Claudio Tamburrino

GTA, sesso per 20 milioni di dollari

Si chiude la class action avviata per i minigiochi piccanti nascosti nel game. Accordo raggiunto fra la produttrice e gli azionisti

Roma - I programmatori di Grand Theft Auto: San Andreas hanno scoperto a loro spese la differenza fra sesso nel mondo reale e sesso videogiocato: quest'ultimo costa molto di più. Per le scene a luci rosse nascoste all'interno del gioco hanno alla fine pagato 20 milioni di dollari per chiudere la class action intentata contro di loro.

screenshotAvviata nel 2006 dagli azionisti contro Take-Two, la class action esplosa dall'affaire Hot Coffee si conclude quindi con un accordo e numerosi cambiamenti sia per la produttrice di videogame che per il sistema di valutazione dei contenuti dei giochi.

Il caso ha avuto una grande eco sui mezzi di informazione ed è conosciuto come Hot Coffee (poi divenuto sinonimo di scandali nel mondo dei videogiochi) dall'invito con cui le donne di San Andreas attirano il protagonista dentro casa loro, dove inizia un minigioco sessuale: Rockstar Games aveva nascosto nel codice di GTA il contenuto esplicito che poteva essere sbloccato attraverso una patch ottenibile online.
Una prima causa era stata aperta dai consumatori, fonti raccontano di una 85enne che afferma di aver comprato il gioco per il nipotino: la violenza non l'ha impressionata, ma una volta scoperte le scene di sesso nascoste ha deciso di partecipare alla class action.

Ma la tempesta mediatica si era limitata a scatenare i legali, mentre i possibili danneggiati erano rimasti freddi davanti all'opportunità di rivalersi sulla softwarehouse, facendo ben presto sgonfiare il caso e facendolo archiviare con un nulla di fatto.

La scoperta, poi, aveva fatto ricatalogare GTA come "Solo per adulti" ed era quindi stato tolto dagli scaffali, facendo così crollare le quotazioni dell'azienda produttrice e portando gli azionisti ad aprire una nuova class action.

A trascinare nei guai i programmatori, la difesa avanzata: Take-Two affermava che la pornografia contenuta fosse opera di un gruppo di smanettoni che si era dato da fare per modificare a loro insaputa le scene, alterando il codice. Il fatto che in ogni copia del gioco fossero già contenute le parti di codice nascosto, seppur sbloccabile solo con una patch "scovata online dagli smanettoni", li ha condannati all'evidenza.

Il caso è così proseguito con ulteriori accuse contro la casa produttrice: i manager di Take-Two non avrebbero collaborato sufficientemente, ma soprattutto non sarebbero stati in grado di riportare correttamente e chiaramente la loro contingenza finanziaria. La situazione è sfociata in un rimpasto del management e dal 2007 Ben Feder è il nuovo CEO.

Per chiudere il caso la società ha deciso quindi di arrivare ad un accordo, e alla fine è bastato sborsare 20 milioni di dollari (15,2 dei quali saranno pagati dall'assicurazione).

Le conseguenze maggiori vi sono invece state subito dopo l'esplosione del caso, con la decisione dell'Entertainment Software Rating Board (ESRB), che effettua la valutazione sul contenuto dei giochi, di revisionare tutto il sistema di rating e chiedendo ora che ogni parte del prodotto finale sia mostrata. Anche quelle che, in un modo o nell'altro, non è previsto di rendere visibili agli utenti.

Claudio Tamburrino

fonte immagine
Notizie collegate
  • AttualitàUSA, sanzioni per i videogiochi del sessoIl produttore che dovesse porre in commercio titoli contenenti feature a contenuto erotico o violento non dichiarate incorra in multe colossali. Così l'industria spera di evitare l'intervento del Congresso
  • AttualitàGTA fuorilegge in AustraliaLe autorità bloccano la vendita del controverso videogioco a base di sparatorie, rapine e... sesso. L'ufficio censura tuona: contenuti inadatti, è fuorilegge
  • AttualitàVideogiochi e violenza, equazione politicaI game nuocciono gravemente alla salute: una proposta di legge per imporre un bollino sui game non adatti ai più piccoli. Dando per scontata la correlazione tra violenza giocata e violenza reale
39 Commenti alla Notizia GTA, sesso per 20 milioni di dollari
Ordina
  • vorrei scaricare il gioco
    non+autenticato
  • Personalmente sono una persona discreta per quanto riguarda sesso e affini.. sopratutto ad un bambino, almeno fino a 16/18 anni preferisco.. non proibirle, ma evitare di far vedere a mio figlio scene di sesso, non per non libertà.. ma per evitare che venga depravato dell'esperienza personale della prima volta, poi se lui è in grado di installare una patch e vedere scene di sesso in un gioco dove c'è scritto che non ce ne sono, è una sua scelta. Ma al di là della psicoanalisi, come ipotetico padre, se su un gioco c'è scritto scene di sesso esplicito in un gioco, a mio figlio di 14 anni non lo compro per nessun motivo al mondo (nemmeno se na ha 34 ma quella è un'opinione personale), è ovvia la furbata della TakeTwo, ma probabilmente con un piccolo espediente avrebbe potuto cavarsela.. semplicemente scrivendo che la patch era esrb 18+ ^^ e buona notte.. metteva le texture dentro la patch (perchè di quello tristemente si tratta -.-) che poteva distribuire gratuitamente, attraverso la registrazione al sito dove dichiaravi che avevi più di 18 anni e il gioco era fatto ^^

    Un po' al limite della legalità e buona notteCon la lingua fuori
  • il sesso no ma la violenza si...dovrebe essere invertita la situazione, eco perche siamo cosi tolleranti!
    non+autenticato
  • Non e' che se al posto di una piccola patch che sbloccasse contenuti gia' presenti ci mettevano una patch un po' piu' grande (che contenesse almeno parte dei contenuti grafici) risparmiavano 20 milioni di euro?
    :D
  • Mi spiace che gran parte dei commenti sembrano fatti da ragazzi a cui prudono un po' le mani e per vedere due scene di sesso in un video game si appellano a bigottismo, religioni, sessuofobie ecc. Ma qui si parla di un inganno che ha effettuato lo sviluppatore del software per aggirare leggi che impongono di scrivere chiaramente che il gioco era vietato ai minori di 18 anni. E non l'hanno certo fatto perchè sono emancipati sessualmente, ma per avere un mercato più vasto e quindi più profitti aggirando le leggi ed a scapito della concorrenza.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Mister X
    > Mi spiace che gran parte dei commenti sembrano
    > fatti da ragazzi a cui prudono un po' le mani e
    > per vedere due scene di sesso in un video game si
    > appellano a bigottismo, religioni, sessuofobie
    > ecc.

    Almeno a noi prudono le mani ma funziona ancora il cervello.
    Vedi il mio commento all'altro utente e renditi conto di come hai abboccato alla messa in scena dei "omg! explicit content!!!" solo per fare su dei soldi con una class action.
    non+autenticato
  • Mi spiace, ma sei proprio un ingenuo pure tu, perchè anche un punto di rating cambia radicalmente il tipo di vendite. Se da MA-17 ad Adults Only cambia poco perchè non hanno pubblicato subito le scene? Svegliati, per motivi di mercato, economici. Forse anche chi ha fatto causa aveva motivi economici. Gli sviluppatori hanno dimostrato pure loro di essere attacati molto bene al mercato ed hanno provato a fare i furbi.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 13 discussioni)