Giorgio Pontico

A Bing piace Mac

Microsoft cerca di far convergere quanti più utenti e sviluppatori possibile verso il suo search. Con nuovi spot televisivi e un SDK per Cocoa

Roma - C'è grande fermento fra i ranghi di Microsoft. L'attenzione degli sviluppatori di Redmond è tutta concentrata su Bing, il motore decisionale lanciato pochi mesi fa e che ha già rosicchiato a Re Google alcuni decimi di punto del mercato statunitense.

La strada del successo delle nuove tecnologie, almeno secondo BigM, passa attraverso lo sfruttamento intensivo di quelle vecchie. Non è un caso dunque che negli Stati Uniti, durante gli intervalli pubblicitari delle trasmissioni televisive, i telespettatori possano imbattersi in uno spot che promuove Cashback, servizio che incentiva l'acquisto di prodotti cercati tramite Bing.

Trovate commerciali del genere non sono una novità per BigM: già durante la gestazione di Bing i canali di comunicazione erano stati invasi da una campagna pubblicitaria costata cento milioni di dollari.

Tuttavia Microsoft non si ferma solo alla televisione e per spingere il suo search ha rilasciato un SDK (Software Development Kit) in modo tale da consentire agli sviluppatori di inserire Bing in applicazioni per Cocoa e Cocoa Touch. E quindi anche su Mac e iPhone.

Giorgio Pontico
Notizie collegate