miglioramenti significativi nella velocità con cui i propri cittadini si connettono a Internet. Il nostro paese continua a precipitare dietro altri paesi nel mondo". Le connessioni a stelle e strisce, infatti, si sono piazzate solo al 28esimo posto nella classifica di quelle più veloci, capitanata dalla Corea del Sud che viaggia su medie di 20.4 megabit al secondo. Gli allacci statunitensi sono stati sorpassati da quelli di Giappone (15.8 mbps), Svezia (12.8 mbps) e Olanda (11.0 mbps).

L'indagine di Speedmatters ha evidenziato che la velocità media di download statunitense è di 5.1 mbps, ridotta a 1.1 in upload. Leggermente meglio rispetto ai 4.2 mbps dello scorso anno, ma non certo sintomo di una crescita esaltante: "In altre parole - si legge nel documento - tra il 2008 e il 2009 la velocità media è cresciuta di 0.9 mbps. A questi ritmi, ci vorranno 15 anni per agganciare i livelli raggiunti attualmente dalla Corea del Sud".
Presente nel documento anche una classifica degli stati interni con le connessioni più veloci: il Delaware si è piazzato al primo posto con 9.9 mbps; triste invece la posizione dell'Alaska con appena 2.3 mbps. Preoccupato Larry Cohen, presidente di CWA: "Ogni cittadino statunitense dovrebbe avere accesso a una Internet ad alta velocità, indipendentemente da dove vive. Questo è essenziale per la nostra crescita economica, per mantenere una competitività a livello globale".

Cohen ha sottolineato come si sia creato un vero e proprio digital divide, causato da frammentati programmi governativi e confusi progetti provenienti dal settore privato. Un piano di soccorso verrà varato entro il 2010, con 7 miliardi di dollari pronti dalle tasche dell'American Recovery and Reinvestment Act che cercheranno di portare l'alta velocità nelle zone più rurali e remote del paese. Cercando di far tornare a correre le lepri.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • TecnologiaAustralia 100 Megabit, Giappone 160Il paese dei canguri annuncia una prossima rivoluzione nell'infrastruttura di connettività. In Giappone rispondono implementando velocità ancora superiori
  • BusinessAumenta la velocità di uploadSi parla di telefonini, e di telefonini statunitensi: si può dire che almeno lì qualcuno ha capito che l'upload è indispensabile agli utenti. E ha deciso di renderlo più facile. Il suo nome? AT&T
  • AttualitàNegli States la banda larga si fa larghissimaPromesse di velocità a centinaia di megabit dal meeting della NCTA di Las Vegas. I produttori di hardware annunciano modem ad alto bittaggio, mentre nel futuro prossimo si intravedono servizi in fibra ottica ancora più performanti
20 Commenti alla Notizia Velocità di banda: lepri e tartarughe
Ordina
  • L'Italia, nemmeno menzionata nell'articolo, in che posizione compare?
    Si, lo so, probabilmente saremo appena sopra il Bangladesh e appena dopo la Somalia, però un dato, tanto per alimentare la pressione fin troppo modesta sulla banda larga italiana, non farebbe male..

    Marco
    gazzolo@gmail.com
    non+autenticato
  • L'italia neanche viene menzionata?
    non+autenticato
  • 5.1 Mbps? Ma dove?

    Avete per caso visto le offerte Internet dei provider statunitensi?

    La banda del prodotto di fascia più bassa è ridicola rispetto alla controparte italiana e costa quasi il doppio. Una DSL a 1.5 Mpbs costa sui 40 dollari. Da noi 20 € per una 7 Mbps.

    Per non parlare dei limiti di banda. COX ad esempio pone un limite di 4 GB al mese per il prodotto di fascia più bassa (sempre sui 40 dollari, circa 2 Mbps).
    Sia Comcast che Qwest pongono un limite di 250 GB al mese (ad oggi basta, ma in futuro?), COX col prodotto di fascia più alta a 60 GB (un po' pochini per una 20 mega!).

