Alessandro Del Rosso

I notebook CULV proliferano

La piattaforma a basso consumo di Intel approda anche sugli ultraportatili di Asus e Packard Bell. La prima la propone su sistemi con display da 13 e 15 pollici, la seconda su un netbook da 11 pollici

Roma - Se la piattaforma Intel Atom è praticamente un elemento fisso tra i netbook sotto gli 11 pollici, quella CULV - anch'essa targata Intel - lo sta per diventare nel segmento dei laptop con schermo compreso fra 11 e 15 pollici. A evidenziare questo trend è stata la fiera IFA di Berlino, dove alcuni dei principali produttori di notebook hanno annunciato sistemi ultraportatili o thin and light basati sui processori ultra-low voltage (ULV) di Intel.

Asus U30In diretta competizione con Samsung, e con la sua neonata famiglia di portatili Serie X, anche Asus e Packard Bell hanno svelato laptop basati su CULV. La nuova linea di Asus si chiama UL, contrazione del termine UnLimited, ed è attualmente composta da due modelli: l'U30, con display da 13,3 pollici e peso di 1,5 Kg, e l'U50, con schermo da 15,6 pollici e peso di 2,3 Kg. Indipendentemente dalla dimensione dello schermo, la risoluzione è di 1366x768 pixel.

Entrambi i sistemi sono equipaggiati con il chipset Intel GS45, 4 GB di RAM, hard disk SATA da 5400 RPM, webcam da 0,3 megapixel, batteria a 8 celle da 5600 mAh, porta HDMI, 3 USB, modulo 802.11n, modulo Bluetooth 2.1 e adattatore Gigabit Ethernet. L'U50 include inoltre un drive DVD Super Multi.
Il modello U50 esiste in due versioni: l'AG, che condivide con l'U30 un chipset grafico integrato GMA 4500MHD, e la VG, che include anche una GPU GeForce G 210M con 512 MB di memoria. In quest'ultima versione l'utente può scegliere, grazie ad una funzione chiamata GraphiX Boost, se utilizzare il chip grafico dedicato di Nvidia, più potente ma anche più avido di energia, oppure il chip integrato di Intel.

Asus U30

Il sistema operativo pre-installato sui nuovi portatili CULV di Asus è Windows Vista Home Premium, ma l'utente avrà la possibilità di richiedere l'aggiornamento gratuito a Windows 7.

I nuovi notebook della serie Asus UL sono disponibili al pubblico con prezzi a partire da 699 euro per la serie UL30 e 799 euro per la serie UL50, che includono un anno di garanzia internazionale e un anno di garanzia kasko, in grado di coprire eventuali danni accidentali.

Packard Bell dot m/u
Il primo portatile di Packard Bell basato sulla piattaforma CULV si chiama dot m/u e si può far rientrare, anche grazie al prezzo contenuto, nella categoria dei netbook. Caratterizzato da uno schermo con diagonale di 11,6 pollici e risoluzione di 1366 x 768 pixel, il mini notebook pesa da 1,18 a 1,33 Kg a seconda della batteria montata e misura, nel suo punto più sottile, circa mezzo pollice (poco meno di 1,3 cm). Il suo touch pad supporta le multi-gestures, che permettono di utilizzare due dita per effettuare operazioni di navigazione, scorrimento e zoom.

Grazie al chipset Intel GMA 4500MHD, il sistema è in grado di riprodurre video HD fino alla risoluzione 1080p e supportare le librerie DirectX 10, ma il suo modestissimo numero di stream processor lo rende poco adatto per il gioco.

Restando in tema di multimedia, il dot m/u integra la tecnologia Dolby Headphone, che simula l'audio multicanale con un comune paio di cuffie stereo.

La CPU al cuore del sistema è un Core 2 Solo SU3500 a 1,4 GHz, la memoria RAM ammonta a 2 GB (espandibile a 4 GB) e l'hard disk interno ha una capacità di 320 GB (ma è disponibile anche un modello da 500 GB). Fanno poi parte della dotazione tutti i componenti che ci si aspetta di trovare in un netbook, come modulo WiFi 802.11g, lettore di memory card 5-in-1, porta HDMI, 3 porte USB, microfono e webcam VGA. Manca solo il modulo Bluetooth, che al pari del modem 3G è opzionale.

