Mauro Vecchio

Privacy, l'Acero lacera Facebook

Il social network in blu annuncia modifiche nelle sue policy relative alla protezione dei dati personali. Soddisfatte le autorità canadesi

Roma - "Questi cambiamenti dimostrano che la privacy di 200 milioni di utenti Facebook in Canada e nel resto del mondo sarà protetta decisamente meglio": alla fine il social network in blu ha deciso di seguire il sentiero indicato da Ottawa, come evidenziato dalle soddisfatte dichiarazioni ufficiali di Jennifer Stoddart, commissario canadese per la protezione dei dati personali. Facebook ha quindi annunciato di avere in programma alcuni importanti cambiamenti nelle policy del sito, dando ai suoi utenti un controllo maggiore sulle informazioni personali caricate sulle bacheche.

"Siamo molto soddisfatti - ha continuato Stoddart - che Facebook abbia fornito risposte alle nostre raccomandazioni". A luglio, un'analisi da parte del Canadian Internet Policy and Public Interest Clinic (CIPPIC) aveva indicato falle piuttosto serie nella tutela della riservatezza degli utenti, specificando alcune aree in cui il sito di Mark Zuckerberg avrebbe dovuto conformarsi alle leggi vigenti nel paese nordamericano. Un mese di tempo era stato dato e trenta giorni sono bastati per rassicurare gli animi più preoccupati.

Stoddart si è mostrata, dunque, ottimista sulla reale possibilità che i nuovi piani di Facebook permettano ai suoi utenti di controllare meglio i propri dati personali, soprattutto quelli forniti per via indiretta alle applicazioni di terze parti presenti nel sito in blu. Il primo punto indicato dall'autorità canadese, infatti, denunciava i seri rischi derivanti da giochi e quiz privi di misure di sicurezza adeguate a limitare la raccolta di dati da parte di terzi.
Un problema serio, data la presenza di circa 1 milione di sviluppatori di applicazioni in 180 paesi del mondo. Ora, Facebook ha accettato di intervenire al riguardo, creando nuovi modelli di avviso per specificare all'utente quali categorie di informazioni verranno consegnate all'applicazione scelta. "Ci sarà - si legge nella risposta di Facebook - anche un link che indirizzerà l'utente verso un avviso dello sviluppatore, a spiegare come verranno utilizzati i dati".

Secondo fondamentale punto sollevato dall'indagine di CIPPIC, una sostanziale confusione generata dalla poco chiara differenza tra la disattivazione di un account e la sua eliminazione. Violazione della privacy era, dunque, la conservazione dei dati dell'utente anche dopo la definitiva morte elettronica di un profilo. Facebook ha accettato di spiegare più nettamente la distinzione nelle sue policy, spiegando che, in caso di disattivazione, i dati resteranno nelle sue mani "anche per 10 anni".

"Vogliamo che i nostri utenti sappiano - ha detto Michael Richter di Facebook - che hanno la possibilità di tornare quando vogliono, nel caso cambino idea". Ci penseranno forse i 12 milioni di utenti canadesi, in attesa delle nuove policy in materia di privacy, definite dal vice-presidente della global communications and public policy di Facebook Elliot Schrage "un nuovo standard per questo settore". Il social network ha poi annunciato che i lavori per i cambiamenti inizieranno immediatamente, affinché siano operativi entro 12 mesi.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàFacebook rilancia la privacyNuove funzionalità e nuovi metodi di condivisione per gli utenti: questo è quanto l'azienda ha in serbo per l'ennesima evoluzione del popolare social network
  • SicurezzaFacebook e privacy, binomio imperfettoIl portale di social networking non sa garantire appieno la riservatezza dei suoi utenti. Mentre l'Europa raccomanda ai portaloni di responsabilizzarsi
  • AttualitàNiente privacy, benvenuti su Facebookdi Guido Scorza - Si chiede la rimozione dei profili, ma il social network si limita a renderli meno raggiungibili. Basta qualche astuzia. L'esperimento di una programmatrice, mentre l'Europa chiede ai grandi più rispetto
2 Commenti alla Notizia Privacy, l'Acero lacera Facebook
Ordina