    Per non parlare dei punti in cui un solo operatore è disponibile e c'è il monopolio.
    L'Italia è messa meglio degli Stati Uniti a livello di banda larga (ovviamente nelle zone coperte dal servizio).
  • Guarda che li hanno effettivi... noi non andiamo proprio alla velocità di 2 Mb ne con quella da 7 ne con quella da 2...
  • fra l'altro aggiungo che si parla di media in upload di 1.1 Mb!! prova a guardare il tuo provider che upload ti da! ti do 10 euro se supera i 0.4... Quì la paghi 20 euro perchè in realtà niente è effettivo su ciò che ti propongono...
    e per di più ti volevo segnalare che 40$ sono (al cambio di oggi 1.4284) 28 euro.. sinceramente... siamo li...
  • - Scritto da: Nicolaus
    > fra l'altro aggiungo che si parla di media in
    > upload di 1.1 Mb!! prova a guardare il tuo
    > provider che upload ti da! ti do 10 euro se
    > supera i 0.4...

    10 €? Me li mandi con Paypal?
    Qui ho 0.43 stabile: http://www.speedtest.net/result/550976600.png.

    > Quì la paghi 20 euro perchè in
    > realtà niente è effettivo su ciò che ti
    > propongono...

    Idem come là

    > e per di più ti volevo segnalare che 40$ sono (al
    > cambio di oggi 1.4284) 28 euro.. sinceramente...
    > siamo li...

    28 € per una 1.5 Mega con latenza oltre i 100 ms? Qui in Italia è un prezzo completamente fuori mercato!
  • - Scritto da: Nicolaus
    > Guarda che li hanno effettivi... noi non andiamo
    > proprio alla velocità di 2 Mb ne con quella da 7
    > ne con quella da 2...

    Non è affatto vero.
    Come al solito la banda effettiva è meno di quella dichiarata.
    La 1.5/0.9 va come una 1.3/0.74 con ping a 112 ms. Questi risultati sono stati presi in città vicino ad una università, non in aperta campagna.
    Da loro la situazione è certamente peggiore che da noi (ovviamente parlo di zone coperte).
  • - Scritto da: Lurkos
    > 5.1 Mbps? Ma dove?
    >
    > Avete per caso visto le offerte Internet dei
    > provider
    > statunitensi?
    >
    > La banda del prodotto di fascia più bassa è
    > ridicola rispetto alla controparte italiana e
    > costa quasi il doppio. Una DSL a 1.5 Mpbs costa
    > sui 40 dollari. Da noi 20 € per una 7
    > Mbps.
    >
    > Per non parlare dei limiti di banda. COX ad
    > esempio pone un limite di 4 GB al mese per il
    > prodotto di fascia più bassa (sempre sui 40
    > dollari, circa 2
    > Mbps).
    > Sia Comcast che Qwest pongono un limite di 250 GB
    > al mese (ad oggi basta, ma in futuro?), COX col
    > prodotto di fascia più alta a 60 GB (un po'
    > pochini per una 20
    > mega!).
    >
    > Per non parlare dei punti in cui un solo
    > operatore è disponibile e c'è il
    > monopolio.
    > L'Italia è messa meglio degli Stati Uniti a
    > livello di banda larga (ovviamente nelle zone
    > coperte dal
    > servizio).

    Ma il contratto prevede questa capacità massima di flusso di dati al secondo come traffico massimo raggiungibile, o come traffico effettivo? Perché cambia tutto!
  • - Scritto da: fiertel91
    > Ma il contratto prevede questa capacità massima
    > di flusso di dati al secondo come traffico
    > massimo raggiungibile, o come traffico effettivo?
    > Perché cambia tutto!

    Massimo traffico come da noi.

    Ma guarda tu stesso. Cerca COX, Qwest o Comcast con Google.
  • ...in Italia, la media si pensa più alta? Penso che se avessero inserito i dati statistici del nostro paese, gli Stati Uniti si sarebbero inorgogliti tanto da ritirare i finanziamenti.
  • ma poi come si fa a comparare l'infrastruttura della korea con quella americana che deve soddisfare n volte il numero dei cittadini koreani ? non ha senso come rapporto.
    non+autenticato
  • No, beh, non sono dati assoluti, ma relativi alla popolazione. O meglio, relativi al numero di linee telefoniche dotate di banda.

    Correggetemi se sbaglio!
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)