La batteria integrata può essere a 3 o 6 celle, e in quest'ultimo caso il produttore dichiara un'autonomia massima di 8 ore. Il sistema operativo è invece Windows Vista Home Premium, ma a partire dal 22 ottobre il portatile sarà disponibile con l'equivalente edizione di Windows 7.

Dot m/u è già disponibile sul mercato a un prezzo indicativo di 399 euro IVA inclusa.

Alessandro Del Rosso
Notizie collegate
  • AttualitàIntel, ecco come andrà il 2009 Il secondo trimestre promette benino, ma ci sono aggiustamenti da fare sulla roadmap. E c'Ŕ da distinguere tra quello che Ŕ notebook e quello che Ŕ netbook
  • TecnologiaAMD sfiderà Intel CULV con CongoVerso la fine dell'anno AMD lancerÓ una nuova piattaforma per i notebook ultraportatili. Mira ad insidiare la piattaforma CULV di Intel e quella Ion di Nvidia. Al cuore di Congo ci sarÓ un Athlon Neo dual-core
  • BusinessNotebook, Lenovo svela un ultrasottile CULVLenovo ha presentato il suo primo notebook basato sui giovani processori CULV di Intel, caratterizzati da consumi molto contenuti. Il nuovo portatile ha un display da 13 pollici e un peso di poco superiore a chilogrammo e mezzo
  • TecnologiaAcer, ecco il laptop un po' più smartIl produttore taiwanese si appresta a lanciare una via di mezzo tra un netbook e un vero notebook. Del primo avrÓ lo schermo d 11,6 pollici. Del secondo la CPU Intel CULV
9 Commenti alla Notizia I notebook CULV proliferano
Ordina
  • "Indipendentemente dalla risoluzione dello schermo, la risoluzione è di 1366 x 768 pixel."
    credo che dovreste correggerla in :
    "Indipendentemente dalla dimensione dello schermo, la risoluzione è di 1366 x 768 pixel."
    saluti
    lroby
    5311
  • si, giusto!Sorride

    sistemiamo, grazieOcchiolino
  • Non comprate Dell:
    Ad un mio amico gli si è rotto il portatile DELL pagato 1100 euri dopo circa 15 mesi.
    Il servizio tecnico DELL ha stabilito che il problema è nella scheda madre e che deve pagare più di 250 euro per sistemarlo.
    Non vogliono applicare la garanzia di 2 anni che il "venditore" deve dare al cliente per difetti di conformità.

    La DELL dice che per fargli la riparazione gratutitamente deve dimostrare il cliente con una perizia a suo carico che il PC si è rotto per un difetto di conformità.

    Ora io dico: posso capire se si rompe il disco, la batteria o qualcosa che può usurarsi nel tempo.
    Ma dire che la rottura di una scheda madre dopo 15 mesi è normale significa dire che i propri PC sono di una qualità estremamente bassa!
    Quindi non comprateli!
    non+autenticato
  • - Scritto da: bye
    > Non comprate Dell:
    > Ad un mio amico gli si è rotto il portatile DELL
    > pagato 1100 euri dopo circa 15
    > mesi.
    > Il servizio tecnico DELL ha stabilito che il
    > problema è nella scheda madre e che deve pagare
    > più di 250 euro per
    > sistemarlo.
    Al momento dell'acquisto sei tu a decidere la forma più appropriata di garanzia, prova a simulare un acquisto sul sito e vedrai.
    Se il tuo amico ha applicato la garanzia di 1 anno hanno ragione loro, la scelta è stata fatta dall'acquirente.
    Consiglia al tuo amico di farsi furbo e di pensare prima di fare.

    > Non vogliono applicare la garanzia di 2 anni che
    > il "venditore" deve dare al cliente per difetti
    > di
    > conformità.
    >
    > La DELL dice che per fargli la riparazione
    > gratutitamente deve dimostrare il cliente con una
    > perizia a suo carico che il PC si è rotto per un
    > difetto di
    > conformità.
    >
    > Ora io dico: posso capire se si rompe il disco,
    > la batteria o qualcosa che può usurarsi nel
    > tempo.
    > Ma dire che la rottura di una scheda madre dopo
    > 15 mesi è normale significa dire che i propri PC
    > sono di una qualità estremamente
    > bassa!
    > Quindi non comprateli!
    Sulla qualità non discuto.
    Saluti
  • > Al momento dell'acquisto sei tu a decidere la
    > forma più appropriata di garanzia, prova a
    > simulare un acquisto sul sito e
    > vedrai.
    > Se il tuo amico ha applicato la garanzia di 1
    > anno hanno ragione loro, la scelta è stata fatta
    > dall'acquirente.
    > Consiglia al tuo amico di farsi furbo e di
    > pensare prima di
    > fare.
    >
    > > Non vogliono applicare la garanzia di 2 anni che
    > > il "venditore" deve dare al cliente per difetti
    > > di
    > > conformità.

    NO ATTENZIONE... la legge sul difetto di conformità parla di DUE anni, e spesso sono i venditori a fare orecchie da mercante.
    date un'occhiata al sito www.altroconsumo.it, ci sono dettagli in merito e consigli utili.
    non+autenticato
  • - Scritto da: syntaris
    > NO ATTENZIONE... la legge sul difetto di
    > conformità parla di DUE anni, e spesso sono i
    > venditori a fare orecchie da
    > mercante.
    > date un'occhiata al sito www.altroconsumo.it, ci
    > sono dettagli in merito e consigli
    > utili.
    Ok, tu hai ragione al 100%, ma dubito che Dell abbia fatto uno scivolone del genere. Non stiamo parlando dell'assemblatore sotto casa, ma di un'azienda che fattura milioni di dollari. Il sospetto potrebbe essere in una qualche clausola posta sul contratto di acuisto nel quale si potrebbe recitare una formula del tipo "il cliente accetta i termini di garanzia i termini di garanzia offerti da produttore, bla...bla". Io non conosco il legalese, ma la schiera di avvocati che multinazionali del genere hanno al loro servizio si e sanno anche come infinocchiare le leggi.
    Quindi a questo punto sarebbe meglio che il malcapitato contatti lui l'unione consuamtori.
    Saluti.
  • Altro consumo può scrivere quello che vuole, la garanzia è di 1 anno. Il difetto di conformità va segnalato entro 6 mesi dalla data di acquisto...
    Alcuni produttori, come HP o Toshiba danno ancora 1 anno, perchè possono farlo. La legge non è chiara, e la colpaè solo del legislatore.
    L'utente si attacca, è un casino dimostrare che il difetto era di conformità, e se non erro non esiste ancora nessuna sentenza precisa sull'argomento. Quindi garanzia reale 1 anno, tutto il resto è fuffa.
    non+autenticato
  • - Scritto da: ........... .. ..........
    > Altro consumo può scrivere quello che vuole, la
    > garanzia è di 1 anno. Il difetto di conformità va
    > segnalato entro 6 mesi dalla data di
    > acquisto...
    > Alcuni produttori, come HP o Toshiba danno ancora
    > 1 anno, perchè possono farlo. La legge non è
    > chiara, e la colpaè solo del
    > legislatore.
    > L'utente si attacca, è un casino dimostrare che
    > il difetto era di conformità, e se non erro non
    > esiste ancora nessuna sentenza precisa
    > sull'argomento. Quindi garanzia reale 1 anno,
    > tutto il resto è
    > fuffa.
    Ecco perchè acquisto, rivendo e consiglio soltanto prodotti con garanzia reale di 2 anni come Asus ad esempio
    lroby
    5311
  • Infatti la legge l'hanno modificata e non è ben chiara.
    Fatto sta che la legge precedente dava 2 anni di garanzia dal "venditore" mentre questa lo da in teoria ma in pratica copre solo i primi 6 mesi. Quindi hanno peggiorato le tutele al consumatore.
    Resta il fatto che una scheda madre che si rompe dopo 15 mesi e dire che non è un difetto di conformità è proprio una mancanza di stile.

    PROPOSTA x P.I.
    Perchè non fate un bell'articolo sull'argomento garanzia e gestione delle controversie dei clienti da parte delle ditte che vendono PC?

    Sarebbe molto interessante e non i soliti articoletti...

    Ciao
    non+autenticato